SPAZIO LIBERO
WEB E SOCIALITÀ
Fare gruppo e fare rete: le maglie dell’atrofia contemporanea


      
Una riflessione critica sulle dinamiche delle relazioni interpersonali al tempo di Internet e dei social network. Quanto più si moltiplicano gli “amici” su Facebook o i “followers” su Twitter tanto più i rapporti umani nel mondo virtuale sembrano essere dissociati ed autoreferenziali. Come se invece di dialogare realmente ci si parlasse addosso, semplicemente per ribadire i propri concetti o pregiudizi e la sedicente ‘condivisione’ reticolare si mutasse in un effettuale solipsismo bellico.
      



      

di Francesca Fiorletta

 

 

Che cosa intendiamo, noi oggi, quando parliamo di aggregazione? Qual è diventato, ormai, il nostro concetto di vivere comune?

La socialità, tradizionalmente intesa, non esiste più. O meglio, e il fenomeno è già stato osservato da tempo, la pratica sociale sta andando via via estinguendosi, secondo una china lenta e inesorabile, che conduce in maniera inquietante verso un placido e claustrofobico orizzonte individuale.

Individualismo, egotismo e autoaffermazione del proprio essere al mondo, prima ancora che nel mondo, sembrano essere, in soldoni, i canoni estetici ed esistenziali del nostro tempo.

Eravamo quattro amici al bar…” e adesso invece accendiamo il computer a intervalli regolari e sempre più ravvicinati, per controllare quante “richieste di amicizia” arrivano sul nostro social network di riferimento. Una bella comodità: intessere relazioni interpersonali (spersonalizzanti?) standosene comodamente a casa propria, magari in pigiama, senza trucco né parrucco, non spendendo nemmeno l’euro di rappresentanza deputato al caffè più conviviale e disimpegnato.

Sembra d’un tratto svanita persino l’ansia da prestazione più genuina e divertente, quel brivido ipnotico del tentare la battuta giusta al momento giusto, per il gusto di accattivarsi una piccola ma saporita fetta del benvolere altrui.

Sì, perché, insieme al piacere di un sorriso chiaro, sbucato d’un tratto sul volto dell’ipotetico astante a conferma della nostra innata e adeguatissima simpatia, si volatilizza, com’è più ovvio, anche l’immediatezza del procedimento di azione e reazione.

Procedimento, quest’ultimo, che regola non soltanto i rapporti umani e più strettamente relazionali tra individui, gruppi e comunità, ma che ha molto ha che fare, altresì, con gli stessi rapporti di produzione, sia economica che culturale e perciò artistica, di tutta la società stessa.

Prendiamo ad esempio la fruizione, che sia di un’opera poetica, come di un quadro, o di un brano musicale. L’osservazione frontale e l’ascolto diretto restano, a mio parere, passaggi fondamentali e indispensabili per la corretta comprensione e il completo assorbimento del senso profondo di un’opera d’arte.

Riconosciamo perfettamente i limiti, come anche i vantaggi, connessi con l’utilizzo dei mezzi audiovisivi, anche in accordo con Walter Benjamin e il suo inappuntabile saggio su L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica, che non mi dilungo qui oltre a citare.

Non è certamente contro il progresso o men che meno a discapito dell’evoluzione tecnologica che intendo condurre questa breve riflessione, bensì concentrandomi sulle più recenti modalità di condivisione interpersonale, le quali, generalmente, mi sembrano presupporre e conseguire alla costruzione di un percorso culturale che si possa o meno definire senziente e variamente significativo.

Come dicevo, una corretta fruizione esige, a mio parere, un lasso di tempo che sappia rivelarsi adeguato, oltre che una buona predisposizione da parte del pubblico, non soltanto a livello diremmo empatico ma soprattutto conoscitivo, che risulti principalmente favorita da un contesto sobrio e pertinente.

Il web, molto spesso, più che fucina di elementi diffratti e catarifrangenti, si svela, senza grosse sorprese, quale contenitore informe e dissociato. La fretta spasmodica dell’intercettazione nuovissima e il retaggio comportamentale del “tutto e subito”, giocano un ruolo predominante.

