PRIMO PIANO
INEDITI
“Il compagno Iro”



      


di Cesare Milanese

 

  

*  Il 20 aprile scorso “il Venerdì di Repubblica” ha pubblicato in prima pagina sotto il titolo “Dalla parte dei ribelli” (vale adire i partigiani), il volto di Sergio Cocetta (nome di battaglia Il Cid), leggendario partigiano friulano.

La foto, che qui sotto pubblichiamo, è di Danilo De Marco: “Una specie di Simon Wiesenthal alla rovescia.” scrive Marco Cicala nel suo servizio. “Invece che a ex nazisti, dà caccia a vecchi partigiani, in tutta Europa, per catturarli in una foto. Per non dimenticare. Achtung Banditen. Tra i quali c’è anche lo scrittore Elio Bartolini (nome di battaglia Lino), anche lui friulano come Sergio Cocetta.

Di Sergio Cocetta così scrive Cicala: “Eravamo nei sobborghi di Udine e per strada vedemmo avanzare un tipo gigantesco. Sulla zucca, una specie di passamontagna arrotolato. Occhi guizzanti, possente naso aquilino. Pareva un druido, una creatura silvana, ma con qualcosa del Mr. Scrooge di Dickens. Incuteva ammirazione e sgomento. Tendendomi la mano a rampicante, chiese: ‘Lei è il giornalista?’. Fino a notte fonda, mescolando ospitalità e ironia, si rivolse a me come ‘al giornalista’. In osteria, citava a memoria i presocratici, Tucidide, le Catilinarie. È stato partigiano, operaio in Cecoslovacchia, e poi scultore. Qualche anno fa, De Marco gli ha dedicato un libro di foto e testi. Perché per lui, bambino a zonzo nelle plaghe friulane, Sergio è stato una specie di centauro Chirone, un maestro esistenziale. Nel ritratto (in copertina), il Cid ha un altro cappello. Ma occhi più struggenti di quelli di Lino Ventura.”

Ebbene Il Cid è anche un personaggio di un romanzo, inedito, di Cesare Milanese, Le altrui bandiere, dove Sergio Cocetta è “preso in prestito”, per ragioni di trama e di condensazione di contesto, con la denominazione di “compagno Iro”. Il testo qui presentato s’intitola, infatti, Il compagno Iro. Personaggio complesso, che Milanese intende rappresentare, appunto per la sua complessità e la sua problematicità con una scrittura dove l’argomentazione serrata e accanita diventa stile narrativo. E che ci fa rivivere tutte le sfaccettature, le durezze e le ambiguità della militanza comunista ai tempi della ‘guerra fredda’, i processi di confronto e scontro tra individuo e partito e la straordinaria avventura di Iro mandato clandestinamente in Cecoslovacchia, negli altopiani della Moravia col compito (pressocché un test di fedeltà militante) di trasformare un gruppo di zingari in agricoltori, ossia di riconvertire una primitiva tribù comunitaria in un collettivo socialista di lavoro contadino.

 

 

***





Sergio Cocetta, ispiratore del "Compagno Iro", fotografato da Danilo De Marco


 Cordiale e amicale come sempre (la gentilezza era la sua divisa), Iro aveva fatto, come ogni volta che gli capitava di tornare fugacemente a San Vito, il giro riassuntivo dei quadri che ormai conosceva a memoria e sui quali non ci sarebbe stato niente di nuovo da dire dopo il già detto di tante altre volte.

   Sicché, anche in quel pomeriggio di quel giorno d’agosto del 1952, per quanto concerneva lo stato delle cose nello stanzone-studio di Federico De Rocco, si sarebbe potuto dire: niente di nuovo sotto il solleone, a parte il quadro nuovo che si trovava in quel momento sul cavalletto “in lavoro”.

   Era il quadro dedicato espressamente al mese d’agosto, il cui soggetto era tutto riassunto nel titolo già datogli in precedenza avendolo scelto, infatti, come tema: La melonèra.

   Iro non lesinò l’apprezzamento, ma non andò di là più di tanto. Non indugiò più di tanto neanche nel soffermarsi davanti ai due quadri che più direttamente lo riguardavano: entrambi con lo stesso soggetto e con lo stesso titolo: Casa di Iro. Uno dei quali dipinto dopo la sua partenza per la Cecoslovacchia, l’altro dipinto tre anni dopo, dopo il suo ritorno, per così dire, “in patria”.

   Si soffermò, invece, un po’ di più, davanti a una delle diverse versione del quadro che lui considerava come il più indicativo e il più significativo della pittura di De Rocco: Il falciatore.

   Non fu necessario parlarne, perché di questo quadro egli aveva già detto e ridetto ciò che, sempre secondo lui, meritava di essere detto, sempre da lui ridefinito sotto un intero argomento di sua esclusiva denominazione: “La falce del tempo e il martello del filosofo”.

   In realtà niente di più semplice e quasi del tutto elementare, per ciò che riguardava il soggetto rappresentato. Il falciatore vi appariva seduto a terra con le gambe incrociate, intento a battere con il martello il filo della falce sopra un cavicchio conficcato in terra.

   Pochi i colori, ma molto intensi: o meglio, più che intensi, intensivi. La camicia di un bianco biacca e i pantaloni azzurri. Il verde dell’erba sotto e l’ocra del cielo sopra. In ocra anche le parti del corpo allo scoperto: la metà delle braccia e la metà del viso chino verso la falce rilucente sotto un cappello anch’esso ocra con la tonalità del cielo.

   Non c’era nient’altro in scena.

   La singolarità estetica del dipinto consisteva invece (ed ero ciò che avvinceva Iro) nella composizione a intersezioni d’elissi convergenti intorno ad un unico centro che faceva della figura del falciatore un plesso di raccolta di orbite allungate e interferenti l’una con l’altra: il tronco con la testa, le braccia con le braccia, le gambe con le gambe nei loro ripiegamenti posti in corrispondenza anche con l’arco della falce. Un’ellisse anch’essa.

   Sul quadro come quadro niente di più e nient’altro che un contadino che sta battendo la falce. A Iro, però, interessava il simbolo, pertanto il risultato, anche se non pensato da De Rocco, ma che De Rocco aveva comunque espresso: la falce e il martello, messi subito a rango di un concetto che li trascendeva.

   Iro era particolarmente compiaciuto della sua interpretazione superiore. Scorgere l’aspetto superiore delle cose nelle cose stesse era, difatti, la sua qualità peculiare. Un virtuosista, in proposito.

   Quel giorno, però, successe un che, sia pure di passaggio, un po’ disforme dal solito, essendosi lasciato andare a una frase che De Rocco (Rico), recependola dalla parte sbagliata, aveva considerato sbagliata, da risentito.

   In realtà, più che sbagliata era una frase che venne da lui equivocata. Iro, la frase l’aveva detta in friulano, usandola, in quel momento, come una locuzione indiretta, da bonaria mimesi di un’ipotetica esclamazione, anche festosa, da parte di un ipotetico osservatore, supposto piuttosto ingenuo (ed esclusivamente friulano) che si venisse a trovare, per la prima volta, davanti all’insieme dei quadri di De Rocco, visti tutti insieme:

   Rico, tu fasis simpri dome contadins!

   De Rocco, dopo aver posato con ostentata lentezza dimostrativa la tavolozza e il pennello sopra il deschetto ingombro di barattoli e tubetti di colore, si torse dalla parte di Iro e da friulano (vale a dire da umanità da cipiglio sempre “in pronto”), gli si rivolse, ovviamente, in friulano:

   Parçé? Ce hatu tu, Iro, cuintra i contadins?

   Da quelle parti i parlanti sono “parlanti” in base all’adozione di tre linguaggi: il friulano per la visceralità; il veneto per l’usualità; l’italiano per le idee generali e la politica. E Iro, homo totus politicus, dette la sua risposta tornando con evidenza ben marcata al suo consueto italiano.

   Tuttavia non subito, non sull’immediato. Dapprima ci fu un silenzio abbastanza lungo, che dette spazio, nell’imbarazzo che s’interpose nel frattempo, all’ascolto del frinire delle cicale che proveniva dal di là dei finestroni dello stanzone aperti su quel tratto di brolo, quasi da campagna.

   Contrariato, ma solo con se stesso, Iro, il biondo Iro, sapeva di aver sbagliato la frase, proprio perché aveva fatto ricorso all’uso di un linguaggio che egli considerava di per sé sbagliato.

   Lui, proprio lui, avrebbe dovuto tener conto che il friulano, di per sé, non dispone di logaritmi di traslazione del discorso diretto in discorso indiretto, essendo, come dialetto, inidoneo a operare per la messa in distanza del proprio detto con il ricorso all’astrazione neutralizzante dell’humour.

  Il friulano è una lingua da concezione sghemba, senz’altro intensamente inventiva, ma, non si sa perché, chi la usa, la usa soltanto a significato elementarmente diretto. 

   Iro, pur sapendolo, se n’era, per un momento, dimenticato; e nel suo essersi rilassato dal suo rigorismo abituale, si era lasciato distrarre. Fece, pertanto, ciò che non si deve. Ciò che proprio lui non doveva.

    Cosicché aveva sbagliato due volte. La prima volta perché aveva fatto ricorso a un’espressione da linguaggio, da lui considerato da regressione. La seconda volta perché si stava rendendo conto che, dietro l’apostrofe dell’amico De Rocco, con quel “Tu quoque, Iro, contro i contadini!”, s’intravvedeva anche un “Tu quoque, Iro, contro di me!”; tenuto conto, in retro fatto, che i critici avevano cominciato a dire che Federico De Rocco (sempre più fissato con i suoi contadini di maniera) stava diventando ripetitivo.

  Il che poteva anche essere vero. E con ciò? Anche se fosse stato vero, ciò non costituiva, per Iro, un’opzione destituiva del che della pittura di De Rocco nella sua vera essenza.

   Per lui, il compagno Iro, il compagno De Rocco faceva bene a continuare a dipingere come continuava a dipingere, perché, sempre, secondo lui, ciò accadeva a ragion dovuta e a ragione voluta, da parte dello stesso De Rocco.

   A differenza della generalità degli artisti suoi coevi, in stato d’ansia da talento per esigenza d’aggiornamento, i quali, in quegli anni percorsi dai mutamenti “in avanti”, correvano tutti verso i miraggi delle “svolte” da anabasi considerate progredenti, il pittore Federico De Rocco (Rico), persisteva nel suo intelaiare l’idea della vita sottratta al progressismo usurante della storia; e in questo egli era fraternamente e anche visceralmente sodale con l’amico Pier Paolo Pasolini, già diventato in quegli anni l’apostolo del rifiuto della “religione del proprio tempo”.

