PRIMO PIANO
PENSIERI DIVERSI
Se la donna-isola attende l’approdo del dio


      
È in uscita presso Mimesis “Teologia dei quattro elementi. Manifesto per un politeismo politico”. Si tratta di un acuto saggio filosofico sulla teologia del potere elaborato per rifrazione critica e concettuale oppositiva rispetto alle discussioni correnti sulla presente crisi politica e della politica. Ne anticipiamo qui un brano che esamina, anche con ironia, la concentrica trama mitopoietica che promana dalle figure di Arianna e Teseo.
      



      


di Augusto Illuminati

 

 

Rondò géranos (schema A-B, A-C, A-D, A-E, A)

 

A          Credeva di conoscerla, Arianna, il filosofo poco esperto di donne. Ma la ragazza era tutt’altro che innocente.

 

B          Sia che al telaio tessesse, casalinga, il filo che avrebbe condotto fuori dal labirinto Teseo, l’assassino del fratellastro handicappato e vagamente demoniaco[1] (Arianna è figlia di Minosse e Pasifae, il Minotauro frutto dell’accoppiamento zoofilo di Pasifae con un toro inviato da Poseidone), sia che, già sposa a Dioniso, avesse passato all’ateniese l’aureo diadema rilucente, regalo di nozze, per illuminare la strada dell’eccidio. Ben le sta, in entrambi i casi, l’abbandono da parte di Teseo, e ancor meglio le dice in un caso l’arrivo salvifico di Dioniso, nell’altro il suo magnanimo perdono. Bel farabutto quel Teseo, seduttore sfrenato che aveva circuito la neppur dodicenne Elena che si allenava in palestra come un ragazzo, l’aveva rapita all’uscita, in combutta con l’amico Piritoo e poi se l’era inguattata in una grotta per timore dei fratelli Castore e Polluce, sodomizzando l’androgina ragazzina in attesa della pubertà.

 

A          Bell’esemplare di fedeltà, a sua volta, Elena, come dimostrerà la futura carriera matrimoniale ed extra.

 

C          Non contenti, Teseo e Piritoo, sospetti bisessuali, si erano avventurati nell’Ade, imbrogliando Caronte, per rapire Kore-Persefone e se l’erano cavata a stento.

 

A          Non a caso Teseo ci riprova con Arianna, che di Kore è variante, signora del labirinto infero e del pari destinata a pendolare fra i due regni della vita e della morte, della danza primaverile e dello smarrimento ctonio – in questo, sì, ontologicamente e non solo sessualmente infedele e duplice.

 

D          In un angolo appartato del Celio, si scende dalla superficie cosmatesca e cristiana della chiesa dei SS. Giovanni e Paolo ai sotterranei pagani di una casa del II secolo d.C. con un enigmatico affresco. Naturalmente è un effetto del sollevamento del suolo, ma la doppia temporalità ne balza agli occhi, come nella vicina sovrapposizione a S. Clemente di due chiese cristiane sopra un mitreo e a una sorgente. Del resto, fu l’ultimo proprietario della casa, il neofita Pammachio, due secoli dopo la pittura dell’affresco, a edificare la chiesa sopra l’avita dimora. Una bianca dea seminuda si staglia in un’isola sullo sfondo di onde blu cupo, abbraccia con la destra una donna vestita dall’aria seria e con la sinistra porge una coppa a un giovane dio di colorito scuro che si arrampica sulla riva provenendo dal mare. Il dio è atteso e la dea si protende a cercare in lui compimento. Le nozze sacre simulano un rapimento: l’astro luminoso inghiottito dall’oscurità per risorgere, come l’anima. Kerényi, che ha magistralmente analizzato la scena,[2] collaziona varie ipotesi:[3] Arianna e Dioniso, Kore-Persefone e Dioniso, Afrodite e Dioniso.





Alessandro Varotari, il Padovanino, Arianna a Nasso, XVII sec.


