PRIMO PIANO
ALESSANDRO ARESU
I nuovi italiani
sono stati plasmati
dalla ‘tv
dei ragazzi’
di Berluscolandia


      
“Generazione Bim Bum Bam” è una brillante e convincente analisi di come le televisioni del Cavaliere hanno formato (e disinformato) la visione del mondo e la coscienza dei trentenni odierni. Cresciuti con tonnellate di cartoni animati giapponesi, con le canzoni di Cristina D’Avena, con i programmi di Bonolis, sono divenuti la base giovanile di consenso all’avventura politica di Silvio B. e da qui uscirà gran parte della futura classe dirigente nazionale. E questo non è un problema da poco.
      



      


di Domenico Donatone

 

 

«In un momento critico per la storia del nostro paese, Bim Bum Bam

deve allargare la coalizione a cartoni animati trasmessi da altre reti

(tra cui capolavori come I cavalieri dello zodiaco e Conan il ragazzo del futuro, […]),

e ad altri momenti della cultura popolare televisiva di quegli anni.

Insomma, l’incontro tra Alessandra Valeri Manera e Cristina D’Avena

rimane il motore della Generazione Bim Bum Bam, ma non basta.

Forse c’era di mezzo qualcun altro.»

(Generazione Bim Bum Bam, di A. Aresu, Mondadori, 2012)

 

 

Quando venne pubblicato il romanzo di Antonio Incorvaia e Alessandro Rimassa dal titolo «Generazione mille euro» (Rizzoli, 2006, p. 164, € 9,50) molti di noi appartenenti a quella generazione tirarono un sospiro di sollievo come a dire «almeno a mille euro al mese ci arriviamo!». Presto, invece, abbiamo dovuto ricrederci e capire che quei mille euro sono ai più irraggiungibili. Se ti dice bene guadagni seicento oppure ottocento euro al mese! Queste, di media, sono le cifre che ripagano anni di sacrificio e di studio una generazione che s’immette (si fa per dire!) nel mercato del lavoro. Il resto è ipocrisia politica e di quartiere. A distanza di tempo il tema di una generazione condannata a non avere futuro si è pian piano inflazionato e i libri sull’argomento hanno iniziato ad essere sempre di più. L’ultimo lavoro sul tema è stato scritto dal giovane Alessandro Aresu (classe 1983), laureato in Filosofia e cofondatore e direttore del sito think that «Lo spazio della politica». Il titolo del libro è Generazione Bim Bum Bam (edito per i tipi Mondadori - collezione Strade Blu, Milano, pp. 208, €17,00, 2012), con sottotitolo emblematico: Risposte precise a domande precise: autobiografia di 10 milioni di italiani. Sarò sincero con il lettore: leggendo il titolo ho storto un po’ il naso e in qualche modo non mi è piaciuto l’accostamento ad un programma televisivo, ad una vera e propria genìa, sia pur multiforme, di cartoni animati. Ci mancava soltanto che ci dicessero che siamo una generazione cresciuta guardando Bim Bum Bam (programma televisivo condotto a suo tempo, tra gli altri, da Paolo Bonolis) che a confronto la gogna mediatica generalista è una passeggiata! Di fatto nel titolo del libro c’è qualcosa che induce ad un’emozione del genere, ad una irritazione (forse voluta dallo stesso autore) che non trova il suo agio.