   Non a caso, proprio in quell’anno, e già via dal Friuli, ma solo corporalmente, Pasolini scriveva: “Improvvisamente il millenovecento / cinquanta due passa sull’Italia: / solo il popolo ne ha un sentimento / vero: mai tolto al tempo, non l’abbaglia / la modernità, benché sempre il più / moderno sia esso, il popolo, spanto / in borghi, in rioni, con gioventù / sempre nuove – nuove al vecchio canto - / a ripetere ingenuo quello che fu.”

   Anche Iro coglieva il senso della pittura di Rico nella sua astoricità tematica e nella sua acronicità di struttura, ma per ragioni del tutto diverse da quelle di Pasolini. De Rocco vi si trovava così collocato nel mezzo di due interpretazioni che erano al contempo due considerazioni del tutto opposte come visioni delle cose.

   Pertanto, ora, come dover spiegare che lui, Iro, non aveva niente “contro i contadini”, come, difatti, non poteva, cosa che peraltro si sapeva, non aver niente contro la pittura dell’amico Rico? Anzi.

 

   Antefatto sul personaggio di nome Iro: il compagno Iro.

   Si dice che l’azione giusta sia un derivato dell’occasione opportuna e che colui che afferra tale occasione coglie senz’altro anche la propria fortuna. Iro afferrò tale occasione, ma non colse per nulla la propria fortuna. Tuttavia ne ricavò il proprio destino. 

Quando in data 18 aprile 1948, il Fronte Popolare con l’effige di Garibaldi, aureolato di stella a cinque punte, alle elezioni politiche che in Italia si svolsero nel bel mezzo del secolo delle rivoluzioni trionfanti, però altrove, subì la sua sconfitta campale (e chissà mai perché avrebbe dovuto o potuto essere altrimenti), il compagno Iro (il partigiano Iro) decise che non era cosa per lui star lì a palleggiare il teschio amletico del “Che fare?”.

    Risolse subito il suo quesito a favore dell’immediatezza del fare, sdegnando di stare lì ad arrovellarsi con il pensarci sopra più di tanto, facendo affidamento, fuori contesto, come ebbe egli stesso dovuto riconoscere in seguito, alla sua dialettica da guerriero: “I partigiani non vanno in congedo e non indugiano; e in più, se sono comunisti, tanto meno”.

   Fu così che scelse d’impegnare se stesso con un atto del tutto personale (molto personalistico, senz’altro), da uomo che preferisce passare allo scoperto dell’azzardo, andando a offrirsi (a darsi) volontario (non richiesto) nel Paese-Avamposto del comunismo europeo di allora (il comunismo più comunista: il comunismo più “prussiano”), quello cecoslovacco.

    Peraltro, valutandone correttamente la prospettiva (pur nello sbaglio individuale, ma non sbagliando proprio in prospettiva), il Paese del comunismo più duro geopoliticamente più prossimo all’Italia, in caso di svolta in Italia, che andava perciò preparata. E nei confronti della quale bisognava perciò predisporsi.

   Fu il suo “colpo di testa” sbagliato, sia personalmente e sia politicamente, perché in quel torno di tempo la storia in grande (“grande madre di tutti”) aveva ormai decretato, e proprio in prospettiva, su vasta scala, la messa in mora di ogni azione in grande.

   Quello di Iro era stato, pertanto, un errore di scala. Lui stesso ammise quasi subito di aver commesso un errore, ma solo con se stesso. Esternamente non smentì mai la sua scelta e incolpò se stesso, non certamente il partito.

   La scelta che egli aveva compiuto: andare allo sbaraglio, guidato dal presupposto di sé quale individuo moralmente obbligato a un compimento sprezzante di sé per convinzione eroica (gesto, in verità, perfino troppo facilmente assimilabile al “bel gesto” o al “grande gesto” da ideologia borghese, e per di più d’altri tempi), lo portò a trovarsi di colpo davanti allo sbarramento e alla smentita dell’”alto là” delle cose.

   E anche dell’“alto là” dello stesso partito. Il quale partito, anche in questo caso (e lui, Iro, lo riconosceva) aveva, come sempre, ragione.

   L’impeccabilità del teorema lo obbligava all’impeccabilità della sua linea di condotta per conseguenza. E in questa conseguenza sostenuta formalmente in tutta la sua impeccabilità, consisteva per lui l’approvazione di sé, sia da parte del partito e sia da parte di sé, pur nella sua dissidenza, nella quale, peraltro, si sentiva moralmente obbligato, anche per una questione di stile, a permanere.

   Iro era individuo troppo politico per non convenire sull’inevitabilità del prevalere, a tratti, delle ragioni della politica contingente (d’ordine superiore o inferiore che esse siano) nella politica effettiva. Se ne accetta il dato di scotto, quale che sia, ciascuno per la parte che gli compete, nella ragione o nel torto.

   Legge suprema questa, da accettare in pieno per chi si trova a essere in quest'agone che pone la sua posta nell’idea del dover essere, addirittura. E il comunismo, la nuova idea del mondo della trasformazione del mondo in una trasformazione continua, ne accentuava la regola.

   Per quanto riguarda la sorte che in tutto ciò concerne gli individui, ripeteva: “A ciascuno la parte che gli compete”. E la parte che a ciascuno compete è quella in cui, in un dato momento, costui si trova.

   Per questo, egli capiva perfettamente le ragioni per le quali poteva essersi posta tra lui, il comunista di scolta e i comunisti ormai d’apparato, la controversia della differenza e perciò la condizione della conflittualità per incompatibilità da differenza.

   Tale differenza, in Italia, paese da dilettantismo ormai geneticamente radicato, poteva anche essere sottaciuta e, in qualche modo, tollerata, ma nel suo caso d’arruolamento da missione Coliforme, con residuati occultati ancora da Comincerà (ah, la legge della contraddizione comunque ineliminabile!), nell’ambito del comunismo di Praga d’allora, la questione di tale differenza produceva, in dato di fatto, uno stato d’attrito che non poteva non essere inopportuno e quindi di conseguenza sanzionabile.

   Ovviamente il turno del trovarsi dalla parte dell’inopportunità e quindi della sanzionabilità, in quel frangente d’epoca, era toccato a lui: il compagno Rio.

   In tempi così perfezionati nella pratica del sospetto, come quelli d’allora, Iro non poteva non trovarsi a essere sottoposto a sorveglianza particolare, se non altro in ragione dell’applicazione regolamentare della stessa legge del sospetto.

   Niente di grave, né formalmente né sostanzialmente, a suo carico: nessun comportamento da vessazione esemplare, niente condanne aperte da esclusione dai ranghi. Iro restava pur sempre un “valoroso compagno” esemplare.

   Soltanto quel tanto di diffidenza strutturata dell’apparato, nei suoi confronti, e tale da mantenerlo tra coloro che è meglio lasciar sospesi e collocati in contumacia: e, pertanto, da tenere in disparte.

   Fu ciò che avvenne.





Andy Warhol, Falce e Martello, 1976


   Intanto, per prima cosa, il “valoroso compagno comandante Iro”, contrariamente a come, piuttosto idealisticamente, dentro di sé si aspettava, non fu incluso in organismi possibilmente preposti a sempre possibili evenienze, diciamo combattentistiche: più o meno regolari, o più o meno occulte, come succede sempre, trattandosi di cose da sempre.

   No, niente di tutto ciò. Non venne nemmeno “utilizzato”, come sarebbe stato sensato e “naturale”, quale provetto perito tecnico aeronautico, diplomato nel prestigioso “Malignani” di Udine, uno dei migliori, se non il migliore Istituto del suo genere in Italia, nei cantieri dell’industria pesante: le celeberrime Officine Skoda, magari.

   Niente anche di ciò. Successe, invece, del tutto un imprevisto, logicamente un inedito: trovarsi assegnato, e perciò relegato, nel recinto, peraltro mobile, dei lavori agricoli “obbligati”, sia pure con la mansione di sorvegliante in capo (peraltro Rio era nato come un possibile capo) di una tribù di zingari, i quali, nell’idea del partito, diventato Stato, sarebbero dovuti essere convertiti in agricoltori.

   Loro, che essendo gente di tutt’altra tempra, non potevano essere pensati nemmeno come normali contadini.

   Il partito, nella sua concezione ad alta prospettiva, riteneva tale progetto senz’altro politicamente ammirevole, coerentemente concepito e audacemente perseguito ai fini di un razionale ordine delle cose.

   E ciò avendo assunto, come scopo ideale, l’obbligo di orientare verso il suo giusto dover essere sociale (per status e coscienza di classe da doversi acquisire soprattutto attraverso l’impegno nel lavoro) chiunque si trova a essere facente parte del consorzio umano: zingari compresi.

   Anzi, soprattutto gli zingari: i più in ritardo dei consorziati in questo senso, pertanto i primi da dover condurre entro la direttrice evolutiva, storicamente naturale, del corso della specie.

 

   Certo, dare una mano alla storia per mettere nella sua giusta carreggiata la parte d’umanità rimasta ancora dispersa e disorientata neo sentieri interrotti della preistoria, e in piena storia, costituisce una mansione maieutica obbligatoriamente doverosa, oltre che umanamente generosa.

   E Iro, un comunista in questo duplice senso, certamente, lo era. E in questo, con l’assegnarlo a questo compito, il partito, il quale, nel suo profondo, per la componente indubbiamente illuministica che lo guida, aveva individuato in lui un portatore delle qualità appropriatamente specifiche per la gestione di un compito, che aveva, per contenuto specifico, la trattazione delle questioni del passaggio di qualunque uomo e di qualunque cosa dallo stadio del regresso allo stadio del progresso.

   E gli zingari costituivano il materiale umano della prova più ardua della trasformazione in questo senso. La più ardua, ma anche la più impossibile. Iro era troppo intelligente individualmente per non cogliere fin da subito questa impossibilità, che d’ora in poi sarebbe diventata la prova della sua impossibilità a permanere nella possibilità di continuare a essere quello che era e che intendeva essere.

   In seguito, nei suoi quaderni di riflessione, dove gli capitò di mettere sotto narrazione e valutazione la sua vicissitudine, quella cecoslovacca per lo meno, come un trasferimento ottusamente forzoso fuori del corso razionale della realtà, così ne scrisse: “Fui mandato a esistere in una dimensione che non poteva nemmeno definirsi come destinata a volgersi all’indietro nella regressione che minaccia normalmente tutti in ogni forma di regime e di qualunque epoca esso sia, bensì in una dimensione del tutto avulsa dal senso del reale più elementare. Fu quello il mio trasferimento surreale nell’irreale. A un certo punto mi parve di essere stato sbalzato perfino fuori del calendario del secolo.”

   Nondimeno, affrontata da lui come doveva essere affrontata l’avventura cecoslovacca, Iro, come si dice in proverbio, resse l’inverno e il suo freddo.

   Ne capì le ragioni e le controragioni, perché Iro era uomo che aveva per suo movente principale il capire. “Capire è indispensabile soprattutto per aderire veramente con il proprio agire”, diceva; perciò, di conseguenza, cercava di aderire anche con l’azione a tutto ciò che capiva: e a questo fine simboleggiava il suo dire con la sua maniera particolare di porla anche nel dirla.

