ANNA

Confusi con la pioggia
sul selciato
sono caduti
gli occhi che vedevano
gli occhi di Nannarella
che seguivano
le camminate lente
sfiduciate
ogni passo perduto
della povera gente.
Tutti i selci di Roma
hanno strillato
e le pietre del mondo
li hanno uditi.

(1973)


TITINA MIA...

Titina mia,
Tití...
Che t'aggia dicere...
Si te tenesse ccà pe' nu mumento,
pe' na mez'ora,
n'ora sulamente,
desse diece anne
'e chesta vita mia,
ca vita cchiú nun è
ma è sempe vita!
T'appujasse sta capa
ncopp' 'a spalla
e te dicesse:
"Fino a che sto nterra e ssongo vivo
simmo ancora nuie!"
Cu ll'uocchie dint'a ll'uocchie
t' 'o dicesse'...
E a gocce a gocce
se nfunnèssero 'e mmane
'e tutt'e dduie.

(1983)

* t'appujasse sta capa: ti appoggerei la testa; se nfunnèssero: si bagnerebbero.


Eduardo De Filippo

(da 'O penziero e altre poesie, Einaudi, 1985)



Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006