PRIMO PIANO
DIARIO D’AUTORE (39)
Puglia ‘felix’: un’estate d’arte,
teatro e astronomia
nella Dimora Albireo


      
Un ampio, dettagliato resoconto dei vari appuntamenti che hanno contraddistinto il programma culturale che ha animato una bella ed accogliente Casa dell’Artista nella campagna dell’Alta Valle d’Itria, presso Noci, in provincia di Bari. Installazioni artistiche, mostre fotografiche, affabulazioni, lezioni e visioni astronomiche, spettacoli, performance e reading, spesso all’aperto, nell’aia o nel frutteto della proprietà, seguite da un folto pubblico, confortato anche dalle specialità gastronomiche pugliesi. Sull’atmosfera piacevolmente conviviale e, non di rado, notturnamente magica della manifestazione una partecipe testimonianza, in coda, di una spettatrice.
      



      

 

 

di Anna D’Elia

 

 

L’Arte in tempi di crisi trova, in Puglia, nuove forme espressive e modalità d’intervento. L’iniziativa  è stata proposta con successo della  Casa dell’Artista Albireo (www.albireopuglia.it) che ha offerto ad artisti, attori, registi, scrittori, vignettisti una settimana di vacanza in Puglia, tra mare e terra, nella campagna dell’Alta Valle d’Itria barattandola con  una performance artistica.  Tra quanti  hanno risposto all’invito,  nove sono stati i prescelti, i quali si sono confrontati con il pubblico nel corso degli eventi, un’occasione per vivere insieme giornate creative, godendo i piaceri della campagna all’ombra di ulivi, tigli, peschi, ciliegi, meli, confortati dalle specialità gastronomiche della regione. Location degli eventi sono stati gli spazi all’aperto e al chiuso della Dimora: una mangiatoia trasformata in luogo espositivo e in aula per lezioni multimediali, l’aia quadrata di antiche chianche in pietra,  la terrazza, il frutteto e tre ettari di campagna  dove  lecci, querce, olmi, ulivi, fichi, roseti, ginestre, allori si confondono con la vegetazione della macchia mediterranea.

Gli antichi valori simbolici dell’ospitalità resa al forestiero, considerato come persona sacra, rivivono al Sud in nuove forme,  riattualizzando la tradizione mitica dell’accoglienza che testimonia il rispetto per l’altro e la diversità di cui ognuno è tramite, valori sempre coltivati in questa terra di frontiera tra oriente e occidente.

Nell’esperienza di interscambio tra arte, teatro e astronomia che caratterizza da tre anni, il programma estivo della Dimora Albireo, non secondario è  il confronto quotidiano, legato  ai ritmi del vivere e del creare insieme. Tutte le fasi che hanno scandito la realizzazione dei progetti  sono state  affrontate in maniera corale:  l’allestimento degli spazi, la predisposizione del set, la scelta dei testi e delle immagini, tutto è scaturito dal confronto costante tra organizzatori e artisti, nell’ottica della collaborazione e della condivisione. L’esperienza, che può essere associata a quella delle residenze d’artista al contempo se ne distanzia, sia per la brevità dei soggiorni (una sola settimana) sia per gli obbiettivi, fondamentale dell’iniziativa portata avanti dalla Dimora Albireo è, infatti, l’aspetto relazionale. L’esperimento è nato anche  dal  bisogno di creare  momenti comunitari per far circolare  flussi creativi e  ritrovare un contatto con la campagna, il  suo silenzio, i suoi cieli non inquinati dall’elettricità, gli spazi verdi, il tempo lungo degli alberi, delle pietre e quello lunghissimo del cosmo nel rispetto e nell’accoglienza delle  discrete presenze che popolano gli spazi rurali della Dimora. Il ragliare notturno degli asini, lo scampanellio delle mucche al pascolo, il nitrire dei cavalli da un vicino allevamento, il gracchiare delle cornacchie, il cinguettio costante degli uccelli sono stati, infatti, il sottofondo acustico di tutte le attività, accanto alla presenza dei cani e dei gatti. Una micia randagia battezzata “Siria” protetta da un rigoglioso fico d’india, allattava i suoi cuccioli, mentre  gli ospiti della dimora organizzavano gli eventi in calendario.

Alcune giornate sono state riservate alla conoscenza del territorio. Tra le mete preferite: le Grotte di Castellana, i Trulli di Alberobello, le scogliere di Polignano a Mare, le Spiagge di Monopoli, i Sassi di Matera. Altre serate sono state dedicate al confronto con i cittadini di Noci, il paese nel cui territorio è ubicata la Dimora Albireo. Osservazioni col telescopio, nelle piazza della cittadina, si sono alternate e giochi didattici, per conoscere ed amare il cielo e i suoi  abitanti. Nume tutelare degli incontri il Signor Palomar, il noto personaggio di Italo Calvino, attento scrutatore di stelle, pianeti, satelliti  e spazi siderali.

