TRADUCENDO MONDI
THOMAS STEARNS ELIOT
Versioni da “Prufrock e altre osservazioni”



      

Traduzione di Gualberto Alvino





Thomas Stearns Eliot (1888-1965)


Per Jean Verdenal, 1889-1915

mort aux Dardanelles

 

«Or puoi la quantitate

Comprender dell’amor che a te mi scalda,

Quando dismento nostra vanitate,

Trattando l’ombre come cosa salda.»

Dante, Purg. xxi, 133-136

 

 

The love song of. J. Alfred Prufrock

 

S’io credesse che mia risposta fosse

A persona che mai tornasse al mondo,

Questa fiamma staria senza più scosse.

Ma perciocché giammai di questo fondo

Non tornò vivo alcun, s’i’ odo il vero,

Senza tema d’infamia ti rispondo.

 

Let us go then, you and I,

When the evening is spread out against the sky

Like a patient etherised upon a table;

Let us go, through certain half-deserted streets,

The muttering retreats

Of restless nights in one-night cheap hotels

And sawdust restaurants with oyster-shells:

Streets that follow like a tedious argument

Of insidious intent

To lead you to an overwhelming question…

Oh, do not ask, «What is it?»

Let us go and make our visit.

 

In the room the women come and go

Talking of Michelangelo.

 

The yellow fog that rubs its back upon the window-panes,

The yellow smoke that rubs its muzzle on the window-panes

Licked its tongue into the corners of the evening,

Lingered upon the pools that stand in drains,

Let fall upon its back the soot that falls from chimneys,

Slipped by the terrace, made a sudden leap,

And seeing that it was a soft October night,

Curled once about the house, and fell asleep.

 

And indeed there will be time

For the yellow smoke that slides along the street,

Rubbing its back upon the window-panes;

There will be time, there will be time

To prepare a face to meet the faces that you meet;

There will be time to murder and create,

And time for all the works and days of hands

That lift and drop a question on your plate;

Time for you and time for me,

And time yet for a hundred indecisions,

And for a hundred visions and revisions,

Before the taking of a toast and tea.

 

In the room the women come and go

Talking of Michelangelo.

 

And indeed there will be time

To wonder, «Do I dare?» and, «Do I dare?»

Time to turn back and descend the stair,

With a bald spot in the middle of my hair —

(They will say: «But how his arms and legs are thin!»)

My morning coat, my collar mounting firmly to the chin,

My necktie rich and modest, but asserted by a simple pin

(They will say: «But how his arms and legs are thin!»)

Do I dare

Disturb the universe?

In a minute there is time

For decisions and revisions which a minute will reverse.

 

For I have known them all already, known them all: —

Have known the evenings, mornings, afternoons,

I have measured out my life with coffee spoons;

I know the voices dying with a dying fall

Beneath the music from a farther room.

     So how should I presume?

 

And I have known the eyes already, known them all —

The eyes that fix you in a formulated phrase,

And when I am formulated, sprawling on a pin,

When I am pinned and wriggling on the wall,

Then how should I begin

To spit out all the butt-ends of my days and ways?

     And how should I presume?

 

And I have known the arms already, known them all —

Arms that are braceleted and white and bare

But in the lamplight, downed with light brown hair!)

Is it perfume from a dress

That makes me so digress?

Arms that lie along a table, or wrap about a shawl.

     And should I then presume?

     And how should I begin?

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Shall I say, I have gone at dusk through narrow streets

And watched the smoke that rises from the pipes

Of lonely men in shirt-sleeves, leaning out of windows?…

 

I should have been a pair of ragged claws

Scuttling across the floors of silent seas.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

And the afternoon, the evening, sleeps so peacefully!

Smoothed by long fingers,

Asleep… tired… or it malingers,

Stretched on the floor, here beside you and me.

Should I, after tea and cakes and ices,

Have the strenght to force the moment to its crisis?

But though I have wept and fasted, wept and prayed,

Though I have seen my head (grown slightly bald) brought in upon a platter,

I am no prophet — and here’s no great matter;

I have seen the moment of my greatness flicker,

And I have seen the eternal Footman hold my coat, and snicker,

And in short, I was afraid.

 

And would it have been worth it, after all,

After the cups, the marmalade, the tea,

Among the porcelain, among some talk of you and me,

Would it have been worth while,

To have bitten off the matter with a smile,

To have squeezed the universe into a ball

To roll it toward some overwhelming question,

To say: «I am Lazarus, come from the dead,

Come back to tell you all, I shall tell you all» —

If one, settling a pillow by her head,

     Should say: «That is not what I meant at all.

     That is not it, at all.»

 

And would it have been worth it, after all,

Would it have been worth while,

After the sunsets and the dooryards and the sprinkled streets,

After the novels, after the teacups, after the skirts that trail along the floor —

And this, and so much more? —

It is impossible to say just what I mean!

But as if a magic lantern threw the nerves in patterns on a screen:

Would it have been worth while

If one, settling a pillow or throwing off a shawl,

And turning toward the window, should say:

     «That is not it at all,

     That is not what I meant, at all.»

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

No! I am not Prince Hamlet, nor was meant to be;

Am an attendant lord, one that will do

To swell a progress, start a scene or two,

Advise the prince; no doubt, an easy tool,

Deferential, glad to be of use,

Politic, cautious, and meticulous;

Full of high sentence, but a bit obtuse;

And times, indeed, almost ridiculous —

Almost, at times, the Fool.

