TEATRICA
ROMAEUROPA FESTIVAL

Il tempo circolare di William Kentridge


      
Torniamo sull’opera dell’artista sudafricano con un doppio sguardo critico sia sullo spettacolo “Refuse the Hour”, sia sulla installazione “The Refusal of Time”. È evidente che in lui non sussiste una contrapposizione, ma piuttosto un movimento fluido del fare artistico, che genera un gioco di intrecci che continuamente rimescola la performance nell’atto installativo, il teatro nello studio, lo studio nel museo e viceversa. Parola, immagine, gesto, danza sono altrettanti elementi che concorrono a rifiutare la percezione comune della temporalità.
      




      

di Alice Gussoni e Milo Adami

 

Il tempo, un concetto trasversale che può rendere il mondo incredibilmente piccolo e immensamente grande. Per William Kentridge, che ha presentato il suo Refuse the Hour al Romaeuropa Festival 2012 in prima nazionale, il tempo sembra essere un mezzo per attraversare lo spazio, il quale si definisce in base a esso, nel senso che circoscrive attraverso il suo scandirsi i proprio confini. E cosa c’è di più relativo del concetto di tempo? In base a cosa noi sappiamo che un minuto è passato o che un anno è appena iniziato? Così lo spazio, esplorato attraverso il tempo, esplode letteralmente attraverso l’immaginifico mondo creato da Kentridge, fatto di creature, macchinerie, disegni e progetti che evadono il luogo usuale di appartenenza, entrando a far parte di una drammaturgia cangiante, che dal palcoscenico del Teatro Argentina invade gli spazi museali del MAXXI all’interno della mostra Vertical Thinking. Un’opera quindi che si svolge attraverso due momenti interconnessi in grado di sussistere come parti autonome di significato. Lo spettacolo vero e proprio e l’esposizione dei suoi apparati scenici, che però inventa al suo interno nuove drammaturgie e narrazioni inedite, attraverso l’esplorazione orizzontale di quello spazio/tempo fantastico creato dal drammaturgo sudafricano.

Personaggi che vivono fuori e dentro la scena, sullo schermo e nei bozzetti e riprendono i motivi portanti di una drammaturgia che esplora i confini del tempo, attraverso una ripetizione mai uguale a se stessa. Così Dada Masilo, la ballerina originaria di Johannesburg, città natale dello stesso Kentridge, che da figurina fatta solo di ombra e luce esplode sul palcoscenico in una carnalità festosa e terribilmente umana. La sua è una gestualità che riesce a mescolare in modo fluido l’eleganza algida della danza classica alla sensualità espressionistica delle danze tribali africane. L’ambientazione anni ’30 e i riferimenti a Oskar Schlemmer e alla Bauhaus creano questa futuristica Repubblica di Weimar, come avrebbe potuto o voluto essere prima della fine: se da una parte dunque si percepisce bene l’aspetto onirico di questa fabula, dall’altra è il sottofondo di minaccia percepito che conquista nella sua messa in scena, creando una sensazione indefinibile, simile a quella che si prova quando fuori piove e il calore delle coperte sembra essere l’unica difesa contro una minaccia invisibile.

Esiste, inoltre, una costante tensione rivelata dal contrasto musicale fra la calda voce di Bahm Ntabeni, l’immensa “mama” nera, figura topica nell’infanzia d’oltreoceano, e Joanna Dudley, altro topos infantile riconducibile alla spigolosa “tata inglese”, che dimostra grandissime doti canore al pari della sua antagonista. Il complesso di fiati e percussioni completa questo melting caricandolo di una veste surrealista, in cui si intromettono le parole recitate da Kentridge stesso, senza integrarsi mai completamente. L’opera teatrale infatti non riesce a raggiunge lo stesso equilibrio tra estetica e narrazione che invece si trova nella proiezione multipla sulle cinque pareti del MAXXI, in cui la parte onirica prende il sopravvento sulla logica del testo teatrale. Cosa accade dunque durante lo spettacolo? Perché i monologhi recitati dal regista e drammaturgo non scorrono via veloci come le immagini che li accompagnano, ma sembrano invece appesantirsi in lunghe riflessioni poco adatte al ritmo teatrale che le dovrebbe sostenere?

