FILOSOFIE DEL PRESENTE
DIALOGHI DI PENSIERO
Indagare l’umano in un “Piccolo teatro filosofico”


      
Forbite glosse sul saggio di Aldo Masullo che si interroga dialetticamente su “anima, verità, giustizia, tempo”. Il novantenne filosofo avellinese sviluppa la sua ricerca in chiave fenomenologica, partendo dai suoi due principali referenti, Fichte e Husserl, ma intrecciando le sue considerazioni poi anche con Heidegger, Levinas, Ricoeur, Merleau-Ponty, Martin Buber, Rosenzweig, Binswanger, Walter Benjamin e Gregory Bateson. Il nodo del rapporto tra coscienza e mondo non trova soluzioni o approdi definitivi perché per lui ‘comprendere è comprender-si, conoscere è conoscer-si e riconoscer-si per modificar-si’.
      



      


di Ugo Piscopo

 

 

° Entrando subito in medias res, dico, senza ambagi, che cosa ha fatto scattare la mia “simpatia” (in senso etimologico) col Piccolo teatro filosofico. Dialoghi su anima, verità, giustizia, tempo di Aldo Masullo (Mursia, Milano 2012, pp. 144, € 14,00). Due sono state le molle: 1. la tensione allo spasimo dell’autore ad abitare al quadrivio dove ogni giorno si danno appuntamento la vita e la “dianoia”, non da persona che potrebbe essere indiziata come informata dei fatti, ma da giocatore confesso che ha investito tutto al tavolo del senso del pensare, (in piena condivisione con i grandi scommettitori al medesimo tavolo di gioco, dalle origini a oggi, da Anassimandro, Eraclito, Parmenide, sino a Benjamin, Lévinas, Buber, i decostruzionisti); 2. la partecipazione, senza reti di protezione, all’avventura, che si sta correndo da parte dello Zeitgeist contemporaneo, di ridisegnare lo spazio e le griglie ermeneutiche delle istituzioni culturali, per effetti indotti dagli svolgimenti e dalle interrelazioni sinergiche delle ricerche e dei saperi, sia di impianto “umano” (storia, linguistica, psicoanalisi, sociologia, antropologia, economia), sia di impianto rigorosamente scientifico (fisica, chimica, biologia, matematica).

In questo caso, l’istituto da ridisegnare è quello della filosofia, soprattutto in direzione dell’abbattimento di tutte le pareti, entro cui spesso iniziaticamente le scuole filosofiche si sono chiuse autoreferenzialmente e la speculazione è stata essiccata in formule e in equazioni trasmesse liturgicamente e feticisticamente. Per parte sua, Masullo, con questo recente intervento, ribadisce ancora una volta che lui è per la filosofia (viva e vitale, sempre allo stato nascente), ma che non ha niente da spartire con le consorterie e con i luoghi chiusi comunque etichettati, anche se essi vantano (strumentalmente e nominalisticamente) relazioni con la filosofia.

 

° Altrettanto in breve, poi, ecco il reticolo delle suggestioni, in cui mi sono trovato intrigato in maniera stringente. Al primo posto vengono le contattazioni e le interrogazioni di proposizioni (in senso wittgensteiniano) di sempiternità (per dirla con Panikkar) attraverso una specola secolarizzata, cioè disinfestata di ogni vischiosità volontaristica ed emotiva, ma in nome non di topiche e narrazioni ermeneutiche egemoni, piuttosto per conto dell’esposizione della vita alle prove dell’essere-nel-tempo, di fronte a un qui e ora implacabilmente da esperire qui e ora, senza fughe in avanti, senza regressioni in nicchie maternamente protettive.

Esperienza autenticamente drammatica è questa della vita complessiva impegnata in confronti in diretta e allo spasimo con l’istante e col luogo assegnato con un semplice e irreversibile getto di dadi, ma ancora più della condizione umana che si pone in essere e si prova fondamentalmente sul terreno del pensiero e della parola, col supporto delle proposizioni, che hanno senso in quanto esistono, ma che si coniugano in maniera continuamente nuova, alla maniera del variare della luce nelle inquisizioni degli impressionisti, in rapporto alla sensibilità, allo stato d’animo, alla capacità di lettura, al livello di ricezione e di decodifica del soggetto, che è nella sua iconologia il soggetto, ma che, nel suo animarsi, verifica su di sé in corpore vili il processo di costituzione daccapo del tutto, di quel tutto che è il sé stesso che si fenomenologizza come sé e come altro. Altro e simile, però, a tutti gli altri e a ciascun altro e insieme a sé irripetibile e insostituibile.

