LETTERATURE MONDO
MURAKAMI HARUKI
“Ritratti in jazz”:
il ritmo
della scrittura

      
È uscito presso Einaudi un libro del 64enne narratore giapponese che illustra la sua totale passione nonché competenza verso la musica afro-americana, manifestatasi fin da quando poco più che ventenne aprì a Tokyo un jazz bar. Il volume intreccia schede musicali, le belle immagini di Wada Makoto, evocazioni di dischi fondamentali, ricordi di concerti e si legge come un romanzesco dialogo con i protagonisti di un mondo sonoro che si reinventa sera dopo sera.
      




   

 

di Cosimo Ruggieri

 

Il Jazz è l’unica musica in cui una nota può essere suonata

sera dopo sera, ma essere differente ogni volta.

Ornette Coleman

 

“Esiste una forma d’arte giapponese che costringe l’artista a essere spontaneo. Deve dipingere su un foglio di pergamena sottile e teso, con una tempera nera e un pennello speciale, tanto che basterebbe una pennellata innaturale o discontinua per interrompere o lacerare il foglio. Correzioni e cancellazioni sono impossibili. Questi artisti devono esercitarsi in una disciplina particolare, quella di lasciare che l’idea si esprima solo attraverso le mani, in modo talmente diretto da escludere l’intervento della volontà… Penso che l’azione diretta sia il più significativo dei riflessi  e abbia analogamente portato allo sviluppo di due discipline straordinarie e rigorose come il jazz e l’improvvisazione musicale”.

Bill Evans scrisse queste note di copertina, intitolate Improvisation in Jazz, dopo la registrazione del disco Kind of Blue del 1959. Il saggio di Evans fa riferimento alla pittura ad inchiostro che gli studiosi chiamano suibokuga, la quale fu importata in Giappone dalla Cina dai monaci buddhisti zen alla fine del XIV secolo. La metafora di Evans aderisce ottimamente perché la rarefazione e la semplicità e un tratto sottile sono elementi essenziali  sia per il jazz sia per la pittura suibokuga giapponese.

Murakami Haruki (村上 春樹) nato a Kyoto, il  12 gennaio 1949 è uno scrittore, traduttore e saggista giapponese. Nel 1971 Haruki per un anno  interrompe la frequenza all’università e insieme alla moglie decide di aprire un jazz bar, lavorando di giorno in un negozio di dischi e di sera in una caffetteria. Il bar viene aperto a Kokubunji (Tokyo), nel 1974, e viene chiamato “Peter cat” – dal nome di un gatto che lo scrittore aveva avuto – era una caffetteria di giorno, mentre di sera venivano serviti anche alcolici. Rivela Murakami in una intervista:Non avevo voglia di lavorare per una una società e di diventare un dipendente  dopo la laurea. Ho ottenuto un lavoro  in  un network televisivo e ho realizzato un  paio di interviste, ma ‘il lavoro era troppo stupido’. Ho sentito il desiderio di  aprire un piccolo negozio… L’unica cosa che potevo immaginare  era un jazz club. Mi piace il jazz e volevo fare qualcosa che fosse collegato con esso in qualche modo”.

Il Jazz si è diffuso in Giappone grazie ai viaggi fatti negli Stati da gruppi di jazz provenienti dalle Filippine, queste band lo conobbero nel loro paese d’origine anche  attraverso la presenza delle forze di occupazione americane. Tramite queste band, nasce il jazz in Giappone nei primi anni  1920, particolarmente  nei quartieri d’intrattenimento per i ricchi di Osaka e Kobe. Nel 1924 la città di Osaka aveva 20 sale da ballo, le quali hanno dato l’opportunità di suonare jazz al livello professionale a molti musicisti giapponesi, come ad esempio Fumio Nanri, il primo di questi musicisti jazz giapponesi a guadagnare la fama non solo in Giappone per il suo stile musicale. Nel 1929 Nanri andò a Shanghai, dove suonò con Teddy Weatherford e nel 1932 andò in tournée negli Stati Uniti,  tornato in Giappone, Nanri incise diversi dischi con i suoi Hot Peppers, una swing band di stile americano. Durante la seconda guerra mondiale, il jazz fu considerato “la musica nemica” e fu vietata in Giappone. Ma il genere era diventato talmente popolare che diventò difficile limitarne la diffusione, anche  perché dopo la guerra e l’occupazione alleata (1945-1952) aveva fornito un nuova linfa ai musicisti jazz giapponesi  per emergere. Verso la fine del 1950, il jazz tornò ad essere  di nuovo fiorente in Giappone e nei successivi dieci anni raggiunse una crescita con lo stile d’avanguardia e il free jazz.