A          Se Arianna era doppia figura, l’assai sacra (Ari-hagne) regina degli inferi e l’assai splendente (Ari-dela), esisteva anche un’Ariadne Afrodite venerata in Cipro e a Delos. Arianna sarebbe allora, al pari di Kore, un’Afrodite mortale, bisognosa di compimento per mezzo di Dioniso, e il suo tratto di infedele abbandonata un preludio al fulgido destino ierogamico. La corona d’oro – segno forse di tradimento di Dioniso rispetto a Teseo, certo di complicità con l’assassino del Minotauro – verrà trionfalmente collocata in cielo quale costellazione. L’infedeltà paga, dopo tutto.

 

E          Nel suo piccolo, anche l’ingrato Teseo, dopo aver mollato l’infida complice-traditrice a Nasso, torna in patria e ‘dimentica’ di cambiare il colore della vela, così che il re suo padre lo crede morto e si getta da una rupe. Teseo gli succede ‘a sua insaputa’. Niente male, visto che a quel punto fonda Atene.

 

A          Più sagaci ed esperti di donne, Hugo von Hofmannsthal e Richard Strauss rileggono il mito nel modo giusto: un continuo rinvio fra teologico e antropologico, dove l’umano evoca una potenza divina e la storia divina si proietta sull’umano. L’uno mostra l’altro, senza misticismo. Siamo a Vienna, fine Settecento, e il padrone del palazzo vuole allestire una grande festa in quattro tempi: cena, opera seria, farsa, fuochi d’artificio. I due spettacoli musicali, con gran disperazione del compositore, non si succederanno, ma si svolgeranno in contemporanea. Il ricatto del compenso e la conturbante apparizione in négligé di Zerbinetta, protagonista della commedia dell’arte, convincono il serioso musicista al compromesso. Le maschere dovrebbero consolare con lazzi e canti Arianna abbandonata da Teseo sull’isola di Nasso in attesa che arrivi Bacco a farle dimenticare l’infame tradimento. Il compositore si premura di spiegare che la sua Arianna è una donna nobilissima, come se ne trova una su un milione, che appartiene a un solo uomo, perso il quale non resta che la morte. La volubile Zerbinetta minimizza la fedeltà fino alla morte e (ripetendo il Don Alfonso di Così fan tutte) sostiene che la donna fedele è come l’araba fenice, dove sia nessun lo sa. No, l’araba fenice è la mia Arianna – replica l’infatuato compositore. Per tagliar corto, Zerbinetta gli fa gli occhi dolci e spiega – gran novità! – di non essere quella che sembra. Sotto i tratti di civetta batte un cuore sincero, che aspira solo all’amore fedele, le basterebbe trovare l’uomo degno... chissà? O dolce e incomprensibile fanciulla! – abbocca il compositore e consente incauto alla messa in scena alternata, salvo a piombare nello sconforto quando si renderà conto di essere stato giocato dall’attrice.   

Arianna intona, desolata una parodia del monteverdiano Lasciatemi morire, irrompono le maschere: dài, tirati su, la vita è ancora bella. La sventurata non reagisce, allora Zerbinetta le parla da donna a donna. Non è dolce confessarci reciprocamente la debolezza di un cuore inafferrabile? Ahi noi, quanto soffriamo, quante isole deserte ci vedono piangere in mezzo alla folla, quante ne ho frequentate io stessa! La donna-isola attende l’approdo alle sue rive dell’uomo e poi lo vede allontanarsi. Variante: però ci sono tante isole… Ogni volta che ci si innamora, ci si affida totalmente a un uomo, anche se lo sappiamo crudele e incostante, e gli si giura sincera dedizione. Basta una breve notte per cambiare il nostro cuore. Sì, io non sono una Principessa come te, a uno solo fedele, ho cambiato molti amanti perché non riesco a rinunciare alla mia libertà, ma ogni volta essi sono stati per me unici, a me sono venuti come un dio, il loro passo e i loro baci mi ammutolivano e trasfiguravano e, se un altro dio si avvicinerà, cadrò fra le sue braccia…