La scoperta e la valorizzazione della soggettività nella sua concretezza, che si costruisce come ossimoro, e insieme come fattore essenziale alla rivitalizzazione del tessuto dell’oggettiva più vasta soggettività del mondo, che intanto si naturalizza, come vuole Husserl, e insieme si cala nei suoi inciampi e nelle sue spirali copovolte dentro sé stessa, mentre cresce nella ricchezza delle sue risorse e delle sue potenzialità euristiche e dirompenti nei confronti degli ultimi acquisti e delle ultime frontiere della “dianoia”, ha fatto fare un gran balzo in avanti al pensiero già nell’ambito idealistico, con Fichte, come sottolinea qui Masullo, ma come, fin dagli anni Sessanta del secolo scorso, egli ha sempre più convintamente offerto all’attenzione degli allievi e dei lettori. D’altronde, nell’ambito realistico e storicistico l’inquisizione della soggettività è venuta applicandosi e acquistando sempre maggiore spazio e maggiore spessore, tanto che qualcuno, tra fine Ottocento e inizio del nuovo secolo, come Dilthey, a cui Masullo qui e altrove fa non senza motivo riferimento per le suggestioni date nell’ambito fenomenologico, gioca le sue carte proprio su questo obiettivo. “Nelle vene del soggetto conoscente”, afferma orgoglioso di sé Dilthey, “costruito da Locke, Hume e Kant non scorre sangue vero, ma la linfa rarefatta di una ragione intesa come pura attività di pensiero. Al contrario, il mio avere avuto a che fare, da storico e da psicologo, con l’uomo tutto quanto, mi ha condotto a prendere per base questo essere nella molteplicità delle sue forze, questo essere volente, senziente e rappresentante” (Introduzione alla scienza dello spirito, La Nuova Italia 1975, p. 9).

Intanto, questa nuova scoperta copernicana induce una serie di effetti positivi di ricaduta su molteplici versanti: nelle nuove frontiere di esplorazione, dove l’osservazione può spaziare come in mezzo a paesaggi di vaste pianure da conoscere e godere; negli effetti registici di campi lunghi che si alternano con primi piani di figure in movimento; nel punto di vista interpretativo di un pluralismo formicolante e reticolare; nella verifica del pensiero stesso come dinamicamente diramato e interdipendente; nello stile del porgere, che non può non costituirsi sulle cifre della colloquialità e dell’essoterismo, cioè della comunicazione da indirizzare non solo agli addetti ai lavori, ma alla vasta massa degli individui, che sono i protagonisti direttamente interessati ad essere riconosciuti e confermati (come si dice in psicologia e dintorni), perché in questione sono proprio essi che si ritrovano in presa diretta.

E proprio sotto quest’ultimo profilo, dello stile, Piccolo teatro di filosofia presenta degli affreschi estremamente godibili. Anzi, è bene segnalare subito che in questa scrittura, che si pone in essere e parla per conto di ognuno e di tutti, si innerva una mimesi di tipo drammaturgico, una diegesi vera e propria (si potrebbe dire con termine aristotelico), in cui si rispecchia la paticità dell’essere individui e simultaneamente interagenti con tutti gli altri esseri individui, paticità che si fa luogo di suggerimento e di germinazione di ricchezza di proposizioni e di interpretazioni. Proprio come sottolinea ancora Dilthey sia riguardo all’interrelazionalità delle esistenze individuali, sia riguardo al nesso paticità-Erlebnis. In quanto al primo aspetto, egli afferma che l’individualità, nel “prendere in esame il modo in cui è costituita la sua situazione o la forma della sua connessione acquisita”, non può non esprimere altri e “nuovi sguardi sulla vita e sulle modificazioni esterne della sua esistenza personale” (Critica della ragione storica, Einaudi 1982, p. 324). In quanto, poi, al secondo aspetto, egli osserva che dalla cogenza dell’individualità alla limitatezza “deriva una tendenza a superarla: ciò costituisce il carattere tragico della finitudine  e l’impulso a procedere oltre di essa” (ivi, p. 353). Ed è qui, su questo ossimoro, ovvero su questo fertile strazio che si costituisce per “stazioni” nel senso jacoponiano l’appassionato e lucidissimo indagare-e-rappresentare di Masullo.