Il filo conduttore di molte  serate è stato, infatti, il rapporto tra arte e astronomia, un tema caro agli organizzatori che da tre anni promuovono eventi divulgativi per la conoscenza di stelle, costellazioni, pianeti e galassie: “Le Notti dell’Astronomia a Noci”. Alle lezioni teoriche sull’astronomia per tutti e alle osservazioni della volta celeste, si è affiancato quest’anno un corso di di astronomia culturale. Al pubblico dei più piccoli è stato offerto in anteprima nazionale lo spettacolo L’Avventura incredibile di un cane astronauta ispirato alla vicenda di Laika, il primo cane astronauta della storia.

Con la dimora Albireo collaborano associazioni non profit, imprese e singoli: l’associazione artistica “Apotema”, l’impresa “La Bottega dei Mondi Impossibili”, “L’Unione Astrofili Italiani”, “L’Accademia delle Stelle”, uno staff di fotografi, architetti, storici dell’arte, artisti (per maggiori dettagli sulle attività svolte e su quelle in programma, sugli spazi, il territorio circostante, le  stanze, la disponibilità, vedi il sito: www.albireopuglia.it).

Le  installazioni, i reading, le performances dell’estate appena trascorsa, si sono susseguiti da luglio ad agosto con il seguente calendario:

 

- il 13 luglio, “Allineamenti” installazione artistica di Enzo Sforza.

-18 Luglio affabulazioni di Massimo Mele, con la voce recitante di Monica Porcellato e accompagnamento al sassofono di Antonio Ruggiero, disegni di Massimo Armoni.

-28 luglio, Laboratorio di Astronomia, Noci, Piazza  Garibaldi, a cura di Alessandro Schillaci.

-29 luglio, corso di astronomia per tutti tenuto da Alessandro Schillaci.

-31 luglio, corso di astronomia culturale tenuto da Paolo Colona.

-1 agosto, corso di astronomia per tutti, tenuto da Alessandro Schillaci.

-2 agosto, “L.a.i.k.a.: L’a.vventura I.ncredibile di un k.ane a.stronauta”, black light theatre per bambini e famiglie prodotto dalla “Bottega dei Mondi Impossibili” ideazione, regia e messa in scena di Sarah Vecchietti.

-3 agosto, corso di astronomia culturale tenuto da Paolo Colona.

- 4 agosto, Laboratorio di Astronomia, Noci Piazza  Garibaldi a cura di Alessandro Schillaci.

-5 agosto, corso di astronomia per tutti, tenuto da Alessandro Schillaci.

-8 agosto, corso di astronomia culturale tenuto da Paolo Colona.

-9 agosto, Arte Clandestina, performance artistico-canora di Francesco Impellizzeri e Michele Abramo,

-10 agosto, serata multimediale a tema: la notte delle stelle cadenti a cura di Alessandro Schillaci e Angelo Mascialino.

-30 agosto, “Tra terra e cielo”, reading di Marco Palladini.

 

---------------------------------------------------------------

 

13 luglio, ore 19, mostra “Allineamenti” di Enzo Sforza a cura di Anna D’Elia

 

“Allineamenti” l’installazione che Enzo Sforza ha realizzato occupando l’antica aia in pietra e il terreno circostante ha evocato i ritmi di una cerimonia cosmica  in un happening che si è svolto dal pomeriggio a notte fonda. Sull’aia e sulla terra intorno, tre grandi cerchi hanno ricostruito arcaici strumenti di misurazione del tempo scandendo il trascorrere dei secondi, dei minuti e delle ore.  Cerimoniere e celebranti del rito sono state insieme all’artista e al pubblico sessantamila api,  un’intera colonia che (in carta, terracotta, dipinte su tela e pareti) con i loro sciami hanno accompagnato i visitatori lungo il percorso espositivo ripercorrendo gli “allineamenti” temporali sottesi alle visioni molteplici cui l’artista ha affidato la sua ultima riflessione sui mutamenti indotti dal passare del tempo. Sessanta fiammelle in cerchio hanno dialogato con le stelle nella suggestiva installazione in cui la terra divenendo specchio del cielo ha mostrato quanto vantaggioso sia, talvolta, invertire i punti di vista.

Oltre agli spazi all’aperto il lavoro ha invaso tutte le stanze della dimora sulle cui pareti l’artista ha dipinto sciami di api trasformandole in alveari. La figura dell’ape, da anni al centro dell’attenzione di Enzo Sforza, simboleggia la dedizione al lavoro e la potenza dell’organizzazione sociale che caratterizza la vita di tali insetti.

