LETTERATURE MONDO
ELIZABETH HAZIN
“Martu”, un poema epico-lirico per la Palestina

      
La sessantatreenne poetessa brasiliana ha pubblicato questo suggestivo testo nel 1986, dando poi alle stampe una seconda edizione rivista e ampliata nel 2006. Il libro le fu ispirato dall’incontro a Recife con un gruppo di danza palestinese, che le riaccese quasi un sentimento di ritorno alle origini. Il titolo rimanda all’espressione con cui i Sumeri e gli Assiro-Babilonesi indicavano il ponente, o ‘terra d’occidente’, che era poi per loro la terra di Gerusalemme. I potenti e vibranti versi fanno con tristezza pensare ad un luogo mitico tutt’oggi martoriato e straziato dalla guerra.
      




   

 

 

di Graziano Pampaloni

 

 

MARTU è l’antica designazione con cui i Sumeri e gli Assiro-Babilonesi indicavano il ponente, o ‘terra d’occidente’, per designare la Palestina.

                                  

                                   A LUZ DO CRESCENTE

                                   AINDA NÃO ACENDE

                                   O CÉU DE MARTU.

 

                                   VOLTAREMOS

                                                                       UM DIA VOLTAREMOS

                                   (OS MESMOS MILENARES CAMPONESES ?)[1]

                                   [...]

 

[La luce dal levante/ ancora non infiamma / il cielo di Martu. / Ritorneremo / un giorno ritorneremo / (gli stessi millenari fellahin?)] [2]

 

                                   [...]

                                  

                                   MORRE O POVO DO MAR

- Ó FILISTEUS

                                   DEBRUÇADOS NA ÁGUA

                                   MIRANDO OS SEUS

                                   LÁBIOS SECOS.[3]

                                   [...]

[Muore il popolo del mare / oh Filistei / sporti sull’acqua / scrutando le loro / labbra secche.] [4]

 

                                                           [...]

 

                                                           SANGUE E RESISTÊNCIA

                                                           SANGUE E RESISTÊNCIA

                                                           A MESMA IMAGEM SE REPETE

                                                           A MESMA CENA.

 

                                                           TERRA DO OCIDENTE?

                                                           NUNCA HOUVE TAL LUGAR

                                                           ALGUÉM GRITA.

                                                           NÃO DEIS OUVIDO:

 

                                   SANGUE E RESISTÊNCIA

                                   SANGUE E RESISTÊNCIA

                                   DISSO SE FAZ A CONQUISTA.[5]

 

[Sangue e resistenza / sangue e resistenza / la stessa immagine si ripete / la stessa scena. / Terra d’occidente? / Mai ci fu tale luogo / qualcuno grida. / Non date ascolto: / sangue e resistenza / sangue e resistenza / con ciò avviene la conquista.]

 

                                   [...]

 

                                   MULHERES DE RAMALLAH EM SUAS MÃOS

                                   O FIO DE VIDA CRUZA E TECE A MORTE.[6]

                                   [...]

 

[Donne di Ramallah nelle vostre mani / il filo della vita incrocia e tesse la morte.]

 

Penso possano bastare questi pochi esempi per conoscere MARTU, che la poetessa brasiliana Elizabeth Hazin[7] ha scelto come titolo della sua opera.

Si tratta di un corpus di 122 poesie, già alla seconda edizione,[8] di queste  una quarantina riguardano la tragedia palestinese, mentre le altre affrontano l’argomento della creazione poetica, ma tutta l’opera è dedicata:

Al popolo palestinese, il cui martirio e minaccia di / genocidio fanno della sua storia una tragedia, / il mio canto, perché s’aggiunga al coro di / solidarietà dei popoli, che alimenterà la sua / tenacia e resistenza fino al giorno della vittoria.[9]

