VICINANZA

Com' vicina l'anima tua alla mia,
qualsiasi cosa tu pensi, io la so!

Ma ho segni che ti fanno ancor pi vicino
avvicinati ancora e guarda il mio segno segreto!

Vieni dunque come derviscio fra noi,
non scherzare, non dire: "Io son gi tra voi!"

Al centro della tua casa io sono come colonna
dal tetto tuo curvo chino gi il capo, come grondaia.

Io son sempre con te nel tumulto del D del giudizio,
non ospite sono, come s'usa fra gli amici del mondo.

Entro il tuo banchetto io giro attorno come calice pieno,
e nelle tue battaglie corro avanti come lancia,

e, se preferisco morire rapido come il lampo,
come il lampo della tua bellezza, sono senza lingua.

Sempre ebbro come sono, non fa per me differenza
se d vita ad un morto, se prendo la vita a un vivo.

Se ti dono la vita per me un grande guadagno
ch per ogni vita tu doni cento universi!

In questa casa ci sono migliaia e migliaia di morti
e tu assiso fra loro dici: "Ecco il mio regno!"

Un pugno di polvere dice: " Ero treccia!"
un altro pugno di polvere dice: "Ero ossa!"

E tu t'arresti stupito, quand'ecco arriva l'Amore
che dice: "Avanza dunque, io sono il Vivente l'Eterno!

Stringi al tuo seno il mio petto di gelsomino
che, in questo stesso istante, ti liberer di te stesso!"

Taci, o Cosroe, e non far parola della dolce Shrn
che di dolcezza tutta mi brucia la bocca.


* Il verso finale accenna alla leggenda di Cosroe, antico re di Persia, innamorato della bella armena Shrn (che significa "la dolce", di qui il gioco di parole).

Giall ad-Dn Rm (1207-1273)

(da Poesie mistiche, Rizzoli, 1980
trad. it. Alessandro Bausani)



Il sito dal 01/04/2006 al 30/11/2006 ha raggiunto n 5200 visite