 

 

 

 

 

 

Alla laboriosità delle api Sforza associa la laboriosità dell’artista, all’ape regina le regine dei rotocalchi di moda, alle api operaie associa invece quanti  lavorano  dietro le quinte alla creazione della loro immagine e al potenziamento dei marchi pubblicitari. L’indagine sul tempo include dunque anche una riflessione sulla durata dell’opera all’interno del sistema mediatico egemonizzato dal rapido estinguersi delle mode. All’ingresso della Dimora, l’ombra di uno statuario manichino con la pelle d’oro, controfigura dello stesso artista,  ha segnato con il suo profilo mutevole il passare del tempo nell’arco di una giornata in simbiosi con sessanta api, collocate  sulla circonferenza di un invisibile cronometro.

 

Enzo Sforza, operante da circa un trentennio nella produzione artistica, ha condiviso le forme della creatività degli ultimi decenni del secolo, dall’iniziale espressionismo sociale alla neofigurazione allegorica. Tra le sue ultime mostra, “L’Ape Regina”, a cura di Anna d’Elia e Mary Angela Schrot, Sala 1 Roma, 2013.

 

 

 

 

18 luglio, ore 20, Affabulazioni su “Antichi e nuovi segreti di Puglia” di Massimo Mele

 

Voce recitante,  Monica Porcellato

Sassofonista, Antonio Ruggiero

Vignette, Massimo Armoni

L’incontro con Mele ha puntato su una rievocazione favolistica della Puglia, realizzata attraverso immagini tratte dal libro di Vivant DenonVoyage pictoresque dans l’Italie Meridionelle” e sulla lettura di testi affidata alla bravura dell’interprete Monica Porcellato. Due  le favole lette: “la sposa sirena, tratto da “Favole delle Regioni meridionali”  liberamente adattate da Massimo Mele, autore della seconda favola letta, facente  parte della raccolta inedita “L’Undicesima lingua” racconti sulle isole del Mediterraneo.

Interprete visivo dell’evento è stato il vignettista Massimo Armoni che ha realizzato con il suo stile inconfondibile le caricature di tutti i partecipanti , compreso il personale dello staff.

 

Massimo Mele, vive e lavora a Roma. Ha scritto diversi testi di teatro e saggi di arte medievale e bizantina. Ha fondato con Mario Verdone, a Roma, il cineclub: Centro di cultura cinematografica, che fa parte della Federazione italiana cinecircoli, con la quale collabora per la redazione della rivista di Mino Argentieri. La fiaba “L’undicesima lingua” è andata in scena al Teatro Politecnico di Roma sotto forma di balletto con la coreografia di Lubka Cibulova. Tra gli altri, ha scritto un testo sul viaggiatore scrittore inglese Bruce Chatwin (‘In viaggio con Chatwin’) rappresentato al Teatro Colosseo di Roma e al Politecnico.

 

 

 

 

Nella foto: l’autore delle caricature Massimo Armoni e Sarah Vecchietti,

regista e attrice, fondatrice della “Bottega dei Mondi Impossibili”.

 

 

 

Nella foto: Massimo Armoni e Michela Vieru, assistente di Enzo Sforza

 

 

27 luglio ore 19, “Il Cielo sopra di noi” mostra di Gianni Zanni a cura di Anna D’Elia

 

Non è il cielo che siamo abituati a vedere volgendo gli occhi in alto quello cui Gianni Zanni ha reso omaggio in questo ciclo di fotografie. Al contrario è il cielo che si riflette nello schermo di un computer, il cielo come sintesi delle sue rappresentazioni e dei segni con cui è stato raffigurato nei secoli. È quello delle volte dipinte nei grandi affreschi è il cielo delle carte natalizie e degli atlanti di astronomia. 

Nel rappresentare la costellazione di Orione, Zanni trascrive  sulle sue mappe stellari il nome degli astri che ne fanno parte: Betelgeuse, Rigel, Bellatrix a sottolineare che il cielo è, nella modernità, soprattutto nelle parole che lo nominano, nei segni che lo significano, nei simboli di cui è ricca la sua iconografia. A chi, ancora, si chiedesse di quale cielo stiamo parlando va detto che la parola non può essere più declinata al singolare, ciò dinanzi a cui ci troviamo è, infatti, la somma di tanti cieli: quelli che appaiono sullo sfondo delle immagini sacre popolate da santi e angeli, quelli che abbiamo amato nei notturni stellati di Van Gogh, tutti i cieli finti della pubblicità e dei fumetti che hanno moltiplicato la volta celeste nell’infinità delle sue immagini. È il cielo come artificio culturale il soggetto di questa ricerca che sostituisce lo scatto fotografico con il prelievo e l’assemblaggio di immagini dal grande magazzino virtuale di cui lo schermo del computer si fa vetrina. Lo stile amplifica tale pratica antinaturalistica, sottolineando la finzione delle immagini, in cui il kitsch e l’aulico si contendono il primato, sullo sfondo di  una natura ormai tutta  ricostruita.





