TRADUCENDO MONDI
KAMAL BEN HAMEDA
“La compagnie
des Tripolitaines”
(La combriccola
delle tripoline)


      
Presentiamo l’incipit del romanzo, inedito in Italia, di un 58enne autore libico francofono, trasmigrato negli anni Ottanta prima in Francia e poi in Olanda. Il libro è una sorta di racconto di formazione dal punto di vista di un ragazzino che narra la Tripoli degli anni Sessanta e un mondo tutto al femminile, composto da donne di origine araba, berbera, africana, italiana, ebrea. Ne scaturisce un paesaggio antropologico, multietnico e multiculturale misconosciuto e di grande fascino. È un Africa mediterranea e un’epoca che riverbera bellezza e mistero, durezza dei costumi e gioia di vivere. In quell’infanzia si ritrae uno spaziotempo perduto.
      



      

Traduzione di Lydia Del Devoto

 

 

L’autore

 

Kamal Ben Hameda è nato a Tripoli nel 1954. Denunciando l’“aridità intellettuale” che regna in Libia, lascia il paese negli anni Ottanta e va a studiare a Besançon, in Francia. Si stabilisce poi nei Paesi Bassi, dove vive tuttora. Musicista dilettante, ha studiato il jazz con il sassofonista Tom van de Gein, fratello del contrabbassista Hein van de Gein. È autore di parecchie opere di poesia e di due romanzi scritti in francese: Plis de lumière, poesie, Ed. L’Harmattan, 2007; Le saint je, poesie, Ed. L’Harmattan, 2003; La tentation de la lumière, poesie, Ed. L’Harmattan, 2002; Fragments de lettre à un habitant du centre, poesie, Ed. L’Harmattan, 2001; La mémoire de l’absent, romanzo, Ed. L’Harmattan, 2001; Fragments de lumière, poesie, Ed. L’Harmattan, 1999.

 

Il libro

 

Romanzo,  pp. 100 (Ed. Elyzad)

«Mio padre servì del tè rosso accompagnato da arachidi abbrustolite. Fuori, il giorno non aveva

ancora smesso di illuminare la stanza e io divenni improvvisamente il centro dell’attenzione.

Lanciavo con fierezza la mia palla contro il muro davanti ai maschi che, silenziosi, stavano seduti con le gambe incrociate. Gli uomini si guardarono per qualche attimo…Poi, tutti nella stessa posizione: «In nome di Allah, il misericordioso, Signore dell’universo, noi adoriamo Te, a Te noi imploriamo aiuto, guidaci sulla retta via, la via di colori che Tu hai colmato di favori…»

Tripoli, anni sessanta. Il narratore è un ragazzino di cui è stata appena festeggiata la circoncisione. Raccoglierà le confidenze del mondo femminile che lo circonda: la madre e le sue amiche. Da Fella, la “mangiatrice di uomini”, alla signora Filomena, la sarta, passando per Hadja Kimya la strega e zia Nafissa che fuma e beve, il narratore fa il suo apprendistato alla vita, forgia la sua sensibilità e la sua sensualità.

Sono tutte tripoline, ma d’origine araba, berbera, africana, italiana, ebrea, ed è tutto un mondo, tutta un’epoca, tutta una cultura che si esprimono in questa galleria di ritratti di donne. In una lingua di grande bellezza, Kamal Ben Hameda, autore francofono, dal suo esilio olandese evoca la Libia della sua infanzia, misconosciuta e misteriosa.

Diritti: FRANCESE : Elyzad, marzo 2011; STRANIERI: Agence PA&A ; FILMS : Agence PA&A

 

Recensioni

 

Marina da Silva, Le Monde diplomatique

 

Nato nella Tripoli libica, Kamal Ben Hameda vi trascorre un’infanzia deliziosa e dolorosa. Come le donne, le sue parole sono di troppo, dicono gli uomini di quelli che secondo loro parlano con piacere. Un uomo si esprime per comandare, informare, altrimenti tace. In questa sorprendente rappresentazione dei codici di comportamento di una società chiusa, della quale si sa ben poco, si intuisce da quali pregiudizi si sia dovuto liberare per trovare il suo spazio. Poiché fin dall’infanzia sa che la parola e la scrittura saranno l’acqua e il miele della sua esistenza, imparerà molto presto a farle esistere clandestinamente per poter sopravvivere.

«A casa si insegnava ai bambini la sottomissione al padre, sulla strada la sottomissione ai grandi, alla scuola coranica la sottomissione ad Allah e al suo profeta e poi, alla scuola pubblica, la sottomissione ai maestri, ai governanti e alle loro guardie.» Kamal Ben Hameda viene da lontano. Da un mondo chiuso e pieno di divieti. Dove la prima linea di filo spinato è quella che separa il mondo degli uomini da quello delle donne. Ed è solo con le donne che sta bene. Divieti che racconta dettagliatamente, disegnando un affascinante itinerario di colori e profumi in una città «come un cuore vivo e luminoso che gli fa male ma che ama profondamente. Divieti che, sia sotto la monarchia che sotto il regime del «fratello colonnello», hanno il solo scopo di rendere eterno il potere, qualunque esso sia. «Farò della mia persona, se necessario, un tappeto sul quale il nostro capo e i nostri fratelli rivoluzionari possano camminare verso la vittoria finale», deve affermare in ogni circostanza. Tutto un programma… che ben presto gli toglie ogni illusione di cambiamento del mondo: «Era appena stato destituito un re ed era stata fondata una repubblica, ma non si tardò a proibire il diritto di riunione, il diritto di associazione, il diritto di sciopero, la costituzione di partiti politici, il diritto ad una stampa libera e pluralista.» (­) Una scelta che è anche uno strappo ma che è l’unica strada per conservare la sua interiorità e la sua integrità, per continuare a scrivere. Dedica il suo racconto ad amici scrittori scomparsi che non hanno nemmeno avuto il tempo per sognare…





Kamal Ben Hameda


Salim Jay, Le Soir Echos 25/05/2011

 

Un romanziere libico di grande fascino

Poeta di lingua francese, nato a Tripoli nel 1954, oggi vive nei Paesi Bassi dove si è stabilito dopo avere seguito gli studi in Francia. Kamal Ben Hameda ha pubblicato in primavera il romanzo «La compagnie des Tripolitaines» per le edizioni Elyzad di Tunisi, romanzo per cui prevediamo molti lettori, poiché la sorte del popolo libico sta a cuore a tutti coloro che auspicano un destino felice per quella gente.

Kamal Ben Hameda è riuscito a trovare, in recenti testi giornalistici, un tono fermo, convincente e generoso, per raccontare le aspirazioni dei libici alla comune dignità piuttosto che al fanatismo, alle nefandezze e alla repressione. Quell’aspirazione alla libertà degli individui in una società liberata dalla paranoia e dalla menzogna, la si ritrova inserita nel romanzo, poiché l’ironia dello scrittore suggerisce efficacemente quel desiderio ossessivo di un’oasi in un deserto disseminato di ostacoli.