 

I grow old… I grow old…

I shall wear the bottoms of my trousers rolled.

 

Shall I part my hair behind? Do I dare to eat a peach?

I shall wear white flannel trousers, and walk upon the beach.

I have heard the mermaids singing, each to each.

 

I do not think that they will sing to me.

 

I have seen them riding seaward on the waves

Combing the white hair of the waves brown back

When the wind blows the water white and black.

 

We have lingered in the chambers of the sea

By sea-girls wreathed with seaweed red and brown

Till human voices wake us, and we drown.

 

 

Canzone d’amore di J. Alfred Prufrock

 

S’io credesse che mia risposta fosse

A persona che mai tornasse al mondo,

Questa fiamma staria senza più scosse.

Ma perciocché giammai di questo fondo

Non tornò vivo alcun, s’i’ odo il vero,

Senza tema d’infamia ti rispondo.

 

Andiamocene dunque, tu e io,

Quando la sera è stesa contro il cielo

Come un paziente eterizzato sopra un tavolo;

Andiamo, per certe strade mezzo deserte,

Rifugi mormoranti di notti inquiete

In ostelli di passo a buon mercato

E trattorie di segatura e gusci d’ostrica:

Strade che si snodano come un discorso noioso

Con l’intento insidioso

D’indurti a un quesito opprimente…

Oh, non chiedere «Che cosa?»

Facciamo la nostra visita.

Nella stanza le donne vanno e vengono

Parlando di Michelangelo.

La nebbia gialla che si spella il dorso sui vetri delle finestre,

Il fumo giallo che si sfrega il muso sui vetri delle finestre

Lambì con la lingua gli angoli della sera,

Sostò sulle pozze che marciscono ai canali,

Sulla schiena si lasciò cadere

Il nerofumo grondante dai camini,

Scivolò sul terrazzo, fece un salto improvviso,

E vedendo ch’era una morbida sera d’ottobre,

In spire si levò intorno alla casa, e prese sonno.

E certamente ci sarà tempo

Per il fumo giallo che scivola nella strada,

Spellandosi la schiena sui vetri delle finestre;

Avrai tempo, ne avrai, di preparare

Una faccia per incontrare le facce che incontri;

Tempo per uccidere e per creare,

E tempo per tutte le opere e i giorni

Di mani che alzano e fanno cadere

Una domanda sul tuo piatto;

Tempo per te e tempo per me,

E tempo anche per cento esitazioni,

E per cento visioni e revisioni,

Prima di prendere il tè col pane tostato.

Nella stanza le donne vanno e vengono

Parlando di Michelangelo.

E certamente ci sarà tempo

Di chiedersi «Devo osare?» e, «Devo osare?»

Tempo di volgersi e scendere la scala,

Con una macchia calva in mezzo ai miei capelli —

(Diranno: «Come si fanno radi i suoi capelli!»

Col mio vestito da mattina, il colletto

Che arriva saldo fino al mento, la cravatta

Ricca e modesta, ma asserita da un semplice spillo

(Diranno: «Come ha gracili braccia e gambe!»)

Oserò

Scompigliare l’universo?

In un istante solo c’è il tempo

Per decisioni e revisioni che un solo istante

Rovescerà.

Perché già le ho conosciute tutte, tutte le ho conosciute:

Le sere, i mattini, i pomeriggi ho conosciuto,

Ho misurato la mia vita con cucchiaini da caffè;

Conosco le voci morenti in un cadere morente

Sotto la musica giunta da una stanza più lontana.

     Così, come potrei azzardare?

E ho conosciuto gli occhi, tutti li ho conosciuti

Gli occhi che ti fissano in una frase formulata,

E quando sono formulato, appiccicato a uno spillo,

Quando sono inchiodato da uno spillo e mi dimeno sul muro,

Allora come potrei cominciare a vomitare

Tutti gli avanzi dei miei giorni e delle mie abitudini?

     E come potrei azzardare?

E ho già conosciuto le braccia, tutte le ho conosciute —

Braccia armillate e braccia bianche e nude

(Ma, alla luce d’una lampada, svilite

Da una leggera peluria scura!)

È il profumo di un vestito

A farmi tanto divagare?

Braccia allungate sopra un tavolo, o arrotolate in uno scialle.

     E allora potrei azzardare?

     E come potrei cominciare?

............................................................

Dovrei dire: sono andato all’imbrunire per vicoli angusti

E ho guardato il fumo levarsi dalle pipe

Di uomini solitarî in maniche di camicia sporti alle finestre?…

Potevo essere un paio d’artigli ruvidi

Che corrono i fondali di mari silenziosi.

............................................................

E il pomeriggio, la sera, dorme così placida!

Carezzata da lunghe dita,

Addormentata… stanca… o fingendosi malata,

Distesa a terra, qui fra te e me.

Potrei, dopo il tè e i dolci e i gelati,

Aver cuore di forzare l’attimo della sua crisi?

Ma benché abbia pianto e digiunato, pianto e pregato,

Benché abbia visto la mia testa (fattasi un po’ rada) portata su un vassoio,

Io non sono un profeta — e poco importa;

Ho visto tremare l’istante della mia grandezza,

E l’eterno Valletto tenermi il soprabito soffocando il riso,

E insomma, ho avuto paura.

