LETTERATURE MONDO
LETTERATURA E POLITICA
A proposito
di due poesie
di Günter Grass
nella primavera
del 2012

      
Il massimo scrittore tedesco vivente a 84 anni non dismette il suo ‘engagement’ e la sua vocazione di autore controcorrente. Così, di recente ha pubblicato, sul quotidiano tedesco Süddeutsche Zeitung, un paio di testi in versi che hanno suscitato un vespaio di polemiche. Soprattutto il primo che denunciava il silenzio dell’Occidente sul minaccioso arsenale nucleare di Israele. Mentre il secondo accusa l’Europa e, innanzitutto, la Germania della vergogna di lasciare alla bancarotta la Grecia, culla dello spirito e del pensiero europei.
      




   

di Alberto Scarponi

 

 

Was gesagt werden muss

 

Warum schweige ich, verschweige zu lange,

was offensichtlich ist und in Planspielen

geübt wurde, an deren Ende als Überlebende

wir allenfalls Fußnoten sind.

 

Es ist das behauptete Recht auf den Erstschlag,

der das von einem Maulhelden unterjochte

und zum organisierten Jubel gelenkte

iranische Volk auslöschen könnte,

weil in dessen Machtbereich der Bau

einer Atombombe vermutet wird.

 

Doch warum untersage ich mir,

jenes andere Land beim Namen zu nennen,

in dem seit Jahrenwenn auch geheimgehalten

ein wachsend nukleares Potential verfügbar

aber außer Kontrolle, weil keiner Prüfung

zugänglich ist?

 

Das allgemeine Verschweigen dieses Tatbestandes,

dem sich mein Schweigen untergeordnet hat,

empfinde ich als belastende Lüge

und Zwang, der Strafe in Aussicht stellt,

sobald er mißachtet wird;

das Verdikt "Antisemitismus" ist geläufig.

 

Jetzt aber, weil aus meinem Land,

das von ureigenen Verbrechen,

die ohne Vergleich sind,

Mal um Mal eingeholt und zur Rede gestellt wird,

wiederum und rein geschäftsmäßig, wenn auch

mit flinker Lippe als Wiedergutmachung deklariert,

ein weiteres U-Boot nach Israel

geliefert werden soll, dessen Spezialität

darin besteht, allesvernichtende Sprengköpfe

dorthin lenken zu können, wo die Existenz

einer einzigen Atombombe unbewiesen ist,

doch als Befürchtung von Beweiskraft sein will,

sage ich, was gesagt werden muß.

 

Warum aber schwieg ich bislang?

Weil ich meinte, meine Herkunft,

die von nie zu tilgendem Makel behaftet ist,

verbiete, diese Tatsache als ausgesprochene Wahrheit

dem Land Israel, dem ich verbunden bin

und bleiben will, zuzumuten.

 

Warum sage ich jetzt erst,

gealtert und mit letzter Tinte:

Die Atommacht Israel gefährdet

den ohnehin brüchigen Weltfrieden?

Weil gesagt werden muß,

was schon morgen zu spät sein könnte;

auch weil wirals Deutsche belastet genug

Zulieferer eines Verbrechens werden könnten,

das voraussehbar ist, weshalb unsere Mitschuld

durch keine der üblichen Ausreden

zu tilgen wäre.

 

Und zugegeben: ich schweige nicht mehr,

weil ich der Heuchelei des Westens

überdrüssig bin; zudem ist zu hoffen,

es mögen sich viele vom Schweigen befreien,

den Verursacher der erkennbaren Gefahr

zum Verzicht auf Gewalt auffordern und

gleichfalls darauf bestehen,

daß eine unbehinderte und permanente Kontrolle

des israelischen atomaren Potentials

und der iranischen Atomanlagen

durch eine internationale Instanz

von den Regierungen beider Länder zugelassen wird.

 

Nur so ist allen, den Israelis und Palästinensern,

mehr noch, allen Menschen, die in dieser

vom Wahn okkupierten Region

dicht bei dicht verfeindet leben

und letztlich auch uns zu helfen

 

 

Quello che deve essere detto

 

Perché non parlo? da tanto non dico quello

che è palese e che nelle simulazioni risulta

un evento sperimentato, dove noi siamo

al più, se sopravvissuti, note a piè di pagina.

               

È il diritto al primo colpo, si afferma,

che potrebbe estinguere il popolo iraniano

che uno smargiasso soggioga e conduce

al giubilo organizzato, e questo perché

si presume che sul suo territorio sarebbe

stata costruita una bomba atomica.

                                                                

Sì, ma perché mi proibisco di dire

il nome di quell’altro paese in cui

da anni – sebbene coperto dal segreto –

è disponibile un crescente potenziale

nucleare, ma fuori controllo perché

inaccessibile a qualsiasi verifica?