Paolo Radi, Oltrepensiero, 2010, cm 80x80


° Questo impegno è annunziato già dal titolo del libro Piccolo teatro filosofico. Disoccultiamone le implicazioni maliziose. Di fronte all’autore si apre un dramma collettivo, dentro cui si consumano simultaneamente milioni, miliardi di piccoli-grandi drammi, quelli dei singoli individui, una moltitudine infinita di soggetti. Ora come si fa ad attraversare uno spazio così vasto, vivo, sofferente e così intrigato di presenze e di situazioni da parte di un individuo, uno solo, che dispone unicamente della ricca povertà delle sue forze? La soluzione non può che essere una, quella dei viaggiatori che progettano un grande viaggio in proprio. Fare il lungo cammino step by step, un passo alla volta, ma sempre più in là, in misurata costanza di sforzo. Senza portarsi appresso grossi e ingombranti bagagli. Deve bastare il poco e l’essenziale consegnato a un piccolo bagaglio.

Il “piccolo”, in questo caso, si fa condicio sine qua non per la sostenibilità della grande avventura sognata e da attuare. In omologia con la mitologia del “piccolo” della modernità, che fa da cifra connotativa essenziale dei comportamenti d’oggi.

Esplicitamente o meno, il lemma o l’idea del “piccolo”, ricorre in molti libri, che intendano marcare la netta distinzione dalle telenovelas, comunque concepite e proposte, dai loro intrattenimenti dei greggi di utenti dei nostri giorni, che si lasciano incantare dagli intrecci e dalle curiosità delle sequele e del “prequel”. Libri che, nello stesso tempo, intendano costituirsi sulla consapevolezza della relatività ermeneutica e sull’abilità di dire molto in poco e, insieme, di sollecitare l’attenzione altrui spingendola dal detto al non detto, che è tanto e spesso grave e drammatico. Sono libri sapidi e astuti, appunto come questo di Masullo e come l’aureo volumetto di Aldo Trione Parva poetica (Il Melangolo 2012), e, nella medesima collana, Piccolo pantheon portatile di Alain Badiou, Piccole lezioni di greco antico di De Romilly e Tredé.

Il piccolo testo, ormai, in letteratura, è un fiore all’occhiello del modernismo. Il vezzo cominciò dal postromanticismo e dal simbolismo. Lo introdusse nel circuito del gusto, Baudelaire con i suoi quotidiani viaggi attraverso il mondo en flaneur  dentro Parigi e con i suoi “poemetti in prosa”, che faranno da riferimento per i surrealisti e per i successivi avanguardisti e sperimentali. Non parliamo, poi dell’aforisma, ormai legittimatosi dal primo Novecento in qua come immenso, anzi “incommensurabile”, secondo la definizione di José Bergamin. Non parliamo dell’uso, sempre più normativo, della brachilogia oggi e dell’educazione agli accostamenti veloci e inattesi, sollecitati fortemente dalle nuove tecnologie, giocati sui rinvii dalla parte al tutto, dal non-finito al finito. Non parliamo, infine, delle domande piccole piccole che possono generare risposte grandi grandi, su cui giustamente Michel Foucault fa molto affidamento riguardo all’ingresso nella storia e al riscatto della marginalità

Questo vezzo, però, del fiore all’occhiello del piccolo (ma elaboratissimo e prezioso) testo, se è vulgato nell’ambito moderno, non è una scoperta della contemporaneità. Esso ha una storia antica, che risale all’ellenismo, dove proverbiale e discriminante è la perentoria equazione di Callimaco fra “mega biblìon” e “mega kakòn”. Dove il neoterico Catullo, nella dedica della raccolta dei suoi carmi, si congeda dal manufatto chiamandolo “novùm libellum”. Esso, in realtà, ricorre fisiologicamente nei cicli dell’eterno ritorno del manierismo di sempre, cioè del gusto e della cultura che si collocano nel flusso delle acque di un fiume, dove tutto è simile e tutto è diverso all’interno del riscontro delle varianti perfettamente calcolabili e riproducibili.

Ma che cosa accade nel titolo del libro di Masullo a seguito dell’accostamento poi fra “piccolo” e “teatro”? Questo “piccolo teatro” che ne deriva fa pensare a tante situazioni. Dal teatro arcaico, ‒ e l’arcaismo è una delle preziosità del modernismo agite sotto lo stimolo dello spleen per la “terra vergine” (diciamo ungarettianamente) delle origini ‒, fino al teatro popolare rimasto congelato nel corso del tempo, come quello delle guarattelle che un solo attore e simultaneamente capocomico di sé può portarsi sulle spalle e impiantare se  e dove crede in mezzo alla gente. E si colloca prossimo alle intenzioni, che supportano la fondazione e l’iniziale gestione del “Piccolo Teatro” di Milano, poi il “Piccolo” tout court, a opera di Grassi e di Strehler.  Resta, quindi, nettamente  attestato su un terreno che non ha niente da spartire con il teatro per le masse, di cui si é favoleggiato nel primo Novecento, quale quello “per i trentamila” auspicato all’inizio degli anni Trenta del secolo scorso da Benito Mussolini e dagli intellettuali arruolatisi al suo servizio. E tantomeno ha qualcosa da spartire con quei teatri oggettivi di amplitudine oceanica, come le partite di calcio e gli eventi similari dei nostri giorni, che incantano le polpose e variopinte tribù dei tifosi, che sarebbe improprio chiamare “sportivi”.