E sarebbe valsa la pena, dopotutto,

Dopo le tazze, la marmellata, il tè,

In mezzo alle porcellane e qualche parola tra noi,

Sarebbe valsa la pena

Affrontare la faccenda con un sorriso,

Pressare l’universo in una palla

Per farlo ruzzolare verso un quesito opprimente,

Dire: «Sono Lazzaro, vengo dai morti,

Torno per dirvi tutto, vi dirò ogni cosa» —

Se una, adagiando un cuscino accanto al capo,

     «Non è affatto questo — dicesse — che intendevo.

     Non è questo, affatto.»

E ne sarebbe valsa la pena, dopotutto,

Ne sarebbe valsa la pena,

Dopo i tramonti e i cortili e le strade bagnate,

Dopo i romanzi, le tazze da tè,

Le gonne strascicate sul pavimento —

E questo, e molto ancora? —

Impossibile dire quel che intendo! Ma come

Se una lanterna magica proiettasse

Lo schema dei nervi su uno schermo:

Ne sarebbe valsa la pena

Se una, sistemando un cuscino e levandosi lo scialle,

E girandosi alla finestre, dicesse:

     «Non è affatto questo,

     Non è questo che intendevo, affatto.»

............................................................

No! Non sono il Principe Amleto, non era destino;

Un cortigiano sono, buono forse

A ingrossare un corteo, dare il via a una scena o due,

Avvertire il principe; un facile strumento, senza dubbio,

Rispettoso, felice d’esser utile,

Prudente, cauto, e meticoloso;

Pieno di nobili sentenze, ma un po’ ottuso;

Alle volte, in verità, quasi ridicolo —

Quasi, talvolta, il Buffone.

Divento vecchio… Invecchio…

Porterò l’orlo dei calzoni arrotolato.

Mi spartirò i capelli dietro il capo? Ardirò mangiare una pèsca?

Indosserò calzoni bianchi di flanella, passeggerò sulla spiaggia.

Ho sentito cantare le sirene, l’una per l’altra.

Per me non credo vorranno cantare.

Le ho viste cavalcare le onde del mare

Pettinare la bianca chioma delle onde risospinte

Quando il vento solleva l’acqua chiara e nera.

Abbiamo indugiato nelle stanze del mare

Con le figlie del mare inghirlandate d’alghe rosse e brune

Finché le voci umane ci svegliano, e anneghiamo.

 

* * *

 

 

Portrait of a lady

 

Tu hai fornicato —

Ma fu in un altro paese,

E per di più la donna è morta.

L’Ebreo di Malta

 

I

Among the smoke and fog of a December afternoon

You have the scene arrange itself — as it will seem to do —

With «I have saved this afternoon for you»;

And four wax candles in the darkened room,

Four rings of light upon the ceiling overhead,

An atmosphere of Juliet’s tomb

Prepared for all the things to be said, or left unsaid.

We have been, let us say, to hear the latest Pole

Transmit the Preludes, through his hair and fingertips.

«So intimate, this Chopin, that I think his soul

Should be resurrected only among friends

Some two or three, who will not touch the bloom

That is rubbed and questioned in the concert room.»

— And so the conversation slips

Among velleities and carefully caught regrets

Through attenuated tones of violins

Mingled with remote cornets

And begins.

 

«You do not know how much they mean to me, my friends,

And how, how rare and strange it is, to find

In a life composed so much, so much of odds and ends,

(For indeed I do not love it… you knew? you are not blind!

How keen you are!)

To find a friend who has these qualities,

Who has, and gives

Those qualities upon which friendship lives.

How much it means that I say this to you —

Without these friendships — life, what cauchemar

 

Among the windings of the violins

And the ariettes

Of cracked cornets

Inside my brain a dull tom-tom begins

Absurdly hammering a prelude of its own,

Capricious monotone

That is at least one definite «false note».

— Let us take the air, in a tobacco trance,

Admire the monuments,

Discuss the late events,

Correct our watches by the public clocks.

Then sit for half an hour and drink our bocks.

 

II

Now that lilacs are in bloom

She has a bowl of lilacs in her room

And twists one in her fingers while she talks.

«Ah, my friend, you do not know, you do not know

What life is, you who hold it in your hands»;

(Slowly twisting the lilac stalks)

«You let it flow from you, you let it flow,

And youth is cruel, and has no remorse

And smiles at situations which it cannot see.»

I smile, of course,

And go on drinking tea.

«Yet with these April sunsets, that somehow recall

My buried life, and Paris in the Spring,

I feel immeasurably at peace, and find the world

To be wonderful and youthful, after all.»

 

The voice returns like the insistent out-of-tune

Of a brocken violin on an August afternoon:

«I am always sure that you understand

My feelings, always sure that you feel,

Sure that across the gulf you reach your hand.

 

You are invulnerable, you have no Achilles’ heel.

You will go on, and when you have prevailed

You can say: at this point many a one has failed.

But what have I, but what have I, my friend,

To give, you, what can you receive from me ?

Only the friendship and the sympathy

Of one about to reach her journey’s end.

 

I shall sit here, serving tea to friends…»

 

I take my hat: how can I make a cowardly amends

For what she has said to me?

You will see me any morning in the park

Reading the comics and the sporting page.

Particularly I remark

An English countess goes upon the stage.

A Greek was murdered at a Polish dance,

Another bank defaulter has confessed.

I keep my countenance,

I remain self-possessed

Except when a street piano, mechanical and tired

Reiterates some worn-out common song

With the smell of hyacinths across the garden

Recalling things that other people have desired.

Are these ideas right or wrong?

 

III

The October night comes down; returning as before

Except for a slight sensation of being ill at ease

I mount the stairs and turn the handle of the door

And feel as if I had mounted on my hands and knees.

