Anziano ha un infarto al mare: soccorso da due medici in vacanza

Una tranquilla giornata al mare si è trasformata in un incubo per un signore anziano di 60 anni che ha avuto improvvisamente un infarto.

uomo infarto
Uomo colto da infarto mentre è al mare: a soccorrerlo due medici in vacanza – Retididedalus.it

Un uomo di 60 anni è stato colpito da un infarto mentre aspettava di entrare in un lido balneare a Bacoli, nella provincia di Napoli. Improvvisamente, l’uomo si è accasciato al suolo, privo di sensi.

Medici salvano un uomo colto da infarto: una fortuna che fossero lì in quel momento

infarto al mare
Uomo che ha dolore al petto – Retididedalus.it

L’uomo è stato davvero fortunato. Quando si è sentito male, sulla spiaggia c’erano anche due medici anestesisti e rianimatori dell’Ospedale dei Colli di Napoli, intenti a trascorrere una giornata di relax con le loro famiglie. Il primo medico, notando che erano in corso momenti di tensione, si è subito avvicinato e, comprendendo la gravità della situazione, ha iniziato immediatamente le manovre di rianimazione cardiopolmonare.

Pochi istanti dopo, anche un secondo medico è intervenuto. In un’incredibile coincidenza, aveva con sé una borsa contenente una fiala di adrenalina, una siringa e un ago. Senza esitazione, i due medici hanno collaborato per salvare la vita dell’uomo, somministrando l’adrenalina e continuando le manovre di rianimazione.

Nel frattempo, il personale del lido, accortosi della situazione, è corso sul posto con un defibrillatore. Grazie alla tempestività e alla coordinazione dei soccorsi, il 60enne è stato stabilizzato. Poco dopo, è giunta un’ambulanza del 118 che ha trasportato l’uomo all’Ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli per ulteriori accertamenti e cure.

L’associazione “Nessuno Tocchi Ippocrate”, presieduta da Manuel Ruggiero, ha voluto segnalare il gesto eroico dei due medici con un post su Facebook, definendoli “angeli in borghese”. Nel post, l’associazione ha descritto l’accaduto, lodando l’efficacia e la prontezza dei due professionisti e del personale del lido:

“Sono circa le 10 all’ingresso del ‘Lido Esercito’ a Bacoli quando improvvisamente un signore, di circa 60 anni,in attesa di entrare, va in arresto cardiaco e cade al suolo. Il caso vuole che in fila con lui c’è un medico anestesista dell’azienda dei colli che immediatamente inizia le manovre di rianimazione cardiopolmonare.
Dopo poco lo raggiunge una collega ,anche lei lì per una domenica estiva, sempre anestesista, che in borsa aveva una fiala di adrenalina ed un ago.
Dall’interno del lido corre anche il personale con un defibrillatore, insomma una macchina perfetta! Dopo pochi minuti arriva il 118 che preleva il
Paziente VIVO ed in respiro spontaneo!”.

Gli “angeli in borghese” di Bacoli hanno dimostrato che, anche fuori servizio, i medici possono salvare vite grazie alla loro competenza e prontezza di spirito.

Gestione cookie