È un piccolo teatro, questo, che propizia la messa in scena delle proposizioni e delle parole della dianoia, che non sono infinite, soprattutto nell’ambito delle questioni di fondo, ma che sono aperte a tutte le interpretazioni entro una reticolarità che si estende all’infinito e così, sul filo dell’ermeneutica perennemente lievitante, diventano esse stesse infinite e sempre nuove. È il luogo dell’avvento o dell’epifania della filosofia non ridotta e non riducibile a formulette archiviabili o disponibili a essere messe nelle teche, di una filosofia non scolastica o scolasticistica, quindi non trasferibile da soggetto a soggetto per via di istruzione, proprio come già avevano fermamente sostenuto Socrate, pronto come sempre a esercitare la sua ironia anche su tale materia, e Platone ispiratamente e appassionatamente in molteplici occasioni. In una delle lettere a lui attribuite (la VII), qui citata da Masullo (p. 123), egli scrive: “Non è, questo mio, un sapere come gli altri: esso non si può in alcun modo trasmettere, ma come fiamma s’accende da fuoco che balza: nasce d’improvviso nell’anima dopo un lungo periodo di discussioni sull’argomento, e poi si nutre di sé medesima”.

Per parte sua Masullo identifica filosofia con vita, cioè con ciò che si fenomenologizza nell’essere nel tempo sotto forma non di “un nudo apparirsi, ma come un apparirsi che si oltrepassa in un sapersi, in un crescente porsi a distanza del sapersi dall’originario apparirsi, nel progressivo liberarsi della mente dalla relativa passività del primo apparirsi, insomma nel pensiero come vita che si trascende. La libertà […] è la mente in cammino, la totalità mai finita del suo camminare. La filosofia è la libertà […]” (p. 124).

È, aggiungiamo, il pensiero stesso che si concretizza in pura coscienza, come dice Husserl, cioè in una “coscienza còlta in un atteggiamento fenomenologico” (La filosofia come scienza rigorosa, Laterza 1994, p. 14). Esso diviene cosa oggettiva che si identifica con una tensione perpetua e insopprimibile e si drammatizza nel “piccolo teatro”, che è il luogo del “theàomai”, dell’essere presente e partecipe all’evento della luce la quale si fa visibile e diventa lo spettacolo, disvelando la verità (l’“alethés”, cioè, come spiega Heidegger, il “non nascondimento”). Si tenga conto che l’etimo del verbo greco è lo stesso da cui traggono nome la divinità e la luce, come testimoniano, oltre al greco, le lingue indoeuropee (a cominciare da “deus” e “dies” in latino).  Ed è significativo che in greco l’evento teatrale sia connesso al “theàomai” e non ad altre radici verbali, quali “ora”, “id”, “op”, pure molto diffuse e innervate in moltissimi lemmi da noi ereditati e riattivati.

 

° è stato qui sopra accostato, deliberatamente e non per offrire un frullato (da New Age, come direbbe Eco), il nome di Masullo a quelli di Husserl e di Heidegger. È, quindi, necessario spendere qualche parola in materia.

Husserl è per il giovane Masullo una scoperta fatta in Germania, che lo segna per tutta la vita. Essa coincide con la quasi simultanea scoperta di Fichte (un Fichte, però, del tutto “altro” rispetto a quello utilizzato nel periodo nazista quale supporto di quel totalitario Stato etico, al quale, purtroppo, erano stati costretti ad essere tributari post mortem anche Wagner, il wagnerismo, Nietzsche e altri ancora, per quelli che venivano vantati e venduti come fulgurali auspici e premonizioni del Terzo Reich).