È la stessa Hazin a informarci, nella postfazione, che l’occasione del libro e la sua organizzazione nacquero:

da uno spettacolo di danza a cui avevo assistito, a  Recife, come chi all’improvviso si scopre: quel ritmo era il mio, senza che lo sapessi; quei movimenti già antecedentemente li avevo fatti e la musica che ascoltavo, già da molto tempo l’avevo immaginata: era mia. Trattavasi di un gruppo di danza palestinese, rivoluzionario, che riaccendeva in me – in quel momento – il sentimento di ritorno alle origini, [...]. La prima idea per il libro era molto ambiziosa: 1001 poesie, incatenate, a somiglianza delle notti di Sherazade. Oltre alle letture fatte sulla storia della Palestina, cominciai ad annotare in un quaderno, separatamente, un’infinità di elementi che avrebbero dovuto apparire nel libro che programmavo. [...]. In quell’epoca, cominciai, parallelamente, a scrivere un altro libro di poesie che trattava della specifica creazione poetica. In esso, parlavo esaustivamente dello stesso poema, [...]. Inesplicabilmente, ad un certo momento, i due libri  – apparentemente diversi –  si fusero, trasformandosi in un unico volume, che finí per esigere da me delle poesie di legame, che servissero da ponte fra i due assunti. Così Martu [...] è un lungo poema, narrato da un poeta che teorizza il proprio fare poetico, oltre a far conoscere le sue proprie poesie: quelle che già erano state scritte seguendo il progetto iniziale e che, nel libro, appaiono in maiuscolo.[10]





Questa distinzione grafica è subito evidente a partire dal testo iniziale, che fa anche da introduzione  a tutto il libro:

                                  

Sou aquele que faz[11]

                                   como se dizia na Grécia

                                   ao tempo dos deuses

                                   e dos jogos

                                   de Helena e de Páris

                                   (sós na lide os mortais).

 

                                   Sou aquele que faz

                                   (eu que entoava na avena

                                   rudes canções)[12]

                                   e o que se faz é o poema

                                   quem de tão longe vem

                                   e vai.

 

                                   (Ouve os meus ais

                                   seja tu uma sombra ou homem certo)[13]

                                   sou aquele que faz

                                   e minha ação muda a face

                                   do deserto.

 

                                   (Tornai-me a aparecer entes imaginários) [14]

– têm dito os poetas

desde então:

somos todos iguais  – pactários –

na ação.

 

Sou aquele que faz

e o que se faz é a Beleza

(venis do fundo do céu ou do precipício sais?)[15]

ouço as vozes de todos os poetas

ao fazê-la.[16]

 

 

[Sono colui che crea / come si diceva nella Grecia / al tempo degli dei / e dei giochi / di Elena e di Paride / (soli nella lotta i mortali).

Sono colui che crea / (io che intonavo nel flauto / primitive canzoni) / ed è la poesia ciò che si crea / che da tanto lontano viene / e va.

(Ascolta i miei lamenti / tu sii od ombra od omo certo) / sono colui che crea / e il mio creare muta il volto / del deserto.

(Tornate ad apparirmi enti immaginari) / – hanno detto i poeti / fin d’allora: / siamo tutti uguali – compromessi – / nell’azione.

Sono colui che crea / e ciò che si crea è la Bellezza / (vieni dalla profondità del cielo o dall’abisso  sali?) /  odo le voci di tutti i poeti / nel crearla.]

 

In queste 5 strofe si evidenziano i riferimenti a cinque, forse i massimi poeti della tradizione poetica europea, con citazioni, tra parentesi, in sequenza: dall’Iliade, dalle Bucoliche, dalla Divina Commedia, dal Faust, da I fiori del male. Riferimenti che annunciano i temi fondamentali del libro: la creazione e composizione poetica, lo scontro e il conflitto, il ritmo e la musicalità, il dolore e la sofferenza, l’immaginazione e il sognare, la complessità e/o tragicità della bellezza.