La sua ricerca, che si avvale anche della prestigiosa collaborazione con lo storico della scienza Peter Galison, prova ad affrontare in modo ironico lo sviluppo del senso del Tempo, attraverso citazioni accademiche, ricordi d’infanzia e mito greco. Ma lo svolgersi lineare è invece più volte interrotto da questo fiume di parole, che si allarga nei pertugi di un’architettura scenica complessa, la quale da sola meriterebbe un’ora di silente contemplazione. Risulta invece più efficace allo scopo il modellino che si ritrova al MAXXI, forse perché, proprio in virtù delle sue caratteristiche fittizie, realizzate con la sovrapposizione di quinte di cartone, rivela quel senso ludico che sembra essere alla base dell’intero progetto. Il gioco che nello spettacolo Refuse the Hour emerge, purtroppo solo sporadicamente, raggiunge la stessa forza solo nelle sequenze digitali, realizzate attraverso una raffinata desaturazione che fa acquisire alle ombre cinesi caratteristiche tridimensionali particolarmente accattivanti.





William Kentridge e Dada Masilo in Refuse the Hour (ph. John Hodgkiss)


Il “rifiuto” dunque, quello che fin dal titolo pone una negazione allo scorrere del tempo, o almeno al suo abbandonarvisi languidamente, diventa una frammentazione che ha dei chiari richiami dadaisti. L’interruzione e la sovrapposizione di elementi distonici, come le voci delle due cantanti che attraverso megafoni sovrappongono le stesse parole, pronunciate in modo normale e invertite, o il continuum dallo schermo alla scena della sarabanda dei musici e ballerini, sono tutti elementi che cercano una negoziazione con il panta rei eraclitiano, nel tentativo di far emergere l’impossibilità di cogliere questo flusso nel suo insieme se non attraverso un confuso affollamento di singoli frammenti. Peccato quindi che a teatro siano proprio le parole a impedire questa intuizione, che la sua rappresentazione simbolica riesce invece a cogliere in modo davvero toccante.

 

 

******

 

 

di Milo Adami

 

 

The Refusal of Time  è l’installazione commissionata da DOCUMENTA (13), prodotta dalla Marian Goodman Gallery, Lia Rumma Gallery e dalla Goodman Gallery, che fino al tre di marzo è visibile a Roma al MAXXI in occasione della mostra Vertical Thinking, dedicata alle ultime opere di William Kentridge.

L’impressione che si ha entrando è quella di una stanza secondaria. Le pareti, di colore grigiastro, sono composte da una serie di pannelli ben visibili di cartongesso non trattato. La stanza è in penombra e tutti gli elementi che compongono l’installazione, o la scena, sono tutti ben riconoscibili. Casse audio, videoproiettori, impalcature di alluminio (generalmente usate in teatro), proiettori luci, tutto è a vista come fosse un piccolo spazio di ricerca.

Al centro della sala si intravedono una quindicina di sedie disposte come a formare un cerchio, consentono una visione completa della varie proiezioni (sei in tutto, due per parete), e allo stesso tempo permettono al pubblico di guardarsi, di riconoscersi parte dell’installazione.

All’ingresso della sala predomina una gigantesca macchina scenica, come un polmone artificiale, un cuore pulsante o un ciclomotore, segna e scandisce il tempo della mostra. A tratti ricorda il meccanismo analogico del proiettore diapositive, a volte il movimento ipnotico delle pompe petrolifere. Tre sculture antropomorfe poi, megafoni di lamiera sollevati su antichi treppiedi cinematografici, cimeli di un cinema degli albori, completano lo scenario diffondendo il suono curato dal compositore sudafricano Philip Miller.

Chiunque abbia mai frequentato un laboratorio teatrale, noterà che il pavimento è stato ricoperto con dei tappetoni modulari di moquette nera, gli stessi utilizzati solitamente per allestire una sala prove. Unica differenza qui è il tipo di nastro adesivo che tiene uniti i vari moduli, di carta chiaro, ben visibile. Lo stesso nastro segna infine la posizione di ogni oggetto presente nell'installazione. Così si usa fare, ad esempio, per memorizzare la posizione  degli elementi che compongono una scenografia o il set di un film.