   Intanto, nel suo capire (nel suo aver veramente capito), si era reso consapevole dell’inevitabilità della contraddizione che si era interposta tra la sua “modalità” d’affrontare la realtà, nei termini della sua teorematicità ad ampio spettro problematico e la massività e “massicità” del procedere del partito: e una volta di più comprendendo l’esigenza del dover “capire” come si potesse e si dovesse saper mantenere in equilibrio le due opzioni di per sé divaricanti.

   Sofisticati i quesiti che ne scaturivano, come il seguente, sempre a proposito della questione centrale del capire: “Che cosa mai, io, e non soltanto come compagno, sono riuscito a capire della realtà attraverso il partito; e che cosa, dovrebbe porsi dentro di sé come problema ogni compagno, tramite me il partito capisce della stessa realtà”.

   Quesito sofisticato? Anzi più che sofisticato. E più che da compagno, era da uomo, per così dire, quasi kierkegaardiano, perciò a matrice quasi teologica. Ebbene, Iro si rendeva conto anche di questo, perché questione inevitabile: la sfida dell’idea del comunismo come “comprensione” complessiva del mondo, si era assunta l’obbligo, più che temerario, ma più che grandioso, di saper risolvere questioni anche generalissime; risolverle e non soltanto porsele.

Il comunismo ha l’obbligo di essere una filosofia totale, là dove le altre filosofie si fermano tutte nella parzialità: non vanno al fondo di ciò di cui dovrebbero andare. Anche fin là dove si spinge la teologia? Certamente, anche fin là. “Finché la teologia non sarà sostituita, non sarà mai superata.”

   Kierkegaard, per altro, era uno dei suoi libri da tavolino. Quell’aut aut, traslato tutto nella piena mondanità dell’agire tutto mondano, cioè politico, lo intrigava non poco.

   Diceva: “A ben riflettere, passa tutto da lì il dramma dell’agire: per il credente di qualunque credo”. La sentenza riguardava la decisione del sì e del no, dell’includere dell’escludere. Questione non da poco perché pone la questione in termini finali, quelli dell’essere e del non essere.

   La questione dell’includere e dell’escludere si era posta in lui come un rovello, che diventò costante, perché è la questione essenziale di chi si trova a essere incluso o escluso dal partito. E lui ne sapeva qualcosa.

   Dai suoi appunti sui suoi quaderni: “Capire tutto, anche il partito e la logica del partito: trasformare gli uomini in compagni e i compagni in uomini di un tipo nuovo di uomini. Non è facile attuare queste trasformazioni. Nel farlo non si può non far passare chi è l’oggetto di tale trasformazione attraverso la severità della selezione: talora erronea e ingiusta.

   Ma è inevitabile e anche accettabile che sia così: chi è compagno volontario sa di mettersi in gioco ed è giusto che il corso della partita decida chi è atto a rimanere in gioco e chi vien messo fuori gioco.

   La logica del partito è certamente inesorabile, ma è logica. Lo è la sua decisione di mettere in gioco o di escludere dal gioco chi ne ritiene idoneo o non idoneo.

   Ma anche chi non risultasse idoneo può sempre essere considerato utile collocandolo in un gioco marginale, se escluso da quello principale. L’interessato stesso, se sa essere un vero compagno, questo lo capisce e si conforma.

   Iro, essendo un vero compagno, questo, pertanto, lo capiva. Lo capiva, però, restava sempre Iro. E anche questo, il partito, a sua volta, lo capiva. Il partito capisce sempre tutto. Da parte del partito non c’era dubbio che il compagno Iro continuasse a essere, nonostante tutto, un “valoroso compagno”, ma la sua inclinazione a intellettualizzare eccessivamente ogni atto (facendone sempre una questione) lo collocava inevitabilmente nel novero dei suscitatori di dubbiosità. E le dubbiosità recano in sé un difetto ineliminabile in sé: risultano contagiose.

   Nei pensamenti dei compagni dirigenti deve allora essersi fatta strada l’idea della risoluzione seguente: un compagno intellettualizzante in eccesso, perché troppo incline al randagismo delle idee, potrebbe venir liberato da questa sua erraticità da dispersione associandolo a coloro che gli sono affini in fatto di randagità costitutiva, gli zingari, pertanto.

   I quali, d’altra parte, essendo mentalmente incapaci di condividerne le sofisticazioni problematiche, ve lo avrebbero accolto sia come simile, sia come dissimile, neutralizzando in questo modo lui stesso e anche l’apporto della sua presenza tra loro, dai quali, peraltro c’era da ottenere una cosa sola: il ricavarne l’eventuale attitudine al lavoro.

   La linea ragionativa dei compagni dirigenti poteva, forse, essere contorta (anch’essa troppo sofisticata), nondimeno era strutturalmente esatta. L’operatività efficace ha sempre l’apparenza di una faccenda distorta: l’essere alquanto distorta fa parte della sua condizione d’operatività efficace.

   Iro conosceva benissimo questa modalità così particolare, ma così eminentemente comunista; e anzi, non solo la conosceva, la condivideva. Per questo, lui, i compagni dirigenti, che sapevano burocratizzare bene la procedura, li capiva; e al posto loro si sarebbe comportato come loro, anche se con tratti diversi, soprattutto in fatto di stile.

   Diversi, appunto, soltanto per il fatto che lui adoperava una terminologia diversa da quella codificata dalla burocrazia vigente, anche se era proprio da questa diversità che sorgevano le motivazioni istitutive di un contrasto da contrapposizione tutt’altro che di superficie.

   Contrapposizione che anche non venendo portata in superficie esplicita, i militanti comunisti sanno che non può mai essere tenuta del tutto non dichiarata e quindi non rilevabile da un altro comunista, soprattutto se si tratta di un comunista d’apparato come funzionario in carica.

   Tutte cose che Iro conosceva perfettamente, perché perfettamente codificate, perciò perfettamente conosciute da ogni compagno che si rispetti. Su questa base di comprensione tra veri compagni ci s'intende, da entrambi i lati del tavolo da dirigenza: tra il compagno investito della funzione d’imporsi e il compagno designato a quella del sottoporsi.

   Il rituale del sedersi al tavolo, da una parte o dall’altra, si svolge sulla base dell’alternarsi dei mutamenti degli eventi, nel più proverbiale degli istituti da che mondo è mondo dell’oggi a me e del domani a te. Il comunismo di guerra non ha perché nell’affacciare un divisamento diverso in proposito. Sicché Iro, l’idealista che sapeva essere molto realista, non poteva non confidare sul fatto che il futuro venturo avrebbe potuto generare la situazione del mutamento per avvicendamento del turno.

   Perciò era in grado di sostenere benissimo la fase d’urto che lo poneva dalla parte di chi deve subire l’urto. Non protestava, non lamentava, non confutava, non contro accusava. Però nemmeno s’incolpava, né si discolpava. Niente autocritica, semmai al posto di questa, e come se fosse questa, la via della critica. Ce n’era di che, e anche di più, per mandare in bestia il compagno ortodosso, messo da lui in difetto d’ortodossia.

    Valoroso compagno era e da valoroso compagno ribadiva. Nell’argomentare, sempre con nettezza ma con pacatezza, faceva configurare il futuro come processo che sarebbe stato dalla parte sua. Era senz’altro un affacciare una forma di minaccia, ma questo tipo di passaggio da incandescenza era pertanto inevitabile. Faceva parte del rischio d’essere compagni idonei alla dirigenza.

  La prova esigeva durezza. Certamente destrezza, ma anche esposizione al rischio del pericolo aperto.Inevitabile anche il passaggio allo scoperto in quanto a messa in mostra d’ostilità: il valoroso compagno, in questi casi, obbediva senza riserve di sorta, ma non senza far trasparire una piega di scherno sull’angolo della bocca.

   Era quel naturale riflesso condizionato, ma anche ostentatamente voluto, dovuto all’orgoglio personale represso che compariva sul volto di tutti i compagni inquisiti, magari a torto e tuttavia costretti ad accettare d’essere in torto.

   Era umano che dovesse essere così. Era previsto, anzi, che dovesse essere così edera auspicato che fosse, infatti, così, essendo questo il segno d’evidenza che il provvedimento di disciplina era andato a segno.

   Puntualmente e immancabilmente capitava a tutti i compagni, il dover sottostare a una simile prova da messa in prova di sé, a indicazione della capacità di ciascuno a esporre la propria parte umana alla rinuncia del residuale troppo umano.

   Tale prassi di rito era, difatti, un rito mediante il quale il partito valutava l’elargizione o la revoca degli incarichi con relative assegnazioni di carismi o di messe al bando.

   Perciò qualunque compagno dirigente, già in via d’essere più dirigente (dirigente di dirigenti, soprattutto futuri), mentre emanava la sentenza di messa in mora del compagno, cui toccava la sorte del trovarsi in essa, coglieva bene il senso di quella piega disprezzo così particolare che compariva sul viso del compagno inquisito.

   Quella particolare contrazione dell’espressione stava a significare che il colpito innanzi tutto reagiva mobilitando in sé, ma trattenendolo in sé il meglio di sé: il proprio orgoglio, il proprio risentimento, il proprio odio. “La tempra è tempra che si tempra con la tempra”.

   L’etica comunista arruola comunisti da dirigenza non per approccio da fraternità (o “compagnità”), ma per confronto da “osticità” (da ostilità): il ciò che occorre per saper essere dei garanti dell’integrità e delle severità indispensabili a gestire, per selettività, la linea di comando con i requisiti richiesti per prova di durezza. “Solo chi sa sopportare i colpi saprà infliggere i colpi”.

Poi, una volta ottenuto di far comparire sul volto del compagno “colpito”, in ubbidienza, il segno di quella smorfia di sprezzo (e nei suoi occhi il balenio della frase pensata: “Compagno, ci rivedremo a Filippi”), il compagno dirigente inquirente, essendo certo, in questo modo, di aver ottenuto ciò che si doveva ottenere, può apporre sul modulario del verbale, a carico dell’inquisito, là dove compare il quesito specifico, il suo rassicurante: “Sottostà”.

  E in aggiunta, se del caso, può accadere che in calce, a futura memoria, possa essere siglata anche, come nota aggiuntiva la breve frase (considerata altamente elogiativa ma tenuta in conto anche come altamente problematica): “è uno che ha capito tutto”.

   Il partito era sempre alla ricerca di coloro che “hanno capito tutto”, avendo cura, però, di tener ben distinti, tra “coloro che hanno capito tutto”, quelli che non creano problemi da quelli che hanno la tendenza a creare problemi.

   Di Iro si era sicuri che fosse uno “che ha capito tutto”, ma non si era altrettanto sicuri che fosse di quelli che non creano problemi. E questo era propriamente il problema del compagno Iro.