Se la dinamica del titolo è spontanea – come credo sia spontanea e non calcolata – il discorso è più complesso di quanto non appaia. Nel titolo è insita una specifica carica dissacratoria, smitizzante, gestita con buona efficacia dialettica da Alessandro Aresu. Affronto il tema in maniera diretta, partecipata, perché il commento critico distaccato, la stessa distanza dai fatti, porta all’emarginazione e ciò non è positivo. Faccio parte della generazione Bim Bum Bam, anche se non penso affatto che la nostra sia una generazione Bim Bum Bam. Penso che in maniera molto più sottile e filosofica siamo una generazione al neon, figlia del neon, cioè di quegli stessi anni Ottanta del Novecento che Aresu analizza, però letti in maniera decisamente più coinvolgente dalla poetessa Lidia Riviello, il cui libro Neon 80 (Zona, 2008) consiglio in qualche modo di leggere ad Aresu. Questo è quello che penso io!, come ritengo altrettanto che siamo una “generazione cavia”, su cui è stata sperimentata ogni tipologia di riforma sociale: dagli esami di maturità (con l’obbligo di conferire su tutte le materie), fino alla riforma del lavoro, (di centrosinistra e di centrodestra), fino ad arrivare al “governo tecnico” di Mario Monti che non ha minimamente affrontato la questione del lavoro e di una generazione che senza di esso rischia di scomparire. Generazione a tal punto cavia, la nostra, da sperimentarvi anche la nuova egemonia capitalistico-finanziaria! L’argomento che può tenere unite queste verità parziali, seguendo il tracciato di Aresu per rimanere in tema, è l’inconfondibile dicitura “Generazione X”, dove la “x” sta per incognita del futuro. Una incognita che avrebbe trovato luogo proprio nel punk-rock dei Nirvana, ma soprattutto nel loro album Nevermind (1993) e nella figura di “angelo decadente” di Kurt Cobain.





Siccome il tema, però, non è esprimere l’opinione di chi scrive, mi attengo a quanto detto ed efficacemente commentato da Alessandro Aresu. Dunque, è vero!, è vero anche quest’altro aspetto della generazione in questione, dei nati in Italia dal 1975 al 1990, e assimilabile, così come vale per la categoria del punk-rock e della letteratura dei “cannibali”, anche alla fenomenologia televisiva di un programma dal titolo Bim Bum Bam. Un programma trasmesso dal 1982 al 2002 su Antenna Nord, Canale 5, Italia 1, con cui una generazione è cresciuta, assimilando, negli anni dell’infanzia, una quantità di aspetti proto-educativi, eterodossi e multisemantici, intessuti nelle trame di cartoni animati che hanno fatto il loro ingresso prorompente e prepotente nella tv commerciale. Questo cosa significa? Che quella generazione è stupida? È totalmente rimbecillita? No, affatto! C’è un risvolto però abbastanza tragico, culturale quanto politico-antropologico e commerciale, che Alessandro Aresu mette presto in evidenza: il significato di una profonda omogenìa generazionale riconducibile alla diffusione di cartoni animati che hanno plasmato la sensibilità degli attuali trentenni, creando loro una colonna sonora esistenziale strappalacrime, eseguita appositamente per indebolire le coscienze, per generare una natura erratica ed un eretismo psico-fisico che determina continui lamenti, continui strappi, mentre il benessere a sua volta produceva, agendo da reattore caco-culturale, una radicale trasformazione della storia. Il tutto è, fuor di dubbio, andato in questo modo, nel bene e nel male di uno specifico fenomeno non solo televisivo, riconducibile in un incontro avvenuto a Bologna nel 1981, esattamente un anno dopo la strage della stazione. Un incontro tra Cristina D’Avena, all’epoca ragazza diciassettenne del Coro dell’Antoniano, e Alessandra Valeri Manera, capostruttura della Fininvest e poi di Mediaset responsabile dei programmi per ragazzi. Scrive chiaramente Aresu:

 

«Questo libro è il racconto della generazione nata dall’incontro tra Cristina D’Avena e Alessandra Valeri Manera, la “Generazione Bim Bum Bam”. Lo scopo di questo libro è chiarire il ruolo della Generazione Bim Bum Bam nella storia recente d’Italia, illustrando la prospettiva della Generazione Bim Bum Bam, e quindi restituendo l’Italia a chi la abita, altrimenti possiamo tutti cambiare paese, trasferirci in un blog, limitarci a dire “Lunga vita a Deng Xiaoping”. La difficoltà di questo libro è far capire che non è uno scherzo: molti dei nostri problemi derivano dal mancato riconoscimento dell’importanza della Generazione Bim Bum Bam. Immersi in questa sottovalutazione, dimentichiamo i sogni e, messi davanti alla realtà, non sappiamo che fare. Ci limitiamo a frignare come bambini, anche se siamo adulti che fingono di essere giovani, e i bambini sono molto più saggi. […]»

 