 

A questo proposito è stupefacente una poesia in un unico periodo di 48 versi,[17] composta da 6 strofe, ciascuna iniziante con la stessa formula: oh luna e la ripetizione canonica, sempre al secondo verso, di uno slogan: non ti vogliamo; a dire che non ci possono essere consolazioni naturalistiche o estetiche mentre si è nel conflitto. In ogni strofa 8 versi esa e tetrasillabi alternati creano un ritmo da canzone politica. Si aggiunga che tutti i versi dispari sono formati da 3 parole inizianti rispettivamente con: o, elle, pi,  in modo da far trasparire la sigla: OLP,[18] a creare un mantra che si dipana per tutto il testo.

 

                                   Ó LUA PRATEADA

                                   NÃO TE QUEREMOS

                                  (OÁSIS LONGE-PERTO

                                      DESSA JORNADA)

                                   Ó LENDA PARECIDA

                                   COM OUTRA LENDA

                                   Ó LÁGRIMA PARADA

                                      NA FACE LISA

 

                                   Ó LUA PRANTEADA

                                   NAO TE QUEREMOS

                                  (Ó LENTA PERMANÊNCIA

                                         NESSA AGONIA)

                                   Ó LUTA PROCURADA

                                     POR NOSSAS MÃOS

                                   Ó LEITO PERMITIDO:

                                         CHÃO DIVIDIDO

 

                                   Ó LUA PARTILHADA

                                   NÃO TE QUEREMOS

                                   Ó LÍQUIDO PERFUME

                                         ALMIRASCADO

                                   Ó LÂMINA PARTIDA

                                   – ALFANJE CLARO –

                                    Ó LÍRICA PARÁBOLA

                                      DESCREVE O ARCO

 

                                    Ó LUA PROFANADA

                                   NÃO TE QUEREMOS

                                 Ó LÂMPADA PENDIDA

                                    SOBRE O DESERTO

                               Ó LONGÍNQUA PASÁRGADA

                                       QUASE MIRAGEM

                                 Ó LÉGUAS PERCORRIDAS

                                       SEMPRE DE VOLTA

 

                                   Ó LUA POSSUÍDA

                                   NÃO TE QUEREMOS

                                   Ó LÍCITO PECADO

                                    – RITO SECRETO –

                                   Ó LONGO PESDAELO

                                    ENTRE PALMEIRAS

                                  Ó LÚCIDA PAISAGEM

                                   DE PEDRA E ÓLEO

 

                                   Ó LUA PROMETIDA

                                   NÃO TE QUEREMOS

                                 Ó LÍMPIDO PINGENTE

                                   CRESCENTE E FÉRTIL

                                   Ó LÂNGUIDO POEMA

                                      INSCRITO A FOGO

                                   Ó LAPIDADO PÓRTICO

                                      DA LIBERTADE.[19]

 

 

[Oh luna plenargento[20] /  non ti vogliamo / (oasi lontan-prossima) / di questo giorno / oh leggenda parente / d’altra leggenda / oh lacrima posata / in faccia lisa

oh luna pïangente / non ti vogliamo / (oh lenta permanenza / ’n quest’agonia) / oh lotta procurata / da nostre mani / oh letto possibile / suolo diviso

oh luna porzionata / non ti vogliamo / oh liquido profumo / come muschiato / oh lamina partita / – falce lucente – / oh lirica parabol / descrive l’arco

oh luna profanata / non ti vogliamo / oh lampada pendente / sopr’il deserto/ oh lontan paradiso / quasi miraggio / oh leghe perlustrate / sempr’a ritorno

oh luna posseduta / non ti vogliamo / oh lecito peccato /  – rito secreto – / oh lungo palpitare / entr’i palmet i/ oh lustro paesaggio / di pietr’ed olio

oh luna presagita / non ti vogliamo / oh limpido pendente / crescen-fertile / oh languido poema / inciso a fuoco / oh lapidato portal / della libertà.]





Elizabeth Hazin


Il tema politico, a volte, è presente anche nelle poesie che dovrebbero argomentare la creatività poetica:

                                   [...]

                                   Depois de mim

                                   outros escreverao:

                                    Nunca partiremos desta terra! [21]

                                   assim sera

                                   pois assim tem sido,

                                   morrer apenas adia

                                                           a festa.

