TEATRICA
JUDITH MALINA (1926-2015)

L’attrice come rivoluzionaria permanente


      
Un ricordo della cofondatrice con Julian Beck (nel 1947) e direttrice (fino al 2013) del Living Theatre, forse la più celebre compagnia dell’avanguardia scenica occidentale del secondo Novecento. Lei stessa, nata in Germania e trasferitasi negli Stati Uniti, era un mito vivente ed è stata fino all’ultimo la garante di quella visione utopica del Living intesa a fondere integralmente arte e vita e ad affermare valori anti-sistema di impronta anarchico-libertaria e pacifista non-violenta. In Italia si rammentano le sue importanti partecipazioni attorali a “Maudie e Jane” (1994) di Luciano Nattino e a “The Plot is the Revolution” (2011) del gruppo Motus.
      




      

di Marco Palladini





Judith Malina e Julian Beck (1971)


Era oltre vent’anni fa che vidi, scritto e diretto da Luciano Nattino del Teatro Alfieri, lo spettacolo Maudie e Jane (1994). Una storia sofferta di solitudine e di contraddittoria amicizia intergenerazionale tra due donne, in cui accanto a Lorenza Zambon c’era lei: Judith Malina, già un mito vivente. Cofondatrice nel 1947 a New York, col suo compagno Julian Beck, del Living Theatre, forse la più importante compagnia d’avanguardia della scena occidentale del secondo Novecento. In quell’allestimento a un certo punto la Malina, gia 69enne, si spogliava completamente nuda, e si può dire che indossava la sua nudità senile, obiettivamente cadente, con splendida naturalezza, oserei dire che la inalberava con orgoglio come l’emblema della sua libertà di testa e di corpo. La stessa libertà che esibivano gli attori del Living Theatre nel 1968 in Paradise Now quando, nel finale di quel celebre lavoro, si spogliavano tutti nudi e invitavano gli spettatori ad abbattere la ‘quarta parete’ e a condividere quella sorta di ‘cerchio magico’ dell’azione scenica in cui sognare la liberazione, vivere l’utopia, reclamare appunto che il “paradiso è adesso!”. 

Ecco direi che l’intera vita di Judith Malina   morta lo scorso 10 aprile a Englewood, nel New Jersey, presso una casa di riposo per artisti ‒ è trascorsa e si è spesa nella pertinace e meravigliosa scommessa di un teatro che fondesse integralmente arte e vita, che coniugasse la ricerca estetica basata su una potente espressività del corpo con una visione politica anti-sistema, innervata da valori di anarchia, di pacifismo senza se e senza ma, di radicale non-violenza.

Dagli anni ’50 fino, almeno, agli anni ’80 del Novecento la parabola artistica del Living Theatre trascorre nel solco di una idea di una rivoluzione permanente nel teatro che rimane inimitabile, ma insieme fa proseliti ovunque nel mondo. E in particolare, in Italia, ha fatto proseliti anche abbattendo le barriere generazionali. Penso a Bernardo Bertolucci che nel 1969 chiama gli attori del Living a interpretare Agonia, un episodio del film collettivo Amore e rabbia, pregno di umori contestatari-sessantotteschi, che si dispone come una lunga sequenza onirico-gestuale, pantomimica-simbolica attorno alle visioni di un vecchio vescovo morente.

E penso, oltre quarant’anni dopo, allo spettacolo dei Motus The Plot is the Revolution (2011) in cui i registi      Enrico Casagrande e Daniela Nicolò fanno incontrare la loro elettrica attrice-performer Silvia Calderoni con Judith Malina, cercando ‒ in una sorta di dialogo con la storia, e nel nome della figura della ribelle Antigone ‒ di riattivare una concezione antagonistica del fare teatro.





