LUOGO COMUNE
ANDREA BAJANI
Oltre la morte, sostiene Tabucchi


      
“Mi riconosci” è l’appassionato libro-omaggio che il giovane scrittore romano ha dedicato al maestro pisano, deceduto il 25 marzo del 2012. Un volume che intreccia dialoghi, ricordi e una folla di pensieri per far rivivere l’autore di “Notturno indiano” fin dentro i dolorosi tornanti che hanno preceduto la sua scomparsa. E dove è grazie al misterioso potere della parola e della letteratura che ai due amici è possibile ancora ‘riconoscersi’ ed elaborare il lutto dell’andarsene, del finale congedo, visto come il senso postumo di una scrittura che nel suo continuare può veramente valicare i confini della mortalità.
      



      

di Rossella Grasso

 

 

L’artista del circo, alla fine di un numero, si toglie il cappello, saluta il suo pubblico con un inchino e poi se ne va. Andrea Bajani immagina che Antonio Tabucchi abbia fatto lo stesso il  25 marzo 2012, quando morì a Lisbona. A un anno dalla sua morte, Bajani affida riflessioni e ricordi sul suo amico e maestro Antonio Tabucchi al libro Mi riconosci (Feltrinelli,  Milano – marzo 2013, pp. 143, € 12,00). È un dialogo, un ricordo, un’insieme di pensieri, non un libro su Tabucchi ma che rivive Tabucchi attraverso le scritture trasognanti di Bajani.

Il ritmo del racconto è lentissimo e delicato, quasi come se l’autore sussurrasse le sue parole di notte a lume di candela, quando, con gli occhi chiusi gli viene voglia di andare a trovare con il pensiero e l’anima l’amico defunto. Il fluire cadenzato delle sue parole viene intervallato dalle pagine bianche tra un capitolo e l’altro, come se l’autore avesse bisogno di prendere respiro prima di andare avanti nel ricordo. Significativa anche la copertina: in uno spazio bianco galleggiano due fiori con lo stelo lungo, uno più di un altro, che si intrecciano solo in un punto. Le vite affini di Antonio Tabucchi e di Andrea Bajani si sono incontrate in quel punto ed è stato qualcosa di unico.







Questa unione così profonda è palese nelle pagine di Mi riconosci: il narratore si rivolge a un “tu” che spesso si mescola, si sovrappone e talvolta si sostituisce a lui, rendendo difficile dividere i pensieri dei due scrittori, quello giovane e quello maturo. L’unione diventa ancora più marcata nello stile di Bajani:  non ci sono virgolette che dividano la narrazione dalle frasi citate, come se il libro fosse scritto a quattro mani da Tabucchi e da Bajani con i ricordi, la vita e le tracce scritte dello scrittore scomparso.

In queste pagine dense di ricordi si viaggia a ritroso, poi di colpo si è proiettati nel presente, e poi la scena cambia ancora per lasciare spazio ad episodi quotidiani, aneddoti di un’amicizia vera tra uno scrittore ormai maturo e uno scrittore giovane. Le parole del ricordo tracciano uno spazio libero, bianco come la copertina del libro, in cui i due si incontrano superando i confini di realtà e finzione, vita e morte: questo è lo spazio della letteratura, in cui i due si possono incontrare e “si riconoscono”, ora e per sempre. Alla fine del libro Bajani racconta che negli ultimi tempi Tabucchi non voleva riceverlo in visita perché aveva paura di non essere riconosciuto. Bajani decise di andare contro il divieto e si presentò in ospedale trovando l’amico incredibilmente smagrito e rimpicciolito. Bajani gli raccontò di aver letto in aereo un libro di Cechov, Il fiammifero svedese. “Raccontamelo”, gli aveva detto Tabucchi e così Bajani parlò per tre ore di seguito di quel libro e di letteratura, tanta letteratura. È così i due si riconobbero. Il potere della parola e della letteratura permise ai due di comunicare e comunicarsi come succede in rari casi. Mi riconosci è anche un elogio alla potenza della parola che riesce a superare tutti i confini.

Uno degli episodi che Bajani ricorda con maggiore intensità è quando, andando via da Lisbona, aveva chiesto a Tabucchi se era rimasto lì qualcosa di lui. Tabucchi gli aveva risposto con un messaggio sul cellulare citando i versi di Rainer Maria Rilke da I sonetti a Orfeo: “Mi riconosci, aria, tu piena ancora di luoghi / un tempo miei”. Bajani ha raccontato che il libro è nato proprio da quel messaggio. È una scrittura necessaria e di cui l’autore sentiva il bisogno subito dopo la morte dell’amico/maestro/padre. Rappresenta la leggerezza della letteratura che parla con i morti senza necessariamente crogiolarsi nel dolore. È un’aria piena di luoghi un tempo dell’amico, è Tabucchi che è rimasto nell’aria anche dopo la sua morte. Questo è il motivo per cui Bajani riempie il suo libro di luoghi e spazi molto cari all’amico: Lisbona, dove viveva nell’ultimo periodo e da cui guardava con sofferenze l’Italia – la stessa sofferenza che provano molti italiani che vivono ancora in Italia, ma che è difficile da esprimere – Parigi, Vecchiano e i tanti non luoghi delle lunghe telefonate notturne, le spiagge, le vie strette, i cimiteri, le mansarde.