L’incontro con Fichte, però, non ha lo stesso peso dell’incontro con Husserl. Fichte rappresenta per Masullo un essenziale punto di riferimento ermeneutico per gli scenari della filosofia moderna e contemporanea come un solido e fondamentale pilastro della speculazione nell’ambito dell’interrelazionalità soggetto-oggetto. Pertanto, il pensiero fichtiano è costantemente presente nell’opera e nell’inquisizione di Masullo nel corso di mezzo secolo. Ad esso il nostro autore dedica, tra l’altro, una serrata monografia, Fichte: l’intersoggettività e l’originario (1986). Qui, in Piccolo teatro filosofico, viene fatto celebrare da parte di uno dei protagonisti dei dialoghi, Giordano Bruno, un omaggio particolare in suo onore in questi termini: “Il salto fuori dal vicolo cieco la filosofia moderna lo fa […] con il temerario pensiero di un tedesco di nome Giovanni Amedeo Fichte” (p. 77). All’enunciato perentorio (e appassionato, nello stile agonico del personaggio che è appunto Giordano Bruno), segue da parte del medesimo una esegesi esemplificativa dell’importanza e dell’attualità fichtiane. Tra le altre proposizioni dialogiche ci sono le seguenti: “E come avrei sviluppato la mia singolare personalità, se fin qui non fossi vissuto come punto d’intersezione delle innumerevoli relazioni con altri individui, in un ininterrotto flusso di comunicazione verso di me e a partire da me? […] Il filosofo felicemente riassume: nessuno diventa uomo se non tra uomini. Dunque non ci sono prima gli individui umani e poi la loro relazione. Prima c’è la relazione e poi gli individui diventano umani” (p. 78).





Canecapovolto, Inconsci tecnologici, 2010


Sotto tale profilo, il Fichte di Masullo viene riconosciuto come inauguratore di un varco decisivo per il pensiero moderno. Altro, invece, è il profilo, in Masullo, di Husserl che fa approdare il pensiero moderno nel nuovo continente della fenomenologia, il quale continente per Masullo è tutto da studiare e da mappare a vantaggio dei nativi, che già lo abitano, ma non sanno di abitarlo. E sono tutti gli individui umani che respirano qui e ora le aure della vita, che stanno animando una vera e propria “koinonìa”, una universale comunità interagente e interloquente in solidarietà di dubbi, di attese, di interrogazioni, di esperienze del pathos, e, intanto, sono privi di consapevolezza di stare svolgendo una funzione insostituibile e audacemente creativa, che può/deve radicalizzarsi ulteriormente e incidere ancora più dentro alla vita stessa. Proprio alla maniera del personaggio illetterato di Corneille, che adopera nel suo parlare la prosa, ma non sa di adoperarla, fin quando un altro, più autorevole e alfabetizzato, non gli spiega, con somma sorpresa del destinatario, che cosa mai sia la prosa.

Per Masullo, non c’è altro linguaggio di comunicazione e di spiegazione della realtà, che quello della fenomenologia. Egli pensa, legge, scrive, opera filtrando il tutto attraverso la specola proposta da Husserl e da lui accolta, come potremmo dire servendoci di una sua stessa espressione, “con anima ellenica”, infaticabilmente proiettata verso il dialogo e la dialettizzazione delle proposizioni e delle interpretazioni. E questo, nel corso di tutta la sua attività. All’interno della quale, la prospettiva husserliana di rifondare e ridisegnare, con metodo rigoroso e coerente, la filosofia sulle cifre costitutive della sua specificità, che la distinguono da ogni altro sapere e ogni altra scienza, definisce l’asse di indirizzo, insieme con l’ordine del giorno dei lavori. In applicazione del dettato del maestro, Masullo scansa nei suoi incontri e nelle sue inquisizioni ogni attardamento nell’empirismo, nel naturalismo, nello psicologismo. Tiene così la barra del timone orientata verso la contattazione e l’identificazione del territorio in cui affonda le radici la verità, che è quello dell’intersoggettività che alimenta la coscienza “pura” dell’essere nel mondo e del mondo, pertanto funziona come coscienza-di. È su questo nodo trascendentale, all’interno del quale la soggettività si oggettivizza e viceversa, che può/deve concentrarsi la speculazione in maniera scientifica, calandosi nelle cose e lasciandosi alle spalle i comportamenti, che hanno portato in Europa alla crisi le altre scienze, messesi alla ricerca delle leggi che stanno al di là delle cose.   

In ultimo, in Piccolo teatro filosofico egli si trova impegnato a consegnare i nuclei duri della sua riflessione e del suo linguaggio (colto ed elegante) in forma di intriganti tracciati per la scena. E l’impegno è pienamente premiato.