Uno sguardo di bambino, una vita di bambino, i fantasmi e le fantasie di bambino che Kamal Ben Hameda si porta dietro sulle sue pagine frenetiche, Mentre il barbiere prende con una mano una lama di rasoio e con l’altra il prepuzio del bambino, il piccolo urla prima di abbandonarsi “alle improvvisazioni del tempo”. Questa espressione ci fa capire che, tutto sommato, può succedere qualunque cosa.

Una fuga di tre giorni, per esempio. Dopo di che la madre dirà: «Ti vedo benissimo dal terrazzo, seduto come uno zombie nel cimitero sulla tomba del marabutto. Ma che faccia! Su, vieni ad aiutarmi a preparare la purea di pomodori

Ci si affeziona molto presto alla combriccola di donne che tormentano il piccolo Hadachinou. Un bambino a cui capita di vedere e di raccontare il peggio e anche il meglio attraverso i ritratti di donne ribelli, sbeffeggiate o sottomesse, in un universo nel quale l’offesa e la tenerezza sono fuochi sempre spenti a malapena. La seduzione, l’incantesimo, la soggezione e la vendetta, a volte l’amore, anche l’amicizia, la violenza, tutto questo circola, si lega o si disfa sotto i nostri occhi come in un film in cui la musica delle parole accompagna la proiezione.

Umorismo e stupore, facezie e simulacri, attrazione e repulsione, Kamel Ben Hameda gioca con tutte le sfumature dei sentimenti moltiplicando le sfide per il bambino respinto o soggiogato: «Jamila! È Jamila! Jamila arriva a casa, esuberante, le natiche rotonde frementi sotto i suoi caftani trasparenti, le labbra carnose semiaperte sulla gomma arabica che fa schioccare rumorosamente tra i denti, truccata come una diva di Hollywood, fino al neo insolente sulla guancia sinistra. Si avvicina a me e mi saluta con una strizzatina d’occhio complice: «Allora, piccolo uomo, sei sempre qui!».  E la sua risata scoppia come vetri che si infrangono».

Il fascino di quel carillon che è «La Compagnie des Tripolitaines» può essere paragonato solo ai migliori esempi di truculenza ironica nel romanzo arabo contemporaneo. Quando gli scrittori riescono a mescolare l’osservazione esatta, la favola profetica e la suggestione fine, Kamal Ben Hameda si impegna a collegare la ruvidità del temporale interno e la dolcezza estatica. A tratti, ricorda quasi un altro scrittore libico, ma di lingua araba e di origine tuareg, Ibrahim Al Koni. Ma l’umorismo di Ben Hameda va più veloce della sua ombra e sarebbe inutile cercare una tale modulazione narrativa in Al Koni: è una Libia dei tempi che furono e di sempre quella che riunisce questa prosa efficace e graziosa: sette fanciulle in un flauto. Il ghoul gira e rigira e ne mangia una…

C’è Fella che confeziona da sola caramelle al miele aromatizzate con acqua di rose e Tuna che lavora «malgrado la giovane età, dagli americani della base militare di Mallah, vicino a Tripoli». Ben Hameda dedica «La compagnie des Tripolitaines» «alle donne e alle madri libiche che per anni, una volta alla settimana, manifestavano a Bengasi, davanti alla direzione generale della Sicurezza, per reclamare i corpi dei loro mariti e figli scomparsi in quella notte tra il 24 e il 25 giugno 1969, quelle donne alle quali il bruciore dell’assenza ha riacceso, a poco a poco, segretamente, le fiamme della dignità.»

Ben Hameda ci racconta il suo paese esattamente com’era quando diverse comunità vi si mescolavano sotto lo stesso sole. Il bambino musulmano che accompagnava Fella alla sinagoga nell’Harat al-Yaoud, il quartiere ebreo, proprio in fondo alla medina, di fronte al Mediterraneo, ci faceva quello che voleva: «si mangiava e si beveva» nei giorni di festa.

E Hadja Kimia lo iniziava al suo mondo. È proprio questo, La Compagnie des Tripolitaines: un’iniziazione al mondo, una lezione di gioia attraversata da momenti di panico e momenti di grazia. Un piccolo libro ardente, sensuale e che promette ben altro che un amalgama di bestie feroci e di docili gazzelle cacciate senza pietà.

 

 

Amore a prima vista per il gruppo di lettura Esprit Libre di Torino (maggio 2012)

 

Questo racconto breve dalla scrittura poetica, ricca e precisa ci descrive, attraverso lo sguardo di un ragazzino, la condizione delle donne nella Tripoli degli anni sessanta, la loro oppressione da parte degli uomini, la loro solidarietà, le parole con cui placano ogni dolore. Una frase del romanzo racchiude in sé l’essenza stessa del racconto: “Chiudo le palpebre per proteggermi e per la prima volta vado a cercare, nel profondo del mio essere, quel luogo da cui è possibile osservare i più piccoli avvenimenti della propria vita, come una persona seduta alla finestra che, attraverso le persiane, controlla l’incessante spettacolo della strada.

Racconto, paradossalmente, iniziatico di un ragazzo e al contempo sguardo rivolto contro il despotismo maschilista e persecutore.

 

******





La compagnie des Tripolitaines

(La combriccola delle tripoline)

 

© Éditions Elyzad, 2011

4, rue d’Alger, 1000 Tunis

www.elyzad.com

 

«Dedico questo libro alle donne e alle madri

libiche che per anni, una volta alla settimana,

manifestavano a Bengasi, davanti alla direzione

generale della Sicurezza, per reclamare i corpi dei loro

mariti e figli scomparsi in quella notte tra il 24 e il 25

giugno 1969, quelle donne alle quali il bruciore

dell’assenza ha riacceso, a poco a poco, segretamente,

le fiamme della dignità.»

 

 

 

«I veri indigeni di quelle regioni erano barbari pelosi, sdentati e selvaggi; perennemente in calore, si accoppiavano in continuazione come le scimmie loro vicine. Nacquero molti mostri che furono lasciati morire, con grande soddisfazione delle mosche che in quelle zone erano di casa.

Gli Homo sapiens degli altri continenti chiamavano quel paese “il mare dei mostri”, frequentato com’era da cannibali, ciclopi, pigmei ed ermafroditi.

In quella regione circondata da rocce, scogliere e montagne misteriose, avvolti nella loro solitudine gli animali vagavano soli o in branchi. Il terreno era disseminato di enormi serpenti neri che si nutrivano di struzzi e di antilopi, senza lasciare una briciola ai nostri antenati che non seguivano mai le loro tracce, perché quelli divoravano tutto!