    E in politica, giacché in dubio contra reum, anche se non si è reo, Iro si procurò la sua messa al bando sotto forma di una messa in prova: essere collocato nell’esperimento di trasformare gli zingari in agricoltori, cioè farne dei contadini, vale a dire il trasformarli nel loro contrario antropologico.

    A evitare questa risoluzione impropria non valse che egli facesse presente: “Io sono un perito tecnico, non un perito agrario”, facendo notare l’incongruenza, indizio quasi certo di una mancata riuscita dell’esperimento. Ciò che, peraltro, il partito già sapeva da sé.

   Da qui la convinzione in Iro, che se il partito sapeva (e ci voleva poco a capire che sapeva e che, pertanto, così voleva), a conclusione dell’incerto e indefinito periodo di tale incarico, egli sarebbe stato ritenuto responsabile dei risultati estrinseci e intrinseci (sicuramente fallimentari) di una simile impresa.

   Ne seguiva che, in conseguenza di ciò, sarebbe stata elaborata su di lui la nomea di non idoneità a ricoprire, in futuro, incarichi da dirigenza: ed è ciò che avrebbe pesato su di lui in vista soprattutto del suo ritorno, sempre possibile, in Italia, se in Italia possibilmente le cose potessero essere cambiate a favore della immancabile prosecuzione del decorso storico della Rivoluzione.





Gruppo in posa di zingari Rom


   Ovviamente nella decisione di destinare Iro al compito di socializzare, per socialistizzare, gli zingari, era stata presa dai dirigenti praghesi su parere dei compagni dirigenti italiani sul posto: “la legione straniera italiana”, di etnia prevalente emilo-romagnola, notoriamente sanguigna, ma a inclinazione, altrettanto notoriamente, prelatizia. Differenza non da poco per non manifestarsi come un non accordo.

   Tuttavia, sempre ben informati dei fatti e dei misfatti su chi erano tenuti a essere informati, anche i compagni italiani, a conoscenza dei trascorsi di Iro quale già comandante partigiano efficiente in fatto di raggruppamenti d’uomini riottosi, trovarono che l’idea di mandarlo a occuparsi degli zingari (genia riottosa per definizione) fosse quanto mai indovinata.

   I compagni dirigenti decidenti erano certi che, una volta mandato a vivere tra gli zingari, l’uomo Iro, in quanto a individuo da contagio problematico, ne sarebbe stato neutralizzato. Lui, gli zingari, li doveva istruire all’uso del piccone, della vanga e della falce (compito già immane di per sé), mica all’acquisizione della visione dialettica delle cose (scelta dell’irrealtà e dell’impossibile).

   Tenuto conto di questo secondo punto, si poteva essere più che sicuri che gli zingari, per tutto ciò che non avrebbe riguardato il lavorare i campi, non lo avrebbero né ascoltato, né capito, né recepito.

   E questo, effettivamente, tutto a suo vantaggio.  A suo vantaggio, inoltre, per sua fortuna, non c’era niente che desse appiglio al sospetto di propinquità a posizioni imputabili di opportunismo, settarismo, frazionismo e così via, né tanto meno da influssi di trozkismo o titoismo (per uno che venisse dalla marca del Friuli, lo sguardo, in questo senso, era viepiù indispensabile).

   Niente di tutto ciò, nemmeno alla lontana: tanto più che Iro nutriva un orrore istintivo per ogni forma di fronda. Questo di lui lo si sapeva ed era di ciò che si faceva forte con un eccesso di sicurezza.

Ed era questo eccesso che lo rendeva così sicuro di sé in quel suo modo di tener testa in modo così personalistico: indisponente, per altro, per via del suo ricorso al parlare ellittico e intellettualistico, perciò palesemente inficiato dalla sua credenza nell’autonomia di un io troppo individualistico. Un troppo di complessità e un troppo di complicanza messi assieme.

   Di norma i troppo complessi sono i più evoluti e i troppo complicati sono i meno evoluti. Iro era pertanto da collocarsi tra i primi e gli zingari tra i secondi?

Poteva darsi. Anzi, era così senz’altro. Ragion per cui era un assurdo il fatto che si fosse deliberato di farli stare assieme.

   Assurdo sì, fin che si vuole, ma non si poteva pretendere nella gestione delle cose di allora, con il comunismo d’allora, in quel frangente particolare d’allora, si dovesse star lì troppo a tergiversare sulle differenze che passano tra complessità e complicanza tra gli uomini, dei quali bisognava decidere la sorte su due piedi, e non in punta di piedi. La Rivoluzione esige passi da marcia e non passi da danza.

   Il buon senso da prassi risolutiva insegna che, sia nei casi troppo complessi e sia nei casi troppo complicati (dove c’è troppa intellettualità o troppa primitività), la soluzione migliore, da adottare, si riduce sempre a una sola possibilità: semplificare.

   Semplificare vuol dire unificare. Unificare significa uniformare. Uniformare vuol dire mettere tutto assieme. Il mettere tutto assieme è comunque un ridurre a unità ogni diversità.

    L’individuo Iro era un di troppo sotto l’aspetto d’umanità evoluta? Concediamolo. E l’insieme degli zingari era un di troppo della complicanza da umanità involuta. Ammettiamolo. Ma una volta concesso e ammesso tutto questo, resta da costatare che, essendoci quel troppo da entrambe le parti che li accomuna, bene, li si accomunino insieme.

   Vuol dire che ci penserà poi l’azione collettiva, che utilizza entrambi ai suoi fini superiori, a rendere le loro diversità proficue, avendole semplificate ai fini di quel che occorre e che si deve.

   La trovata fu indubbiamente geniale: derivata senz’altro, per eredità dell’attitudine al comando, da chi storicamente l’ha sempre praticata con fastosa grandezza. Qui viene spontaneamente da riferirsi alla scolastica gesuitica: quella dell’assegnare a un adepto, in odore di controversia, un compito diverso (e perfino avverso) da quello per cui costui sarebbe conformato per sua propensione.

   Mandare qualcuno a insegnare una cosa che non sa a chi, tra l’altro, non è né predisposto né disposto a impararla; e farlo in modo che finisca per apprendere ciò che non sa e che di conseguenza diventi anche ciò che non è (in aggiunta e magari in sostituzione di ciò che è), costituisce un’azione da concepirsi, pedagogicamente, senz’altro in grande. 

   In calce a una simile decisione che così sbrigativamente lo determinava, Iro stesso venne a sapere di un commento espresso dal responsabile in capo della “legione straniera italiana”, stabilitasi a Praga, il quale, al momento di siglare il mandato dell’assegnazione di Iro alla colonia degli zingari da colonizzare, usò testualmente le seguenti parole: “Ben gli sta. Così impara.”

   Parole poi completate, nell’atto di conferire a lui stesso, Iro, l’“incarico di fiducia”, con l’aggiunta della seguente frase: “Ora il compagno Iro, avrai finalmente l’occasione per far buon uso della tua dialettica.”

 

   Nei suoi Quaderni d’appunti, Iro, assieme ai “ragionamenti”, non trascurava i “racconti”, tra i quali era ricorrente il ricordo dei mattini, allo spuntare del giorno, quando al centro dello spiazzo tra le baracche d’alloggiamento gli zingari, radunati e inquadrati, erano poi caricati sui carri che li avrebbero portati al lavoro dei campi.

   Sui carri vi salivano già rifocillati per la prima parte della giornata, portandosi appresso le razioni delle loro cibarie da intruglio per il resto, in seguito, non senza aver prima intonato coralmente l’obbligatorio canto della Varsavianka con parole di uno strano cecoslovacco, che sarebbe risultato incomprensibile anche un vero cecoslovacco. Figuriamoci a Iro! Ma incomprensibile anche agli zingari stessi che la cantavano. Iro, infatti, ne era del tutto certo.

   L’inno, però, cantato in coro mentre spuntava il giorno conservava lo stesso la sua solennità originaria e il suo senso da alto strazio edificante: straziante soprattutto perché si capiva che quell’inno glorioso, con il suo ideale di gloria, niente aveva a che fare con la non ideale esistenza che gli zingari si facevano bastare per quel che era per sua natura di natura.

    Gli zingari, comunque, si conformavano all’inno e lo eseguivano. Annotava Iro: “Sembrava di essere a teatro al tempo dei miei nonni, col fascino dei cori. Doveva essere così al tempo dei miei nonni, perché anch’io ne ero affascinato.”

   Gli zingari si rifacevano poi del loro stesso strazio, che non potevano a loro volta non provare, ricompensandosi con i loro canti di tradizione, quando, dopo aver sorbito la brodaglia della refezione, distribuita nelle ciotole dalle donne in frotta e in cicaleccio assordante della tribù (tutte in gonne lunghe, ampie, variopinte e con addosso tutta una cianfrusaglia di collane e pendagli da vera sonagliera), saliti sopra i carri a sponde alte e oblique a mo’ di rastrelliere, durante tutto il tragitto per raggiungere i campi designati, sempre lontani, dando di piglio alle loro fisarmoniche, sempre appresso, si abbandonavano alle loro nenie nostalgiche.

   Già, nostalgiche senz’altro, ma nostalgiche di che? Era difficile capire di che cosa gli zingari potessero sentire nostalgia, se non del loro vivere di prima che ora era loro detto che d’ora in poi sarebbe loro stato negato.

   Cantavano, quindi, della loro cattività? Certo. Senz’altro. Non poteva essere che così. Ed anche qui l’impressione da rievocazione di un recitato di realtà come all’opera del tempo dei suoi nonni, si affacciava insistentemente alla mente di Iro, sempre più convinto di essere diventato non tanto uno spettatore, ma propriamente un vero personaggio, mandato, per una sorta di sortilegio, a perdersi nell’irrealtà.

    Iro, collocato sul carro di testa, accanto allo zingaro conducente (l’anziano capo della tribù: pietosamente taciturno e pietosamente ieratico, che trattava con Iro soltanto a monosillabi col mento eretto verso l’alto, meritandosi negli appunti di lui, l’appellativo di “antico ittita”), nei suoi stessi appunti confesserà che si sentiva contagiato dalla malinconia nostalgica di quei canti come se fossero anche suoi e riguardassero direttamente lui.

   Era all’ascolto di due volte il giorno: sul fare del mattino, all’andata, sul fare della sera, al ritorno. Erano quelle le ore prescelte dagli zingari per lamentarsi della loro schiavitù babilonese.

   Solitamente scansafatiche in tutto, in questa esternazione facevano eccezione e non si davano tregua: mai che di tanto in tanto si risolvessero ad appendere ai salici le loro piangenti fisarmoniche, anche nelle allegrie. Iro annoterà: “Ero in pieno Chagall.”

   Gravato da un profondo senso d’angoscia, non poteva non chiedersi come mai fosse finito con costoro immerso in una sorte che non poteva, in alcun modo, essere la sua: e per di più nei migliori anni della sua vita.

