LUOGO COMUNE
DIARIO D’AUTORE (26)
In riva al mare nessuno si sente figlio dello Stato


      
Considerazioni amare, non ovvie e anche controcorrente sulla disastrosa condizione storica delle giovani generazioni. E dove anche la starlette che si dà al cinema hard diventa paradigmatica del degrado e della disperazione dei suoi coetanei. Mentre i bravi critici letterari emergenti in un sistema bloccato devono sopravvivere con lavori di ripiego e la metastasi dell’etica pubblica invade le spiagge della penisola. E allora prendersela con chi pubblica con Mondadori, accusandolo di complicità col berlusconismo corrotto sembra un riflesso di vetero-ideologismo fazioso, incapace di distinguere tra la funzione produttiva e la proprietà del mezzo di produzione.
      



      

di Domenico Donatone

 

 

Sara Tommasi approda al porno (sic!)Facendo un rapido giro di opinioni tra amici e intellettuali, la notizia che Sara Tommasi è approdata al porno è parsa, con molta gioia soprattutto del genere maschile, conseguenziale ad uno stile di vita ben preciso, perché la “diva ternana”, balzata alle cronache nell’inchiesta Vallettopoli e nelle vicende del “bunga bunga”, può in questo modo dimostrare il suo talento. Un giudizio severo che trova nel dissesto sociale comunque un fondamento. Infatti, se è plausibile ritenere che l’approdo al mondo dell’hard della Tommasi sia, come dire, la diretta conseguenza di specifiche frequentazioni nello star system che, di per sé, è un mondo che “va a puttane” da solo, meno evidente è la tragedia umana che questa scelta costituisce. Il fatto che la Tommasi abbia girato un film porno non costituisce reato e nemmeno costituisce stupore (a parte per gli arrapati che sono ben lieti che la signorina ce l’abbia fatta!), meno evidente è ciò che antropologicamente e culturalmente la scelta rappresenta. Tralasciando il film che sul serio è deludente (vedere per credere!), ci sono in esso però degli spunti che possono aprire una riflessione antropologico-culturale su quanto sia in disfacimento la gioventù italiana, perché Sara Tommasi non solo è bella, ma è soprattutto giovane, ed è questo che più fa riflettere. Fa riflettere il fattore culturale che la Tommasi indica nella parabola del sesso come fondamento del successo della donna nella società contemporanea, perché senza di esso non c’è altra strada per potersi affermare. Un discorso pericolosissimo! Lei stessa infatti sostiene: «Tre sono le s della mia vita: sesso, soldi e successo. Allora più fai sesso più hai i soldi e più hai successo». Boom!, che saggezza, che lungimiranza! La Tommasi diventa suo malgrado (e lo stesso dicasi della consigliera regionale Nicole Minetti) il simbolo di una generazione bruciata che non sa sul serio che c…i prendere. Dispiace più per loro che per noi, che pure dobbiamo subirci le solfe di politici nominati. Sinceramente non interessa specificare in questa sede quanto sia stata “spinta” la Tommasi nel suo film, (anche perché è chiaro che questa donna-ragazza è stata indirizzata verso un abbrutimento e molte intercettazioni, tra lei e la madre, mettono in luce aspirazioni borghesi che distruggono la vita), ma è interessante capire che si tratta dello stesso sistema di potere che violenta i corpi non meno di quanto accade in Salò-Sade di Pasolini. Qualcuno aiuti Sara! (è il mio appello personale alla madre, benché ognuno sia libero anche di distruggersi), perché è importante che la donna si liberi di tutte le storture e gli abbrutimenti a cui è costretta per lavorare: “fai questo che diventi famosa!”, piuttosto che resistere alle tentazioni dei furfanti.