I barbari di quei tempi cacciavano bestie feroci e docili gazzelle; vivevano in grotte e caverne, riuniti in tribù, e seppellivano i loro morti, o quello che ne rimaneva dopo la visita del popolo delle mosche, sotto un tumulo di pietre o un dolmen.

Rispettavano gli uccelli, temevano il sole e veneravano il serpente che rinasceva di continuo sotto i loro occhi; lo rappresentavano con la testa sormontata da un disco solare, ornata di due piume, ali sacre. Si coprivano con code di leone o di scimmia e la notte si agghindavano con corna di ariete per mettere in mostra la loro virilità.

 

Le loro donne erano guerriere e cacciatrici di giorno, ventri e vagine di notte.

 

La sacerdotessa Maboula li mise in guardia dai capricci del mare, di cui era meglio non fidarsi, e

proibì loro di avvicinarvisi; preannunciò che, se non avessero dato retta ai suoi avvertimenti, sarebbe arrivato un popolo adoratore d’oro e di pietre che li avrebbe assoggettati.

 

Gli uomini si prendevano cura dei bambini e si annoiavano molto ed è questa la ragione per cui si avventuravano sempre più verso le coste.

 

E un giorno la visione prese corpo.

Sulla linea curva del mare apparvero le vele. Attraccarono delle barche da cui scesero uomini che

venivano dal nord e che esibivano armi luccicanti. Quegli uomini presero possesso della zona e vi piazzarono il loro accampamento, mentre il piccolo popolo di selvaggi dagli occhi neri e profondi li studiava da lontano, di nascosto.

Ogni volta che riprendevano il mare, lasciavano dietro di sé ogni sorta di delizie e di bevande, soprattutto vino e birra che i selvaggi dai piccoli, profondi occhi neri in un primo momento assaggiarono con un certo sospetto, e poi ne divennero ghiotti. Per poter godere ancora di tutte quelle squisitezze, erano pronti a qualsiasi cosa e, dimenticando le profezie di Maboula, si misero in contatto con quei marinai fenici che finirono per fondare imprese commerciali lungo tutto il litorale. Accettarono i lavori più faticosi e divennero scaricatori e servi in cambio di vino e di silfio, la pianta medicinale aromatica dotata di poteri magici che nutre il corpo, allontana le malattie, cancella la fatica e dona tranquillità.

Ormai non davano più retta agli avvertimenti della sacerdotessa Maboula a proposito degli invasori. Questi ultimi, per privarla definitivamente delle sue visioni profetiche, si rivolsero alla loro principessa Didone perché le strappasse gli occhi. Prima di tagliarsi la testa con le sue stesse unghie, però, la sacerdotessa vinta lanciò una condanna terrificante a quei bruti che la deridevano: “Sarete maledetti fino alla fine dei vostri giorni! Verranno altri uomini ad umiliarvi, a sottomettervi! Il vostro destino sarà quello di essere per sempre schiavi e squallidi ruffiani!” E rivolta alla principessa Didone: “E tu finirai come me, abbandonata, e sarai solo uno spregevole oggetto di derisione”.

Didone non aveva calcolato le conseguenze del suo gesto; quegli uomini ubriaconi e sciagurati si attribuirono tutti i poteri, insensibili alle parole delle donne, che per loro non erano altro che ventri nei quali scaricare la loro libidine. Soggetta alle stesse leggi, Didone si immolò sul rogo per sfuggire al matrimonio forzato e da allora nel paese si susseguirono morti, distruzioni, invasioni, per la gioia del Popolo Libero delle Mosche.»

 

Tratto dal Libro delle Mosche

 

Autore anonimo

 

 

***

 

La vigilia.

Lo sapevano già tutti tranne me.

Quando vidi zia Fatima davanti alla porta di casa, d’istinto capii che qualcosa stava bollendo in pentola.

 

La sera, per farmi dormire, come di consueto venne da me per raccontarmi la solita storiella:

sette fanciulle in un flauto. Il ghoul (n.d.t.: mostro del folklore arabo) gira e rigira e ne mangia una

sei fanciulle in un flauto. Il ghoul gira e rigira e ne mangia una

cinque fanciulle in un flauto. Il ghoul gira e rigira e ne mangia una

quattro fanciulle in un flauto. Il ghoul gira e rigira e ne mangia una

tre fanciulle in un flauto. Il ghoul gira e rigira e ne mangia una

Finivo sempre per rifugiarmi tra le sue braccia, sereno, quasi stregato.

La zia Fatima era l’unica che mi raccontava la storia del ghoul che fa il girotondo e poi torna verso la stessa casa in cui si trovano le sette ragazze. Era vedova e la maggior parte del tempo la passava ad occuparsi della sua unica creatura, sua figlia Houda, alla quale permetteva qualsiasi capriccio. «La grassa Houda!» gridavano i bambini del quartiere quando la portavo con me nelle anguste stradine della medina sotto la luce accecante di mezzogiorno e lei, boccheggiante, mi seguiva da lontano trascinando i piedi, tra un mugugno e un piagnisteo. Per consolarla, cercavo di rubarle qualche bacio sulla bocca, ma lei, furibonda, sistematicamente si divincolava e mi sfuggiva, terrorizzata all’idea di rimanere incinta!

 

Zia Fatima e Houda si materializzavano ogni anno, al primo quarto di luna, annunciando l’arrivo del momento fatidico del digiuno o in occasione di qualche cerimonia famigliare.

 

Facendo schioccare tra i denti la gomma arabica mescolata alla cera per ammorbidirla, zia Fatima mi promise: «Domani è festa, la tua festa!... sette fanciulle in un flauto, il ghoul gira e rigira e ne mangia una. Sei fanciulle in un flauto, il ghoul gira e rigira… »

 

A Tripoli, i bambini chiamano zio e zia tutti gli adulti.

 

«Zia Fatima…ma ce ne sono solo sette?

 

— Hadachinou!

 

— Ma…

 

— Dormi, piccolo, dormi!»

 

All’alba.

Avevo ancora le palpebre pesanti di sonno quando la nuda luce delle prime ore del mattino scivolò sul tappeto, diffondendosi lentamente. Mi stiracchiai, richiudendo gli occhi per conservarne per un attimo l’immagine, il ricordo, ma i primi raggi di sole vennero a giocare sul mio viso, come per punzecchiarmi e strapparmi a quell’indolenza voluttuosa.

In casa, nessuno.

Attraversavo stanze abitate dal silenzio e da mille fasci di particelle solari ascendenti, che nel movimento rotatorio del loro caos apparente si dirigevano verso un centro segreto, assente. Mi

avvicinai ad uno specchio per tastarmi il corpo; feci scorrere le dita sulla fronte, sul contorno del viso.