 

[Dopo di me / altri scriveranno: Mai partiremo da questa terra! / cosí sarà / poiché cosí è stato, / morire solamente procrastina / la festa.]

 

Di per sé nel libro si intersecano due immagini della Palestina. quella del paese reale e quella del paese simbolico, come afferma l’autrice:

 

sendo esta TERRA, a um só tempo, o literal e o metafórico, ou seja, a Palestina distante e a  própria Poesia.[22]

 

[essendo questa TERRA, ad un tempo, il letterale e il metaforico, ossia, la Palestina distante e la stessa Poesia.]

 

Vedasi, ad esempio, questi passi intrisi di nostalgia:

                                  

                                    [...]

                                   Ó TERRA DOURADA QUEM TE ESPREMEU

                                   NAS MÃOS QUEM TE SORVEU ATÉ A GOTA

                                   ÚLTIMA O SUMO DOCE AMARGO

                                                                                                          O FEL?

 

                                   Ó TERRA DE LARANJA JÁ NÃO BEBO

                                   TEU PERFUME DE FLOR. TÃO LONGE SOU

                                    – ENXERTO EM TERRA ESTRANHA –

                                                                                                Ó MINHA PÁTRIA

 

                                   QUE NÃO TE PERCO. ESSA SAUDADE TRISTE

                                    VIVE AQUI. TE PERSEGUE. E ATÉ LÁ VIVE.[23]

 

[oh terra dorata chi ti ha spremuto / nelle mani chi ti ha sorbito fino alla goccia / ultima il succo dolce amaro / la fiele? / oh terra d’arancia ormai non bevo / il tuo profumo di fiore. Tanto lontano sono / – trapiantato in terra estranea – /  oh mia patria / non ti perdo. Questa nostalgia triste / vive qui. Ti insegue. E fin là vive.]

 

                                   [...]

                                   MAS TUA COR É DOCE E ESSA RESINA

                                   QUEIMANDO TODA A NOITE A VIDA TODA

                                   ASPERGE NO DESERTO OUTRO PERFUME

                                   AZUL AZUL AZUL AREIA PURA

                                   SECRETO ITINERÁRIO SOB AS DUNAS

                                   Ó LAGO DE MIRAGEM EM QUE TE MIRO

                                   DOLCE COLOR D’ORIENTAL ZAFFIRO.[24]

 

 

[ma il tuo colore è dolce e questa resina / bruciando tutta la notte la vita tutta / asperge nel deserto  altro profumo / azzurro azzurro azzurro sabbia pura / segreto itinerario sotto le dune / oh lago di miraggio in cui ti miro / dolce color d’oriental zaffiro.]

 

Forse vale la pena terminare questa breve presentazione di Martu con la poesia, con cui si chiude il libro, e che rappresenta il topos poetico della celebrazione della parola, anche se pregna di dolore, come entità che trascende le miserie umane e trionfa sul tempo:

 

 

                                   O sol está morrendo ou vai nascer?

                                   é tudo a mesma hora  – ó dor igual –

                                   na terra desses homens  os poetas –

                                   tecendo desde o sangue a flor do mal.

                                   Ó rubra rubra flor o tempo pára

                                   o sol está suspenso sobre a terra

                                   que importa se ele nasce ou morre agora?

                                   Apenas o poeta escuta o vento

                                   e borda com o vermelho dessa hora

                                   um canto que não morre e vence o tempo.[25]            

 

[Il sole sta morendo o sta per nascere? / tutto è la stessa ora  – oh dolore uguale – / nella terra di questi uomini  – i poeti – / che  tessono col sangue il fiore del male. / Oh rosso rosso fiore il tempo ferma / il sole è sospeso sulla terra / che importa se nasce o muore ora? / Solo il poeta ascolta il vento / e ricama con il vermiglio di quest’ora / un canto che non muore e vince il tempo.]