«And so you are going abroad; and when do you return?

But that’s a useless question.

You hardly know when you are coming back,

You will find so much to learn.»

My smile falls heavily among the bric-à-brac.

 

«Perhaps you can write to me.»

My self-possession flares up for a second;

This is as I had reckoned.

«I have been wondering frequently of late

(But our beginnings never know our ends!)

Why we have not developed into friends.»

I feel like one who smiles, and turning shall remark

Suddenly, his expression in a glass.

My self-possession gutters; we are really in the dark.

 

«For everybody said so, all our friends,

They all were sure our feelings would relate

So closely! I myself can hardly understand.

We must leave it now to fate.

You will write, at any rate.

Perhaps it is not too late.

I shall sit here, serving tea to friends.»

 

And I must borrow every changing shape

To find expression… dance, dance

Like a dancing bear,

Cry like a parrot, chatter like an ape.

Let us take the air, in a tobacco trance —

 

Well! and what if she should die some afternoon,

Afternoon grey and smoky, evening yellow and rose;

Should die and leave me sitting pen in hand

With the smoke coming down above the housetops;

Doubtful, for a while

Not knowing what to feel or if I understand

Or whether wise or foolish, tardy or too soon…

Would she not have the advantage, after all?

This music is successful with a «dying fall»

Now that we talk of dying —

And should I have the right to smile?

 

 

Ritratto di signora

 

Tu hai fornicato —

Ma fu in un altro paese,

E per di più la donna è morta.

L’Ebreo di Malta

 

I

Tra il fumo e la nebbia d’un pomeriggio di dicembre

Fai che la scena s’aggiusti da sola — e così sembrerà —

Dicendo: «A te ho riservato il pomeriggio»;

E quattro candele nella stanza buia,

Quattro anelli di luce sul soffitto,

Un’atmosfera da tomba di Giulietta

Preparata per tutte le cose da dire, o lasciate non dette.

Siamo stati, diciamolo, a sentire

L’ultimo polacco trasmettere i Preludî

Coi capelli e le punte delle dita.

«Così intimo, questo Chopin, che la sua anima, io credo,

Dovrebbe farsi risuscitare solo tra amici

Due o tre al massimo, che non tocchino il fiore

Sciupato e conteso nella sala da concerto.»

— E così il colloquio incespica

Fra velleità e rincrescimenti trattenuti con zelo

Per tenui toni di violini

Mescolati a trombe lontane

E comincia.

«Tu non sai quanto contino per me gli amici,

E come, come raro e strano sia trovare

In una vita di mille mire e flagelli

(Perché non l’amo davvero… lo sapevi? non sei cieco!

Come sei acuto!)

Trovare un amico con tali qualità,

Che abbia e dispensi

Le virtù su cui vive l’amicizia.

Com’è importante che io ti dica questo —

Senza queste amicizie — la vita, che cauchemar!»

Tra le spire dei violini

E le ariette

Di garrule cornette

Nel mio cervello comincia un tam tam sordo

Che martella assurdamente un suo preludio,

Stravagante, monocorde

Ma almeno è una decisa «falsa nota».

— Prendiamo un po’ d’aria, in un’ebbrezza di tabacco,

Ammiriamo i monumenti,

Discorriamo degli ultimi eventi,

Regoliamo gli orologi coi pubblici orologi.

Poi sediamoci mezz’ora a bere birra.

 

II

Adesso che i lillà sono fioriti

Lei tiene in camera un vaso di lillà

E parlando ne torce uno fra le dita.

«Ah, tu non sai, amico mio, non sai

Cos’è la vita, tu che la tieni tra le mani»;

(Torcendo lentamente i gambi dei lillà)

«La fai scorrere da te, la lasci scorrere,

Crudele è giovinezza, non ha nessun rimorso

E sorride alle situazioni che non può vedere.»

Naturalmente io sorrido,

E continuo a bere tè.

«Eppure con questi tramonti d’aprile,

Che in qualche modo richiamano

La mia vita sepolta, e Parigi in primavera,

Mi sento immensamente in pace, e stimo il mondo

Meraviglioso e giovane, dopotutto.»

La voce ritorna come la stecca insistente

D’un rotto violino in un pomeriggio agostano:

«Sono sempre certa che comprendi

I sentimenti miei, so di certo che li senti,

Che oltre l’abisso tu tendi la mano.

Invulnerabile sei, non hai tallone d’Achille.

Andrai avanti, e quando avrai trionfato

Potrai dire: molti a questo punto hanno fallito.

Ma cosa, amico mio, cos’ho da darti,

Che cosa puoi ricevere da me?

Amicizia soltanto e simpatia

Di chi è per giungere alla fine del viaggio.

Siederò qui, a servire tè agli amici…»

Prendo il cappello: come posso vilmente

Pentirmi per le cose che mi hai detto?

Mi vedrete nel parco ogni mattina

Leggere fumetti e la pagina sportiva.

Noto in particolare

Una contessa inglese che si dà al teatro.

Un greco venne ucciso a un ballo polacco,

Un altro lestofante ha confessato.

Mantengo il mio contegno, mi controllo

Tranne quando un organetto di strada, meccanico stanco,

Ripete una vecchia canzonetta

Col profumo dei giacinti nel giardino

Rievocando quel che altri hanno agognato.

Sono giuste o sbagliate queste idee?

 

III

Scende la notte d’ottobre; torna come prima

Non fosse un lieve senso di disagio

Salgo i gradini, giro la maniglia della porta e mi sento

Come fossi salito sulle mani e sui ginocchi.