Per sfida spalancai le persiane per scrutare il sole, piantandogli direttamente gli occhi addosso. Attraverso l’azzurro fresco del mattino, al centro dei puntini luminosi policromi che cominciarono a danzare, aspirai profondamente l’aria frizzante del giorno e mi stirai di nuovo come un gatto sotto un cielo che si è appena fatto chiaro.

La luce avvolgeva la casa, i muri, il corridoio, la cucina dove andai a cercare qualcosa con cui

soffocare quel senso di vuoto che cominciava ad invadermi. Ingurgitai un dolcetto e poi mi scaraventai giù per le scale, come un pallone bucato. L’incanto del risveglio lasciò il posto ad un senso di impotenza.

Niente.

Seduto sulla soglia di casa, controllavo i movimenti della strada. Nel torpore del mattino, vidi apparire in lontananza le sagome delle amiche di mia madre che, sorridenti, mi guardavano con tenerezza.

 

«Tempo, ci vuole tempo!» disse un passante.

Davanti ai miei occhi incantati da sogni fantasiosi, d’improvviso il macadam, la luce onnipresente.

Sul terrazzo, il macellaio del quartiere Ibrahim alle prese con un agnellino che belava. Mio padre gli affidava sempre l’onere di individuare e scegliere la vittima, una volta l’anno, in occasione dell’Aïd el-Kébir, la festa del sacrificio.

Eppure, quel giorno non era l’Aïd!

Gli stessi gesti perfetti, lo stesso incanto degli sguardi infantili… fino alla grigliata della testa, delle zampe.

Il sangue della pecora che aveva continuato ad urlare fino all’ultimo, fino al momento in cui, con la testa sotto il coltello, alla vista della lama luccicante… smette, si rassegna, si abbandona e con

gli occhi già vitrei osserva la sua decapitazione.

La pecora che veniva svuotata del suo sangue. Piatto tabù. Sacrilegio.

Le streghe, i jinn (n.d.t.: entità soprannaturali), i blasfemi e i pazzi bevevano il sangue degli animali per rigenerarsi. Mia madre invece lo restituiva alla terra, con disgusto e timore.

Io assistevo alla cerimonia con un misto di stupore, curiosità e piacere quasi morboso. Il silenzio della bestia, i suoi occhi che cambiavano colore, le sue urla lanciate nel nulla assordante, il fiato sospeso dei bambini schierati in cerchio e il fiotto di sangue che schizzava.

Il coltello affilato di Ibrahim che incideva finemente la pelle fischiettando un’arietta popolare.

Il sangue che colava lento, a rivoli, qualche filamento coagulato.

Poi il cadavere consegnato alle donne, che dovevano pulire le viscere, l’intestino, tagliare la carne, salarla, appenderla sul terrazzo al sole.

La mattinata lunga, impaziente, tremava.

Immagini di ciò che si produceva, che si riproduceva di quel rituale ancestrale, millenario, mi

attraversarono lo spirito come un vecchio sogno già più volte rivissuto.

Mezzogiorno.

Passavo e ripassavo sulla soglia di casa con la testa bassa e in attesa di qualcosa.

Sul lavello, pezzi di pecora. Ossa stese per qualche natura morta. Mia madre già alle prese con le pentole, pronta a cucinare i piatti delle grandi occasioni, l’assida (n.d.t.: dolce tipico): farina di grano, olio d’oliva, sciroppo di datteri.

Con gli occhi socchiusi, mi avvicinai a lei. «Ora ti rasiamo la testa e ti vestiamo. È il grande giorno», mi disse maliziosamente.

Avvolto in un tessuto bianco macchiato di zafferano che mi copriva il corpo, gironzolavo intorno.

La strada deserta; la mia palla gialla che rimbalzava e il sole lassù, geloso, statico.

Il mio sguardo assorto si perdeva osservando quei due cerchi abbandonati nel vuoto.

L’orizzonte continuava a guardare di sfuggita. Spossato, lasciai perdere.

Davanti allo specchio fissai la mia faccia: lo strano “parrucchiere” mi aveva rasato il cranio, con

un coltello ben affilato, dall’orecchio sinistro al destro, aiutandosi con un piatto di metallo rotondo, e aveva lasciato solo un ciuffetto sulla fronte.

Avevo la testa grossa, ma dopo quell’operazione di bellezza e restauro, sembrava un melone giallastro su cui era piantato un ciuffo di fibra di mais; uno strano aspetto da spaventapasseri inutile e triste, un dormiglione appena sveglio, avrebbe detto più tardi una delle donne che cominciavano ad arrivare, raggianti, con il tistmal (n.d.t.: tradizionale copricapo libico) colorato sulla testa e la gomma arabica che schioccava tra i denti bianchissimi.

Incuriosito dallo sguardo divertito di tutte quelle signore, mostrai loro il mio pallone, tutto soddisfatto per il loro improvviso interesse.

Il sole sempre incandescente, al centro di un cielo impassibile.

All’angolo della strada vidi comparire degli uomini, amici di mio padre. Procedevano a testa bassa, l’uno dietro l’altro, si avvicinavano a me che stavo ancora seduto sulla soglia di casa, mi scavalcavano senza guardarmi né parlarmi, salivano le scale.

Li seguii, confuso, impaziente di capire che trame si stessero macchinando.

Nel corridoio, mio padre strinse loro la mano e poi li fece entrare cerimoniosamente nel soggiorno.

Sedettero in cerchio su dei mindars, larghi cuscini gonfi e comodi, imbottiti di lana di pecora. Di tanto in tanto un brusco tossicchiare tradiva la voglia di fumare o una voce sorda mormorava: «Bismillah!» (n.d.t. : in nome di Dio, clemente, misericordioso).

Si udì bussare alla porta della cucina: quello era il segnale.

Mio padre si alzò, uscì dalla stanza e tornò, carico di piatti.

Gli uomini cominciarono a mangiare, alcuni con avidità, altri con più discrezione, avventandosi

alternativamente sulla pancia farcita della pecora, il fegato abbrustolito e i testicoli, una prelibatezza, e altri pezzi meno nobili.

Mio padre servì del tè rosso accompagnato da arachidi tostate.

Fuori, il giorno non aveva ancora smesso di illuminare la stanza e io, all’improvviso, divenni il centro dell’attenzione.

Lanciavo fiero la mia palla contro il muro davanti ai maschi che, silenziosi, stavano seduti con le gambe incrociate.

Gli uomini si guardarono per qualche attimo… Poi, tutti nella stessa posizione: «In nome di Allah, il misericordioso, Signore dell’universo, noi adoriamo Te, a Te noi imploriamo aiuto, guidaci sulla retta via, la via di coloro che Tu hai colmato di favori…»

Il barbiere che mi aveva rasato il cranio finì di salmodiare la sura Aprente (n.d.t.: termine arabo che indica ognuna delle 114 ripartizioni testuali in cui è diviso il Corano), con il palmo delle sue grandi mani rivolto al soffitto.