   Non poteva distogliersi dal pensiero d’incubo che se gli fosse toccato di vivere troppo a lungo con costoro, sarebbe potuto diventare come costoro: alla fine un similare a loro, uomo dal destino indefinito, come difatti, ma in senso del tutto diverso da lui, lo erano anche loro. Era pertanto la condizione indefinita che lo associava a loro. Uno zingaro anche lui? Ecco una cosa d’orrore.

   E inoltre: che cosa ne sarebbe stato di lui, a vicenda zingaresca conclusa, quando inevitabilmente sarebbe arrivato il giorno in cui la rete del partito avrebbe dato lo strattone al filo, con cui lo teneva legato, chiamandolo a render conto di un conto che non poteva tornare?

   E a proposito del tornare, lui come ne sarebbe tornato (ma tornato dove?), dopo aver attraversato l’abnormità (l’astrusità) nella quale si stava, difatti, inoltrando?

   Era già di per sé un’astrusità la circostanza per cui si venisse a trovare in una dimensione della realtà concettualmente impraticabile. Mettendo la cosa in elenco, impraticabile in più sensi: geograficamente sul crinale tra l’occidente ceco e l’oriente slovacco (indubbia allegoria della divisione in Oriente e in Occidente del mondo di allora); storicamente sul crinale tra capitalismo e comunismo; antropologicamente sul crinale tra contadinità e zingaralità; esistenzialmente nel crinale tra storia e protostoria. Meglio sarebbe stato dire: tra storia ed extrastoria.

   Anche la lingua cui faceva ricorso era una lingua extrastorica: un misto di tedesco quanto mai rudimentale, accompagnato da locuzioni frammentarie in ceco (e lì sul posto anche in slovacco), assieme a espressioni da gergo zingaresco, proprio della tribù alla quale era stato assegnato e che gli era stata assegnata.

    Dopo lunghissimi mesi di comunanza con costoro, nel loro e suo isolamento, Iro si era assuefatto all’impiego di una lingua aliena, composta di frasi monche con i verbi all’infinito e in stile nominale, proprio degli alloglotti e dei principianti semianalfabeti.

   Era una lingua primordiale e stentata, ma proprio per questo stentorea e suffragata dall’enfaticità dei gesti codificati come indicatori supplementari delle azioni da doversi compiere (o da non doversi compiere), trattandosi, infatti, per lo più di ordini da impartire e da recepire.

   Gli zingari stessi, a volte, per compiacenza (con ironia da cortesia) sorridevano quando inevitabilmente sorgevano errori da malintesi, ma a loro onore va detto che non approfittavano delle défaillances linguistiche per eludere, dolosamente per lo meno, e direttive che a loro erano annesse. Sia pure pigramente (anzi pigrissimamente) obbedivano.

   Gli zingari, ovviamente, si comportavano zingarescamente, ma non ribellisticamente. Espletavano ciò che dovevano espletare, alla stracca, senza identicarvisi, certo, con quello che facevano: più che agire mimavano le azioni del loro agire, indifferenti al risultato delle azioni stesse. Non c’era in loro traccia di gaudio del lavoro fatto, se fatto bene. Infatti, non era mai un lavoro fatto bene.

   Non si può dire che barassero nel fare finta di fare: non nascondevano per niente di avere bene espressa in faccia l’assenza d’ogni segno di condivisione. Sbrigavano le faccende, più mimandole che sbrigandole, mantenendo con queste le dovute distanze; e non solo con le faccende, ma soprattutto con chi gliele imponeva. In quel caso, con Iro.

   Tramite tra lui e loro: il baffuto ittita, il capo tribù, deferente, certo, ma mai confidente. E si vedeva che ci teneva a non ispirare fiducia, sicuro in ciò di aver espresso bene il sentimento steso della razza per tutta la sua comunità con un'esibizione d’indifferenza imperturbabile.

   Iro era pur sempre l’uomo che rappresentava il partito. E Iro, come uomo che rappresentava il partito, tanto più ne investiva la divisa dell’indifferenza più che imperturbabile. In aggiunta, egli stesso, dal punto di vista di se stesso, lui rappresentava anche se stesso nella sua sostanziale indifferenza a questo compito che altro non meritava se non l’indifferenza: il solo modo per salvaguardarsene.

   Diecimila anni di evoluzione della specie umana ponevano una grande differenza tra queste due indifferenze reciproche: quella dell’antico ittita, appartenente a tempi già scomparsi nel tempo e quella dell’uomo dei tempi nuovi, Iro, che i tempi nuovi, invece, avevano relegato dove l’uomo nuovo non avrebbe potuto mai esserci.

   C’era indubbiamente della solennità aristocratica in tutto ciò. I veri aristocratici non concedono niente di sé ad altri, trattando con altri, e non simulano d’essere altri da quel che sono. Nello scambiare le cose non barattano niente delle loro forme: e certamente non mutano le maniere e non le rendono scambievoli.Ognuno sia per sé quello che è, e tale resti.

   Ebbene, Iro e gli zingari, in questo loro non voler intendersi e confondersi, se lo intendevano benissimo nel mantenere le distanze. Ed era probabilmente per questo suo distacco ben marcato che gli zingari lo rispettavano e lo capivano: di conseguenza lo obbedivano.

   Lui, a sua volta, si può dire che fosse il primo a esibire il suo rispetto umano verso di loro, in base a un concetto che egli adottava con tutti (zingari o non zingari, compagni o non compagni, amici o non amici): maxima debetur homini reverentia, tenendosene però il più possibile alla larga. 

Certo, quale rappresentante d’esecuzione della volontà del partito che imponeva tremore, e all’occorrenza terrore, imperatività e azione a tutto il mondo, Iro riusciva, per la sua parte, a ottenere da loro (i marginali del mondo) (nella loro porzione infinitesima di mondo) quel tanto d’obbedienza che abbisognava al compito assegnato: dar luogo al comparire di un collettivo d’impresa da chiamarsi kolkoz o sovcos, o chi lo sa che cosa.

   Agli zingari né il nome né il concetto potevano importare gran che. Gli emarginati del mondo non si sentono implicati nelle intraprese per la trasformazione delle cose, essendo dei refrattari per costituzione a ogni trasformazione, e tanto più se, addirittura, alla trasformazione del mondo.

   Loro, dal canto loro, subivano fatalisticamente gli urti che a tali trasformazioni conseguivano, ma non percepivano i mutamenti che ne seguivano: non li assimilavano e non li assumevano. Situati geneticamente nelle tabelle mendeleveiane dell’esclusione sociale, essi facevano dell’esclusione lo status della loro condizione come se fosse l’ottimale.

   Nell’ambito esclusivo (ed escludente) della loro condizione d’esclusione, essi si sentivano semmai come salvaguardati e perciò stesso continuavano a essere e a restare quello che già erano: immutabili.

   Non avvertivano alcun bisogno di dover cambiare per migliorare. Migliorare che? Concetto da cui, semmai, doversi tenere al riparo come da una minaccia, purtroppo sempre incombente da parte da parte dei civilizzatori, soprattutto quando questi si ergono a interpreti diretti dei mutamenti della storia: rispetto ai quali essi, pertanto, accentuavano quel loro modo di presentarsi ostentatamente e provocatoriamente bardati della loro ispidità di repellenza difensiva, in superficie almeno, ma intimamente offensiva. E questo lo si capiva.

   Avvolti in questa loro immagine scostante, essi se ne avvalevano nel fare mostra della loro mancanza di timore reverenziale o di possibile acquiescenza verso gli affronti da disprezzo di cui i civilizzati sapevano far uso contro di loro, anche con i mezzi della violenza, se occorreva: col dare di piglio ai randelli e agli scudisci, se borghesi; o con i forconi e l’aizzamento dei cani, se contadini.

   A questi affronti essi opponevano l’affronto della loro immagine da affronto, che caparbiamente non smettevano mai da contrapporre e da esibire. Le loro donne erano un corale da prefiche delle maledizioni, addette ai culti terrificanti delle superstizioni: la religione più forte perché ineliminabile.

   Inoltre, essendo essi congegnati per una vita esposta alle intemperie fisiche, in stretta concomitanza lo erano anche per una vita sottoposta alle intemperie storiche. Intemperie sotto le quali sapevano acquattarsi, vendicandosene, con l’aggiunta del loro contributo da razza da rapina e da scorreria.

Non erano certo loro a richiamarsi al diritto delle genti per equipararsi a coloro che li consideravano extra legem, anche perché extra legem essi lo erano veramente ed erano orgogliosi d’essere tali. La loro bradità e la loro mobilità, la loro non stanzialità, erano semmai i fattori indispensabili per tenersi il più possibile, se possibile, alla larga dai repentini e ricorrenti conflitti che i civilizzati (costoro sempre coinvolti in dispute e conflitti “di civiltà” da edificare o da distruggere, mettevano puntualmente in essere).

   A questo proposito, la tribù degli zingari di Iro ne sapeva più di qualcosa per diretta esperienza, anche prima di venir sottoposta alla vicissitudine, peraltro del tutto inedita, imposta dalla progettualità della progettualità comunista della trasformazione di natura, quando, per dichiarata avversità di natura, la tribù era riuscita a sopravvivere dalla cattività nazista, che fu la più radicale.

   Comunismo e nazismo: due nuove specie da loro annientamento nel giro di pochi anni in uno stesso secolo. Due gigantesche dimostrazioni in più da sopportare a quelle aggiunte dalle sopportazioni secolari dei loro avi.

  Iro, però, era uomo che metteva in conto questa loro realtà e ne teneva conto nella sua linea di condotta su di loro, ponendosi in equilibrio tra la sua e la loro reciproca estraneità.

  Loro gliene erano quasi grati. Il partito lo aveva mandato solo e ciò li induceva a un misterioso rispetto: sia perché l’entità partito aveva reputato che da solo egli bastasse a tanti e sia perché avevano anche capito che si voleva che restasse solo. Quindi un collocato in auge d’autorità, ma al tempo stesso esposto alle sanzioni di chi è troppo solo. Era per loro evidente che egli fosse sì il depositario del privilegio di un’operazione di selezione e di scelta, ma anche un designato a fare da bersaglio.

    Era evidente che quell’uomo mandato tra di loro solo era del tutto solo: un'evidente condizione di debolezza, di cui era bene valersene. E, infatti, nella loro astuzia repentina avevano perfettamente capito che avrebbero potuto approfittarsene non approfittandosene.

   Lo spirito d’accortezza della tribù, con l’opportuna malleveria del suo capo in testa, inquadrò fin da subito la situazione. Il ragionamento da doversi fare era probabilmente complesso, nondimeno completo e quanto mai esatto.

   Finché il partito, che tutto poteva su cose, uomini ed eventi, riteneva che un uomo solo fosse bastante a dominare del tutto il loro insieme, voleva dire che non si sarebbe fatto ricorso all’impiego di un numero maggiore di “dirigenti” imposti.