«Così vai all’estero; e quando torni?

Ma è una domanda inutile.

Difficilmente saprai quando ritorni,

Troverai tante cose da imparare.»

Piomba nel bric-à-brac il mio sorriso

«Forse potrai scrivermi.»

Il mio dominio di me s’accende un attimo;

Questo è quanto prevedevo.

«Mi sono chiesto spesso ultimamente

(Ma i nostri inizî ignorano sempre le nostre fini!)

Perché non siamo diventati amici.»

Mi sento come chi sorrida e voltandosi scorga all’improvviso

La propria espressione in un cristallo.

Il mio autocontrollo è al lumicino; siamo davvero al buio.

«Perché tutti lo avevano detto, tutti i nostri amici,

Erano tutti certi

Che i nostri sentimenti armonizzassero

Così profondamente! Io stesso non capisco.

Ora dobbiamo lasciare queste cose al destino.

Tu mi scriverai, a tutti i costi.

Forse non è troppo tardi.

Siederò qui, a servire tè agli amici…»

Devo prendere in prestito ogni forma

Per trovare l’espressione… ballare, ballare

Come un orso che balla,

Urlare come un pappagallo,

Cicalare come una scimmia.

Prendiamo un po’ d’aria, in un’ebbrezza di tabacco —

Bene! E che accadrebbe

Se lei morisse un pomeriggio,

Un pomeriggio grigio e fumoso, una sera gialla e rosa;

Morisse lasciandomi seduto penna in mano

Col fumo che scende dai tetti;

Dubbioso, per un momento

Ignorando ciò che sento o se comprendo

Né se sia saggio o pazzo, precoce o tardo…

Non sarebbe lei in vantaggio, dopotutto?

Questa musica tocca l’acme in un «morendo»

Adesso che parliamo di morire —

E avrei il diritto di sorridere?

 

* * *

 

 

Preludes

 

I

The winter evening settles down

With smell of steaks in passageways.

Six o’clock.

The burnt-out ends of smoky days.

And now a gusty shower wraps

The grimy scraps

Of withered leaves about your feet

And newspapers from vacant lots;

The showers beat

On brocken blinds and chimney-pots,

And at the corner of the street

A lonely cab-horse steams and stamps.

And then the lighting of the lamps.

 

II

The morning comes to consciousness

Of faint stale smells of beer

From the sawdust-trampled street

With all its muddy feet that press

To early coffee-stands.

With the other masquerades

That time resumes,

One thinks of all the hands

That are raising dingy shades

In a thousand furnished rooms.

 

III

You tossed a blanker from the bed,

You lay upon your back, and waited;

You dozed, and watched the night revealing

The thousand sordid images

Of which your soul was constituted;

They flickered against the ceiling.

And when all the world came back

And the light crept up between the shutters

And you heard the sparrows in the gutters,

You had such a vision of the street

As the street hardly understands;

Sitting along the bed’s edge, where

You curled the papers from your hair,

Or clasped the yellow soles of feet

In the palms of both soiled hands.

 

IV

His soul stretched tight across the skies

That fade behind a city block,

Or trampled by insistent feet

At four and five and six o’clock;

And short square fingers stuffing pipes,

And evening newspapers, and eyes

Assured of certain certainties,

The conscience of a blackened street

Impatient to assume the world.

 

I am moved by fancies that are curled

Around these images, and cling:

The notion of some infinitely gentle

Infinitely suffering thing.

 

Wipe your hand across your mouth, and laugh;

The worlds revolve like ancient women

Gathering fuel in vacant lots.

 

 

Preludî

 

I

La sera d’inverno si stanzia

Con odore di bistecche dentro i vicoli.

Le sei.

L’orlo bruciato di giorni fumosi.

Ora un rovescio di burrasca inghiotte

I lordi resti

Delle foglie morte ai vostri piedi

E giornali da terreni in vendita;

I piovaschi percuotono

Le persiane rotte, i comignoli,

E all’angolo della via

Un triste cavallo da vettura fuma e scalpita.

Poi s’accendono i lampioni.

 

II

Sale il mattino alla coscienza

Di lievi odori rancidi di birra

Dalla via di segatura calpestata

Con tutti i piedi fangosi che s’affrettano

Ai caffè mattutini,

Con le altre mascherate

Che il tempo addensa,

Si riflette a tutte le mani

Che levano ombre fosche

In migliaia di stanze ammobiliate.

 

III

Hai levato la coperta dal letto,

Ti sei sdraiato sulla schiena, hai atteso;

Ti sei assopito, hai guardato la notte rivelare

Le mille sozze immagini

Di che la tua anima era fatta;

Ondeggiavano contro la volta.

E quando il mondo intero è ritornato

E la luce è filtrata fra le persiane

E hai sentito i passeri in grondaia,

Tale una visione hai avuto della strada

Che la strada difficilmente comprende;

Seduta sul bordo del letto,

Dove hai tolto i bigodini dai capelli,

O stretto le gialle piante dei piedi

Nelle palme d’ambe le mani sporche.

 

IV

Si protese la sua anima nei cieli

Scoloranti dietro un isolato,

O calpestata da piedi insistenti

Alle quattro e alle cinque e alle sei;

E corte dita quadrate imbottiscono pipe,

E giornali della sera, e occhi fatti certi

Da inoppugnabili certezze,

La coscienza d’una strada annerita

Impaziente d’appropriarsi il mondo.