 

Tale collettivo non parlare di questi fatti,

cui il mio non dire si è adeguato, io

lo sento come il peso di una menzogna che

sono obbligato a dire, un obbligo che,

nel caso venga disatteso,  prevede una pena;

di norma il verdetto è «antisemitismo».

 

Adesso però, giacché da parte del mio paese ‒

che di tanto in tanto è preso e chiamato

a rispondere di crimini tutti suoi, senza paragone,

‒ ora di nuovo e solo per affari, anche se

svelti di lingua lo si dice ‘riparazione’,

a Israele viene fornito un ulteriore u-boot,

la cui specialità è indirizzare testate

onnidistruttive là dove l’esistenza di bombe

atomiche non è comprovata, ma qui il sospetto

vuole avere forza di prova,  ‒ allora ecco

io dico quello che deve essere detto.

 

Perché però fino adesso non ho parlato?

Perché ritenevo che la mia provenienza,

segnata da una indelebile macchia,

mi proibisse di pretendere che Israele,

paese cui sono e voglio restare legato,

dichiarasse che questo fatto è la verità.

 

Perché soltanto adesso, invecchiato

e con quest’ultimo inchiostro, dico: 

Israele potenza atomica mette in pericolo

la già malferma pace mondiale?

Perché deve essere detto quello che

potrebbe essere tardi dire domani;

e anche perché noi – già abbastanza carichi di pesi

come tedeschi – potremmo divenire subfornitori

in un crimine oggi prevedibile, per cui nessuno dei

consueti alibi casserebbe la nostra complicità.

 

Ma sì, ammetto: zitto non ci sto più

perché sono schifato dall’ipocrisia

dell’Occidente; in più poi spero che

siano in molti a voler uscire dal silenzio

per indurre chi è causa di questo visibile

pericolo a rinunciare alla forza e inoltre

per insistere a chiedere che

un controllo illimitato e permanente

del potenziale atomico israeliano

e degli impianti atomici iraniani

da parte di una istanza internazionale

venga autorizzato da ambedue i governi.

 

Solo questa per tutti, israeliani e palestinesi,

anzi per tutte le persone che qui in questa

regione posseduta dal delirio vivono

fianco a fianco ma da nemici e, alla fine,

anche per noi questa è la via per uscirne.

 

 

 

Europas Schande

 

Dem Chaos nah, weil dem Markt nicht gerecht,

bist fern Du dem Land, das die Wiege Dir lieh.

 

Was mit der Seele gesucht, gefunden Dir galt,

wird abgetan nun, unter Schrottwert taxiert.

 

Als Schuldner nackt an den Pranger gestellt, leidet ein Land,

dem Dank zu schulden Dir Redensart war.

 

Zur Armut verurteiltes Land, dessen Reichtum

gepflegt Museen schmückt: von Dir gehütete Beute.

 

Die mit der Waffen Gewalt das inselgesegnete Land heimgesucht,

trugen zur Uniform Hölderlin im Tornister.

 

Kaum noch geduldetes Land, dessen Obristen von Dir

einst als Bündnispartner geduldet wurden.

 

Rechtloses Land, dem der Rechthaber Macht

den Gürtel enger und enger schnallt.

 

Dir trotzend trägt Antigone Schwarz und landesweit

kleidet Trauer das Volk, dessen Gast Du gewesen.

 

Außer Landes jedoch hat dem Krösus verwandtes Gefolge alles,

was gülden glänzt gehortet in Deinen Tresoren.

 

Sauf endlich, sauf! schreien der Kommissare Claqueure,

doch zornig gibt Sokrates Dir den Becher randvoll zurück.

 

Verfluchen im Chor, was eigen Dir ist, werden die Götter,

deren Olymp zu enteignen Dein Wille verlangt.

 

Geistlos verkümmern wirst Du ohne das Land,

dessen Geist Dich, Europa, erdachte.

 

 

Lo sconcio di Europa

 

Al mercato non reggi, al caos vai sempre più accosto,

tanto lontana ti trovi dal paese che ti fece da culla.

 

Quel che con l’anima cercavi, che ti dava pregio

oggi si dà via a niente, al prezzo d’un ferrovecchio.

 

Nudo, alla gogna per debiti, pena quel paese verso

cui tu, ed era proverbio, avevi debiti di riconoscenza.

 

È condannato alla povertà un paese le cui ricchezze

ingioiellano ben accuditi musei: guardi tu il bottino.

 

Chi in armi con violenza ha guastato il paese dalle belle

isole portava sull’uniforme Hölderlin nello zaino.

 

Paese quasi intollerabile, questo, i cui colonnelli da te

furono, un tempo, tollerati e alleati e tuoi partner.

 

Paese fuorilegge, fuori diritti, quello cui il potere-diritto

sempre più, sempre più, la cinghia stretta stringe.