Gianni Zanni, nasce, vive e lavora a Bari, si occupa di fotografia di architettura e di paesaggio, è docente di ruolo di fotografia e Tecniche Digitali.

Anna D’Elia, saggista e critico d’arte. Tra le sue pubblicazioni: Pino Pascali (Laterza, 1983), L’Universo Futurista, una mappa dal quadro alla cravatta (Dedalo,1989), Le Città Visibili ( Congedo,1990), Fotografia come Terapia, attraverso le fotografie di Luigi Ghirri (Meltemi, 1999); Diario del Corpo (Unicopli,2002); Nello Specchio dell’Arte (Meltemi, 2004), Per non voltare pagina (Meltemi, 2007), Pino Pascali (Electa 2010). Tra le mostre che ha curato: Pino Pascali su commissione (1983), Artronica ( 1987), Archia (1987), La Pietra e i Luoghi (1987), Pensare la Città (1994); suoi testi compaiono nei cataloghi delle mostre: La Ville, Centre Pompidou, Paris, 1994; Pino Pascali la reinvención del mito mediterraneo, Reina Sofia, Madrid, 2002.

 

 

29 luglio, ore 19, “Corso di Astronomia per Tutti” a cura di Alessandro Schillaci. Un’emozionante viaggio multimediale alla scoperta dell’Universo.

 

Questo corso, giunto ormai alla sua terza edizione presso la Dimora Albireo è stato caratterizzato da un folto pubblico  guidato con esperienza e competenza, attraverso un viaggio nell’Universo, partendo dal nostro pianeta, la Terra, fino a raggiungere le Stelle, le Galassie e i più lontani e remoti angoli del nostro Cosmo. Il linguaggio semplice e l’utilizzo di immagini e video tra i più belli ed emozionanti hanno condotto i partecipanti con trasporto crescente. Ognuno dei 3 seminari è stato poi seguito da osservazioni con la strumentazione in dotazione alla Dimora Albireo, tra cui un grande telescopio  Newton da  40 cm di apertura con cui osservare pianeti, ammassi di stelle e nebulose.

 

 

al-bir 077.jpg

 

 

Alessandro Schillaci, astrofisico dell’Università di Roma “La Sapienza” di Roma ove è titolare di un Assegno di Ricerca nel gruppo G31 di Cosmologia Sperimentale con una pluriennale esperienza sul campo. Collabora in numerosi progetti scientifici di ricerca nazionali ed internazionali e ha all’attivo 4 spedizioni in Antartide per l’ENEA-CNR in qualità di Astronomo e da 2 missioni in Artide per il lancio di esperimenti su pallone stratosferico. Explainer e consulente del Museo Astronomico del Planetario di Roma e recente vincitore di un Bando per un PON presso l’Istituto Comprensivo “S.M. Gallo - 2°circolo” di Noci per attività legate all’Astronomia. Da anni si occupa di divulgazione astronomica organizzando corsi di astronomia ed eventi tra Lazio, Abruzzo e Puglia ed è responsabile scientifico de “La Bottega dei Mondi Impossibili”. È iscritto all’Unione Astrofili Italiani e alla Società Astronomica Italiana.

 

 

31 luglio, 3 e 8 agosto ore 19, “Corso di Astronomia Culturale e Archeoastronomia” a cura di Paolo Colona. 

 

Paolo Colona sviluppa da tempo un suo percorso di ricerca sulle tracce del rapporto tra umanità e firmamento in tutti gli aspetti culturali. I partecipanti alle tre conferenze sono stati guidati alla scoperta dei molteplici aspetti di questa tensione all’infinito, ricercando nel linguaggio, nell’arte, nella letteratura e nei miti. Molta attenzione è stata data a questo filo conduttore dei segreti celesti attraverso la storia, svelando le tracce contenute in molte delle strutture e delle testimonianze lasciateci dagli uomini dalla preistoria fino ai nostri giorni in pitture rupestri, manufatti, costruzioni e architetture. Molto coinvolgente per i partecipanti è stata l’analisi, fatta direttamente sotto la volta celeste nell’aia della Dimora Albireo, della genesi delle costellazioni, figure e storie inventate dagli uomini che ha consentito di collegare i nomi di stelle e costellazioni, ai personaggi mitologici, nella breve narrazione delle storie leggendarie che ne sono all’origine.