Seguì un momento di silenzio di piombo.

Da quell’ingenuo che sono, non mi viene neanche in mente il mio rifugio, il terrazzo di casa. Istintivamente so che non posso più sfuggire a quella prova..

Non chiudo gli occhi. Sul soffitto, mi appare in tutta la sua rassegnazione lo sguardo vitreo della

pecora nel giorno del sacrificio.

Con una mano prende una lama di rasoio e con l’altra il mio prepuzio, poi si appresta a tagliare. In quel momento mi rendo conto della minaccia e tento di fuggire; due uomini si precipitano a tenermi saldamente fermo il corpo.

Il sangue schizza.

Chiudo le palpebre per proteggermi e per la prima volta vado a cercare, nel profondo del mio essere, quel luogo da cui è possibile osservare i più piccoli avvenimenti della propria vita, come una persona seduta alla finestra che, attraverso le persiane, controlla l’incessante spettacolo della strada.

 

Sprofondato in quella beanza straordinaria, d’un tratto mi arrivarono dalla cucina le risate delle donne; voci scandite dalla gioia di vivere che si mescolavano tutte insieme in un allegro frastuono, come un lancio di palloncini in un giorno di festa; era chiaro che quello che avveniva dalla parte dei maschi non le riguardava. Gli uomini, dal canto loro, passarono a mettere dei soldi sotto il mio cuscino e poi si defilarono, lasciando posto al silenzio inframmezzato dai miei singhiozzi, mescolati a quelli dei miei due fratelli che condividevano la stessa sorte e lo stesso dolore.

Nella quiete del pomeriggio che stava per finire, le donne come sempre erano indaffarate. Avevano preparato un couscous di cipolle e ceci aromatizzato con cannella e fiori d’arancio. Uno dei miei fratelli smise di frignare, osservando impotente il basso soffitto della camera in fondo. E io gridai fino allo sfinimento finché, sopraffatto dagli odori di cannella, dalle ombre e dalle luci danzanti e da un silenzio momentaneo, non mi addormentai, abbandonandomi quasi mio malgrado, per la prima volta, alle improvvisazioni del tempo.

Dietro alla porta si muovevano sagome confuse.

«Buongiorno!

— ... »

Infagottate nelle camicie da notte, in piedi l’una dietro l’altra, mia madre, zia Fatima e Houda

proseguivano: «Allora il nostro ragazzino diventa uomo! Come va l’uccellino? ». Un attimo di

esitazione…poi non ce la fecero più e scoppiarono a ridere! Tutte e tre appoggiate l’una contro l’altra, mia madre e mia zia si tenevano il petto squassato dalle risa mentre Houda si comprimeva il pancione sussultante.

« ...

─ Che testa, non è mai contento! Mi sembra un gufo con la luna per traverso! » concluse la mamma richiudendo la porta.

Niente.

Preso dall’esasperazione, scivolai fuori dal letto e, visto che il mio «uccellino» non mi faceva male, scesi le scale, oltrepassai il muro e piano piano… mi dileguai.

Scoppi di risa continuavano a squarciare il silenzio dell’alba.

Me ne andai. Per tre giorni bighellonai immusonito lungo i marciapiedi della strada, inoltrandomi nelle aree dismesse, indugiando nelle stradine della medina, costeggiando il lungomare fino al vecchio porto dove la mattina i pescatori si riunivano per bere un tè rosso di Cina preparato sul carbone di legna del kanoun di terracotta (n.d.t.: pietre posate a terra a triangolo, in cui si può accendere il fuoco), e la sera si ritrovavano per mangiare fave, ceci, sardine alla griglia, dando fondo a intere casse di birra.

Stufo di stare a rimuginare nei miei luoghi segreti, alla fine mi decisi a tornare alla base. La zia Fatima era ripartita per la campagna con Houda; non c’era più nessuno che mi raccontasse le storie per farmi addormentare.

                sette fanciulle in un flauto. Il ghoul gira e rigira e ne mangia una…

«Ti vedo benissimo dal terrazzo, mentre te ne stai seduto come uno zombie al cimitero sulla tomba del marabutto (n.d.t.: nome magrebino dei santoni musulmani). Che brutta faccia! Su, vieni ad aiutarmi a preparare la purea di pomodori.»

Quel mattino mia madre era agitata in tutti i sensi; era molto indaffarata nei preparativi per la cerimonia del tè, in attesa che arrivassero le sue amiche dopo la siesta. Le invitava spesso, ma quel giorno nel suo sguardo brillava una luce strana. Che incontro misterioso aveva previsto?

«Hadachinou, tu continua a schiacciare i pomodori con i piedi, e io mi occupo del pranzo.»

In piedi nella mia bacinella, mi leccavo già i baffi. Richeta! Hummm! Pasta deliziosa cotta in un brodo di pomodori speziati in cui si mettono fave, ceci, finocchio greco, fagiolini bianchi e carne di pecora essiccata al sole, il tutto acidificato da una goccia di limone. La pasta la faceva mia madre. Faceva tutto da sola: preparava l’ilghidid, la carne essiccata al sole, lavava la biancheria a mano, impastava il pane che io poi portavo al forno pubblico, si occupava delle galline e delle piante. Non si fermava mai, se non per la siesta e per ricevere le sue amiche.

Come quel giorno.

Mi mandò fuori. Avevo finito di schiacciare i pomodori, li avevo vuotati nella bacinella e a quel

punto lei mi diede un pacchetto da portare alla casa accanto, dalla zia Zohra. «… E poi devi passare da zia Hiba per farle la spesa e da Fella per vedere se ha bisogno di te, perché forse oggi sua figlia è dagli americani! E poi vedi se…»

Trovava sempre qualche buona ragione per togliermi dai piedi.

Ogni volta che mia madre mi dava un pacco per zia Zohra, sapevo che cosa c’era dentro: o tè o caffè con dei pasticcini. Lei se ne vergognava, ma zio Abdou, suo marito, non le lasciava mai niente in casa da offrire alle donne della famiglia che andavano a trovarla. E dire che aveva un negozio di alimentari! La frutta e la verdura che vendeva non erano mai freschissime, ma lui se ne infischiava allegramente: aveva due piccole case che affittava alle famiglie del signor Losanca e del signor Garibaldi, il panettiere del quartiere. Lui, zio Abdou, stava seduto davanti al suo piccolissimo negozio ad attizzare il fuoco di carbone di legna sotto il kanoun, dove faceva bollire lo stesso tè per l’ennesima volta.