Per fare l’attrice porno la Tommasi non ha nessuna vocazione, diversamente da Moana Pozzi e Rocco Siffredi, ma ha la giusta alienazione, ovvero quel contesto “scopereccio” e godereccio tipico del mondo dello spettacolo così caco-culturale, ma anche così indispensabile alla vita delle starlette, che tanto basta per tirare a campare. Sara Tommasi s’impegna a fare la pornodiva, ma non è per lei neanche questa strada, perché il porno, non diversamente dagli altri mestieri, è un lavoro da esercitare con decisione. Mestiere praticato da pochissimi eletti ma da tantissimi sfigati, perché quando nulla aggrada tutto degrada. Sara Tommasi è il simbolo di una generazione bruciata. Sì, bruciata e ingannata!: una generazione che davvero non sa più come sopravvivere. Seneca su questo è chiaro: «Nessun vento è favorevole al marinaio che non sa dove andare». Proprio così, questi giovani non solo non possono andare da nessuna parte, ma soprattutto non sanno nemmeno dove andare, tanto che i più integerrimi sono coloro che dicono, perché economicamente possono permetterselo, io emigro, io me ne vado dall’Italia. È facile dire che altrove si sta meglio fino a quando questo altrove non lo si vive direttamente sulla pelle. Certo le opportunità sembrano stare dalla parte di coloro che “fuggono” (perché qualcuno deve per forza rimanere in Italia, giusto?) per interessi borghesi ancora così galoppanti che si può ben dire che i giovani s’impegnano nelle professioni, s’impegnano a far carriera, ma non s’impegnano gli uni con gli altri. In Italia giace e soggiace una generazione che la Tommasi rappresenta a pieno (chiaro che si discute per generalizzazioni e che non tutti fanno porno, ma chi fa call center non si prostituisce ugualmente?). Il significato allegorico di una scelta sociale è, dunque, complesso e articolato, ma l’amaro che sale in bocca è davvero deprimente: si dice show girl ma significa sfruttata. Per cui la scelta della Tommasi, sempre che di scelta si possa trattare, diventa la metafora di una metastasi generazionale che trova, nel caso specifico del porno, la logica secondo cui ognuno si vende per qualcosa. Attenzione, però! Neanche fare sesso conviene, non paga e non ripaga (vedi caso Nicole Minetti, costretta a dare le dimissioni, benché bilaterali, consenzienti e lautamente trattabili), perché in un sistema che prevede il darsi senza riserve trasforma le vittime in carnefici: un sistema che pretende che si faccia ciò che viene ordinato, con o senza gambe aperte.





Helmut Newton, Domestic nude, 1992


Critici letterari? Il loro futuro è offside e offshore.Effettivamente non occorreva un genio per indicare le sorti della “meglio gioventù” italiana e dire, ahimé, a laureati e ricercatori, inversamente a quanto si afferma nell’assunto foscoliano, che li aspetta un futuro in cui la laurea sarà pure breve, ma il precariato è certamente più lungo! In ogni caso, merito si deve a Massimo Onofri che dalle pagine de Il Sole 24Ore lancia quella che è una costatazione di fatto oltre che un allarme: «Ecco i critici del futuro» (24 giugno, 2012). «Di cosa parlo?», chiede Onofri, «d’una rivista progettata, scritta e redazionata da giovani e giovanissimi ricercatori», e questo ci fa molto piacere, soprattutto se alla rivista Narrazioni, tutta online, aggiungiamo il lavoro anche di Dedalus, anzi de Le reti di Dedalus, (www.retididedalus.it), rivista-web ammirata da Andrea Cortellessa, che suggerisco a Massimo Onofri di consultare per leggere e apprezzare quello che altrettanti giovani (da Sarah Panatta a Francesca Fiorletta, da Domenico Donatone a Daniele Comberiati) scrivono in qualità di critici letterari. «Giovani e giovanissimi ricercatori», continua Onofri, «(assegnisti, dottori di ricerca e dottorandi, ma anche semplici laureati) che lavorano spesso da anni all’università, con un gravoso carico didattico, in una condizione di assoluta precarietà». Finalmente c’è qualcuno che dice che anche il settore della ricerca in ambito squisitamente letterario/umanistico è bistrattato e umiliato. Cose che noi, addetti ai lavori, conosciamo benissimo, ma che da fuori, specie per chi pensa che essere giornalista oppure critico letterario equivalga a mostrare la carta di guadagni sicuri, non è affatto chiaro. Macché!, (aggiungiamo tutti, se non la maggioranza di noi), quali guadagni!, il letterato non solo patisce una crisi endemica che si porta dietro da secoli, ma soprattutto adesso, nell’era della grande finanza speculativa e della Borsa, il ruolo del letterato continua non solo ad essere marginale ma, se anche raggiungesse qualche livello di comunicazione più immediato (grazie a giornali radio e tv), quel letterato sarebbe comunque meno di qualcuno e di qualcosa. Lasciando stare l’ambiente che è a dir poco concorrenziale, fatto di calci e di spintoni, di “parrocchie” in cui in base al santo-critico-professore-accademico ci si vota di più si conquista un posto in paradiso (sistema italiota che esiste ed esisterà sempre), grazie al quale anche laureati bravi possono esprimere le loro idee e il loro pensiero, rimane un sistema pur sempre illegittimo e irritante, perché, a parte gli incapaci e i raccomandati, quello che personalmente critico non è la bravura di tizio o di caio, ma è il sistema attraverso cui si riconosce che tizio è bravo. Allora questa crisi porta qualche beneficio, sia pur messo tra parentesi e accettato con naturale resistenza da coloro (i giovani) che dovranno, volenti o nolenti, sottostare al massacro del loro posto di lavoro, che consiste nel riformulare per la prima volta nella vita e con perfetta coscienza il ruolo dentro la società. Sono ottimista, vorrei sottolineare, ed intendo affermare che se il destino dei critici letterari è fuori dal mondo accademico e universitario, come asserisce anche Massimo Onofri, a causa della stessa sciagurata crisi di sistema è lo stesso sistema che chiede inevitabilmente dei cambiamenti che portano i giovani ad accorgersi del fatto che se non riescono ad insegnare all’università e nelle scuole, possono sperare che altrove (soprattutto internet) si possano inserire col loro genio e la loro capacità critica. «Stando ai valori che questa generazione esprime – non certo al contesto dentro cui è costretta a sopravvivere –, per quanto mi nutra d’ottimismo solo biologico, e per tanto destinato a soccombere, direi che non tutto è perduto».