Una tribù di zingari Rom deportati


   Gli zingari avevano immediatamente capito che “guai per loro” se “guai a loro” quell’uomo mandato solo in mezzo a loro non fosse riuscito a essere bastante alla bisogna da solo, cioè se si fosse dovuto valutare, da parte del partito, che un uomo solo non bastasse per tenerli a bada.

   Iro non era meno acuto di loro: capì benissimo questa loro acutezza. E anche loro capirono che egli aveva capito. Sicché tra questi due abissi di differenza d’intelligenza, la sua e la loro, si era venuto a stabilire un equilibrio da piena intesa, mai detta, mai discussa, mai espressa, ma, per l’appunto, perfettamente capita.

   Postasi in questo modo la cosa, la vita difficilissima del compagno Iro sembrò diventare una vita quasi facile, ma era una facilità d’apparenza. Alla fin fine era lui il più costretto a porsi in autodifesa e in uno stato dall'erta. Un uomo solo è pur sempre un solo ed essere solo in un insieme significa che sarà sempre l’insieme alla fin fine a dover prevalere.

   Anche se recintata e requisita (messa d’autorità in piena cattività dalla potenza del partito: onnipotente in fatto di potenza), la tribù rimaneva identica a se stessa. Lo era e lo rimase e a tale punto della sua capacità di pervicacia da essere lei a trasferire la propria impronta d’essere all’organismo che il partito pensava di dover imporre loro con la propria impronta.

   A poco a poco, nella prassi continua d’ogni giorno, l’idealità dell’epica e dell’etica del lavoro, promossa dal partito, era stata mutata dalla contro epica e dalla contro etica dall’organicità della tribalità zingaristica nel suo esatto contrario.

   Lo spirito da comunità (e non certo da comunismo ideologico) che aleggiava in quel distaccamento da lavoro carovaniero non era certamente quello che si conviene a un kolkoz, piuttosto a quello di un bivacco gironzolante da componente di un’orda, in cui i suoi membri si erano adattati in modo tutto loro, vale a dire alla zingara.

   Si era così venuto a verificare un rovesciamento dei fini e degli intenti, di cui, non certamente loro, ma piuttosto Iro ne veniva a subire oggettivamente le conseguenze.

   Quel vivere con la tribù, nell’humus della tribù, aveva fatto di lui un loro sequestrato. Con l’andare del tempo era lui che era stato trasformato in ostaggio: il vero deportato, il vero prigioniero era lui, non loro.

    Prigioniero e ostaggio due volte in una duplice alienazione: quella che gli era inflitta dal partito che lo aveva mandato “al confino” tra gli alieni di natura e di fatto, e quella che questi stessi alieni paraumani gli facevano subire col loro ethos da degrado perfino compiaciuto. Era un vivere immerso nella repellenza di umori, odori, sapori, afrori e ritualismi ad alta intensità da ripulsa: un conglomerato di percezioni e sensazioni descrivibili come nient’altro che un ammucchiamento da umanità da stallatico (e da voltastomaco).

   Iro era tutt’altro che uno schifiltoso di stomaco: sopportava benissimo la propinquità con la componente bestiaria, se di necessità essa dovesse essere affrontata, ma non per questo essa cessava d’essere considerata da lui come realtà da mera bestialità, che come tale dovesse essere valutata e trattata.

   Nella progressistica partita di civiltà per il mutamento della realtà e dell’identità (di tutti i popoli), intrapresa prometeicamente dal partito, di cui Iro, per la sua parte infinitesima, nella infinitesima cellula del reale umano costituito da quella tribù di zingari negli altopiani della Moravia, sarebbe stato, in effetti, lo scacchista delegato a compiere le mosse da comando, succedeva, invece, che l’atavismo della tribù contro giocasse meglio di lui la partita della propria preservazione identitaria: preservazione apertamente ricusatoria del mutamento proposto.

   La tribù, avendo dalla sua i poteri dell’inconsapevolezza, che sono i poteri occulti della natura, non dette segni di resa della sua natura a favore dei poteri forti della ragione che le erano proposti e imposti dall’epopea del partito, che in questa partita particolare aveva delegato Iro a farsene portatore e decisore.

   Iro, peraltro, perfettamente consapevole della non riuscibilità dei risultati, si è andato sempre più confermando nel sospetto (diventato ben presto convinzione quanto mai radicata) che in tutta questa vicenda ci fosse un grosso errore d’impostazione (e forse di concezione) da parte del partito.

   Farsi venire l’idea di poter costituire un’unitarietà comunista a partire da un’unità comunitaria di stampo primitivo non dissolveva per niente la primordialità arretrata della stessa, semmai la confermava rafforzandola.

   Sicché il proposito di trasformare un collettivo di sussistenza e d’esistenza in collettivo da lavoro sociale finiva col favorirne l’aspetto che s’intendeva di far superare.

   Era, pertanto, una pretesa da incongruenza quella di voler tramutare degli zingari in contadini e per di più in contadini dalla coscienza operaistica avanzata: farne dei proletari ideologicamente compiuti.

  Il paradosso era questo: che gli zingari di per sé erano già da millenni dei proletari compiuti e non avevano bisogno di diventare lavoratori comunisti per conformarsi nella loro stessa comunitarietà, senza bisogno di passare attraverso la convinzione dedotta dalla comunisticità. 

   A Iro, in questa faccenda da trasformabilità della zingarità in progressività immediata, sembrava che il partito, per dirla in leninismo corretto, venisse a mancare di analisi concreta della situazione concreta.

   Da ciò che andava via via costatando, a lui risultava che la tribù, pur nel suo mostrarsi acquiescente nel farsi inserire nell’ordine organizzato per la loro trasformazione socialitaria, si stava invece avvalendo della propria inclinazione alla simulazione per ricavare in esso la nicchia d’accampamento a conferma del suo modo usuale di lucrare passivamente, se non addirittura parassitariamente, la vita.

   Non era quindi il partito, che col suo potere d’imporsi materialmente (carcerariamente) sulla tribù la stesse includendo nell’orizzonte superiore dell’idealità comunista, era piuttosto la tribù che si avvaleva di ciò che il partito le imponeva ai fini della conferma e prosecuzione della sua stessa tribalità.

   Il partito, pertanto, si sbagliava? In parte sì, in parte no. In parte no, perché in parte sapeva, pur facendo mostra di non sapere. E quindi se sbagliava, sbagliava di proposito. Perché? Iro ci ragionava su un simile perché.

   Il vero pensiero del partito, che aveva tutto il tempo davanti a sé, non era quello della trasformazione delle specie non socializzate in specie socializzate, se non so socializzabili, ma quello della loro estinzione.

   Nel frattempo (il frattempo della trasformazione, cioè dell’estinzione completa, finché questa non fosse storicamente compiuta) bisognava darsi da fare inventando dei provvedimenti di sostituzione della trasformazione impossibile, col simulare che possibile lo fosse.

   Iro, in linea di principio, era d’accordo su questa linea di condotta, perciò a maggior ragione poteva rendersi consapevole della valenza della sua missione della condizione della sua situazione (questa sì, per lui, veramente concreta).

Non gli poteva, infatti, sfuggire che, nel progetto avviato dal partito, la funzione alla quale egli era stato assegnato era essenzialmente una funzione falsa: una funzione-inganno, in cui, lui, Iro (il compagno Iro), era stato incluso come strumento della funzione stessa, oggetto, pertanto, egli stesso, dello stesso disegno da inganno.

   La parola "estinzione" non riguardava soltanto il futuro sia pure lontano della tribù, più da vicino riguardava anche lui come strumento che a questo fine era stato assegnato.

   Con tale convincimento, introiettato sigillato entro di sé, Iro andò accentuando sempre di più, da vero individualista per elezione genetica, qual era, la propria propensione a marcare sempre di più i tratti di chi professa l’atteggiamento da filosofia da secessione.

   Se ne fece, infatti, un sistema da studio con tanto di catalogo di autori che rispondessero a essa; e anche a procurarseli. Come sia riuscito, nella Cecoslovacchia comunista, Paese che ormai poteva impartire lezioni di ortodossia zdanoviana alla stessa Unione Sovietica, a procacciarsi un’edizione italiana, datata 1920 dell’Unico e le sue proprietà di Max Stirner, fa parte dei misteri avventuristici di cui Iro aveva intessuto la sua vita. Vita, pertanto è il caso di dirlo, singolarissima.

   Evidentemente nelle intercapedini complesse della “vulgata obbligata e sorvegliata” della monumentalità del comunismo organizzato, nei suoi stessi meandri, sempre in fermento, si erano sempre mantenuti occultamente attivi gli intrecci delle varie Internazionali ereticali, che, nel corso della storia ormai secolare delle diverse rivoluzioni tentate, da tempi già positivistici, avevano accumulato una congerie di testi da considerarsi proibiti e perciò stesso “revisionabili e rivisitabili”.

    I quali testi, tuttavia, avevano continuato a circolare, in genere sottobanco, ma anche sopra banco, giustificati dall’argomentazione seguente: “Per combattere al meglio l’errore bisogna conoscerlo al meglio.”

   Ragionamento da china pericolosa, lungo la quale proprio chi si espone come confutatore dell’erranza può finire col diventarle l’assertore, se mai ritenga, a un certo momento, di dover scoprire che la via ritenuta orientata verso l’errore può essere, invece, quella che conduce a una verità più avanzata.

    A costui, perciò, può capitare di poter trovarsi in una china così notevolmente inclinata che non può non essere colta come pericolosa da chi, esperto nella pratica del sospetto, è addetto a sorvegliare il grado d’inclinazione della china stessa.

Può succedere allora che tra questi esperti dei testi di questo genere, tra compagni che vengano a trovarsi divisi tra coloro cui spetta la parte degli inquisitori o la parte degli inquisiti, venga a porsi in essere un retro criterio mortale per entrambi, perché usabile da entrambi come criterio da messa sotto accusa reciproca, per cui chiunque da compagno si arroga il ruolo di minacciare un compagno di essere un revisionista sovvertitore, può essere sempre subire la ritorsione di esserlo lui: revisionista sovvertitore. Perciò: “Compagno, guardati dal compagno”. Detto altrimenti, in forma ancora più protocollare: “Cave comitem, comes!”

   Per questo, chi si viene a trovare sul percorso di questa china inclinata, sa che lo sta percorrendo a suo rischio e pericolo e che deve, perciò, a sua tutela, percorrerlo da solo, in segreto, tacendo il suo divisamento.

   Ma poiché se si può tacere ciò che si pensa, ma non si può tacere ciò che si fa (o non si fa), se deve parlarne, ne parlerà come se si trattasse d’altro, trasformando il senso di ciò che fa come se fosse tutt’altro da quel che è. Lo tratta in astratto, “alla simbolica”: insomma allegorizza e intellettualizza. Ne fa una questione da problematismo dell’estetica; e in questo modo lo neutralizza, anche con se stesso.