Dunque, l’attacco è chiaro: Generazione Bim Bum Bam è un libro che vuole analizzare, difendere e spronare l’attuale generazione dei trentenni a capire cosa è accaduto in passato, per poter meglio vigilare dentro la storia attuale ed essere i protagonisti. Il percorso del libro è suddiviso in due parti: nella prima si narrano le vicissitudini mediatico-televisive e politiche della Generazione Bim Bum Bam; nella seconda parte, sia pur seguendo una linea identica di conduzione, si affrontano questioni legate ad una possibile soluzione, evidenziando come la Cina, da una parte, e il Giappone, dall’altra, siano diventati i protagonisti indiscussi del mondo attuale, producendo cartoni animati e dandosi una spinta capitalistica e propulsiva verso la conquista di qualcosa, di un qualcosa che è sempre indeterminato, ma che Aresu rivela nella dichiarazione filosofica di Walter Benjamin come «attesa sulla terra». Significa che qualsiasi generazione si deve dare uno scopo, avere un quid di progetto esistenzial-politico con cui rimboccarsi le maniche ed iniziare a vivere, dopo che i cartoni animati hanno determinato la struttura portante ed emotiva di queste persone. Una volta spenta la televisione, una volta terminati i programmi a cui ci si affeziona, bisogna incominciare a ragionare sulle possibilità di trasferire quel mondo inanimato, sia pur animato benissimo dai giapponesi e da un genio dei cartoni quale Hayao Miyazaki (colui che ha generato Lupin III, Heidi e Conan il ragazzo del futuro), ad un mondo esterno animato, fatto di persone, cose, istituzioni, economia e finanza. Tutto il libro è segnato da una scrittura metaforica ed ironica, a tratti più sarcastica, ma nella sostanza una scrittura che si genera come perfetta coscienza, quindi autoproduzione di una grammatica del linguaggio figurativo generato dall’assoluta immedesimazione dentro il mondo eco-morfo dei cartoni animati.

Si ragiona come la Generazione Bim Bum Bam ragiona – elemento questo che può ingenerare qualche fastidio di condivisione – ma tutto sommato il senso della logica è esteso, con capacità di analisi, per svolgere la trama, anzi verrebbe da dire “la sigla”, di una generazione che con efficacia è stata in qualche modo costretta a vivere il significato della vita dentro la sua “cameretta”. Piccini, davanti la tivù, con i nonni che preparano loro la merendina, ci sembra di vederli ancora una volta e di più, oggi che sono così indifesi e tramortiti, inascoltati e impigriti, laureati e disoccupati, questi bimbi, adesso uomini, che guardano Kiss me Licia, I Puffi, Lady Oscar, Hello Spank, Holly e Benji, Mila e Shiro due cuori nella pallavolo, Sailor Moon, Piccoli problemi di cuore, C’era una volta Pollon, Memole dolce Memole e tanti altri cartoni animati. «Un patrimonio enorme», scrive Alessandro Aresu, fatto di temi, colori, storie, elementi, significati, parodie, iperbole e realismo, per evitare, tutto sommato, che quei bambini vedessero, quindi sapessero e capissero cosa attorno stava accadendo. Ed è qui che il libro di Aresu trova il suo scopo principale, nella rivelazione, per gli addetti ai lavoro accettata, ma per milioni di italiani e, soprattutto, per i giovani trentenni della Bim Bum Bam, niente affatto percepito, il rivelamento di un preciso programma di insabbiamento della verità, dei fatti politici che hanno riguardato l’Italia, nel momento in cui 600.000 bambini solo agli inizi degli anni Ottanta del Novecento sono nati. In pratica dietro l’incontro tra Cristina D’Avena e Alessandra Valeri Manera non c’è solo un progetto televisivo, ma una vera e propria strategia commerciale dentro cui evitare che le “cose brutte” venissero rappresentate. Alla gente, d’altronde, piace cantare! Questo è quello che la capostruttura della Fininvest e poi di Mediaset dice alla giovane piccola Cristina D’Avena, forse non più così bambina, ma impossibilitata a reagire, a fare della sua melliflua voce la colonna portante di un’intera generazione.