 

Paolo Colona, presidente dell’Associazione Accademia delle Stelle, astrofilo, divulgatore scientifico, si occupa dal 2001 di archeoastronomia e della genesi delle costellazioni. Esperto di astronomia per Scienza On Line del Comune di Roma, Guida per dieci anni di Astronomia per Supereva.it, eletto per cinque anni consigliere dell'Unione Astrofili Italiani, fondatore dell'agenzia di stampa scientifica SCIS - Servizio per la Cultura e l’Informazione Scientifica, animatore di associazioni astronomiche, ha realizzato centinaia di conferenze e osservazioni pubbliche al telescopio. Dal 2003 scrive la pagina 575 di cultura astronomica del Televideo RAI. Ospite in numerose trasmissioni radio-TV e giornali, è autore di un libro di divulgazione astronomica, articoli su riviste scientifiche internazionali, su quotidiani e su periodici di settore.

 

 

1 agosto e 5 agosto,  ore 19, Corso di Astronomia per Tutti a cura di Alessandro Schillaci.

 

Il folto pubblico intervenuto  alla seconda e alla terza lezione ha potuto osservare il firmamento in tutto il suo splendore. La postazione dei telescopi, nell’antica aia in pietra, consente infatti allo sguardo di spaziare su tutta la volta celeste senza ostacoli, grazie anche alla quasi totale assenza di illuminazione artificiale. Le osservazioni ad occhio nudo sono state intervallate a quelle con i telescopi al fine di consentire sia una visione d’insieme che una analisi più dettagliata di stelle e pianeti. Accostarsi all’oculare e scoprire gli anelli del Pianeta Saturno è sempre fonte di grande emozione che i presenti hanno esternato con commenti, esclamazioni, ricordi, rinnovando la meraviglia della prima osservazione del pianeta, dovuta a Galileo. I presenti sono stati prodighi di domande. Dopo l’esplorazione da parte delle sonde “Voyager 1” e “Voyager 2” il pianeta è tra i più conosciuti e amati degli appassionati cui gli astrofici presenti hanno dato ampia soddisfazione, citando le ultime scoperte e ipotesi. Oltre a Saturno oggetto di perlustrazioni sono state alcune stelle doppie e la Luna, la Via Lattea che ad agosto  attraversa il cielo con le sue dense nubi composte da miliardi di stelle. Ad ognuno dei partecipanti è stata donata una mappa del cielo, perché potessero seguire e a poi approfondire i contenuti  proposti.

 

 

IMG_5778821351682.jpeg

 

 

2 agosto, ore 20, L.A.I.K.A.: L.’A.vventura I.ncredibile di un K.ane A.stronauta, prodotto da “La Bottega dei Mondi Impossibili”, ideato, diretto e messo in scena da Sarah Vecchietti, interpretazione di Mariantonietta Bagliato, Francesco Diaferia e Sarah Vecchietti.

 

Cosa fareste voi se per caso foste rapiti da impacciati esseri verdognoli con un occhio solo al centro della fronte e arti filiformi, maldestri giocolieri, amanti della musica più stonata?  Con L’Avventura Incredibile di un Kane Astronauta la magia si è realizzata e tutti sono diventati astronauti per un’ora! Lo spettacolo ha  consentito agli spettatori, grandi e piccoli, di compiere insieme a Laika, la prima cagnetta cosmonauta, un viaggio nello spazio, affrontando la più grande sfida di tutti i tempi: navigare nell’universo tra pianeti, asteroidi e galassie, salvando la terra da un attacco alieno! Spesso infatti, senza farcelo scegliere, la vita ci catapulta in grandi imprese.... Una miscela spaziale di musica, colori e polvere interstellare, ha accompagnato il viaggio senza confini nell’universo della fantasia, alla ricerca della dimensione ideale per i sogni... che diventano realtà... L’astronomia, il mimo e la clownerie sono stati protagonisti in questo magico spettacolo di animazione fluorescente. Le potenzialità visionarie e oniriche del “Black Light Theatre” si basano sulla perdita dei confini tra mondo reale e mondo immaginario. Il fascino è dato dalla possibilità di far apparire gli oggetti fluorescenti illuminati “a giorno” mentre lo spazio circostante è completamente in oscurità. Gli oggetti fluorescenti paiono “prendere vita”, ma in realtà sono animati da attori che, indossando tute nere integrali e celati nel buio, si spostano in scena restando invisibili. Lo spettacolo, realizzato con la tecnica del Teatro Nero, si sviluppa come trama metamorfica di “immagini in musica”: quadri animati da figure ed effetti ottici in movimento che si creano e si disfano tramutandosi l’uno nell’altro. Figure e colori prendono vita nell’oscurità, in equilibrio tra il filo della narrazione e dell'astrazione.