A volte gli fregavo della frutta che portavo a zia Zohra e che lei nascondeva, terrorizzata, per darla alle due figlie, gracili e deperite come due gattini affamati. Ho ancora sulla mano il segno delle mie imprese di ladruncolo. Un giorno che gli avevo fregato un bel grappolo d’uva, zio Abdou mi scoprì e mi inseguì urlando con voce stridula: «Vieni qui, brutto disgraziato, restituiscimi l’uva!» Spaventato, mi precipitai verso la porta socchiusa di casa nostra ma, nel panico, la porta si richiuse sulla mia mano. Zio Abdou si era guardato bene dal venire a lagnarsi da mio padre, perché il suo sguardo pungente gli incuteva paura.

Quando dovevo portare un pacco a zia Zohra, per me erano dolori. Non che non le volessi bene o che avessi paura di suo marito. Lui a volte era anche gentile con me; seduto davanti al suo negozio, mi teneva accanto a sé e mi raccontava le storie della Tripoli di un tempo: «Hadachinou, sai che al tempo della colonizzazione italiana i tripolini facevano bollire dei datteri, sì proprio dei datteri, per fare il tè?» mi ripeteva mentre mi offriva il bicchiere di benvenuto che io rifiutavo educatamente. I grandi bevevano tè e caffè accompagnati a volte da baklava o da altri dolcetti. A me piaceva tanto la gazouza, la limonata locale, ma zio Abdou era troppo tirchio per offrirmela.

Ma la timidezza di Zohra, il suo disagio, mi turbavano e a poco a poco il suo imbarazzo mi contagiava, e in quei momenti mi sentivo completamente rigido e mi mancava la voce. Entro e lei, che sa già perché sono venuto, mi avvicina la mano tesa senza riuscire a guardarmi negli occhi.

Rimane lì, in piedi, con la testa bassa, silenziosa, immobile, e apre appena le labbra per dire sempre le stesse parole: «Hadachinou, la prossima volta che vieni ti do una caramella, oggi non ne ho più.» E intanto dondola la testa da destra a sinistra, da sinistra a destra, in un movimento lento, molto lento, come nel ralenti cinematografico.

Quel mattino non aspettai che zia Zohra aprisse la porta, depositai il pacco sulla soglia di casa sua e me la filai a gambe levate per evitare lo stesso sguardo da cane bastonato e la stessa falsa promessa: «La prossima volta che vieni…»

Non era piacevole neanche andare da zia Hiba. Anche lei si ritraeva, imbarazzata, davanti alla gente, anche davanti a me; non voleva far vedere i denti rotti e il volto tumefatto dalle ultime percosse di suo marito, zio Saïd, che si comportava da gradasso arrogante, fumava una sigaretta dopo l’altra e abbaiava ordini e mollava schiaffi a quella povera disgraziata. In qualunque condizione si trovasse, la picchiava; che fosse ubriaco o appena sveglio, al minimo pretesto: manca sale sul couscous, oppure ce n’è troppo! Troppe spezie o troppo poche…

Quanta curcuma mettere per sfuggire alla collera del marito? Zia Hiba si precipitava da mia madre per misurare insieme a lei la quantità esatta di curcuma che avrebbe aromatizzato il piatto di riso alle cipolle e soddisfatto le capricciose papille del marito. Arrivava sempre disperata, e nel suo sguardo si leggeva la follia di chi sa di essere morsicato da un cane rabbioso e si vede sopraffare un poco alla volta dal male senza avere nemmeno la scappatoia di una morte immediata. Soffriva di ipertensione e anche di diabete. Ti sta bene, le diceva il marito, se non ti abbuffassi di tutta quella pasta…

Lui invitava i suoi amici una volta alla settimana per una bella sbronza tra uomini: per tutta la notte mangiavano, bevevano, parlavano delle cose della città. Zia Hiba preparava gli stuzzichini, non doveva mancare niente, doveva essere tutto perfetto: arachidi, mandorle tostate, salsicciotti di montone ben cotti, formaggio, olive verdi piccanti e olive nere alle erbe aromatiche, ceci e fave salate, uova sode, acciughe e, per finire, l’imbakbaka, pasta cotta in sugo di pomodoro molto piccante che dissipava i vapori dell’alcol prima che gli invitati se ne andassero, alle prime luci dell’alba. E anche se tutti alla fine erano sazi e soddisfatti, lui picchiava zia Hiba: aveva osato guardarlo negli occhi!

Fu un trauma per me quella mattina, quando andai da zia Hiba per farle la spesa.

Salgo le scale della loro casa di rue Miquel Angelo. La porta d’ingresso è aperta e all’improvviso sento gridare, zia Hiba urla come una cammella che viene uccisa sulla pubblica piazza nel giorno del Sacrificio, nell’indifferenza generale. Preoccupato, mi avvicino furtivamente. La porta della camera è socchiusa. Zia Hiba è in piedi, è completamente nuda ed ha solo le babbucce ai piedi, e zio Saïd la picchia, la picchia, poi la spinge bruscamente davanti a sé. Lei cade in ginocchio, a quattro zampe. Lui è in piedi, ha il sesso di fuori, duro come quello di un mulo, e la penetra.

Dopo mi sentivo colpevole e mi vergognavo ogni volta che dovevo andare a trovarla e lei, ignara, percepiva il mio smarrimento e mi diceva: «Vai, grazie per l’aiuto. Vai a giocare. Non devi stare con me. Una donna che non interessa a nessuno, che dopo tanti anni non sa nemmeno quanta curcuma ci vuole nei piatti di riso che prepara al marito. Tua madre si è data tanto da fare per niente… Sono una buona a nulla, una zia insignificante. E poi, non ho storie da raccontarti  soldi da darti per le caramelle. Ma se vuoi, lì ci sono dei dolcetti che ho preparato oggi pomeriggio per il tè di tuo zio.»

 

Preferivo andare da Fella che abitava anche lei in rue Miquel Angelo. Ci andavo spesso, per ritrovare un po’ di quella spensieratezza perduta. Ero il suo prediletto, quello che le portava la cesta di paglia quando andavamo a fare la spesa insieme, ed ero il suo prode cavaliere quando inforcavo la bicicletta e in estate, quando il sole brucia e il caldo è insopportabile, o nei periodi di ghibli, ad agosto e settembre, quando la sabbia del deserto invade Tripoli e la gente esce solo in caso di estrema necessità, andavo a prendere un grande cubo di ghiaccio che le riportavo nel suo grosso sacco di iuta.

A Fella piacevano molto le caramelle al miele, che insaporiva aromatizzandole all’acqua di rose; ne preparava spesso nel suo piccolissimo angolo cucina, su un vecchio fornello, lasciando cuocere a fuoco lento il caramello composto da acqua pura di sorgente, miele d’acacia, lavanda e acqua di rose, e poi lo offriva generosamente a tutto il quartiere. Così, ogni volta che passavo da lei, sapevo già che avrei mangiato caramelle a volontà in compagnia di sua figlia Tuna, che nonostante la giovane età lavorava già come domestica dagli americani della base militare di Mallaha, vicino a Tripoli.