Ma però, in questo testo, c’è qualcosa che si muove e che dà una particolare curvatura al discorso (soprattutto riguardo al patico). Accanto a Husserl, ad esempio, qui si allunga l’ombra di Heidegger, di cui si diceva sopra, ora pienamente identificata, ora non nominata o non riconosciuta. “Cè qualcosa di nuovo oggi nel sole”, si potrebbe ripetere con Pascoli. E insieme con l’autore di Sein un Zeit, c’è l’eco avvolgente di molteplici altre voci, che, in quanto tali, possono avere delle concordanze e delle affinità, ma fondamentalmente restano ciascuna connotata col suo peculiarissimo registro fonico. Perché ogni voce è a sé, al centro della pagina bianca della solitudine e della limitatezza della propria identità.

Ma cominciamo con Heidegger. Non è che per l’innanzi, nel pensiero e nell’opera del nostro autore, la sua presenza fosse stata epurata, cosa esclusa in premessa in un sistema di pensiero come quello di Masullo, fondato sull’apertura impregiudicata della ricerca e sul dubbio fecondo praticato allo spasimo nei confronti di ogni assolutizzazione e di ogni concrezione di fondamentalismo. I riferimenti ad Heidegger erano non infrequenti e sempre riguardosi, ma veicolavano puntualmente il senso delle distanze ermeneutiche. Qui, al contrario, la citazione diventa plasticamente parte integrante del proprio discorso, funziona da intertesto, come in questo brano: “L’uomo nel mondo non è come un contenuto nel contenitore. Non sta inerte in un luogo, tanto meno nella sua identità; ma, pur restandovi, ne fuoriesce: la rompe, si sporge fuori, si apre a ciò tra cui si trova, gli dà significato in relazione a sé. Egli non solo, come tutti gli altri esseri animati, agli stimoli esterni e a quelli del suo stesso corpo re-agisce ‘patendo’, ma inventa risposte inedite, in senso forte ‘agisce’, diviene cultura, trama di istituzioni. Si fa insomma storia, intessuta delle passioni e delle azioni degli uomini. Sant’Agostino, valorizzando il nucleo antropologico della religione, aveva avvertito l’uomo a ‘interiormente trascendersi’. Nel secolo scorso la filosofia fenomenologica laicamente riprende questo motivo. ‘L’essere dell’uomo – scrive in un celebre testo Martin Heidegger – può rapportarsi a ‘se’ stesso, in quanto tale, soltanto se oltrepassa sé nell’in-vista-di […] Qualsiasi comportamento è radicato nella trascendenza’. In ciò sta per lui la libertà” (pp. 14-15).

Un link del genere – paticità-trascendenza-Sant’Agostino-fenomenologia del secolo scorso-Heidegger (quale punto terminale) – non è facile trovarlo nelle opere precedenti di Masullo, non solo in quelle degli anni Settanta-Ottanta del secolo scorso, ma neppure in quelle venute dopo Filosofie del soggetto e diritto del senso (1990) e Il tempo e la grazia (1995), che pure preparano il terreno a questi impasti della complessità ermeneutica.

Di concordanze con questa nuova sensibilità più vibratile al molteplice dell’inquisizione della soggettività patica se ne propongono molte in Piccolo teatro filosofico, dove significativamente entrano in scena, come nel Museo immaginario di Malraux, presenze fra loro eterogenee, ma dialoganti creativamente fra loro con una fecondità di trovate proprio grazie all’esaltazione delle diversità e delle varietà. Si tratta, innanzitutto, di continuatori in proprio della fenomenologia, come Emmanuel Levinas, che è portatore anche di tematiche derivate dal biblismo; di Paul Ricoeur, che si è sempre più impegnato a inquisire il linguaggio del mito e della religione; di Merleau-Ponty, che si schiera sempre più in difesa dell’ambiguità di fondo dei rapporti, tra coscienza e mondo, soggetto e oggetto, necessità e libertà; di Martin Buber, attento ai nessi tra dialetticità e cassidismo; e di tanti altri, come Ferdinand Ebner, Franz Rosenzweig, Ludwig Binswanger, che dalla fenomenologia ricevono inizialmente impulsi decisivi, ma poi vengono intrecciando rapporti stretti con altri suggerimenti ermeneutici di altro etimo e con questioni di fondo di carattere morale, anche sotto l’urgenza di dare accoglienza a forme di inquietudine, proprie del secolo che finisce e della crisi del mito del progresso e di tante altre grandi narrazioni confortanti e unidirezionali.