Vita e morte, gioia e dolore pervadono le pagine di Mi riconosci. L’autore si rapporta alla morte come il suo maestro Antonio Tabucchi gli ha insegnato a fare: con grandissima serenità. Sfida il luogo comune della morte come cosa solo triste e brutta. Per il giovane scrittore è solo un punto dove qualcosa finisce, una cosa necessaria, vissuta con molta tranquillità e naturalezza. Non c’è disegno che nasca senza due punti: un punto è la nascita, uno la morte. In mezzo ci sono le digressioni della vita, le cose che succedono. Guardare la morte in faccia significa ammettere che qualcosa ha avuto un termine e soprattutto che ha cambiato tutti gli equilibri. La morte è l’inizio di una storia: in essa c’è tutto il dolore della fine, ma anche la gioia dell’inizio che ci permette di non perdere la persona che è finita. Per Bajani la morte non è una cosa spaventosa e incombente: questa idea fa parte di un mondo in cui si cerca di negare delle cose. La morte è ammettere che il tempo esiste fino alla fine e soprattutto nonostante la fine. “Il lutto, in fondo, è il tentativo di abitare il vuoto di qualcuno che si è perso” scrive Andrea Bajani nei ringraziamenti. 





Antonio Tabucchi (1943-2012)


Il tema della morte è molto presente nell’opera di Tabucchi che Bajani cita più o meno velatamente confermando il ruolo dell’amico come maestro, che a sua volta chiama in causa Pessoa e Pirandello, i suoi autori preferiti. Mi riconosci rappresenta così anche la genealogia della storia letteraria italiana fino ad oggi, in cui viene ripetuto il tema delle allucinazioni in cui i vivi si rispecchiano nei morti.

Bajani fa iniziare con la morte di Tabucchi la finzione: inizia qui a trasformarlo nel suo personaggio, per dilatare la storia e allontanarlo dalla morte come si fa in letteratura. Bajani gli fa una concessione di vita ulteriore. Tradisce la verità di Tabucchi inventando quello che avrebbe potuto dirgli e che forse (?) non gli ha mai detto. Non dimentica nemmeno di proporre Antonio Tabucchi, ormai personaggio di finzione, in tutte le sue versioni: lo scrittore appare diverso in tutte le foto che riempiono la sua casa, manifestazione dell’eclettismo dell’intellettuale e delle varie maschere che ha indossato negli anni. Qualche settimana fa, al Salone internazionale del libro di Torino, Andrea Bajani assieme a Paolo Di Paolo hanno ricordato Antonio Tabucchi ripercorrendo la sua opera e i ricordi che hanno del loro maestro. Bajani ha ricordato la parte di lui che più lo colpiva: “Guardavo le foto e vedevo un Tabucchi sempre diverso: a volte era il sognatore, altre il fustigatore, altre ancora l’uomo ironico… tutte le foto sembrano di un Tabucchi diverso, ogni volta con un ruolo diverso, con una maschera diversa. Eppure era sempre lui, l’uomo che viveva tra le nuvole e la terra”. Una delle pagine più intense di Mi riconosci si concentra proprio su una delle maschere di Antonio Tabucchi, l’ultima, quella dell’ossigeno che gli permette di respirare mentre è in un letto di ospedale. Discostando lievemente quella mascherina dal viso Tabucchi aveva dettato al figlio il suo ultimo racconto. Era il monologo di una donna che parla con se stessa, riflessa nello specchio di un salone di bellezza parigino e si chiudeva con lei che rivolgendosi alla propria immagine diceva: “Io adesso socchiudo la porta, scivolo fuori dal salon, spengo le luci e la lascio qui dentro, dentro quello specchio, a riflettere sulla conclusione. Non spetta a me cercare conclusioni, questa storia si è fatta da sola, senza che io contribuissi in niente, e se ho contribuito non me ne sono proprio accorta”. Tabucchi si congeda dal mondo affidando a uno specchio il compito di dire ancora, perché è la parola che rende vivi. Bajani coglie il suggerimento e scrive.

Il libro di Bajani è un omaggio a Tabucchi, a un’amicizia breve e intensa, a un rapporto tra allievo e maestro; ma prima e più di tutto, Mi riconosci è un omaggio alla letteratura, attraverso la memoria di un grande scrittore che con le sue parole ha dimostrato quanto la letteratura renda davvero immortali.

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Luogo Comune

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006