    Era con questo involucro da stile a involuzione ricercata che Iro, infatti, metteva giù i suoi pensieri nei suoi Quaderni criptici ad usum sui: niente di male, perciò, se poi si rivelassero, in parte, inutilizzabili, perché, di fatto, in parte ininterpretabili. Anche se solo in parte. 

   Ad esempio: “Essere comunisti fa parte dell’eroico, ma l’eroico è impervio. E’ ovvio che l’essere comunisti sia impervio: è il prezzo dell’eroico. Un eroico tutto particolare perché consiste nella ricerca di un grado sempre maggiore di purezza, da conseguire attraverso l’impurezza. Capito questo allora si capisce…”

   Ma, per fortuna, il comunismo è un tutto che consente e impone il ripensare il tutto. Iro si sentiva in dovere verso quest'assioma attenendosi in tutto. Eco in che cosa deve consistere il continuo lavoro interno di un comunista pensante: far sì che ogni particolare del reale si articoli con il tutto del suo essenziale.

   Programma immenso di tutta l’umanità, in tutta la sua storia: ed è arrivato il momento della storia di darne inizio, ora, fino al suo compimento completo. E quindi: ”All’opera!”. L’opera di pensiero.

    Per questo, ecco che, dopo l’azione di vigilanza diurna sull’operare della tribù al lavoro, quella della meditazione notturna sulle idee era, perciò, la più importante.

   Di giorno operava disciplinatamente da comunista in stivali da comando, di notte sintetizzava la reductio ad unum prendendo appunti dai testi, anche quelli più pericolosi, perché, in effetti, i più eroici: al tempo stesso i più inquietanti, ma anche i più rassicuranti, perché i più appaganti. Si sarebbe detto, anzi, ancora meglio, i più entusiasmanti.

    Nella sua stanza da baracca con branda, su uno scaffale a sinistra della finestra i manuali d’agricoltura e la condotta d’azienda in regolare tedesco (i crucchi sempre loro i primi in ogni disciplina), mentre sullo scaffale a destra della finestra i “classici” di un tempo e del tempo.  E tutto da consultare, da considerare e da chiosare al lume di una lampada a petrolio.

   Sul tavolo da magazzino sgangherato: carta, penna, calamaio e carta assorbente e la sua retrocessione a decenni precedenti era perciò al completo. Un salto indietro della storia per trovarsi meglio a meditare sulla storia. Il pensare il tempo faceva, pertanto, parte della sua opera notturna, perciò con un grosso orologio da tasca con catena che lui, di solito, posava sul tavolo davanti al testo posto sotto consulto.

   Un orologio di foggia desueta, quasi antico ormai, che il padre gli aveva regalato simile a quello che era stato dato anche all’altro figlio, quindi il solo fratello di Iro, uno dei millequattrocento sepolti in fondo al mare in seguito all’affondamento della corazzata Roma, in data 9 settembre 1943 al largo del Mare di Sardegna. Anche quella volta i tedeschi, con le bombe radiocomandate FX/1400, dimostrarono di essere tecnicamente i migliori.

   Sicché, nell’ordine di tempo: un padre reduce della prima guerra mondiale, un fratello perito durante la seconda guerra mondiale e lui stesso reduce della seconda guerra mondiale.Ormai un reduce? Un partigiano un reduce? I partigiani non vanno in congedo, anche perché non hanno finito l’opera. Ma lui, lì, dove si trovava, in Moravia era peggio di un reduce: era un ormai caduto in vista della terza guerra mondiale. Anzi, uno dei primi caduti d’essa. E quel che era peggio, un caduto mentre era ancora in vita.

   Lui, un valoroso comandante di uomini superiori, finito a far da guardiano a uomini inferiori e relegato a mansioni inferiori? Lo scarto di caduta era troppo abissale per non suscitare un moto di ribellione che gli veniva dal profondo delle proprie cose e dal profondo delle cose stesse.

   Sicché da fronteggiare, non c’era soltanto la situazione concreta da sconfitta personale concreta, ma anche lo ergersi contro di sé della propria passata grandezza con quel terribile rimprovero: “Ma che fai, individuo, che fai? Se nei tuoi vanti c’è l’essere stato un ribelle, perché, ora, non ti ribelli?”

    Più umanamente c’era anche da mettere in conto i sacrifici e l’orgoglio di un padre che voleva fare che i figli avessero nella vita la dignità che in vita può essere conseguita. Uno era morto durante una sconfitta, l’altro il vincitore era anche lui entrato nella sconfitta: un perito aeronautico di un Paese avanzato finito a far la guardia ai derelitti della vita. Che sconfitta di vita!

    C’erano delle notti in cui Iro non poteva far tacere una voce che dal fondo della sua stessa umanità e intellettualità si levava in lui come un lamento desolante, da fine delle cose e da fine della vita: “Dio mio, in quale età del mondo sono capitato?”

   Un giorno gli accadde di chiedersi la stessa cosa, ma in modo del tutto diverso dalle altre volte. L’alba non era ancora sorta del tutto e i carri procedevano ad andatura claudicante sopra gli assi malfermi e logorati dall’uso del loro andare su e giù per gli sterrati disastrati.

   Ancora immerso nel semisonno, seduto a fianco dell’impettito ittita, il dittatore della tribù, capo colonna della fila dei carri, alla guida del carro di testa, Iro ebbe a un tratto l’impressione, nella trasognatezza, di sentire intonare dagli zingari degli altri carri, fatti a conca di greppia, che seguivano, con un'interruzione delle solite nenie tibetane, di nuovo, inaspettatamente, il canto solenne della Varsavianka.

    Chissà perché, dopo che l’avevano già cantata prima della partenza, e, come il solito, di malavoglia. Allora anche l’effetto su Iro, semiaddormentato, fu del tutto diverso dal solito.

   Cantata in quella maniera, “fuori ordinanza”, la famosa canzone gli parve che risuonasse anche più solenne di quel che era quand’era usata nell’ufficialità: dispiegata, invece, nei suoi diversi significati, soprattutto impliciti. Dal punto di vista di Iro, naturalmente.

   Quell’inno, inerpicato nell’idea della gloria, era lo steso inno che i compagni intonavano alle cerimonie d’esequie in onore dei compagni caduti. Si aprirono così le porte dei ricordi: la mente cominciò a richiamare alla mente la serie e delle melopee anche di altri inni di gloria cantati davanti ai feretri e alle lapidi dei commilitoni morti combattendo per tutte le altre “grandi cause” contrapposte, di cui il secolo si era reso abbondante.

   Tutti inni, “l’un contro l’altro armati”, con il dato comune d’essere rivolti à tous les enfants de la patrie che avevano obbedito all’ingiunzione di correre aux armes, in quanto citoyennes del tutto speciali del loro tempo così tutto speciale.

    Il pensiero di Iro, allora, corse all’Italia, dove in quel tipo di ricorrenze i partigiani delle formazioni Garibaldi cantavano una canzone con i versi che dicevano: “Un vessillo in alto sventola / una tela di un sol color / emblema d’amor di tutti i popoli / combattenti sul fronte liberator.”

   Mentre dall’altra parte della vallata i partigiani delle formazioni Osoppo intonavano Stelutis alpinis: trenodia che risaliva alla Prima Grande Guerra. Erano tutti canti che risalivano a scacchiera alla guerre precedenti, dalla Leggenda del Piave all’Inno di Mameli: mettendo, pertanto in sequenza, insieme ai “cantari” slavi, quelli dei nemici più nemici, con i loro sinfonici Über alles e con i loro marziali Die Fahne Hoch.

   Sempre di bandiere al vento, anche se di bandiere altrui, si trattava.

   Tutto ciò lo indusse a pensare che tutti questi Canti generali dei più disparati eserciti del mondo, che hanno marciato sulle strade maestre della storia del mondo in nome d'idee che si contendevano il diritto di imporre le proprie idealità sul mondo, alla fin fine si riassumevano tutte nel passo di marcia lento, scandito sull’andatura del quarto tempo della Sonata n.2 in Si bemolle maggiore (Opera 35) di Fredéric Chopin: la Funeral Marsch. E si commosse.

   Fu così che in uno di quei Canti generali che si rievocavano quasi da sé, gli capitò di soffermarsi su una canzone per così dire “neutrale”: Sul ponte di Perati, che gli alpini della Julia avevano dedicato alla “meglio gioventù che va sotto terra”, e precisamente su quel verso che dice: “Quelli che son partiti non son tornati.”

   Frase che fino allora Iro aveva legato a coloro che “sui monti della Grecia sono restati”, ma che in quel giorno all’alba nei pianori della Moravia assunse come sentenza generale, potendo vederla rivolta anche a se stesso come uno dei tanti (in ogni tempo) di quelli, di cui si dice che “son partiti e non son tornati”.





Robert Marnika, Frammenti di un ricordo, 2006


   Lui stesso avrebbe potuto essere un non tornato. Così lo si sarebbe potuto considerare dal dove da cui era partito. In quel momento avvertì se stesso come uno di essere sul punto di trovarsi senza possibilità di ritorno: e si sentì invadere dall’orrore e dallo sgomento.

   Da qui la formazione del ragionamento che segue:

   “Se a un certo punto della tua vita ti assale un simile pensiero su di te, allora vorrebbe dire che l’impresa, nella quale hai creduto di procedere ai fini delle realizzazioni del destino di vita che avresti scelto, ti sta portando completamente fuori di esso, anzi ti sta espellendo dalla tua stessa vita in quanto vita, anche fisica, e in quel momento capisci che ti stai avviando da te stesso non solo verso la fine dell’esperienza che ti sei scelta, ma anche verso la fine della tua stessa essenza; e allora arguisci che tale fine potrebbe coincidere addirittura con l’estinzione del restante della tua stessa esistenza.

   Condizione questa che non puoi in nessun modo accettare se ti trovi ancora vitalmente e istintualmente in vita. In tale circostanza, infatti, ti trovi a tal punto vitalmente e istintualmente in vita da renderti ancora più consapevole che se non intendi essere di ‘quelli che son partiti, ma non son tornati’, ormai dipende solo da te saper cogliere il punto di volontà e di decisione che ti consenta di riprendere in sorte il tuo percorso di vita rovesciando di colpo, magari con un altro ‘colpo di testa’ (e sia quel che sia, avvenga quel che avvenga), la situazione.”

   Ma non fu per un colpo di testa: fu piuttosto per un’insorgenza da rivolgimento (o da sconvolgimento) dell’animo. Immerso nel nebuloso dormiveglia del mattino ancora incipiente e dondolando per gli scossoni del carro dall’andatura accidentata e oscillante, per uno di quegli intrecci che rendono coincidenti la realtà con la visionarietà e la visionarietà con il ricordo, il suo stato di semisogno gli riportò alla mente un’altra fila di carri con le sponde a greppia e anch’essi da stirpe zingaresca: i cosacchi in Carnia.