Fella andava raramente alla sinagoga nell’Harat al-Yahoud, il quartiere ebreo, proprio in fondo alla medina, di fronte al Mediterraneo. Era una bella costruzione che ora non esiste più. Qualche volta mi ci portava. Non era come alla moschea dove mi annoiavo quando accompagnavo mio padre perché non potevo né parlare né muovermi. Alla sinagoga potevo fare quello che volevo, e poi si mangiava e beveva. Credo proprio che Fella mi portasse solo nei giorni di festa. Le piaceva divertirsi, raccontare storie. Sua figlia Tuna, poveretta, spesso si sentiva abbandonata.

Quel giorno, quando arrivai da Fella lei non c’era. Tuna mi disse di attenderla perché le avrebbe fatto piacere vedermi e poi faceva affidamento su di me per andare a fare la spesa al negozio di alimentari di Tonino. Mi offrì un bicchiere di aranciata che bevvi a piccoli sorsi.

 

Tuna mi guardava con tristezza; sapevo che quando non lavorava era sempre abbandonata a se stessa. Non andava a scuola, non aveva il padre e Fella non guadagnava a sufficienza col suo lavoro di sartina; le italiane del quartiere erano delle concorrenti agguerrite, soprattutto la signora

Filomena che, senza aiuto, era in grado di soddisfare quasi tutte le necessità della clientela musulmana del posto. Mia madre era capace di cucire ma a volte riservava i lavori difficili per Fella, senza che la cosa desse particolare fastidio alla nostra vicina, la signora Filomena. Quindi Tuna doveva fare le pulizie a casa dei soldati, ma anche con questo lavoro non guadagnava a sufficienza. Talvolta rientrava con del sapone o del tè… Era povera e, come se non bastasse, la gente la trovava brutta.

 

Io non la trovavo particolarmente brutta, ma a forza di sentirselo dire, lei aveva finito per persuadersene e chiudersi sempre più in se stessa. «Vedi, sono brutta e nessuno crede che io sia sua figlia, anche tu non vieni qui per me, vieni per vedere lei. Ti senti obbligato a stare con me ma pensi che mi faccia piacere?... Non piaccio a nessuno…» E scoppiò in lacrime: «No, Tuna, no! Non è vero! Io scherzo con tutti. Perché mi dici queste cose, Tuna? Non capisco: a me fa molto piacere stare con te, ma piuttosto sei tu che ti nascondi appena vedi qualcuno.

 

Accidenti, come fare per consolarla? A dire il vero sua madre viveva perennemente in un mondo tutto suo; il suo mondo di giochi, il suo mondo di silenzi o quello di dolce follia quando si lasciava andare ai suoi discorsi più profondi e si raccontava alla sua maniera, ben sapendo quanto piacere mi desse ascoltare la sua voce avvolgente. Tuna allora non esisteva più. Poi Fella s’interrompeva, sentendosi in colpa: «Tu sei il mio amore, lo sai! Ti amavo prima che nascessi, ti

conoscevo prima che nascessi, quando ti ho concepita con tuo padre, sotto un albero di fico, di fronte al Mediterraneo.»

 

Tuna non era la prima a cui sentivo dire : «Non mi ama nessuno». C’era stata la signora Filomena! Un pomeriggio, io e mia madre andiamo da lei, e la troviamo in lacrime, accasciata sul tappeto della grande stanza: «Non piaccio a nessuno, sono stanca e voi, tutti voi, ve ne fregate!» Io ero sbigottito, ma mia madre l’ascoltava pazientemente. «Non preoccuparti, signora Filomena, andrà tutto bene. Per il tuo mal di pancia conosco un rimedio: il timo… Bisogna berne parecchio, con del miele, vedrai.

 

─ Ho paura, signora Aziza, ho paura. E se dovessi morire altrove? Morirei lontana da Tripoli! Mio marito dice sempre che un giorno ci sbatteranno fuori da qui! ─ Non avere paura, signora Filomena, ci sarò io qui, pronta a difenderti… E perché dovrebbero cacciarvi? Chi ce l’ha con voi? Siete nati qui, siete tripolini, siete gente del paese, mangi tripolino, parli tripolino, sogni in tripolino, non temere, ci sono io.»

La famiglia della signora Filomena viveva a Tripoli da tre generazioni. Dal matrimonio col signor Bosanca erano nate tre figlie con le quali giocavo, Maria, Flora e… non ricordo il nome della terza, quella alla quale non piaceva molto giocare con me. Nelle sere d’estate facevano delle grigliate di sardine nel giardinetto di casa loro, proprio accanto al nostro. Rimanevano fino a tardi a bere vino rosé e a chiacchierare. Io li guardavo attraverso le persiane; il signor Bosanca, su di giri per il vino, tentava di coinvolgere nei discorsi sua moglie ma la signora Filomena per lo più se ne stava in disparte.

 

«Io non valgo nulla, nessuno mi vuole bene. ─ Ma no! Signora Filomena non è colpa tua, è colpa della guerra! Tu sei la mia vicina e la mia amica», la consolava mia madre.

 

Ma non c’era niente da fare, e con le mani strette attorno al ventre piangeva disperatamente. Mia madre conosceva l’origine dei suoi mali, come del resto anch’io, e anche se in mia presenza entrambe parlavano per sottintesi io sapevo… Appena mi allontanavo un po’, sentivo la signora Filomena confidare i suoi segreti a mia madre. «Sì, era mio nonno che mi faceva quelle cose quando i miei genitori non c’erano e lui badava a me! Sì, mio nonno, il colonnello Fabio!»

 

La signora Filomena non era sempre così giù di corda: quando andavamo insieme in place d’Alger a mangiare un gelato o una pizza, io e le sue figlie riuscivamo di tanto in tanto a strapparle un sorriso, o forse era l’effetto della birra che beveva in bicchieri appannati dal gelo della bevanda?

Quando proponeva di portarmi con le sue figlie, mia madre le era molto grata; io accettavo sempre con una certa esitazione mai confessata: avrei dovuto passare nella chiesa buia della piazza per meritarmi il gelato? Quando la signora mi costringeva ad andare in quei posti dove lei pregava, per me era una noia mortale! Le suore, sagome furtive nei loro abiti neri, e i preti con i loro solenni abiti elaborati che con le cotte scopavano il pavimento, ed il fluire incessante delle litanie che riecheggiavano fino alla bocca dello stomaco.

Attendevo ansioso l’ultima genuflessione della signora. Poi, finalmente la felicità!