Come non condividere questo pensiero! Vorrei, però, ben specificare che si parla di una parte precisa della gioventù italiana, quella più reattiva, capace di fare critica (si spera anche al sistema), con la giusta disponibilità ad essere lavoratori anche altrove, ovvero con un altro impiego, non necessariamente di docente o professore, ma pur sempre di critico letterario. Il problema, oltre all’accesso negato ai concorsi nelle università in qualità di assistenti, docenti e ricercatori, prerogativa che rimane comunque necessaria e importante, perché borghese, affinché qualcuno ti consideri sul serio tecnico/specialista della materia, è il tempo che viene a mancare per chiunque abbia delle aspettative per il proprio futuro. Perché il giovane che desidera studiare dev’essere ricco di famiglia (così non è precario) oppure deve necessariamente costringere la sua passione a coabitare con tutta una serie di lavori e di espedienti che non immaginava mai di dover fare e che sottraggono tempo e risorse allo studio. Sì, in rete, su internet, nei blog, spazio ce n’è ed è garantito, il cartaceo scomparirà e il web sarà sempre più al centro del dibattito culturale (a meno che l’energia elettrica non scompaia e allora saremmo tutti fregati, visto che internet non si alimenta con le candele). Tanto più si diffonde spazio nel web, tanto più si riduce però la possibilità di selezionare il meglio dalla rete che, per quanto dotata di anticorpi, è allo stato attuale ancora un coacervo di accozzaglie e di risse web-mediatiche senza esclusioni di colpi. Non rimane che una sola certezza, oltre al fatto che i critici letterari del futuro saranno persone che non si incontrano all’università, ma nei call center e nelle librerie in qualità di commessi, il destino di queste menti è sul serio offshore e offside: lontano dalla terra e fuori dai giochi!

 