Inizialmente, i social network e/o i blog erano spazi quasi assimilabili all’ambiente domestico, in cui si poteva entrare, invero con estrema facilità, e avere l’impressione di sedersi nel salotto dell’artista, che solo talvolta si rivelava personaggio di turno; da questa posizione di osservatorio privilegiato, comodamente, il singolo individuo o un gruppo di persone interessate/esperte/curiose della materia potevano sfogliare i suoi libri, osservare i suoi quadri, ascoltare la sua musica.

Oggi, invece, la figura del personaggio ha preso decisamente il sopravvento su quella dell’artista, e questi spazi privatizzati, se non quando squisitamente pubblicitari, sembrano adibiti appositamente allo scopo di ricondurre l’avventore internauta in una sorta di macro-sequenza narrativa, che scandagli le viscere biografiche (pardon, autobiografiche, come se non fosse già abbastanza) del volitivo padrone di casa/homepage.





Anna Boschi, Fuga dall'inferno, 2010


Oltre alla fruizione, dunque, è principalmente l’espressività creazionista che risente di una netta e psichedelica marcatura dei confini, divenuti ormai quasi da trincea.

Per contrastare l’ingente mole di materiale artistico, infatti, per ammiccare, al contempo, ad una cassa di risonanza che sia fidelizzata e assetata di curiosità, è l’opera stessa dell’artista che, in moltissimi casi, rischia di assoggettarsi alle più becere logiche del marketing “cotto e mangiato” e della sponsorizzazione privata, arraffona, in ultima analisi: singola.

Il concetto, mi pare, è ancora quello additato e demistificato dalla filosofia illuminista: di ciò che accade fuori dai confini del proprio giardinetto, per dirla già con Voltaire, continua ad interessare ben poco alla stragrande maggioranza delle persone, le quali invece, oggi più che mai, si sentono irrimediabilmente attratte verso una minuziosa, quasi filologica ricerca di gossip, come pervasi da una sete esasperata di vita altrui, non riuscendo a costruire per loro stessi una vita altra (né, forse, troppo alta).

Ma, spostando ancora l’attenzione: in questa bagarre di crisi economiche, acquiescienti squilibri politici, strutturali disarmonie familiari, a perdurare è più che mai un forzoso senso di attaccamento al proprio Io.

L’accurata disamina, tutta novecentesca, sull’individualità esplosa sembra oggi completamente bypassata, triturata da una sconfortante paura dell’oblio in vita, ben prima che post mortem.

È importante emergere, farsi notare, farsi strada come Io, come soggetto forte che domina la collettività, assecondando una macilenta ottica che potremmo definire berlusconiana, ma soltanto come ultimo esempio.

In questo contesto, fintamente collaborativo ma in realtà strenuamente conflittuale, la società si rende di per sé inospitale e l’arte, dunque, si trova a connotare i più esacerbati tratti di questa povera autoreferenzialità.

Non sembra esserci davvero più spazio per coltivare idea(li) di gruppo, non è proprio questo il tempo di riesumare fallimentari associazioni o corporativismi di sorta: siamo tutti contro tutti, a contenderci una briciola di notorietà che ci dia un momento di respiro nel vortice dell’attivismo, o quantomeno, che ci conceda l’agio di pensare di avercela fatta a scongiurare la crisi, di essere più forti e interattivi, migliori non tanto degli altri quanto prima di tutto della vita stessa.

È l’essere anti-sociale di chi non sa o non può agire all’interno di una collettività, pure di per sé deviata e corrotta. Talvolta nascono sottogruppi, che però subito si svelano quali sottomultipli delle stesse idee dei loro predecessori, sia in campo politico che culturale.

Il confronto critico, ad esempio, su un’opera d’arte come su una riforma pensionistica, viene condotto a spada tratta sì, ma in favore o a discapito di se stessi, in primis. È come se ci si parlasse addosso, senza ascoltare veramente l’altro-da-sé, ma semplicemente ribadendo i propri stantii, digeriti e biliari concetti d’ordinanza.

Forse si troverà un metodo più efficace e meno pericolante che consenta di comunicare idee differenti e di “condividere” sensibilità affini, con o senza l’ausilio di un cavetto usb, preoccupandosi o meno di quante visualizzazioni ha ricevuto la propria pagina (già) scritta.

Nel frattempo, uno a uno, testa bassa: à la guerre comme à la guerre.

 

 

 

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario
Spazio Libero

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006