In Masullo, inoltre, hanno un loro peso anche le soste di riflessione sulla Scuola di Francoforte, in particolare su Walter Benjamin, e sulle formidabili obiezioni opposte alle prospettive illuministe e costruttiviste. E trovano ascolto le interrogazioni di questioni aperte, come quelle affrontate da un Derrida, che non viene nominato, ma la cui messa in luce dell’importanza della “differenza” induce la necessità di soffermarsi su un tema così importante, proprio per capire meglio il rapporto fra coscienza e mondo. O come quelle indagate negli ambiti “stocastici”, che per una via o per l’altra fanno capo a Gregory Bateson, maestro di contaminazione filosofica di antropologia e biologia.

In controluce, poi, si coglie un potenziamento delle persuasioni, che indirizzano verso gli accostamenti tra factum e verum, assorbite da Vico, autore da sempre amato, ma adesso più che mai, e dallo storicismo soprattutto napoletano, a prova di un appuntamento con la territorialità fisiologico per tutti, anche per quelli che, come Masullo, per nobilissime opzioni pensano per universali in qualità di cittadini del mondo. E non possono non scoprire prima o poi che il mondo ce l’hanno a casa. E a prova, quindi, (a parte obiecti) che se si pensa, si pensa sia nel tempo, sia nello spazio, ragion per cui il medesimo tema e la medesima prospettiva si declinano diversamente a seconda delle sensibilità degli individui, ma anche delle culture e delle risorse dei luoghi. La ricerca fenomenologica a Milano, ad esempio, da Banfi a Paci e agli altri allievi, non è la medesima che a Napoli, per effetti di ricaduta di situazioni complesse. Se si è uomini, che sono costituiti sulla trasmissione della cultura. Oltretutto, questo, se è un tratto squisitamente umano, non è solo umano. Nella catena animale, tanti sono i documenti sulle trasmissioni di acquisizioni. Dalle scimmie ai delfini, dalle anatre alle api. Ornitologi inglesi, ad esempio, hanno scoperto che i passeri domesticati a Londra comunicano fra loro con inflessioni diverse rispetto ai passeri domesticati di Parigi.   

Salutiamo, quindi, il ritorno a casa di Masullo, il cui viaggio nel mondo non poteva/può non comprendere anche le suggestioni sia dell’andata altrove, sia del rientro chez-soi.





Roberto Simoni, Eyed, 2009


° Per concludere, mentre si saluta il rientro alla sua Itaca del pensatore, non si può non sottolineare l’irriducibilità della sua tensione a non consegnarsi alle spiegazioni definitive, maternamente rassicuranti, a un tipo di comprensione che produca addomesticamento e ancillare dedizione  agli acquisti di verità separate dalla paticità della vita. Per lui comprendere è comprender-si, conoscere è conoscer-si e riconoscer-si per modificar-si, trovare, saggiare, avere senso nell’appropriar-si dell’inesorabilità dell’istante, dell’esser-ci senza fughe in avanti o regressioni nella nostalgia. La realtà, infatti, non appare, anzi non risulta affatto identificabile con alcuna delle immagini e delle considerazioni che pretendono di concludere il discorso sulle questioni poste in essere. Perché siamo noi stessi questioni aperte, in continuo divenire, che, attraverso l’acquisita consapevolezza dell’essere qui e ora, interroghiamo e simultaneamente facciamo il nostro destino disponendolo, come dice Lacan, “nella scia di quel che è propriamente nostro” (Il seminario, l. VII, L’etica della psicanalisi (1959-1960), a cura di G. B. Contri, Einaudi 1994, p. 401).

In breve, gnoseologia e speculazione si ridefiniscono in termini di inquisizione rigorosa e coerente del nesso fortissimo dell’io nel/col mondo, al di qua di ogni rischio di vedere che il mondo, dopo tutte le nostre analisi, resta qual è, a prescindere dal detto e dal non detto. La soggettività del mondo nel soggetto, che si trascende attraverso la conoscenza, è la sfida rivolta simultaneamente alla mente e al cuore, alla ragione e alla morale.