In spiaggia per riconoscerci tutti.Può sembrare un luogo comune quello che vede gli italiani essere persone maleducate e spaccone, ma non lo è fino a quando non si vive per come si è costretti a vivere. L’estate arriva. Fa caldo. Le tentazioni sono dietro l’angolo, ma il senso di solitudine e di avversità finanche al mare regna sovrano. Io ho una compagna, per cui potrei non lamentarmi, il fatto è che insieme ci siamo lamentati del comportamento di alcuni nostri simili, individui per necessità e per destino. Stando in spiaggia si comprendono molte cose, contrariamente a quanto non sembra. Si comprende anzitutto che gli italiani si stanno impoverendo, e di molto. Il dato? Il super affollamento di spiagge libere rispetto alla quasi desolazione degli stabilimenti. In spiaggia si comprende che gli italiani non solo si stanno impoverendo, ma stanno aumentando sempre più il loro livello di irritazione: benché si stia tutti insieme, ognuno è irritato dalla presenza di altre persone. In spiaggia ognuno vuole fare il cazzo che vuole: giocare a racchettoni, pomiciare, fumare, gettare carte, mangiare, dormire, nuotare, giocare a pallone imitando Balotelli, mostrare le tette, mostrare il culo, mostrare l’arnese in erezione sotto il costume, spalmarsi di crema per prendere bene il sole e piantare l’ombrellone per difendersi dal sole, all’improvviso e tutto insieme non più amico ma nemico dell’uomo. In spiaggia si comprende che gli italiani non solo si stanno impoverendo e stanno aumentando sempre di più il livello di irritazione, ma stanno perdendo il senso di appartenenza allo Stato. Perché dovrebbero sentirsi figli di qualcuno? Gli italiani sono stati abbandonati dallo Stato e adesso giustamente loro lo abbandonano, pensando ancora una volta di fare il cazzo che vogliono sulla spiaggia come altrove. L’italiano che entra in acqua con la sigaretta accesa, non si sente figlio dello Stato; l’italiano che esce dall’acqua lasciando galleggiare il mozzicone, non si sente figlio dello Stato; l’italiano che rimane sulla spiaggia a prendere il sole perché in acqua ci sono ragazzi maleducati, non si sente figlio dello Stato; l’italiano che rimane a mollo in acqua perché sulla spiaggia ci sono i maleducati che passeggiando gettano sabbia addosso, non si sente figlio dello Stato; la donna che si abbronza fino all’esaurimento della melanina così da annullare ogni possibilità di rifiuto del maschio, non si sente figlia dello Stato; il maschio che si pavoneggia e amoreggia guardando la figa super-abbronzata, non si sente figlio dello Stato; l’italiano che entra in acqua per urinare, non si sente figlio dello Stato; l’italiano che finge di saper nuotare e beve acqua in cui finisce merda di milioni di italiani, non si sente figlio dello Stato; l’italiano che pensa che c’è a chi va peggio, non si sente figlio dello Stato; l’italiano che è consapevole di essere un evasore, non si sente figlio dello Stato; l’italiano che sta in spiaggia è colui a cui andrebbe eretto un monumento se solo ammettesse per una volta d’essere un figlio di puttana! In spiaggia si comprendono molte cose che a distanza non si vedono. Si comprende che una coppia si sta separando e un’altra si sta unendo; si comprende che vorresti accanto quella figa mentre tu hai a fianco quella che un tempo era almeno intelligente; si comprende che tutti vivono per quel poco che considerano niente; si comprende che almeno una volta c’era chi in spiaggia faceva Comizi d’amore; si comprende che la spiaggia sta davvero spiaggiando, che sotto la sabbia ci sono le siringhe e che dentro l’acqua ci sono le bottiglie; si comprende che la spiaggia è di tutti solo se tutti provassero ad essere più rispettosi della spiaggia; si comprende che stare in spiaggia tutto il giorno è una gran rottura di palle! In spiaggia si comprende quanto siamo simili.

P.s.: non prestate attenzione a questo testo perché è apocrifo e scritto da uno che non si sente figlio dello Stato.





L'ombrellone (1965), regia di Dino Risi


Mondadoribus ex mortis, and Gomorra’s - Ostuni situationDevo confessare che in prima battuta, sull’onda anche di un’emozione che ritaglia una certa “sfiga” personale, anche io ho creduto giusta la tesi secondo la quale chi pubblica con Mondadori è in qualche modo corresponsabile del declino cultural-politico di questo Paese. Tesi espressa con particolare partecipazione e fervore da Vincenzo Ostuni, persona che non metto in dubbio abbia una naturale intelligenza, ma che in questo caso da anni, soprattutto da quando Roberto Saviano ha pubblicato il suo libro Gomorra, diventando sui media un caso editoriale e di vendite pazzesche (due milioni e mezzo di copie in Italia e dieci nel resto del mondo), porta avanti il concetto, radicalizzatosi persino in un gruppo Facebook (il luogo per eccellenza, nell’era della società pop-informatics virtuale, in cui si confrontano le menti migliori! sic), che chi pubblica con Mondadori ingrassa le tasche di Papi Silvio. Che orrore!, che raccapriccio!, che bestemmia! Come è possibile una cosa del genere? Ostuni tempo fa ha scritto su Il Manifesto la seguente affermazione: «Siamo certi che stipulare un contratto con Mondadori – scelta nel 95% dei casi fungibile – sia oggi accettabile, visto che la stessa acquisizione del gruppo è avvenuta corrompendo un giudice?», aggiungendo altresì: «se pubblicaste un bestseller con lui [Silvio Berlusconi, nda], sareste lieti di ingrossarne le tasche? » (Oltre l’età dell’innocenza di V. Ostuni, Il Manifesto, 23/01/2010).