Io sono mosso da fantasie che si torcono

Intorno a queste immagini, e indugiano:

La nozione di qualcosa d’immensamente grazioso

Che patisce immensamente.

Strofinatevi la mano sulla bocca, e ridete;

I mondi ruotano come vecchie donne

Che raccolgono legna in terreni da vendere.

 

* * *

 

 

Rhapsody on a windy night

 

Twelve o’clock.

Along the reaches of the street

Held in a lunar synthesis,

Whispering lunar incantations

Dissolve the floors of memory

And all its clear relations,

Its divisions and precisions,

Every street lamp that I pass

Beats like a fatalistic drum,

And through the spaces of the dark

Midnight shakes the memory

As a madman shakes a dead geranium.

 

Half-past one,

The street-lamp sputtered,

The street-lamp muttered,

The street-lamp said, «Regard that woman

Who hesitates toword you in the light of the door

Which opens on her like a grin.

You see the border of her dress

Is torn and stained with sand,

And you see the corner of her eye

Twists like a crooked pin.»

 

The memory throws up high and dry

A crowd of twisted things;

A twisted branch upon the beach

Eaten smooth, and polished

As if the world gave up

The secret of its skeleton,

Stiff and white.

A broken spring in a factory yard,

Rust that clings to the form that the strenght has left

Hard and curled and ready to snap.

 

Half-past two,

The street-lamp said,

«Remark the cat which flattens itself in the gutter,

Slips out its tongue

And devours a morsel of rancid butter.»

So the hand of the child, automatic,

Slipped out and pocketed a toy that was running along the quay.

I could see nothing behind that child’s eye.

I have seen eyes in the street

Trying to peer through lighted shutters,

And a crab with barnacles on his back,

Gripped the end of a stick which I held him.

 

Half-past three,

The lamp sputtered,

The lamp muttered in the dark.

The lamp hummed:

«Regard the moon,

La lune ne garde aucune rancune,

She winks a feeble eye,

She smiles into corners.

She smooths the hair of the grass.

The moon has lost her memory.

A washed-out smallpox cracks her face,

Her hand twists a paper rose,

That smells of dust and eau de Cologne,

She is alone

With all the old nocturnal smells

That cross and cross across her brain.»

The reminiscence comes

Of sunless dry geraniums

And dust in crevices,

Smells of chestnuts in the streets,

And female smells in shuttered rooms,

And cigarettes in corridors

And cocktail smells in bars.

 

The lamp said,

«Four o’clock,

Here is the number of the door.

Memory!

Yoy have the key,

The little lamp spreads a ring on the stair.

Mount.

The bed is open; the tooth-brush hangs on the wall,

Put your shoes at the door, sleep, preparare for life.»

 

The last twist of the knife.

 

 

Rapsodia su una notte ventosa

 

Mezzanotte.

Lungo i rettilinei della strada

Compressa in una sintesi lunare,

Incantesimi lunari bisbiglianti

Sbaragliano i piani della memoria

E tutte le sue chiare relazioni,

Le sue divisioni e precisioni,

Ogni lampione che sorpasso batte

Come un tamburo rassegnato,

E negli spazî del buio

Mezzanotte scuote la memoria

Come un pazzo un geranio seccato.

L’una e mezzo,

Il lampione crepitava,

Il lampione brontolava,

Il lampione diceva, «Guarda quella donna

Che esita verso te nella luce della porta

Che s’apre su di lei come un sogghigno.

Tu vedi che l’orlo del suo vestito

È lacero e sporco di sabbia,

E vedi che l’angolo del suo occhio

S’attorce come un piegato spillo.»

Vomita e secca la memoria

Una turba di cose contorte;

Un ramo curvo sulla spiaggia

Tutto liscio, e lucido

Quasi il mondo avesse consegnato

Il segreto del suo scheletro,

Duro e chiaro.

Una molla rotta nel cortile di una fabbrica,

Ruggine s’aggrappa alla forma che la forza ha lasciato

Dura, arricciata, pronta a fracassarsi.

Le due e mezzo,

Il lampione disse, «Guarda il gatto

Che si stira nello sgrondo, estrae la lingua

E ingoia un morso di burro rancido.»

Allora la mano del bimbo, automatica,

Scivolò fuori e intascò un giocattolo

Che correva lungo la banchina.

Non riuscii a veder nulla dietro l’occhio del bambino.

Ho visto occhi nella strada

Che volevano spiare

Attraverso le imposte illuminate,

E un granchio un pomeriggio in una pozza,

Un granchio anziano vermi sulla schiena,

Afferrava la punta del bastone che tendevo.

Le tre e mezzo,

Il lampione crepitava,

Il lampione nel buio borbottava.

Il lampione mormorava: «Guarda la luna,

La lune ne garde aucune rancune,

Strizza un occhio flebile,

Sorride negli angoli.

Accarezza la chioma dell’erba.

La luna ha perso la memoria.

Un vaiolo slavato le spacca la faccia,

La sua mano tormenta una rosa di carta,

Odorosa di polvere e d’eau de Cologne,

Lei sta sola,

Con tutti i vecchi odori della notte

Che percorrono percorrono il suo cervello.»

Viene la reminiscenza

Di secchi geranî senza sole

E polvere nelle fessure,

Profumi di castagne nelle strade,

E sentori di femmina in camere sbarrate,

Sigarette nei corridoi

E odori di di cocktail nei bar.

Il lampione disse,

«Le quattro in punto,

Ecco il numero della porta.

Memoria!

