PRIMO PIANO
A PROPOSITO
DI E. L. JAMES
Dalla letteratura
di genere
alla letteratura degenere


      
La 49enne scrittrice inglese, con la sua trilogia “Cinquanta sfumature di grigio, di nero e di rosso”, è il fenomeno commerciale dell’anno. Scrivere di sesso, anche in modi rozzi e dozzinali, fa vendere decine di milioni di copie. E stimola riflessioni sia sulle strategie editoriali, sia sul ruolo di chi oggi scrive, un ruolo che fa dell’autore un emergente capitano di finanza capace di mostrare senza infingimenti il volto di una produzione sottoletteraria di mera speculazione.
      



      


di Domenico Donatone

 

«Un dubbio: e se fosse, oggi, la letteratura l’ultimo rifugio delle canaglie?»

(M. Palladini, Chi disturba i manovratori?, ed. Zona, 2011)

 

 

Ormai è prassi consolidata accettare le stravaganze del mondo come indispensabili piaceri/doveri, necessità che confermano sia l’altezza che la bassezza morale dell’uomo, e rimanere immobili mentre si apprende che E. L. James (pseudonimo di Erika Leonard, classe 1963) con i suoi (capolavori?) letterari (dal titolo Cinquanta sfumature di grigio, Cinquanta sfumature di nero e Cinquanta sfumature di rosso), tutti editi per i tipi Mondadori, si arricchisce come farebbe esattamente uno speculatore finanziario (meglio dicasi letterario), mentre noi, letterati, critici e scrittori che abbiamo letto Pasolini e la migliore tradizione sia lirica che d’avanguardia, ci impoveriamo. Anzi, siamo i “matti” che perseguono nella letteratura ancora uno scopo, un fine. Non è invidia!, (e se anche lo fosse, ad un certo punto si tratterebbe di un sentimento che stimola con pieno diritto antipatie e non simpatie mielate, quindi un dibattito autentico, acceso), ma si tratta di stabilire un punto, forse ancora più essenziale e vitale, nella letteratura contemporanea. Affermare non solo cosa sta diventando la letteratura in un tempo storico che è sicuramente post-umanista, in cui l’umanesimo non conta più nulla, e aggiungere, alla storia della letteratura, non solo il suo caos e nebulosità, compito troppo oneroso per essere eseguito un in articolo-web, ma anche il senso del suo percorso, capire dove essa si sta dirigendo. Dove va a sbattere (sempre se d’urto si vuole parlare) la letteratura? Sul sesso, soprattutto quando non si vuole sbagliare! La letteratura di mercato globale va a sbattere in mezzo alle gambe che stanno anzitutto in testa ad ogni individuo, sia etero che omo. Verrebbe spontanea una definizione scolastica di cos’è la letteratura, ma evitiamo, visto mai dall’altra parte del globo qualche scrittore o critico emergente dovesse offendersi!

Sappiamo da sempre che esiste una letteratura alta, media, bassa, di genere, ma oggi pare di genere anche una letteratura che “starnazza”, fatta per “paperi&papere”, più per becchi che per bocche buone! Una letteratura che si rivolge al gentil sesso (quando è più genital che genitive) per trasportarlo nei mondi (s)conosciuti dell’eros e del sesso. Il sesso ha sempre fatto parte della letteratura, del racconto, della novella, della poesia, è sempre stato più che un ingrediente una verità storica della vita; da Boccaccio a Pietro Aretino, da Pier Paolo Pasolini fino ad Aldo Busi, per non citare la poesia erotica latina, i libri del marchese de Sade e tutti quei testi mirati sul sesso: Erica Jung, Paura di volare, 1973; Anais Nin, Il delta di Venere, 1978; Almudena Grandes, Le età di Lulù, 1989; Isabella Santacroce, Destroy, 2001; Catherine Millet, Vita sessuale di Catherine Millet, 2001; Melissa P., 100 colpi di spazzola prima di andare a dormire, 2003; Alina Reyes, Il macellaio, 2010. Sono solo alcune delle più note scrittrici di eros. All’elenco si può aggiungere E. L. James.