Location dello spettacolo il frutteto della Dimora che ha accolto un numeroso pubblico, tra cui molti  bambini che a fine spettacolo hanno toccato con mano “i personaggi” sulle cui modalità di realizzazione Sarah Vecchietti, che ha ideato e realizzato scenografie, costumi e oggetti scenici, si è intrattenuta con gli altri due attori, replicando a luci accese passaggi dello spettacolo, “trucchi” e  magie… applausi e  ripetute richieste di bis… hanno chiuso questa anteprima.    

 

“La Bottega dei Mondi Impossibili” porta avanti un lavoro sperimentale attraverso la tecnica del teatro, in Italia pressoché sconosciuta, adoperando un gazebo itinerante riadattato a scatola scenica. Fare teatro in un gazebo, che funga da “camera oscura”, oltre che dal desiderio di portare lo spettacolo in piazze  e periferie, nasce dalla necessità di coniugare i requisiti tecnici indispensabili alla realizzazione dello stile teatrale (spazio a “scatola nera” totalmente oscurato) alla praticità e versatilità di una struttura mobile, adattabile a spazi chiusi e aperti, purché completamente oscurati.

Sarah Vecchietti, Laureata e dottoranda in “Storia del teatro e dello spettacolo” all'Università di Roma “La Sapienza”, si forma artisticamente nel campo della recitazione e della scenografia, specializzandosi nel campo del teatro di figura. Dal 2012 fonda e dirige “La Bottega dei Mondi Impossibili”, producendo due spettacoli di teatro nero “In Viaggio tra Cielo e Mare” (selezionato per il “Wayang - World Puppet Carnival 2013” tenutosi in Indonesia a Jakarta) e “L.A.I.K.A.: L'Avventura Incredibile di un Kane Astronauta”, di cui cura la regia, la scenografia e l’animazione. Conduce numerosi workshop per adulti e bambini e nel settore sociale, di teatro, animazione stop-motion, costruzione ed espressione. Nel 2014 insegna “Trucco e Maschera teatrale” all’Accademia di Belle Arti di Roma.

 

 

 

 

 

 

9 agosto, ARTE CLANDESTINA, uno show musicale, ludico e pittorico, realizzato e composto da Francesco Impellizzeri e Mikele Abramo.

 

Nato per denunciare la mancanza di libera fruizione dell’arte e per evidenziare la cattiva amministrazione culturale dello stato italiano, l’evento/spettacolo sì è sviluppato attraverso una sequenza di esibizioni canore in cui sono state utilizzate 12 canzoni (per lo più poco conosciute) scelte per affinità al progetto e modificate nei testi e negli arrangiamenti. È stata una coraggiosa satira, rabbiosa e ribelle, condotta con ironia, che  per 60’ ha fuso ai rimandi futuristi, il cabaret televisivo e il “Tableau vivant”. La performance ha scavalcato l’idea stessa di performance, sommando teatro, canto e propaganda nella forma autoironica  sperimentata con grande successo dai due autori che hanno messo in scena se stessi  aprendo davanti al pubblico la valigia dei loro sogni, delle speranze dapprima giovanili e poi sempre più sorrette dalla consapevolezza dei rispettivi talenti. Ma, alle dure prove sostenute, ai sacrifici, al faticoso addestramento non è seguito il corrispettivo riconoscimento. I due artisti hanno messo in scena il magro bilancio di una vita dedicata all’arte, ripagata con emarginazione, incomprensione, indifferenza, se non denigrazione e sfruttamento. Non è stata una personale lamentazione, al contrario nella loro storia si riconoscono generazioni di artisti, in un Paese, come l’Italia che non ama i suoi talenti. Un momento molto coinvolgente della performance è stato quello in cui, tirando in ballo il pubblico, i due artisti si sono accostati agli spettatori, prima offrendo loro un multiplo il logo di “Arte Clandestina” sotto forma di portacenere e poi esigendo il tributo-contributo dei presenti, al loro sostentamento. L’estinzione della specie umana chiamata “artista” ci chiama tutti in causa, nessuno escluso.

 

Francesco Impellizzeri, nato a Trapani nel 1958, vive e lavora a Roma. www.francescoimpellizzeri.info. Per tutte le informazioni su ARTE CLANDESTINA cfr. la pagina Facebook.





 

 

 

 

 

10 agosto. Dalle 21   La Notte delle Stelle Cadenti” a cura di Alessandro Schillaci e Angelo Mascialino.