Murakami è sempre vissuto interessandosi alle sue due passioni: musica e letteratura, concentrandosi però prevalentemente sulla musica all’inizio della sua carriera. Nel 2013 per Einaudi esce il libro di Murakami Haruki con le illustrazioni di Wada Makoto  intitolato Ritratti in Jazz tradotto da Antonietta Pastore (pp. 229, € 19,50). Wada Makoto (和田,) è un illustratore, saggista e regista, come illustratore, ha disegnato molti fumetti e caricature, Being a passionate film fan, he started his career as a film director in 1984 appassionato di cinema ha iniziato la sua carriera come regista nel 1984.He won the award for best director at the 31st Blue Ribbon Awards for Kaitō Ruby . [ 1 ] Ha vinto il premio per la miglior regia al 31° Blue Ribbon Awards per Kaito Rubino. Il jazz e la pittura sono linee che si incontrano, sono molti i pittori che si sono ispirati a questo genere  musicale. Arthur Dove fu  ispirato dall’orchestra di Paul Whiteman, i suoi quadri sono ispirati alla musica che Dove ascoltò nel 1925 dopo aver ascoltato l’orchestra a Manatthan, il sistema da lui utilizzato era un modo per non allontanarsi troppo dalla musica, ascoltava un pezzo incessantemente mentre dipingeva e sperimentava quale effetto avrebbe potuto avere la musica sulla sua opera. L’impatto che ha avuto la musica sulle sue opere si può vedere nel quadro intitolato da Dove Rhapsody in Blue, dipinto seguendo i tre movimenti della musica di Gershwin. Come lui anche il pittore Stuart Davis il quale sin da piccolo era stato portato dai suoi genitori a vedere “ riviste e spettacoli di negri ” e rimase così colpito che la passione per la musica nera durò tutta la vita. Nel 1932  questi presentò alla prima Biennale di Whitney un quadro intitolato American Painting che comprendeva le parole “It don’t mean a thing / if it ain’t got that swing “ (non vuol dire niente / se non ha quello swing ) con il palese  riferimento al disco di Duke Ellington, registrato nel 1932 con la voce scat di Ivie Anderson, esattamente tre mesi prima che fosse annunciata la Biennale.

Piet Mondrian, grande pittore,  scrisse saggi come Jazz and Neo-Plastic dove distingueva il ritmo dalla ripetizione, liberando il concetto di ritmo dalle connotazione negative (imitazione e naturalismo) e The new Plastic, nel 1917, dove perseguiva l’analogia tra musica e pittura, per quanto fosse incerto se considerare il ritmo positivo ed astratto come l’armonia oppure negativo e figurativo come la melodia. A lui si deve il dipinto Broadway Boogie-Woogie (1942-1943), esposto alla galleria Valentine collegata all’esecuzione di un disco di  Boogie-Woogie e Primitive Music (1943 o 1944), una serie di schizzi ora perduti sulle registrazioni di Ellington, Bing Crosby e George Gershwin. Né può essere dimenticato il pittore Henry Matisse che nel 1943 realizzò la sua opera emblematica della relazione tra jazz e arti visive. Nel 1941 l’editore Teriade lo aveva sollecitato  a realizzare un libro che si doveva chiamare Le Cirque, ma Matisse dovette aspettare il 1947 per la pubblicazione delle venti tavole da lui realizzate con il titolo Jazz. Matisse usò  la tecnica del decoupage che comportava l’uso di carte colorate, che gli permettevano di disegnare nel colore.

