LETTERATURE MONDO
GEOFF DYER
Jazz da vedere,
fotografia
da ascoltare

      
Ristampato da Einaudi-Stile Libero il libro dello scrittore inglese “Natura morta con custodia di sax”. Un libro come dice Keith Jarrett non ‘sul’ ma ‘intorno’ alla musica afro-americana e che si dispone come un rapinoso ‘assolo’ di scrittura che penetra le vite in disfacimento di alcuni dei suoi più grandi protagonisti. Un testo memorabile che parla di note e di vita, colmo di dolore.
      




   

di Cosimo Ruggieri

 

 

But beautiful
And I’m thinking if you were mine
I’d never let you go
And that would be
But beautiful
I know
Love is beautiful
I know

 

But Beautiful può essere tante cose…. è un bellissimo standard composto da Jimmy Van Heusen con le parole di  Johnny Burke che vanta molte registrazione da parti di famosissimi jazzisti, ma è anche un libro che trasuda musica in tutte le sue pagine del quale Keith Jarrett ha affermato L’unico libro attorno al jazz che ho consigliato ai miei amici. Una piccola gemma contraddistinta anche dal fatto di essere ‘attorno’ al jazz piuttosto che ‘sul’ jazz. Se un grande assolo è definito dall’intensità con cui il suo materiale è percepito dall'autore, il libro di Dyer è un assolo”.





But Beautiful è il titolo di un libro di Geoff Dyer uscito nel 1991 e riedito da Einaudi nel 2013  nella sezione Stile Libero Big  (pp. 334, € 15,00), tradotto da Riccardo Brazzale e Chiara Carraro con il titolo Natura morta con custodia di sax . In Italia venne tradotto nel 1993 da Instar Libri di Torino (in copertina riportava appunto la celebre fotografia di Herman Leonard), dopo venti anni l’Einaudi lo ripubblica, ma stavolta in copertina c’è un disegno al posto della famosa foto e con una nota discografica aggiornata di Luciano Viotto.

Geoff Dyer è uno scrittore inglese e fin qui niente di strano, la cosa straordinaria di questo scrittore è che riesce a  scrivere in modo inusuale di cose che non sono di sua competenza, ad esempio nel 2007 è uscito un suo saggio intitolato L’infinito istante. Saggio sulla fotografia che tratta di fotografia. Ma non è solo un libro di fotografia, è un racconto sulla fotografia, un dialogo con fotografi che non ha potuto incontrare dal vivo ma con cui dialoga attraverso le loro opere che sopravvivono alla loro scomparsa. Un po’ come disse Gustave Flaubert sul letto di morte: “Io sto morendo e quella puttana di Emma Bovary mi sopravvive”; Dorothea Lange ha detto: “la macchina fotografica è uno strumento che insegna alle persone come vedere senza la macchina ”. Dyer non è un fotografo ma può vedere che fotografie avrebbe fatto se lo fosse stato attraverso la scrittura di questo libro.

Geoff Dyer non è nemmeno  un musicista, non ha mai suonato uno strumento musicale. In Italia But Beautiful  è uscito con il titolo Natura morta con custodia di sax, ma invece di prendere il titolo da un famoso standard prende il nome da una famosa fotografia di Herman Leonard. La fotografia e il jazz vanno a braccetto da moltissimo tempo. Nella canzone scritta da Richard Rogers & Lorenz Hart My Funny Valentine c’è la seguente frase: “Your looks are laughable unphotographable yet you’re my favorite work of art”.

 

Herman Leonard dopo aver studiato fotografia, e dopo un soggiorno in Canada come assistente del fotografo Yosouf Karsh (fotografo di origine armena), apre uno studio nel Greenwich Village e a questa epoca risale la fotografia “Natura morta” del 1948, che è diventata un sinonimo di Lester Young. L’elemento principale e dominante di questa foto è il capello (il famoso ‘Pork pie hat’ al quale è dedicata anche una composizione di Charles Mingus  intitolata appunto Goodbye Pork Pie Hat in seguito ribattezzata  Theme for Lester Young presente nell’album del 1959 Mingus Ah Um, brano dedicato al sassofonista morto due mesi prima della sessione di registrazione del disco). Questo cappello sta in verticale sospeso sul coperchio aperto della custodia del suo sax, come se fosse un volto astratto. Nella foto compare anche uno spartito, oltre a una sigaretta appoggiata in equilibrio sul collo di una bottiglia di Coca-Cola il cui fumo sale fino a metà della foto. Questa foto non nasce per un intuizione, ma per necessità in quanto Herman Leonard decise di scattare così la foto dopo aver saputo che lo stato di Lester Young non era presentabile.

Leonard afferma che “mentre viviamo un momento non possiamo capire cosa ne uscirà, ma solo in seguito  a posteriori sapremo se abbiamo investito bene il nostro tempo o lo abbiamo sprecato”.





Herman Leonard, Cappello e custodia del sax di Lester Young


Come afferma Dyer nella prefazione del libro: “le buone fotografie vanno dunque ascoltate, non soltanto guardate : quanto più una foto è bella tanto più c’è da ascoltare. Le migliori fotografie di Jazz sono cariche di una loro sonorità”. Questo concetto in un certo senso fu elaborato  tra il 1956 e il 1962 dal fotografo Roy DeCarava che  lavorava a un libro intitolato The Sound I Saw (Il suono che ho visto ) nel quale sono presenti molti musicisti, ma non solo ci sono diverse vedute urbane  o scene d’interni che si insinuano in questa colonna sonora per gli occhi.

Geoff Dyer racconta questi sette musicisti (Ellington, Monk, Baker, Young, Mingus, Powell etc.) non nei loro momenti di gran successo, ma nel periodo di disfacimento o vicini a questo, è un libro pieno di dolore ma anche pieno di umanità complesse  e sfaccettate come è il jazz. Il libro parla di musica e di vita, sono a volte tossici e grandi musicisti insieme, forse le prime rockstar perché come cantava Neil Young nel 1979 nella canzone Hey Hey, My My (Into the Black) del disco Rust Never Sleeps:  “Rock and roll is here to stay / It’s better to burn out than to fade away / My my, hey hey” (Il rock and roll è qui per restare. È meglio bruciare subito che svanire lentamente).

 

 

 

 

COLONNA SONORA

 

Art Blakey & Jazz Messengers, At cafè Bohemia vol I-II

Art Blakey & Jazz Messengers, A night at Birdland I-II

 

 




Scarica in formato pdf  


   
Sommario
Letterature Mondo

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006