  

La serata, cui hanno partecipato 200 tra adulti e bambini, si è aperta con una conferenza di Cosmologia dal titolo “Il respiro profondo del nostro Universo” in cui Alessandro Schillaci ha guidato gli attentissimi e coinvolti spettatori ad esplorare un aspetto affascinante ma spesso poco considerato del Cosmo: come ha fatto il nostro universo a passare dalla semplicità iniziale, in cui era composto solo da materia calda e omogenea a produrre la magnifica e sbalorditiva complessità attuale con galassie di ogni forma, stelle, pianeti e infine noi esseri viventi e pensanti? La conferenza ha avuto un grande successo e sono state tantissime alla fine le domande  poste da tutti i presenti. Dopo questo primo intervento la serata è proseguita con un altro intervento dell’astrofisico Angelo Mascialino dal titolo: “Il nostro posto nell’Universo: viaggio virtuale nel Cosmo” nel quale,  utilizzando i programmi software Celestia e Stellarium, ha permesso a chi osserva di fare un viaggio spaziale. I partecipanti coinvolti ed emozionati sono stati quindi guidati alla scoperta dei moti della volta celeste e poi, viaggiando alla velocità di anni luce al secondo all’esplorazione di alcune stelle vicine, molte delle quali doppie fino a raggiungere i confini del nostro Universo. Dopo questi due interventi la serata è proseguita con le osservazioni al telescopio, sull’aia della Dimora Albireo è stato allestito infatti un campo osservativo con 3 grandi telescopi professionali. Emozionante la risposta del pubblico all’osservazione dell’anello del pianeta Saturno o del brulicare di stelle dell’ammasso globulare dell’Ercole M13.

 

 

al-bir 143_b.jpg

 

 

al-bir 151.jpg

 

 

20140726_232804.jpg

 

 

Luna 1_1.jpg

 

Angelo Mascialino, laureato in Fisica presso l’Università di Bari. Membro dell'Associazione Acquavivese Astrofili dal 2006, si occupa principalmente dell'attività didattica e divulgativa: organizzazione e conduzione di laboratori di astronomia, campi scuola, conferenze e manifestazioni rivolte a pubblico generico, docenti, studenti di scuole di ogni ordine e grado. Docente in corsi di astronomia svolti in numerosi istituti scolastici pugliesi.

 

 

30 agosto, ore 21, Tra terra e cielo, reading conviviale di e con Marco Palladini

 

Un percorso di narrazioni-letture sceniche  che apre alla fantasia e alla meraviglia.

Un intreccio di testi (di Isaac Asimov, Italo Calvino e Marco Palladini) che si snoda tra fiaba, scienza e fantascienza. Ora c’è un futuro imperniato sui complessi rapporti tra uomini e robot. Ora c’è un presente dove scrutare le stelle, i pianeti e la Luna assomiglia a un atto di poesia. Ora c’è uno spaziotempo diverso e parallelo dove una buffa creatura lunare cade dentro un sogno d’amore che a sua volta accoglie il sogno di un bambino.  

Nei panni del signor Palomar, Marco Palladini ha dato inizio alla serata sulla terrazza della dimora, leggendo il racconto “La Contemplazione delle stelle” di Italo Calvino. Il pubblico guardandolo dal basso, ha vissuto momenti di forte emozione. “Era Lui, è proprio lui” il mitico e amato personaggio di Calvino reincarnato per raccontare agli spettatori assiepati in basso le sue confidenze di  scrutatore incompreso della volta celeste, alle prese con mappe, stelle, torce, occhiali, con la sua inappagata ansia d’infinito.  Ha commosso tutti.

La pausa di un quarto d’ora ha consentito, a Palladini di spostarsi nel nuovo set e al pubblico di interagire scambiandosi opinioni e idee, tra un bicchiere di rosato “Magilda” offerto dalle cantine Barsento di Noci e un piatto di fave e cicorie preparato da Lella, l’insostituibile e preziosa cuoca della Dimora.

Il secondo brano dal titolo “ Il Bugiardo” di Isaac Asimov è stato interpretato al chiuso, nella ex mangiatoia.  Calatosi a fondo nel personaggio, Palladini ha dato il meglio di sé, in una dimensione sospesa tra realtà e fantascienza.

Il terzo brano del reading ha avuto come scenario l’aia collocata al centro della campagna illuminata  da sessanta stelle cadenti e cadute davvero sul terreno, nell’installazione “Allineamenti” di Enzo Sforza. Il luogo ha rivelato tutte le sue potenzialità magico-evocative, con una volta celeste affollata di stelle e uno spicchio di luna per tetto, nel silenzio della notte abitata dagli spettatori assiepati lungo il perimetro dell’aia, in devoto e attento ascolto. Un set ideale per la favola dal titolo “Lunella” interpretata dall’attore, che ne è anche l’autore. Calatosi nei panni della protagonista, Palladini ha rivissuto l’odissea terrestre della giovane, alla ricerca della medicina miracolosa per riaccendere l’astro della cui luce, il firmamento è da tempo orfano, causa malattia della Luna.