Nel libro di Murakami i disegni vengono prima delle parole, in un certo senso tra lo scrittore e il disegnatore c’è una sorta di interplay  un po’ come quello che c’era tra Bill Evans e Scott LaFaro o come la commistione di musica e disegni nella Rapsodia in Blu di George Gershwin o in Fantasia 2000 della Disney. Da molti anni quando leggo un libro o scrivo una recensione (e a volte quando scatto una foto le immagini mi richiamano una musica o un testo di una canzone, o il titolo di una canzone) scelgo sempre una colonna sonora appropriata per quello che sto leggendo e o scrivendo. La stessa cosa fa Murakami Haruki: se decide di scrivere su Clifford Brown ad  esempio mette un disco di Clifford Brown sul suo stereo e si lascia guidare  dal suono per quello che scriverà successivamente. Le schede di Murakami sono come dei racconti. Ad esempio nella scheda dedicata a Charlie Parker parla del disco inciso per la Verve da Parker con il titolo Bird&Diz e tratta con poche righe la biografia di Charlie Parker, parlandone con  sincerità e commentando  il disco, spiegando che secondo lui alla batteria sarebbe stato meglio Kenny ‘Klook’ Clarke o Max Roach in tutti i pezzi invece che Buddy Rich. “Rich all’epoca aveva un successo straordinario, era il numero uno, picchiava sulla batteria con una tecnica brillante e chiedeva compensi da capogiro Peccato che Monk, il quale non aveva né successo né lavoro non capisse quello stile all’avangardia e facesse quello che gli pareva. Come era prevedibile i loro stili non si combinavano affatto. Ognuno si atteneva al proprio senza preoccuparsi dell’altro, anzi Rich dava l’impressione di chiedersi cosa diavolo stesse facendo Monk e viceversa”.





Murakami Haruki


Murakami scrive come si trattasse di un dialogo tra appassionati di Jazz più che di schede biografiche. Racconta nella scheda di Fats Waller che la sua composizione preferita è Jitterburg Waltz che gli ricorda l’intro della canzone di Light my fire dei Doors suonata con l’organo da Ray  Manzarek (la canzone nacque da una composizione non terminata di Robby Krieger, che gli altri membri del gruppo decisero di espandere). Scrive John Desnmore nella sua autobiografia Riders on the storm-la mia vita con Jim Morrison e i Doors:Certi ragazzi andavano al cinema per trovare una via di fuga. Noi la scoprimmo nel jazz. Coltrane e Miles ci parvero l’apice di un ventennio di jazz. Fu così che scorgemmo la luce. Fu una specie di grezza anarchia spirituale. Grant e io discutevamo appassionatamente e senza tregua di come quei geni del jazz erano ‘la fuori’, per come suonavano negli angusti spazi tra gli accordi, alla ricerca dell’ignoto che stava al di là della loro struttura”.

Ogni scheda è fornita di un disegno, ma anche della copertina del disco che Murakami ha scelto per scrivere la scheda sul personaggio e le sue impressioni, come in una sorta di personale discografia. La cosa interessante è che ognuno di noi potrebbe integrare le schede con le proprie opinioni e con i dischi che secondo i propri gusti rappresentano il musicista descritto. Jack Kerouac nella sua lista dei consigli per gli scrittori scrive: Scrivi ricordando e sorprendi te stesso. Il perno dei tuoi interessi è lo sguardo all’interno dello sguardo”. In questo libro Murakami usa i suoi ricordi per descrivere ad esempio la prima volta che va a vedere  Art Blakey & The Jazz Messengers  che fu  anche il suo primo incontro  con il modern jazz, nel 1963 a Kobe. A  quell’epoca Murakami andava alle scuole medie: “Era difficile che un famoso musicista venisse in tournèe in Giappone… quella sera non capii la musica che ascoltavo perché a quell’epoca ascoltavo soprattutto rock and roll sia alla radio sia sui dischi… quella volta sul palco vennero suonate It’s only paper moon e Three Blind Mice. Conoscevo già entrambe le canzoni, ma nell’esecuzione dei Jazz Messengers erano molto lontane dalla melodia originale. Non riuscivo a capire perché la melodia dovesse venire spezzata e stravolta…”.

Questo libro è come un viaggio passionale nel tempo, fatto di musica di uomini e di donne e di vita vissuta. Sono schede, queste, che valgono più di quelle scritte da un esperto perché queste non sono scritte da un esperto, ma da una persona che assorbito la musica e che vive la musica. Murakami rivela in un intervista a Rolling Stone: “Ho sempre ascoltato musica jazz in modo così attento e così intenso che il suo ritmo è entrato a fare parte di me. Così quando scrivo romanzi e racconti sento sempre un ritmo. È essenziale per me”.

 

 

 

Colonna Sonora

 

Bill Evans - The Complete Riverside Recordings

Charlie Parker - Complete Charlie Parker On Verve

Art Blakey & The Jazz MessengersMoanin’

Billie Holiday - The Complete Billie Holiday On Columbia 1933-1944

 

                                                      

 

 




Scarica in formato pdf  


   
Sommario
Letterature Mondo

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006