 

Antigone ti contesta, veste di nero e nell’intero paese

il lutto porta il popolo da cui tu hai ricevuto ospitalità.

 

Al di fuori del paese comunque il corteo dei congiunti di Creso

ha chiuso tutto ciò che odora d’oro nel tesoro dei tuoi caveaux.

 

Bevi insomma! e bevi! urla la claque dei commissari,

ma irato ti dà indietro la tazza Socrate, colma fino all’orlo.

 

In coro gli dèi vanno maledicendo quanto più ti è proprio,

la tua volontà che esige di espropriare l’Olimpo, che è loro.

 

Inanimata, tu atrofica vai diventando senza

il paese la cui anima, Europa, ti ha ideata.

 

 

***

 

Le parole della poesia salveranno l’Europa?

 

Sul quotidiano tedesco Süddeutsche Zeitung Günter Grass ha pubblicato, nella primavera di quest’anno 2012, due poesie che hanno suscitato una grande eco. Com’è tristemente noto, però, i media, e al loro seguito i lettori detti il pubblico, non si muovono e tantomeno commuovono così, per qualche verso di un intellettuale. In effetti, la causa di tanto rumore è stata, dirò così, solo opinionistica. È che Grass agli inizi d’aprile con la sua prima delle due uscite in versi, intitolata Quello che deve essere detto, ha – bastian contrario – scombussolato il coeso main stream politico europeo: cielo santo! ha parlato male di Israele! E allora giù botte e spropositi.

Taluno proprio a sproposito. Ad esempio l’ex nuovo filosofo Bernard-Henri Lévy – il più rumoroso in generale fra gli intervenuti – ha affermato sul Corriere della sera (e altrove) che Grass «quando raccontò di essersi arruolato, a poco più di 17 anni, in una unità delle Waffen SS» era un «burgravio socialdemocratico».  Fatto è però che nella realtà lo scrittore tedesco in quel momento non era più socialdemocratico, quindi tantomeno burgravio (anche a lasciar correre la metafora parecchio approssimativa), da tempo aveva invece scelto per la propria scrittura e il proprio atteggiamento di intellettuale il metodo della libera «contestazione» di sessantottesca memoria (che anche a Bernard-Henry Lévy in verità dovrebbe ricordare qualcosa, essendoché pure i maoisti dissidenti allora contestavano). Inoltre, la attuale star mediatica BHL potrà certo, dall’alto del suo scranno, dire a Grass «farabutto», «fascist(a) senza saperlo», uno dedito alla «postura e impostura», che recita ancora ad apparire «il Commendatore» mentre in realtà era ed è «un Tartufo», una «incarnazione dell’immoralità», epperò sarebbe da parte nostra davvero un insulto all’intelligenza dello stesso BHL, comunque deteriorata dallo star-system, credere che egli creda seriamente che, persino dopo «sessant'anni di pose e di menzogna», la «disfatta» di Günter Grass consista oggi «che tristezza», esclama con tristezza in «una sorta di anosognosia intellettuale», insomma nel fatto che è rimbambito ma non lo sa.

Tre, secondo BHL, i mali di cui soffrirebbe l’attuale patriarca della letteratura tedesca: è vecchio, appunto, e per questo non capirebbe più niente, ha poi un passato nazista che tuttora lo determinerebbe e, terzo, soffrirebbe di «neo-antisemitismo», quello di chi finge di avercela con Israele, ma in realtà non ama gli ebrei in quanto tali. Un male quest’ultimo che andrebbe diffondendosi in Europa.

Di che si tratta? Non si tratta più di «un antisemitismo razzista. Né cristiano. Nemmeno anticristiano. Né, veramente, anticapitalista, come all'inizio del XX secolo», ma di un atteggiamento non motivato da alcuna ideologia, neppure con arzigogoli e cavilli e falsità. Un fatto psichico? Tradotto in termini razionali, il teorema appare riconducibile alla pura Ragion di Stato, se così vogliamo dire, cioè al discorso e comportamento politico come comunemente inteso. Lo ha chiarito, nel suo linguaggio, il ministro degli Esteri tedesco Guido Westerwelle: «assurdo» mettere sullo stesso piano morale Iran e Israele. L’Europa – di questo si tratta, dell’Europa –  realpolitisch non può farlo.





Günter Grass


Già, perché Günter Grass in Quello che va detto non fa altro che mettere sullo stesso piano morale, umano, quindi mondiale, i due paesi. Propone infatti di difenderli dalle loro rispettive politiche di minacciato armamento atomico, istituendo un controllo internazionale. Semplicemente ritiene di poter uscire così da una situazione di pericolo mortale per il mondo intero, situazione che, lasciata alla politica (in quel senso ristretto), ora sembra senza via d’uscita.