Tu hai la chiave,

La lampadina butta

Un anello di luce sulla scala.

Sali.

Il letto è pronto; lo spazzolino

Da denti è appeso alla parete,

Posa le scarpe vicino alla porta, dormi, prepàrati

Alla vita.»

L’ultimo giro di coltello.

 

* * *

 

 

Morning at the window

 

They are rattling breakfast plates in basement kitchens,

And along the trampled edges of the street

I am aware of the damp souls of housemaids

Sprouting despondently at area gates.

 

The brown waves of fog toss up to me

Twisted faces from the bottom of the street,

And tear from a passer-by with muddy skirts

An aimless smile that hovers in the air

And vanishes along the level of the roofs.

 

 

Mattino alla finestra

 

Sbattono piatti da colazione nelle cucine del seminterrato,

E lungo gli affollati marciapiedi

Vedo le tristi anime di serve

Che germogliano depresse ai cancelli.

Ondate scure di nebbia mi levano contro

Facce contorte dal fondo della strada, strappano

Alla passante con la gonna infangata

Un inutile sorriso che si libra

E sul filo dei tetti svanisce.

 

* * *

 

 

The «Boston Evening Transcript»

 

The readers of the Boston Evening Transcript

Sway in the wind like a field of ripe corn.

 

When evening quickens faintly in the street,

Wakening the appetites of life in some

And to others bringing the Boston Evening Transcript,

I mount the steps and ring the bell, turning

Wearily, as one would turn to nod good-bye to Rochefoucauld,

If the street were time and he at the end of the street,

And I say, «Cousin Harriet, here is the Boston Evening Transcript

 

 

Il «Boston Evening Transcript»

 

I lettori del Boston Evening Transcript

Oscillano nel vento come un campo di grano maturo.

Quando la sera languida s’affretta nella strada,

In taluni svegliando appetiti vitali

Portando ad altri il Boston Evening Transcript,

Salgo i gradini e suono il campanello,

Mi giro stancamente come uno

Che si volga a salutare Rochefoucauld,

Se la strada fosse il tempo e lui alla fine della strada,

E dico, «Cugina Harriet, ecco il Boston Evening Transcript

 

* * *

 

 

Aunt Helen

 

Miss Helen Slingsby was my maiden aunt,

And lived in a small house near a fashionable square

Cared for by servants to the number of four.

Now when she died there was silence in heaven

And silence at the end of the street.

The shutters were drawn and the undertaker wiped his feet —

He was aware that this sort of thing had occurred before.

The dogs were handsomely provided for,

But shortly afterwards the parrot died too.

The Dresden clock continued ticking on the mantelpiece,

And the footman sat upon the dining-table

Holding the second housemaid on his knees —

Who had always been so careful while her mistress lived.

 

 

Zia Helen

 

La signora Helen Slingsby era la mia vecchia zia,

E abitava una casetta nei pressi di una piazza elegante,

Accudita da domestici in numero di quattro.

Ora quando morì c’era silenzio in cielo

E silenzio nel fondo della strada.

Furono chiuse la imposte

E l’impresario funebre s’asciugò i piedi —

Sapeva che certe cose erano già accadute.

Ai cani fu largamente provveduto,

Ma dopo poco morì pure il pappagallo.

L’orologio di Dresda continuò a ticchettare sul caminetto,

E il cameriere sedé sul tavolo da pranzo

Tenendo in grembo la seconda domestica —

Che era sempre stata impeccabile quando la padrona era in vita.

 

* * *

 

 

Cousin Nancy

 

Miss Nancy Ellicott

Strode across the hills and broke them,

Rode across the hills and broke them —

The barren New England hills —

Riding to hounds

Over the cow-pasture.

 

Miss Nancy Ellicott smoked

And danced all the modern dances;

And her aunts were not quite sure how they felt about it,

But they knew that it was modern.

 

Upon the glazen shelves kept watch

Matthew and Waldo, guardians of the faith,

The army of unalterable law.

 

 

La cugina Nancy

 

La signora Nancy Ellicott camminava

A grandi passi sulle alture e le superava,

Cavalcava su per le colline e le superava —

Le aride colline del New England —

Cacciando la volpe

Nei pascoli.

La signora Nancy Ellicott fumava

E ballava tutti i balli moderni;

E le sue zie non sapevano cosa pensarne,

Ma sapevano che la cosa era moderna.

Sulle mensole smaltate facevano la guardia

Metthew e Waldo, custodi della fede,

L’esercito della legge inalterabile.

 

* * *

 

 

Mr. Apollinax

 

W th`" kainovthto". ïHravklei", th`" paradoxologiva".

eujmhvcano" a[nqrwpo".

Luciano

 

When Mr. Apollinax visited the United States

His laughter tinkled among the teacups.

I thought of Fragilion, that shy figure among the birch-trees,

And of Priapus in the shrubbery

Gaping at the lady in the swing.

In the palace of Mrs. Phlaccus, at Professor Channing-Cheetah’s

He laughed like an irresponsible fœtus.

His laughter was submarine and profound

Like the old man of the sea’s

Hidden under coral islands

Where worried bodies of drowned men drift down in the green silence,

Dropping from fingers of surf.

I looked for the head of Mr. Apollinax rolling under a chair

 

Or grinning over a screen

With seaweed in its hair.

I heard the beat of centaur’s hoofs over the hard turf

As his dry and passionate talk devoured the afternoon.

«He is a charming man » — «But after all what did he mean?» —

«His pointed ears… He must be unbalanced,» —

«There was something he said that I might have challenged.»