Silvia Calderoni e Judith Malina in The Plot is the Revolution (2011) del gruppo Motus


Ecco io non so se la Malina sia stata una grande attrice, di sicuro non è mai stata un’attrice convenzionale, ma so per certo che è stata un corpo-mente attorale unico, una figura appassionata e luminosa e di indefettibile coerenza che per settant’anni ha portato in giro e ha testimoniato con la sua vita-arte una ‘differenza’ ontologica, un modo di fare teatro che significava volontà di criticare e di cambiare il mondo, di modificare i rapporti tra gli uomini, di trasformare l’energia scenica in un pervicace messaggio palingenetico, di rivoluzionamento della realtà.

Nata il 4 giugno 1926 a Kiel in Germania, figlia di un attrice e di un rabbino, con la sua famiglia ebraica venne presto in America. Fece il suo apprendistato con Erwin Piscator, maestro del teatro espressionista, poi ci fu l’incontro a vent’anni con la sua anima gemella, Julian Beck, carismatico poeta-pittore e attore-regista, morto nel 1985. Tre decenni insieme intensissimi, pieni di furore creativo (vedi The Connection di Jack Gelber, 1959) e complicati, attraversati da conflitti, scontri con l’autorità, denunce, repressioni, fino all’arresto collettivo nel 1963 dopo la messinscena di The Brig di Kenneth H. Brown, un feroce attacco ai metodi oppressivi, al limite della tortura, delle prigioni dei marines.

Usciti dal carcere Beck e Malina decidono di lasciare nel 1964 l’America e si avvia il loro esilio artistico in Europa, segnato da molti memorabili spettacoli tra cui Mysteries and Smaller Pieces (’64), Frankenstein (’65), Antigone (’67) e il già citato Paradise Now. La forma teatrale del Living si elaborava probabilmente secondo quel “teatro dell’urlo e del gesto” che non piaceva a Pasolini, ma che invece rappresentava una dimensione possentemente comunitaria-comunistica dell’azione scenica, combinata con una dinamica figurativa-recitativa dei corpi sempre metamorfica, rituale, organizzata secondo una architettura o una coreografia, ricercando costantemente un body-language originale e innovativo. Di questo marchio di fabbrica del Living, fu sempre garante con sottile lucidità e assoluta bravura la Malina, anche dopo la morte di Beck, il quale fu sostituito come giovane marito-regista da Hanon Reznikov (morto poi, pure lui, nel 2008, a soli 61 anni). Certo dagli anni ’90 in poi il Living sembrava un po’ la replica di se stesso, la sua carica teatrale si era fatalmente depotenziata, gli spettacoli non suscitavano più né scandalo né clamore, li si andava a vedere un po’ come una doverosa visita al museo dell’avanguardia teatrale del XX secolo.

Però, Judith non mi è mai sembrata una patetica attrice invecchiata, era rimasta una intrepida pasionaria e testimonial di un grande teatro di sovversione e di utopismo politico-artistico. Pur se qualcuno, post-mortem, ha ironizzato che le più giovani generazioni americane la ricordavano soltanto come interprete della serie televisiva dei Soprano. Ma no, lei non era la zietta Dottie della famiglia mafiosa televisiva, lei era ancora l’anarchica libertaria Malina che ha tenuto aperta l’ultima sede del Living nel Lower East Side di New York, fino al febbraio del 2013, e che ancora meditava di fare spettacoli con i pensionati ospiti della Lillian Booth Home. Pugnace ed eversiva sino alla fine, si può dire che, non soltanto idealmente, sia morta in scena. Perché psicologicamente non ne era mai uscita. La sua vita è stata un teatro vivente da palpitare fino all’ultimo respiro. Adesso avrà raggiunto i suoi grandi amori Julian e Hanon e avrà ricominciato a recitare con loro. L’avanguardia teatrale è morta? Viva l’avanguardia. 

   

 

 

Aprile 2015





Un ritratto di Judith Malina ottantenne





Scarica in formato pdf  


      
Sommario Teatrica

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006