2.

 

a futura memoria scrivo (e vivo):

                                                     ma scrivendo (e vivendo), documentata- e sconsolata-

mente, ti certifico che questo tuo dolore, questo tuo vermi - e spiraliforme ab-

norme crepacuore, che mi accusavi senza accusarmi, finita la tua molle pennichella

fu già, in funzione dell’incubazione di un incubo, una vera transustanziazione

della mia secca regressione, in te (e del tuo proprio inabissarti, in me): (non

riuscivi a stirarmi una camicia, nemmeno più, con il tuo pressing plus modello 2):

                                                                                                                                   e

stiamo paralizzati qua, tra tante gaffes di buona volontà, bloccati tra una meno-

e un andropausa, noi mostri sfigurati dai nostri onesti gesti mancati, lapsi

nei nostri abili lapsus imperdonabili:

                                                          quello che ho scritto è scritto (e ho vissuto

il vissuto che ho vissuto): ti guardo con riguardo, te in monokini, io muto, io cornuto

seduto, fesso fisso, mentre ti passo, in fretta, la tavoletta benedetta del mio mono-

minidecalogo (un matto motto da cioccolatini):

                                                                           di fronte a te non avrò un altro amore:

 

 

                                                                                    Edoardo Sanguineti

 

                                                                             (da Bisbidis, Feltrinelli, 1987)

 

 




Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006