Poco dopo le ninfe annunciano una nave. A bordo è il giovane dio Bacco, appena evaso dalle trappole della maga Circe, nella cui isola era approdato con i suoi compagni in cerca di avventura. Arianna, fino allora rimasta muta, si riscuote e in un primo tempo spera che sia il pentito Teseo a tornare sui suoi passi. Anche Bacco, del resto, teme per un attimo che i venti lo abbiano ricacciato sull’isola dell’odiata Circe di cui rievoca le fatali bevande. I nuovi amori si presentano in prima battuta sotto vecchi travestimenti. La disillusa Arianna cade in un altro equivoco e scambia Bacco per il dio della morte, che viene con la sua nave per farle bere una pozione letale e condurla ai sospirati inferi. Ricordiamo la scura figura nel sotterraneo dei SS. Giovanni e Paolo! E l’ovvia parodia del filtro d’amore di Isolde e della morte wagneriana di Tristano. Arianna si dice pronta per l’ultimo viaggio, ma alle profferte d’amore di Bacco, che in perfetta buona fede afferma di essere un dio figlio di dio, sviene sprofondando nell’oblìo che crede morte e invece è interruzione del dolore e ritorno alla vita. Si risveglia nelle sue braccia chiamandolo mago che tutto per incanto trasfigura, luminoso della luce riflessa dalla madre Pasifae (figlia del dio-sole Helios). Ma che dici mai, replica Bacco, tu sei la vera maga che tutto trasfigura, ecc. Allora, conclude Zerbinetta, non è vero che ogni volta il nuovo arrivato è un dio cui ci arrendiamo senza più parole?

Non solo l’infedeltà di Arianna è narrativa e simbolica – scissione fra potenza sotterranea e terrena –, ma l’eroina si proietta in una figura tutta umana, frivola e giocosa: lei e Zerbinetta sono un’unica donna scissa in due, come Maria e Mariquita nell’incompiuto romanzo neoplatonizzante di Hofmannsthal Andrea o I ricongiunti, scritto sotto l’influenza di Freud e di resoconti di dissociazione della personalità. Andrea scende da Vienna a Venezia, la città dove tutti vivono in maschera: l’unico modo per distinguere individui, che in realtà non hanno identità unitarie, ma giocano ruoli e non raggiungono la loro essenza che attraverso divisione e ricomposizione: «l’io di tutti i giorni è una costruzione senza valore, uno spaventapasseri». L’inibita Maria gli fa desiderare il solvente universale, la disinibita Mariquita il glutine universale. Zerbinetta-Mariquita è l’eccedenza del cattivo infinito («ti avrò tutta – chiede Andrea – tutta, e un’altra per giunta»), ma completa la libertà spirituale della dolorante Maria.

L’identità è andata a farsi fottere, in senso sessuale e figurato. Arianna destruttura, nell’infedeltà, l’integro essenzialismo, sebbene agisca ancora in una logica di sottomissione, astutamente contrattata. La Legge del Padre è salva, ma i padri sono parecchi...

 

 

 



[1] Il Minotauro, nella trilogia dickiana di Valis, è incarnazione del Demiurgo demente Samael, di cui parlavano i papiri gnostici di Nag Hammadi e che, nell’angelologia talmudica, è figura satanica, cui si attribuisce la seduzione di Eva e il patronato dell’Impero romano.

[2] La dea con la coppa, in Miti e misteri, Einaudi, Torino 1950, pp. 431 sgg.,  Id., Gli dèi e gli eroi della Grecia (1951), Il saggiatore, Milano 1962, I pp. 220 sgg., II pp. 209 sgg. e 230 sgg.

[3] Con considerazione di carattere generale, «l’elemento mitologico si rivela proprio nel fatto che esso mai si lascia interpretare in un unico senso esclusivo, bensì racchiude in sé una vera pienezza di significati e molti aspetti possibili», Miti e misteri, cit., p. 445.




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Primo Piano

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006