    Anch’essi nomadi a tal punto da essere stati immessi in un percorso storico che, avendoli portati dalla sudditanza all’Aquila imperiale a quella della Bandiera rossa, li aveva anche portati dalla sudditanza alla Bandiera rossa a quella della Croce uncinata: a smentita della loro presunta e atavica disposizione alla loro libertà esclusiva.

   Ecco la condizione imprevista di chi viene a trovarsi esposto ai vortici della sorte credendo di poterne essere immune.

   Se tanto valeva per un’intera collettività (e di tale vastità) (una stirpe intera), tanto più valeva per chi si trovasse a credersi un esente dai colpi di mano della sorte fidando nella scelta della propria orgogliosità individuale.

   Il ricordo da cui Iro, in quel momento, si sentì investito, si riferiva, però, a un solo episodio, anzi solo a un frammento d’episodio, dalla durata di una raffica di mitra, con cui alla confluenza delle grave del But con le grave del Tagliamento, al comando di un gruppo d’attacco, aveva sciabolato sul suo carro, attraversandone il corpo in diagonale come una bandoliera, a croce di sant’Andrea sopra la sua bandoliera, un giovanissimo cosacco con il ciuffo sporgente da sotto il berretto con visiera, quindi un cosacco del Don.

   Il giovanissimo cosacco non avrà avuto più di sedici anni e imbracciava un fucile che era rimasto inerte.

   Quel giorno i carri dei cosacchi o del Don, o del Kuban, o del Terek, o di Sebastopoli che fossero, ritornarono carchi di morti a Verzegnis, al Quartier Generale del leggendario Atamano Piotr Nikolaievic Krassnoff, comandante in capo del corpo d’occupazione del Kosakenland in Nord Italien. 

    Iro, al ricordo del lampo dell’episodio, ebbe un sussulto. Era un sussulto ritornante, in lui, di tanto in tanto: quel giovanissimo cosacco era il solo nemico per cui provasse acuto il senso del rimorso per avergli sparato addosso, anzi per averlo ucciso.

    Quel fatto, Iro, non era mai riuscito a perdonarselo. Non valse mai a distoglierlo da ciò neanche la più che evidente scusante della circostanza che, anche volendo, la raffica a sciabolata, quando egli si avvide su chi era centrata, ormai non c’era più modo d’arrestarla.

   Il fatto è che gli occhi di uno che ti guardano, in quell’età, mentre lo stai uccidendo, ti rimangono dentro per sempre.

   Fu l’affacciarsi dell’idea della nemesi che soprattutto lo colpì, per legge di contrappasso. Se ora si trovava sui carri dei nomadi dei Carpazi, nomadi come i cosacchi del Caucaso o delle Russie messe insieme, lui ne espiava la propria colpa verso di questi diventando uno di quelli e perciò stesso uno zingaro, avviato a un destino di “randagità” cosacca, senza possibilità di ritorno. Il sillogismo poteva anche essere forzoso, nondimeno si rivelava inesorabile. E all’inesorabilità, Iro ci credeva.

   Sicché la sua decisione di voler uscire di forza dalla sua situazione, per l’appunto inesorabile, costi quel che costi e sia quel che sia, non fu dovuta soltanto a una questione da ribellione verso il partito. Anzi, sotto quest’aspetto, non fu tale quasi per niente.

   Peraltro ci fu, inoltre, anche un momento durante il quale la Varsavianka cantata dagli zingari al suono delle loro fisarmoniche, in vena di un patriottismo da ideologia che certamente non sentivano, ma che Iro percepiva e traduceva come espressione di quel Canto generale, all’insegna del quale si schierano gli inni di tutte le bandiere, anche le più contrapposte, che lo avevano umanamente scosso: ci fu un momento in cui fu come se avesse ascoltato risuonare, come “canto generale”, la canzone Volga-Volga, come se fosse rivolta alla memoria del ragazzo cosacco, ignoto per lui nel nome ma ormai perfino troppo noto nell’animo, che lui aveva fatto diventare uno “che era partito e che non sarebbe mai ritornato”.

Allora Iro si sentì preso da una grande pietà che accomunava, assieme alla pietà per il ragazzo da lui ucciso, anche la pietà per se stesso come suo uccisore: e il viso gli s’inondò di lacrime.

  

    Post scriptum. Post factum. Da clandestino era uscito dall’Italia, da clandestino vi era rientrato: via Danubio, a quanto pare, approdando in Austria, nel su e giù di battellieri contrabbandieri non estranei agli strani traffici con le tribù degli zingari errabondi.

    Quindi può essere fondato il sospetto che il severissimo ittita della tribù di Iro fosse stato l’artefice mediatore della sua fuga, cioè della sua defezione. Iro non lo disse mai, tuttavia questa voce segreta venne e a far parte della sua leggenda.

   Sta di fatto che il suo “passaggio all’indietro” avvenne come se fosse stato deliberatamente protetto dalla discrezione di un silenzio voluto, quale ci aspetta riguardo a cose che costituiscono un niente di fatto: soprattutto da parte delle autorità ufficiali italiane, le quali né lo inquisirono né lo convocarono mai a rendere conto della sua posizione di fuoriuscito per due anni interi e del suo ritorno problematico.

   Per questo Iro riuscì a risultare esente da conseguenze, per così dire giuridiche, come se il niente di fatto fosse stato reale ed effettivo, lasciando da parte evidentemente il fatto della sua schedatura da servizi segreti interessati a faccende del genere, da una parte e dall’altra di almeno un paio di polizie da frontiera.

    Nell’ambito del partito successe quasi lo stesso di quel che fu in ambito da interessenza da parte dello Stato. Alla Federazione di Udine, che era la Federazione dominante sulle questioni dei rapporti con i confini dell’Est, almeno burocraticamente non apparve nemmeno che Iro si fosse assentato per tutto quel tempo e non s’intese porsene la questione, nemmeno riservata, sulla sua ricomparsa (sui suoi “colpi di testa”). Questione da punto oscuro da far sì che rimanesse oscuro.

   Fu fatto in modo che il suo caso non fosse un caso. Era anche ciò che lo stesso Iro intendeva. Assestatosi di buon grado nell’astensione di qualunque descrizione di sé e della sua “avventura”, perciò di qualunque dichiarazione in proposito, rimase chiuso con tutti in un riserbo estremo: non fece storie.

   “Non fa mai storie”, per fatto personale, chi ha posto se stesso, proprio come persona, a disposizione delle ragioni della storia, con l’accettarne, perciò, le conseguenze.

   Iro accettò, anzi la scelse la sua messa in mora, anche nella sua qualità di compagno, considerato, d’ora in poi, dopo il suo ritorno, un elemento posto in disparte: una presenza in eccedenza.

In questa condizione, peraltro da lui prevista, anche perché in questi termini l’aveva scelta e da lui come tale praticata, vi si rinchiuse come in un’area da auto protezione, considerandola una forma a destinazione elitaria e addirittura privilegiata.

   Infatti, lo era.

   Però, quando rientrò dalla sua avventura carpatica, ritenne che il suo posto per vivere non fosse più il sanvitese, la sua terra d’origine, dove non c’erano più parenti da legami di continuità inevitabile; e dove, tra l’altro, non c’era più per lui, dopo la sua interruzione d’assenza (anzi di un insieme di altre sue e non sue interruzioni di discontinuità e d’assenza), non c’erano più per lui, sul posto, cogenze di continuità per un suo eventuale rientro nella normalità.

    Iro, peraltro, non era un individuo della normalità. A maggior ragione, perciò, sarebbe stato perfettamente inutile e del tutto privo di senso tentare di fermarsi lì sul posto nel tentativo di rientrare in una normalità che, di fatto, non c’era. Dopo il suo ritorno si soffermò sul posto il tempo necessario per vendere la casa di famiglia, che ormai non c’era più, senza rimpianti.

Era la casa che l’amico-compagno pittore, Federico De Rocco (Rico), aveva ritratto in due quadri: uno durante il tempo della fuoriuscita di Iro in Cecoslovacchia, l’altro dopo il suo ritorno ma già andato a vivere nell’auto isolamento a Tarvisio.

   Entrambi i quadri avevano lo stesso titolo: Casa di Iro. E lo stesso soggetto, ripreso dallo stesso punto di vista, però spostato l’uno dall’altro circa la prospettiva, essendone sfalsato il baricentro del punto di fuga.

   In entrambi i quadri, lo spettatore si trova al centro di una strada con degli alberi alti e spogli ai due lati d’essa e con in fondo un agglomerato di case indeterminate. Quindi, per chi non lo sa per conoscenza personale, indipendentemente dalla visione dei due quadri, non è dato di sapere, dai quadri stessi, quale di quelle case, che formano l’agglomerato, possa essere stata quella di Iro.

   In quello dipinto durante il soggiorno di Iro in Cecoslovacchia c’è un solo colore diffuso su tutto e dominante su tutto. è un colore ocra-plumbeo rossastro che uniforma tutto: suolo, cielo, alberi, case e staccionate, con delle tracce di bianco-biacca, caratteristica della stilistica lirica del pittore, propria dei suoi tratti da diffusa liricità.

   Nel quadro dipinto dopo il ritorno in patria di Iro, ma già da qualche tempo trasferito in vita nel suo isolamento d’artigiano-artista nella conca di Tarvisio, i colori sono invece ben differenziati: c’è più bianco-bianco da biacca sui muri delle case, a volumi pieni e c’è un blu decisamente blu, tutto striato, cha sta al posto del cielo.

   Anche in questo quadro, come nell’altro, la malinconia di fondo non è meno intensa. Tutto qui l’enigma di una differenza, che per lo spettatore dei quadri, di cui ignora la storia, resta ovviamente un enigma.

   Iro, uomo di confine e da confine, andando a stabilirsi a fabbricare ceramiche nell’enclave della conca di Tarvisio, aveva fatto la scelta giusta, in quanto terra di confini: l’Austria a nord, la Iugoslavia a est, l’Italia a ovest e a sud.

La conca di Tarvisio: zona quanto mai qualificata quale postazione finale o iniziale della serie numerica delle garitte poste lungo la linea di confine della Guerra Fredda, contrassegnata dalla Cortina di ferro, “calata da Stettino a Trieste”. La serie delle garitte-fortezze da spartizione geopolitica tra i nuovi e i vecchi Tartari.

   Perciò luogo ideale per consentire a un individuo come Iro di concepirlo e usarlo quale sito privilegiato d’osservazione meditativa, in cui far buon uso del tempo da dedicare al tempo da sospensione degli eventi e di attesa degli eventi necessariamente previsti e auspicati: in un presunto futuro, probabilmente a breve. Oppure no.




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Primo Piano

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006