La lettura era terminata da un istante quando un timido spicchio di Luna ha fatto la sua apparizione nel cielo nero di fine agosto. Caldi gli applausi e gli arrivederci all’anno prossimo, con nuove risposta all’eterna domanda: che fai tu luna in ciel, dimmi che fai?





Marco Palladini recita nell'aia della Dimora Albireo


Marco Palladini è nato e vive a Roma, è scrittore, nonché drammaturgo, regista, performer e critico nell’ambito del teatro d’autore e di ricerca. Tra i suoi ultimi lavori per la scena: “Prometeo o il sacro fuoco di un dio minore” (2009; per la regia di P. Di Marca); “Ho visto le migliori menti – Beat Poetry Machine” (2011); “Fratello dei cani (Pasolini e l’odore della fine)” (2012); “Male detto Céline” (testo di S. Lanuzza, 2012), “Me Dea” (2014).

 

 

******

 

Una testimonianza di Francesca  Rignani:

           

 

LE  SERATE  MAGICHE ALLA  DIMORA “ALBIREO”

 

Non è stato difficile, una volta arrivata alla Dimora “ALBIREO”, appena fuori Noci (BA), pregustare un’atmosfera bucolica ed accogliente oltre che dinamica nei propositi culturali. ARTE, TEATRO, ASTRONOMIA, Cene conviviali, mi hanno guidato in un clima di valenza culturale.

Il corso di Astronomia, tenuto dal prof. Alessandro Schillaci dell’Università “La Sapienza” di Roma, affascinante con i suoi misteri infiniti mi ha condotto in un mondo surreale difficile da scoprire. L’impatto emotivo è stato forte nel porgere lo sguardo attraverso un grosso telescopio alla luna con i suoi crateri, a Saturno, alle stelle, m’è parso quasi di  volermi disperdere in essi ma nel contempo non volevo perdere la concettualità di persona con i miei punti fermi. “E... tornammo a riveder le stelle!” come scrisse Dante .

Con “il cielo sopra di noi” si è inaugurata la mostra di Gianni Zanni, a cura di Anna D’Elia, attraverso un ciclo di fotografie, l’Artista rende omaggio ad un cielo come sintesi delle rappresentazioni e dei segni con cui è stato raffigurato nei tempi. Mostra che mi ha emozionato con Orione così magico nella sua grandezza e mistero.

In un’altra serata avventura nell’avventura: vi è stata la rappresentazione scenica di un cane astronauta, ad opera di giovani artisti, scene create  dalla fusione di musica, luci fluo e polvere interstellare che ha fatto viaggiare nell’Universo della fantasia e ha rallegrato grandi e bambini. Un VIVA LA CREATIVITà che trasforma l’avventura del cane astronauta in un finale lieto che ha suggestionato la mia naturale tendenza al bene.

Nello scorrere di queste  serate alla “Dimora Albireo”, si è aggiunto un percorso di narrazione e letture sceniche a cura dell'Associazione “APOTEMA”, con l’attore Marco Palladini. Un intersecarsi di testi, tra fiaba, scienza e fantascienza, rappresentati dinamicamente in spazi diversi della Dimora “ALBIREO”. La cultura è stata l’impronta data dall’attore Marco Palladini nelle sue emozionanti interpretazioni; l’ultima una favola dello stesso, “LUNELLA”, rappresentata sull’aia al chiarore soffuso delle stelle, mentre intorno v’era il buio, sono stati per me dei momenti carichi di pathos e certamente da non dimenticare.

L’impressione globale è stata quella che la spinta culturale ha favorito questi incontri estivi rendendoli sobri, piacevoli e perché no... ben accompagnati dai sapori tipici dei piatti pugliesi.







Gianni Leone: due immagini della Dimora Albireo


Gianni Leone (Bari 1939) ha insegnato Storia delle Dottrine Politiche presso l’Università di Bari. Il suo interesse per la fotografia nasce nel 1979; dal 1981 al 1984 dirige la galleria Spazio Immagine di Bari dove svolge un'intensa attività di ricerca e di organizzazione, volta soprattutto al'approfondimneto del rapporto tra fotografia, arti visive e scrittura. è promotore di importanti conferenze e dibattiti sul linguaggio fotografico e ha partecipato a numerose mostre in tutt'Italia. Il 7 novembre s’inaugura nella Reggia di Colorno (Parma) la sua antologia dal titolo “Vaghi Paesaggi” a cura di Paolo Barbaro e el CSAC (in catalogo testi del curatore e di Carlo Arturo Quintavalle).  




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Primo Piano

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006