Il dispositivo installativo non è dunque sottratto alla vista o nascosto dal buio, ogni elemento è ben visibile, tanto da avvertire quasi un senso di transitorietà, di provvisorio, di laboratoriale.

È bene ricordare che oltre alla mostra al MAXXI, il progetto di Kentridge prevedeva il debutto in prima italiana al Teatro Argentina dello spettacolo Refuse the Hour, nell’ambito del Romaeuropa Festival 2012.

In una intervista rilasciata per l’occasione al MAXXI, Kentridge dice: “La mostra ha una radice molto teatrale. Molti dei lavori sono stati eseguiti in relazione alle performance teatrali. Quindi il tema è il modo in cui il teatro esce dal teatro ed entra nello studio, e poi dallo studio nella galleria, ed anche il modo in cui il mondo dello studio si espande nel teatro”. Tra ciò che accade in Refusal of Time e quello che avviene in Refuse the Hour, più che una contrapposizione sembra piuttosto esistere per Kentridge un movimento circolatorio, un gioco di riflussi che continuamente rimescola la performance nell’installazione, il teatro nello studio, lo studio nel museo e viceversa.

Le immagini video proiettate e le sculture di Refusal of Time sono accomunate da una profonda fascinazione per il mondo meccanico, l’analogico, la pellicola, la scrittura e il libro stampato, le mappe geografiche, le macchine, il metronomo e l’orologio. In questo lavoro, nato dal confronto con lo storico della scienza Peter Galison, Kentridge recupera quell’entusiasmo positivista proprio degli scienziati di fine ottocento, colleziona ingranaggi, ruote, mantici, catene e rulli, tutti oggetti che rimandano al fluire del movimento tempo.





Un'immagine dalla installazione The Refusal of Time


I video proiettati sono cinque, in bianco e nero, ritardati con un effetto delay di alcuni secondi per ogni proiettore. Video più grafici e astratti si alternano ad altri più narrativi realizzati con attori e danzatori, costumi e scenografie. Questi ultimi sono tutti rigorosamente muti, rimandano visivamente all'archeologia del cinema: si vedono scienziati e assistenti in camice bianco assemblare macchine, provare esperimenti, è il tempo ad ossessionarli. In un altro video lo stesso Kentridge cammina velocemente su sfondo bianco, l’immagine ripetuta ricorda le cronofotografie di Muybridge, quando la scienza, l’ottica, e il cronometro inventarono il cinema.

La musica e il suono ricoprono in The Refusal of Time un ruolo predominante e di altissima qualità. La musica suddivide drammaturgicamente in cinque capitoli la performance/installazione, così come fa nei video l’immagine di un libro che si apre e si chiude per cinque volte. Il compositore, Philip Miller (storico collaboratore di Kentridge) ha mescolato insieme melodie e bisbigli, suoni concreti e astratti, oltre alla voce suadente di un commentatore. Parla da uno dei megafoni scultura, racconta di esperimenti sul tempo, di inventori e scienziati; poi, ad un tratto, cambia tono, si blocca su alcune parole “breath”, “wait a minute”, le ripete più volte come se quel suo ragionare logico e scientifico si perdesse d'improvviso nell’astratto. 

Quando anche i video abbandonano le riconoscibili ricostruzione in stile cinema muto, le silhouette e le ombre cinesi in cui Kentridge a tratti si ripete, lasciando spazio ai disegni astratti in movimento, allora l’installazione convince di più. Nei video più fortemente legati alla storia del cinema, come ad esempio quello in cui una danzatrice balla con un costume che ricorda la Danse Serpentine dei fratelli Lumiere, oppure in quello in cui alcuni scienziati in camice bianco tentano esperimenti come nel laboratorio del dottor Caligari, Kentridge si perde in una messa in scena che non convince del tutto.

The Refusal of Time sembra un’accumulazione di immagini astratte e concrete, pagine e pagine di appunti, schizzi, bozzetti, esperimenti e sperimentazioni. Non è un luogo definito, non è del tutto installazione, non è teatro, e neppure credo sia utile attribuirgli un'identità, è piuttosto un laboratorio che indaga per tentativi, riusciti o meno, le varie sfumature dell’immagine-tempo.

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Teatrica

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006