Of dowager Mrs. Phlaccus, and Professor and Mrs. Cheetah

I remember a slice of lemmon, and a bitten macaroon.

 

 

Il signor Apollinax

 

W th`" kainovthto". ïHravklei", th`" paradoxologiva".

eujmhvcano" a[nqrwpo".

Luciano

 

Quando Mr. Apollinax visitò gli Stati Uniti

Il suo riso tintinnava fra le tazze da tè.

Pensai a Fragilion, quella timida figura fra betulle,

E a Priapo nella boscaglia

Che fissa a bocca aperta la dama in altalena.

Nel palazzo di Mrs. Phlaccus, dal Professor Channing-Cheetah

Lui rideva come un feto irresponsabile.

Un ridere profondo e subacqueo

Come quello del vecchio dei mari

Nascosto sotto isole di corallo

Dove corpi inquieti d’affogati

Galleggiano nel silenzio verde,

Gocciolando da dita di spuma.

Mi misi a cercare la testa

Di Mr. Apollinax che rotolava sotto una sedia

O ghignava su uno schermo

Con alghe tra i capelli. Sulle dure piote

Sentivo battere zoccoli di centauro

Mentre il suo parlare secco appassionato

Divorava il pomeriggio.

«È un uomo di gran fascino» — «Ma che intendeva infine?» —

«Le sue orecchie appuntite… Dev’essere fuori di testa» —

«Avrei potuto discutere una cosa che ha detto.»

Della vedova Mrs. Phlaccus, del Professore e di Mrs. Cheetah

Ricordo una fetta di limone, e un amaretto morsicato.

 

* * *

 

 

Conversation galante

 

I observe: «Our sentimental friend the moon!

Or possibly (fantastic, I confess)

It may be Prester John’s balloon

Or an old battered lantern hung aloft

To light poor travellers to their distress.»

She then: «How you digress!»

 

And I then: «Someone frames upon the keys

That exquisite nocturne, with which we explane

The night and moonshine; music which we seize

To body forth our own vacuity.»

She then: «Does this refer to me?»

«Oh no, it is I who am inane.»

 

«You, madam, are the eternal humorist,

The eternal enemy of the absolute,

Giving our vagrant moods the slightest twist!

With your air indifferent and imperious

At a stroke our mad poetics to confute —»

And — «Are we then so serious»

 

 

Conversation galante

 

Osservo: «La nostra sentimentale amica luna!

O forse (fantastico, lo confesso)

Potrebb’essere il pallone di Prete Gianni

O una vecchia lanterna ammaccata appesa in alto

A illuminare i poveri pellegrini nel dolore.»

     E lei: «Come divaga!»

E io allora: «Qualcuno sui tasti dà forma

A quel notturno squisito con cui spieghiamo

La notte e il chiaro di luna;

La musica di cui c’impossessiamo

Per dare un corpo al nostro vuoto.»

     E lei: «Allude forse a me?»

     «Oh no, io, io sono vuoto.»

«Lei, signora, è l’eterna umorista,

Dell’assoluto l’eterna nemica,

Che dona ai nostri vagabondi stati d’animo

Le più leggere inclinazioni!

Con la sua aria imperiosa e indolente

Per confutare d’un colpo le nostre folli poetiche —»

E — «Siamo poi così serî?»

 

* * *

 

 

La figlia che piange

 

O quam te memorem virgo…

 

Stand on the highest pavement of the stair —

Lean on a garden urn —

Weave, weave the sunlinght in your hair —

Clasp your flowers to you with a pained surprise —

Fling them to the ground and turn

With a fugitive resentiment in your eyes:

But weave, weave the sunlinght in your hair.

 

So I would have had him leave,

So I would have had her stand and grieve,

So he would have left

As the soul leaves the body torn and bruised,

As the mind deserts the body it has used.

I should find

Some way incomparably light and deft,

Some way we both should understand,

Simple and faithless as a smile and shake of the hand.

 

She turned away, but with the autumn weather

Compelled my imagination many days,

Many days and many hours:

Her hair over her arms and her arms full of flowers.

And I wonder how they should have been together!

I should have lost a gesture and a pose.

Sometimes these cogitations still amaze

The troubled midnight and the noon’s repose.

 

 

La figlia che piange

 

O quam te memorem virgo…

 

Sta sul piano più alto della scala —

Piègati sopra un’urna del giardino —

Intreccia il sole, intreccialo ai capelli —

Abbraccia i tuoi fiori con sorpresa dolente —

Buttali a terra e gìrati

Un rancore fuggitivo dentro gli occhi:

Ma intreccia, intreccia il sole ai capelli.

Avrei voluto così che lui partisse,

Avrei voluto così che lei restasse, in pena,

Così lui se ne sarebbe andato come l’anima

Abbandona il corpo lacero e contuso,

Come lo spirito diserta il corpo usato.

Troverei una maniera

Incomparabilmente lieve e snella,

Che noi due potremmo capire,

Perfida e semplice,

Quasi un sorriso e una stretta di mano.

Lei si voltò, ma col tempo d’autunno

Per molti giorni sottomise la mia vena,

Molti giorni e molte ore:

I capelli sulle sue braccia e le sue braccia cariche di fiori.

E mi chiedo come sarebbero stati insieme!

Avrei perso un gesto, una posa.

A volte questi pensieri ancora sgomentano

L’inquieta mezzanotte, la calma del meriggio.




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Traducendo Mondi

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006