Perché accade questo? Perché «nel paese del sangue e del mistero», come scrive Aresu con continua e indefessa tenacia, creando una versione e una visione per antonomasia dell’Italia, il cui nome non viene mai citato perché totalmente scomposto nella sua essenza e nella sua storia, i fatti di sangue e di mistero devono rimanere ignoti. Meglio non dire ai bambini come è morto Mattei, come è morto Pasolini, come è morto Moro, quali e quante bombe sono deflagrate. Gli italiani venivano colpiti al cuore da un’altra strage terroristica, quella di Bologna del 1980, ed era ancora troppo fresco il ricordo che bisognava in tutti i modi ostacolarne il proseguo in chi c’era e l’annullamento totale in chi non c’era, cioè nella Generazione Bim Bum Bam. Annullarne la visione, l’immagine dei morti e dei corpi sotto le macerie. In che modo? Facendo arrivare dal Giappone dei cartoni animati che avrebbero risparmiato i nuovi nati alla visione di tale orrore! Così all’incontro tra la D’Avena e la Valeri Manera, segue un altro incontro e un’altra data, stavolta ben più precisa ed eloquente: 26 gennaio 1994! Cosa è accaduto in Italia quel giorno? Molti non lo ricordano, ma i più attenti sobbalzano dalla sedia. È accaduto che il datore di lavoro di Alessandra Valeri Manera è sceso in campo. È sceso in campo pronunciando queste parole:

 

«L’Italia è il paese che amo. Qui ho le mie radici, le mie speranze, i miei orizzonti. Qui ho imparato da mio padre e dalla vita il mio mestiere di imprenditore.»

 

Non è apologia, è rivelazione. È in qualche modo il punto di unione tra la stagione del terrorismo e degli «anni di piombo» con la storia moderna che vuole gettarsi alle spalle tutto l’orrore di una espugnazione. Lo stesso Aresu dice che «Berlusconi ricordò agli italiani che Moro era morto e che il comunismo non aveva funzionato in nessuna nazione del mondo. In quel momento il Partito comunista cinese non andava di moda. Berlusconi parlò senza mai smettere di sorridere: sui sorrisi si esercitò un’infinita letteratura che vi convoglia la mercificazione dei rapporti umani e la resa della politica all’incoscienza del venditore. Berlusconi non si candidò a Milano, ma a Roma, perché a Roma era presente il collegio Numero Uno, quello della prima moneta di Zio Paperone. […] La totalità dei  miracoli realizzati dal 1994 a oggi, nel corso di quattro governi Berlusconi, corrisponde a zero. Come vedremo, nel mentre sono successe moltissime cose, di cui la Generazione Bim Bum Bam deve farsi carico suo malgrado».

È importante ribadire questo passaggio del libro perché è qui che si concentra la questione sia politica che culturale della Bim Bum Bam. Non è l’ennesimo attacco a Berlusconi, ma è il punto in cui un ragionamento trova il suo significato per spiegare che Berlusconi è il soggetto agente a livello imprenditoriale e commerciale prima, e politico-giudiziario poi, nella storia pruriginosa della Generazione Bim Bum Bam. Aresu ci tiene a far capire al lettore che ha capito: elemento che non è improprio o banale ma determinante il significato della storia più recente, perché viene da una generazione che a torto non è considerata all’altezza di testimoniare la propria presenza sulla terra. Questo è il piano rivelatore del progetto Fininvest-Mediaset degli anni Ottanta, perseguito fino al Duemila e due, cioè fino a quando il mercato cinese non si è impadronito in Italia dell’Italia. Mentre coi cartoni animati tutto avveniva a distanza, i prodotti del Giappone giungevano in formato di schede grafiche dentro la ventiquattrore di Alessandra Valeri Manera, adesso non c’è più bisogno di muoversi in treno e di andare su e giù nel “paese del sangue e del mistero”. Basta un click, basta internet, per trasferire idee e progetti di commercio. Per cui il grande piano è stato un piano di lobotomizzazione, di svendita del cervello per prodotti ben più attrattivi e luccicanti che sono le storie dei cartoni.