Certo è veramente deludente, irritante e controproducente che la maggioranza del governo israeliano, ancora nel 2014, forte di un apparato militare egemone, pratichi razzismo, distruzione, morte di tanti innocenti, mentre, memore della Shoah, dovrebbe impegnarsi a trovare una soluzione per una pace: Salam/Shalom veramente innovativa con soluzioni da esempio e modello per tanti conflitti nel mondo, in modo da avviare la speranza di un’umanità nuova.

Perché, quasi tremila anni fa, sempre una parola profetica di poeta aveva annunciato e ancora  reclama una Gerusalemme come centro di un ecumene interetnico armonico:

 

                                   Di te si dicono cose stupende,

                                   città di Dio:

                                   ricorderò Raab e Babilonia fra quelli che mi conoscono;

                                   ecco, Palestina, Tiro ed Etiopia:

                                   tutti là sono nati. [26]

 

 

 

 

 

 

 

 



[1]vv. 1-6, p.85.  Poiché tutti i testi sono senza titolo,  i  versi e le pagine rimandano alla seconda edizione brasiliana.

I  camponeses sono i ‘contadini’ o,  meglio conosciuti come:  fellhain .

[2] Le traduzioni sono sempre ‘di servizio’ per facilitatare la comprensione.

[3] vv.6-10,  p. 80.

[4] Ormai tutta l’area viene detta medioriente, mentre: vicino oriente,  come levante, più precisi geograficamente dal nostro punto di  vista,  sono ormai desueti, a tal punto la fraseologia statunitense ci ha colonizzato.

[5] vv.8-18,  p. 71.

[6] vv.15-16,  p.17.

[7] Nata a Recife nel 1951,  ha una vasta produzione poetica, ed è attualmente docente presso l’Università di Brasilia.

[8] Prima edizione: E. Hazin,  Martu, Rio de Janeiro, Philobiblion, 1986. Seconda edizione rivista e ampliata: Idem, Rio de Janeiro, Vieira & Lent, 2006.

[9] p. 7.

[10] pp. 147-148.

[11] Traduco sempre le varie forme occorrenti di  fazer con ‘creare’, dato che, in questo contesto,   corrisponde al  poiein greco, che indica la creazione poetica.

[12]Silvestrem tenui musam meditaris avena’, Virgilio, Bucoliche, I, v. 2.

[13] ‘”Miserere di me”, -gridai a lui /“qual che tu sii, od ombra od omo certo!”’, Dante, Inferno, I, vv. 65-66.

[14]Ihr naht euch wieder, schwankende Gestalten’, Goethe, Faust, Dedica, v.1.

[15]Viens-tu du ciel profond ou sors-tu de l’abîme’, Baudelaire, Hymne à la beauté, v.1.

[16] pp.11-12.

[17] Il numero dei versi richiama il 1948 anno di  fondazione dello stato israeliano e d’avvio del conflitto.

[18] Organizzazione per la Liberazione della Palestina,  fondata nel 1964 e che riunisce quasi tutte le formazioni politiche palestinesi.

[19] pp. 55-56.

[20] Di per sé prateada = argentata, ma la scelta di plenargento, come di altre lezioni, si deve al mantenimento dell’acronimo OLP. Nella traduzione uso la scansione settenario alternato a quinario, che  riproduce la sequenza alternata di esa e tetrasillabo portoghesi, con cui è costruita tutta la poesia.

[21] Riprende: But we shall never leave  del poeta e politico comunista palestinese Tawfik Zayyad (1929-1994); citazione che si trova in esergo.

[22] p.148.

[23] p. 42.

[24] p.109. La citazione dantesca è da Purgatorio, I,13.

In altre due poesie, si trova anche una citazione dalle Rime di Tasso: ‘pastor che vai per questa notte oscura’,  p. 118, ripetuta a p.119, dove si riprende pure: ‘o poeta é um fingidor’ da Pessoa.

[25] p. 141.

[26] Tehillim/Salmi, 87, 3-4.




Scarica in formato pdf  


   
Sommario
Letterature Mondo

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006