A una posizione filosofica di tale curvatura (intellettuale ed etico-civile), funzionale all’acquisto di una cittadinanza piena e meritevole in un mondo che si fenomenologizza nelle interdipendenze e nelle interreazioni, ‒ e sotto tale aspetto Masullo è cittadino del mondo, come sempre, ma ora in quest’opera più persuaso e persuasivo dopo il ritorno chez-soi, di cui si diceva nel paragrafo precedente ‒, non si può non rivolgere qualche domanda. E ciò ai fini di una riflessione approfondita sia sui fondamenti delle ragioni prese in esame, che corrono il rischio di risultare di seconda istanza rispetto alle informazioni prime che possono essere poco trasparenti e comunque di natura allotria rispetto alla razionalità o a quella che individuiamo e pratichiamo come tale (cfr., su questi aspetti, Karl Jaspers, Psicologia delle visioni del mondo), sia dell’individuazione di funzionamenti psichici attivati in particolari circostanze nel dialogo, consapevole o inconsapevole, con quello che da Goethe in poi i tedeschi chiamano lo Zeitgeist. Ovvero l’anima di quella che Dilthey indica quale “Realitat des Lebens”, in cui “sind Sprache, Sitte, jede Art von Lebensform, von Stil des Lebens ebenso gut umfasst wie Familie, Burgerliche Gesellschaft, Staat und Recht“ (in Schriften, vol. VII, p. 150)“

La mia domanda è sulle informazioni prime e, insieme, sugli intrighi con lo “spirito del tempo”. Essa può essere formulata in questi termini: nei periodi di esaltazione del cosmopolitismo e del popolamento sempre più intenso olocenicamente del pianeta, non è che il primato della ragione si appanni rispetto alle certezze (imperiali) precedenti con l’effetto indotto di dover navigare a vista (avendo come bussola una “ragione debole”) e di dover tenere in maggior conto le risorse fondamentali della vita e quelle che Montale chiama le “Occasioni”? In tale contesto, esplorare è innanzitutto esplorar-si, è cercare aiuto alla soggettività (comune e allargata) di ciascuno e di tutti. Si allega subito l’esempio (che è solo uno dei tanti che si potrebbero allegare sotto l’aspetto della ciclicità) del periodo ellenistico e della Roma che sta a cavallo tra il I secolo a. C. e il II secolo d. C. Quando si scopre che pensare è un attingere saggezza alla varietà del pensabile e del già pensato, come in Panezio e in Posidonio. Quando le contaminazioni tra moduli e consuetudini di pensiero possono risultare una risorsa, come avviene negli scambi sollecitanti fra tardo stoicismo ed epicureismo (ma anche accademismo di etimo platonico, che in questo periodo si viene sofisticando come nell’uso dei paradossi, secondo testimonianza di Cicerone) nel tentativo di alleviare il pessimismo di fronte al dolore e alla morte. Quando un imperatore di Roma come Marco Aurelio scopre che l’illuminazione può venire anche da un ex schiavo di Frigia, quale Epitteto. Quando, ancora prima, Seneca ritiene che pensare è agire su di sé per modificarsi e costruire un’altra soggettività più allargata a tutti gli altri. Proprio come egli scrive nel De ira, l. III, 41-43 e passim o nelle Epistulae ad Lucilium. Qui, ad esempio, nella prospettiva di una nuova Bildung e di un nuovo atteggiamento mentale, egli avvicina le punte da una parte del pensare sotto la fattispecie dell’accettar-si nella peribilità dell’attimo, nel proprio vivere adeguato esattamente a morire ogni giorno, e dall’altra parte del soffrire in diretta e in prima persona: “Infantiam amisimus, deinde pueritiam, deinde adulescentiam. Usque ad hesternum quidquid transiit tempus periit; hunc ipsum quem agimus diem cum morte dividimus. Quemadmodum clepsydram non extremum stilicidium exhaurit sed quidquid ante defluxit, sic ultima hora qua esse desinimus non sola mortem facit [...]” (XXIV).

Tali atteggiamenti ideali ci suggeriscono analogie e omologie con oggi. Con un mondo, cioè, dai confini ambigui tra le parti sia all’interno, sia all’esterno e con un’intensificazione di vitalità particolarmente lungo le linee di bordo, ammesso che il bordo ci sia. Con la perdita ormai conclamata del centro e della centralità. Con le città che fanno massacro dello spazio (Rem Koolhaas parla di Junkspace) e si vengono inventando lo spazio ad altezza dei bisogni. Con una ragione periclitante come strumento di governo delle situazioni e che si viene in umiltà adattando a funzionare, se possibile, interstizialmente e a ridosso delle emergenze.

Entro questi scenari e altri affini, vediamo de plano che si pone in essere e si potenzia uno Zeitgeist dettato dal diffuso, profondo bisogno di tenersi aggrappati a qualcosa di solido e irrefutabile, di scoprir-si vivi e tutti insieme da resistenti. Allora, viene spontaneo chiedersi: non è che la scoperta della nuova soggettività possa essere in consonanza, in omologia con lo “spirito del tempo”?

E con ciò non si vuol affatto appannare l’eroismo e il valore del Logos.

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Filosofie del Presente

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006