 

«Berlusconi ha fatto il lavaggio del cervello agli italiani attraverso le sue televisioni, e il suo consenso nel Pianeta Elezioni deriva esattamente da questo. I teorici del GPL (Grande Piano di Lobotomizzazione), Alessandra Valeri Manera e tutti gli altri impiegati delle TV di Berlusconi erano complici – volontari e involontari – del GPL, con cui Berlusconi pianificava la sua discesa in politica. Ne consegue logicamente che Berlusconi è un genio del male, superiore a tutti i cattivi dei film e dei cartoni animati. Più di Darth Vader, di Hannibal Lecter, del Jocker, di Macchianera, di Cthulhu e di Lex Luther messi insieme. Più di Voldemort. Bisogna capire che era tutto previsto. Prendiamo il 1981: l’Italia non sapeva che fare, ma Berlusconi sapeva che fare dell’Italia, e dobbiamo analizzare il suo viso e le sue mani, le sue fotografie e tutta la sua iconografia per decifrare i segni postmoderni del suo progetto».

 

Bravo Aresu, va riconosciuto! Va riconosciuta la capacità di critica e la scrittura leggera ma insieme efficace del nostro, in più va riconosciuto lo spazio dell’immaginario che sa aprire all’interno di referenti tutt’altro che fantastici e fantasiosi. Il mix sta nella continua narrazione di eventi e procedure di marketing con lo stile del ragazzo, dell’adolescente, che intuisce perché assimila i suoi stessi strumenti di agnizione senza necessariamente farsi recriminare che molti passaggi del libro possono risultare legati troppo a trame di cartoni animati che nemmeno chi scrive ha visto. Il talento per continuare c’è, così come c’è una solidarietà con la Generazione Bim Bum Bam, fatta a fette e allontanata dalla politica che si riempie la bocca con la parola “ggiovani”, col rischio che faccia la stessa fine di un’altra parola utilizzata dai democristiani per anni: “famiglia”. Parola che è servita a costruire un programma meramente politico senza che per essa si sia fatto davvero qualcosa.





Il cartoon Holly e Benji


Qui c’è l’altro aspetto importante del libro di Aresu, capire il sorpasso della Cina mentre in Italia la paranoia politica su Berlusconi azzerava ogni dibattito e, con altrettanta veemenza, ci si incolpava a vicenda e ci si incolpa tutt’ora di non aver fatto niente per cambiare le cose. Sembra una parodia dell’Italia e dei suoi abitanti, a volte, ma è più precisamente conferma critica, rammarico, impotenza. Una spiegazione del fenomeno non solo berlusconiano, ma italiano che Aresu intende divulgare attraverso il senso precipuo della domanda. Egli sente che dentro questa generazione gli interrogativi salgono, crescono a dismisura, producono ipertrofia di sangue e di cuore, di logica e di ragione, senza trovare risposte adeguate. Così in maniera altrettanto efficace, Alessandro Aresu trascrive delle vere e proprie domande che s’inseriscono nel tessuto della narrazione. L’intento è quello di affermare finalmente che c’è bisogno di chiarezza, che ogni strada buia trova la sua luce se ben individuata nel tunnel del “non detto”. Certo, non è facile, perché quella che non muore mai non è più la speranza ma l’ipotesi, la scienza statistica della confusione. Allora:

 

Domanda precisa n. 8: Che cos’è dunque Bim Bum Bam?

Risposta precisa n. 8 : È  molto più di un programma televisivo.

 

«[…] la società italiana, nel suo complesso, deve smetterla di agire come se Bim Bum Bam non ci fosse stato, come se la programmazione pomeridiana della tv dei ragazzi fosse un aspetto trascurabile dell’esistenza degli esseri umani, o un’anomalia incapace di imprimere una direzione alla transitorietà della Transizione Italiana che da sempre transita nella sua transitività. […]  Bim Bum Bam ha contribuito a costruire la generazione che sta decidendo e che sempre più deciderà il futuro dell’Italia. La Generazione Bim Bum Bam non è ancora stata scoperta dai demografi, ma è nata dal basso delle frequenze televisive […]»

 

Un livello di analisi socio-culturale del genere consente di captare quello che aleggia nell’aria e che viene continuamente respinto, come se una realtà del genere, ritenuta a torto una sciocchezza, non possa determinare nella sostanza dei fatti il senso di appartenenza per una generazione. Una generazione che siccome ha guardato la Tv dei ragazzi viene considerata ormai per forza costituita da eterni “ragazzi”, cioè immatura, piccola, indifesa. Il libro di Alessandro Aresu è un bel libro, mentre la storia è una brutta storia.




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Primo Piano

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006