Le domande poste da Vincenzo Ostuni sono nella sostanza giuste, ma improprie perché parziali, viziate in qualche modo da una logica che ripete ormai lo stanco binomio di pensiero “Berlusconi sì/Berlusconi no”, al punto che nella logica del bipolarismo coatto, se non sei berlusconiano devi essere per forza anti-berlusconiano. Personalmente ritengo che Berlusconi sia responsabile di ulteriori danni al Paese seguiti alla stagione del CAF (Craxi Andreotti Forlani), sia il promotore indefesso della cultura dell’impunità spacciata per garantismo, ma io-cittadino cosa posso farci? La domanda in sé è propria di un’impotenza. Comprendo la questione morale e culturale che investe l’Italia, ognuno può agire nel suo piccolo per tentare di arginare il disfacimento del sistema in maniera commisurata alla reale portata della sua azione, ma nei confronti di un imprenditore che è più di un imprenditore, che appartiene al potere ed è il potere, che dovrebbe risponde delle sue azioni, che io non ho commesso e giudico, posso stabilire che aggiungo “merda alla merda” perché pubblico con Mondadori? Non ne sarei tanto sicuro, per il semplice motivo che mi porta a distinguere la proprietà di un bene dalla sua effettiva gestione che certamente non ricade su chi decide di pubblicare con Mondadori. Chi utilizza un mezzo pubblico non può essere ritenuto colpevole della sua gestione come chi, di fatto, ne stabilisce regole e introiti.

Chi pubblica con Mondadori pubblica certamente con una casa editrice che ha problemi legali (vedi sentenza Metta), ma non li ha generati. Anche io utilizzo mezzi pubblici pagando un biglietto che non riesce mai a sanare il debito del settore trasporti, per non parlare delle autostrade. Io-scrittore posso decidere con chi pubblicare, decidere a chi vendermi, in base all’orientamento politico e soprattutto alla godibilità del contratto, ma non sono responsabile della gestione societaria e azionaria della casa editrice. In sintesi, pubblico con Mondadori ma non ho creato io il conflitto di interesse, non lo ha creato di certo Roberto Saviano, come afferma in maniera impeccabile Aldo Busi sul suo sito. Ora secondo voi Busi è berlusconiano? Busi ha una causa in corso finanche con Veronica Lario, quindi Busi, che è un “mangiapreti” e un intellettuale convinto di sinistra, avrà pure i suoi difetti, ma non certo è berlusconiano. Per Ostuni anche Busi va a ingrassare le tasche di Mr. B. visto che ha pubblicato con Mondadori? Anche lui dovrebbe lasciare la casa editrice e pubblicare con un’altra? E perché il problema si pone solo per Saviano? Il sistema ci ingabbia, e questo Vincenzo Ostuni lo sa bene. Abbiamo la possibilità, se abbiamo anche il coraggio e la cultura, di cambiare in minima parte il sistema, per cui sostenere una moralità ed una morigeratezza così netta spinge la questione ad un termine di analisi crudo per cui ci sono i buoni e ci sono i cattivi, anzi così cattivi da non accorgersi delle convenienze e delle connivenze. Aggiungerei anche un’altra questione che la fortuna letteraria o la gloria (per chi ancora la insegue) non dipende dalla proprietà-Mondadori, dalla gestione del libro, ma dai contenuti del libro che generano successo, un successo che verrebbe macchiato perché inconsapevolmente si contribuisce ad “ingrassare” le tasche di B., facendo gli alternativi e gli eroi dell’anti-sistema. Se accettassi questa logica non dovrei pagare nemmeno le tasse allo Stato, perché chissà dove vanno a finire i miei soldi, se finanzio con essi davvero la scuola pubblica, il sistema sanitario o se finiscono in tangenti. La verità è che ad essere estremi si finisce col bruciare tutto senza distinzioni, che sono obbligatorie, per cui nonostante la situazione politica e culturale sia deprimente, anzi nichilista, certe luci non si possono spegnere. Dannarsi l’anima quando certe situazioni possono essere risolte solo se vanno a disfacimento oppure a morte naturale, è proprio di chi partecipa alle cose del mondo con un’emotività che non conduce a nessuna soluzione. Perché di questo si tratta e di questo si discute ormai in diverse situazioni che «creano imbarazzo», come questa della Mondadori. Direi a questo punto che Aldo Busi mi ha ampiamente convinto del fatto che continuare con questa manfrina del “pubblica con Mondadori, quindi è complice” è sterile, specie per uno scrittore che non considera, in fin dei conti, soprattutto se ha successo ed è intelligente, che la sua gloria rimane, mentre quella di B. cessa col cessare della sua proprietà.

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Luogo Comune

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006