 

Solo questa per tutti, israeliani e palestinesi,

anzi per tutte le persone che qui in questa

regione posseduta dal delirio vivono

fianco a fianco ma da nemici e, alla fine,

anche per noi questa è la via per uscirne.

 

Certo, nelle strofe precedenti ha avuto bisogno di toccare anche criticità su cui la prudenza della diplomazia gli avrebbe consigliato piuttosto di tacere.

 

Ma sì, ammetto: zitto non ci sto più

perché sono schifato dall’ipocrisia

dell’Occidente; in più poi spero che

siano in molti a voler uscire dal silenzio

per indurre chi è causa di questo visibile

pericolo a rinunciare alla forza e inoltre

per insistere a chiedere che

un controllo illimitato e permanente

del potenziale atomico israeliano

e degli impianti atomici iraniani

da parte di una istanza internazionale

venga autorizzato da ambedue i governi.

 

Ecco, sembra piuttosto un uomo del tutto razionale che, lucidissimo, propone di cambiare il modo di agire: quando la Realpolitik si trova a non saper cavare il ragno dal buco, occorre che intervenga almeno la grande politica con i suoi vasti orizzonti generali.

Ma forse siamo, addirittura, a un punto ancor più critico. Forse la proposta, nel suo fondo, illumina semplicemente, di fronte alla radicalità e terribilità oggi degli sviluppi del mondo, il nostro bisogno di cambiare il registro del discorso e passare dal registro della performatività soggettiva a quello della comprensione oggettiva del reale (storico, dinamico), dalla politica, anche grande, mondiale, alla letteratura (al senso della poesia per l’uomo).

In effetti Günter Grass già qualche anno fa ha praticato (incompreso) questo terreno argomentativo in una circostanza assai significativa, quando volle dar conto del proprio precedente lunghissimo silenzio circa la «scelta» di se stesso diciassettenne di entrare volontario nelle Waffen SS naziste. Fino allora non aveva saputo come raccontarlo quel gesto, questo era.

Ma non si trattava di un astuto discorso politico: accusare gli altri, la cultura corrente, di non fornirgli le parole per dirlo. Si trattava invece di una rivendicazione di responsabilità, che soltanto le funzioni ambiziose e complesse del lavoro letterario potevano fermare in un ritratto veritiero, dando conto della realtà (quella di un ragazzo diciassettenne ‘irresponsabile’ perché immaturo, ma anche quella di un scrittore attivo che, in quanto tale, vive dell’intera verità del reale) come di un totale vivo, guizzante, impreciso, incoerente, mai chiuso, davanti a cui non sarebbe più bastata una nuova performance, un gesto di pentimento attuale, a cancellare ­– come fosse un gesto-feticcio negato solo perché ora rinnegato – la performance vecchia, invece irrimediabile perché irrimediabilmente accaduta.

Non so se media informativi come i giornali, anche a non pretendere chissacché quanto a esprit de finesse, siano per loro natura la sede consigliabile per la poeticità, per il lavoro letterario nel senso qui detto. Un quotidiano, nella sua svelta comunicativa di fatti, può davvero adattarsi a sede di discorsi tanto multiversali perché volutamente realistici? la lettura immediatistica che interviene non rischia di andare per tangenti opinionistiche e lì chiudersi nell’inattendibile?

In ogni caso Günter Grass imperterrito continua a pubblicarvi versi. Da ultimo alla fine di maggio – scandalizzando ulterioremente almeno il proprio governo nazionale – si è ripetuto pubblicando Lo sconcio di Europa, composizione altrettanto (politicamente) stranita, in cui non si limita a pretendere, e per niente in terra d’utopia, una società guidata dalla cultura in luogo di questa folle economia che fantastica magnifica negli imbambolati mercati mondiali la distruzione del mondo, ma perfino imputa a Europa – donna, figura mitica, struttura politica, idea di civiltà – di andare contro la propria natura (tanto lontana ti trovi dal paese che ti fece da culla) e sottrarsi al proprio destino:

 

Inanimata, tu atrofica vai diventando senza

il paese la cui anima, Europa, ti ha ideata.

 

La Grecia povera e levantina si erge in questi brevi versi tragici a fonte di destino violato, davanti a cui non più soltanto la Germania con il suo Hölderlin nello zaino militare, ma l’Europa tutta, la civiltà occidentale tutta, con il suo breviario economico cult sotto il braccio, mentre si gode lo sballo dei propri animal spirits, si dà baccante invasata a un’ultima luttuosa danza orfica, sotto il mite sorriso di dèi, mormoranti in coro, quasi fossero asiatici Budda, seduti là nell’Olimpo. 

 

 

 

 

 




Scarica in formato pdf  


   
Sommario
Letterature Mondo

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006