E. L. James


È chiaro che si può scrivere di sesso e di eros in quanto fenomeni storico-sociali, farli diventare metafora e allegoria di un preciso aspetto socio-politico, come accade nell’opera di de Sade, di Pasolini, oppure essere a tal punto caratteri endemici e ontologici dell’individuo che li assimila addirittura non più come “atti privati” ma come “atti pubblici”: sostanza meta-politica e culturale di un’esigenza morale che si evince dai libri di Aldo Busi, in cui si è fieri di farlo alla luce del sole, in polemica anche con chi la propria omosessualità la reprime (vedi querelle Aldo Busi vs Lucio Dalla sul sito www.altriabusi.it). Fino a scivolare sempre più verso una specifica natura antropocentrica della letteratura in cui leggere di sesso significa approcciarsi al porno-libro (“farlo leggendo”, potrebbe essere la nuova frontiera?), che fa sentire meno colpevole e meno a disagio rispetto a chi fruisce del porno-video. C’è qualcosa però che va oltre il florilegio di libri elencati, i quali hanno tutti (anche se il giudizio è opinabile) una loro dignità letteraria rispetto al caso di cui sopra, perché affrontano il sesso non solo nel suo aspetto meramente edonistico, di piacere, ma anche endemico, ontologico ed esistenzialistico (aspetti tutti degni di una letteratura di rigore e di genere). Qui, invece, sta accadendo qualcosa di più. Con E. L. James si può ormai affermare che dentro e dietro la scrittura erotica e porno-soft si agita non solo una grande e collettiva esigenza di ascolto di una voce forte, incisiva, propria del racconto (anche se nel caso in esame ci sarebbero molte riserve: i libri scritti dalla James hanno una sintassi dozzinale, propria di uno slang che in Inghilterra è abbastanza vivo tra i parlanti), ma l’esigenza, in aggiunta, di una terapia psico-sociale, di un grande rito d’esorcismo con cui finalmente ci si libera. Qui non si tratta solo di “bunga bunga”!, qui c’è un costante lamento per le cose che non vanno, per le mancanze che sono anche sessuali, le quali richiedono una terapia collettiva per il superamento dell’ansia e dell’angoscia: chiedono la partecipazione ad una mega orgia intellettuale. La vita post-moderna è più logora e aggressiva di un’ipotetica vita moderna. Per cui il lettore si avvicina con fame e curiosità ai libri sui generis, libri di sesso e di eros, perché, più che fare poco sesso (si spera di no!), egli lo fa male (il che è più certo!), senza godere, quindi, di una specifica libidine. Siamo tutti “porci” senza mangime!

A questo punto il vero genio è Arthur Schnitzler (1862-1931), drammaturgo, scrittore e medico austriaco, che mise in atto in letteratura quel fenomeno che va sotto il nome di “monologo interiore”, in cui l’animo umano si sfoga e si libera da dentro di sé. Autore del libro Doppio sogno (1926), da cui si deduce che il sesso è più pensato che fatto, ha ispirato, come si sa, l’ultima opera cinematografica di Stanley Kubrick (Eyes wide shut, 1999). Se questi sono gli aspetti fenomenologici e culturali di una “deriva letteraria” che dispiace a chi scrive con passione civile e politica, il mercato editoriale, super-dopato di best sellers, annulla le differenze e appiattisce i moduli espressivi, anche quando essi ci sono. È inutile aspettarsi che la rivoluzione culturale passi attraverso questa odierna letteratura; magari negli anni Sessanta e Settanta del Novecento è passato qualcosa di rivoluzionario, una voce vibrante che la neoavanguardia ha stabilito essere “politica” ed essere “cultura”, distinguendola nettamente da ciò che è politichese e culturalismo. Adesso, ahinoi!, la coltre di alienazione si è inspessita, la rinuncia all’umanistica è conclamata, per cui non si stupisca chi pensa che i governi tecnici, i golpe, siano frutto soltanto di logiche economiche. Dietro ci sono anche precise scelte culturali. Questo l’ha capito la nostra Erika Leonard (casalinga inglese, forse anche annoiata, ma di certo non ingenua) che più si scrive di sesso e più si vende. Si può, con la retorica della repressione morale e culturale, scatenarne un’altra, in cui qualcuno certamente ci guadagna.





Nico Vascellari, Blonde, 2011


Col sesso si vende, e tanto, ma come si vende? È qui che riflettere assume un significato morale e civile. Si vende nel modo in cui il sistema della finanza mondiale sta insegnando in pieno giorno a milioni di persone, ovvero speculando su temi che un tempo avevano la nobiltà e la freschezza dell’approccio letterario, non dirò “puro”, ma quantomeno necessario e utile a ciò che la letteratura nella sua sostanza è: racconto che scaturisce dalla testa oppure dal cuore per indicare meglio le forme del mondo, la sua sintassi e la sua grammatica. Non è, quindi, sempre esistita una letteratura come oggi si dipinge a colpi di sfumature di grigio, di nero e di rosso, perché è di questo tempo storico trovare migliore scappatoia nelle strade e nelle logiche infinite che conducono al capitale più sfrenato. Si può, quindi, accettare, in maniera molto molto serafica (?) la visione della letteratura come “rifugio”, rifugio dei furbi, anzi, come asserisce Marco Palladini, “delle canaglie” (vedi Chi disturba i manovratori? Zona, 2011). Lo scrittore è diventato uno speculatore, felice e sorridente come mai poteva esserlo se non avesse intuito che dietro i disagi e i desiderata ci si può arricchire, esattamente come accade in Borsa, oggi. Il passaggio dalla letteratura di genere alla letteratura che degenera è materia d’inchiesta per una nuova “verità storica” che stavolta riguarda la letteratura mondiale.

 

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Primo Piano

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006