La signora Filomena ci invitava in pizzeria dove ognuno di noi, a seconda dei gusti, poteva sbavare davanti ad una pizza con pomodoro e acciughe insaporita con origano, o davanti ad un gelato dal delicato gusto di vaniglia esaltato da scaglie di croccante cioccolato amaro. Lei preferiva il bar vicino per i suoi famosi panini: fette di pane croccante farcite con sardine grigliate, con la mollica intrisa di olio d’oliva aromatizzato con aglio e peperoncino rosso.

Poi in gruppo, quattro signore con il loro piccolo uomo, andavamo a fare una passeggiata nel giardino pubblico dove ci sedevamo sereni sull’erba a rimirare il Mediterraneo, lasciando che il rumore delle onde penetrasse a poco a poco dentro di noi.

Coricata nell’erba, mentre le sue figlie giocavano un po’ più in là, la signora Filomena mi parlava della mia prozia Nafissa che lei adorava e di cui ogni volta mi chiedeva notizie. Zia Nafissa e la signora Filomena avevano fatto subito amicizia fin dal loro primo incontro a casa di mia madre. Poi, tutte le volte che la mia prozia tornava da Djerba, non mancava mai di andarla a trovare; stavano insieme, tenendosi la mano, e intanto bevevano del vino. La mia prozia Nafissa

capiva i suoi dispiaceri.

«Tuo nonno non è diverso dagli altri. Gli uomini, ad eccezione della loro pancia o del loro cazzo, non si interessano a niente che non sia distruggere con una mano quello che hanno appena costruito con l’altra. Mi ricordo la guerra, la carestia e lo stupro delle donne il giorno in cui sono entrati a Tripoli i soldati italiani: hanno seminato odio e vergogna. Poi sono venuti i greci, i romani, i vandali, le tribù arabe, i turchi, e questa volta toccava a loro provare sui nostri corpi la loro virilità, e continuano tuttora, sotto forma diversa, quei topi di fogna. Fanno la parte dei padroni quando sono con le mogli e con i figli, ma tra di loro, fuori, nei bar o nelle moschee, abbassano la cresta; subdoli e ubbidienti quando sono deboli, viziosi e codardi quando sono potenti.»

Queste erano le cose che diceva la signora Nafissa, la mia prozia Nafissa! Anch’io ho voluto molto bene a quella donna, una vera donna di carattere.

 

Si sistemava sempre alla luce del giorno, davanti a casa o sul terrazzo, a terra sul suo tappeto, fumava una sigaretta dopo l’altra mentre si lasciava andare ai suoi ricordi: «Ho trascorso la mia vita a Djerba, quella sì che era vita! Là ho fatto parecchie conquiste. Vedrai quando sarai grande, mio piccolo Hadachinou! Ma un giorno un bell’uomo ha saputo conquistare il mio cuore e allora ho conosciuto il vero amore; non dormivo più, non mangiavo più, pensavo solo a lui, ero stregata! Ma lui non mi amava, non voleva saperne di me. Già allora fumavo e andavo a bere la boukha o il laghbi, il delizioso vino di palma, con i giudei e i francesi la sera sulla spiaggia, a piedi nudi nel Mediterraneo. Allora ero disperata perché lui non mi voleva, ma oggi tiro un sospiro di sollievo. Se mi fossi sposata con lui avrei perso la mia libertà: era un musulmano osservante. Più tardi capirai. Questa è la mia storia. Da allora tutti mi evitano, mi disprezzano, dicono che sono una donna facile. Anche la tua famiglia, la mia famiglia, si è allontanata da me, per la vergogna, dicono.

Oggi che sono vecchia, mi avvicinano di nuovo, ma non per molto. Voglio ritornare alla mia Djerba, qui a Tripoli le persone sono troppo dure, non sanno proprio che cosa sia l’amore.

Vedi, il dio della signora Filomena è amore ma… puro Amore! È questo il problema! Chi non conosce l'odio non conoscerà mai l'amore e ciò che non si vuole vedere, ciò che si nasconde, che si trattiene dentro di sé troppo a lungo, prima o poi viene fuori, come qualcosa che esplode. I sentimenti sono come le nuvole e noi le nuvole non possiamo fermarle. Capisci, mio piccolo angelo?»

 

Mentivo un po’ a zia Nafissa facendo il finto tonto, le dicevo che non capivo un accidente degli affari di cuore tra un uomo e una donna e che queste cose potevano trasformarsi in tragedia com’era successo a Zaïneb. Allora il suo viso si rabbuiava: « Zaïneb era giovane, bella e di grande intelligenza. Che peccato! Era come me, un’anima libera. Ma io sono fuggita quando hanno voluto impormi il matrimonio, io non volevo sposare quell’uomo. Zaïneb, poverina, non ce l’ha fatta. Ci fanno veramente mandare giù di tutto in questo mondo infame!»

Zaïneb veniva la mattina presto per portarmi a fare la spesa al souk delle verdure nella medina; mia madre, come anche le mie zie, non era più autorizzata ad uscire. Al souk c’erano solo ragazzi e ragazze giovani e ancora da sposare e le uniche donne che si incrociavano erano ebree o cattoliche.

 

Io e Zaïneb ci divertivamo a salire e scendere e poi risalire le scale della strada fino allo sfinimento. Lei mi leggeva dei libri per bambini, le storie delle “Mille e una notte”. Talvolta mi cantava Oum Kalthoum o dei canti d’amore andalusi. Era dotata di una qualità rara: la gioia di vivere! Poi, da un giorno all’altro, non è più venuta a casa nostra e, dato che non riuscivo a capirne il motivo, mia madre mi spiegò che ormai le proibivano di uscire e che presto sarebbe andata sposa ad un uomo importante. Immediatamente pensai a Josef e mi dissi che Zaïneb doveva essere molto felice. Mi misi a ridere, ma mia madre mi lanciò uno sguardo di rimprovero, il viso corrucciato, poi uscì.

 

Josef era un giovane del quartiere che Zaïneb salutava con discrezione quando io ero con lei, forse per mettere alla prova la mia fedeltà e la mia riservatezza. E quello che doveva succedere successe! Un giorno lei, di ritorno dalle spese, mi disse: «Senti: domani andiamo a fare un picnic al giardino della Gazelle e lì ti presenterò un uomo fuori dal comune.»

Divenni tutto rosso di gelosia e di rabbia. Un uomo. Diverso da tutti gli altri! Ma figuriamoci! E come se avesse colto il mio sgomento: «Sai, bisognerà pure che io mi sposi un giorno o l’altro. È meglio che me lo scelga da sola il mio futuro sposo, altrimenti potrei morire di dolore… Non ti preoccupare, tu sarai sempre mio amico. Del resto gli ho parlato di te perché ci ha già visti insieme. Gli ho detto che anche se ci sposassimo, vorrei sempre vedere il mio Hadachinou!»




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Traducendo Mondi

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006