Na catarra luntene

 

«Ca vó ittè u sagne»

dicì duce duce

na voce di porche nd’ ’a notte,

e com’a na màscre di Carnuère

forte forte rirìte:

o chiangìte?

 

Na cosicella nivre s’annacàite

e na bacchetta ianche facì signe,

ma a chi?

a nu cristiène o a nu ciucce,

a nu sorge o a na iatte?

 

E si facì cchiù citte u scure

nda chille pétre e piscone,

e nu pòure chenicèlle scantète

si ni i’ mure mure,

e nisciune nisciune rispunnìite

a chille menze iastéme

e chiuvìte.

 

Na catarra luntene

uìta sapé cché séme.

 

 

Una chitarra lontana.  «Che possa gettare il sangue» / diceva piano piano / una voce di porco nella notte, / e come una maschera di Carnevale / forte forte rideva; / o piangeva? // Una cosetta nera si dondolava / e una bacchetta bianca faceva segni, / ma a chi? / a un cristiano o a un asino, / a un topo o a un gatto? // E si faceva più silenzioso il buio / fra quelle pietre e macigni, / e un povero cagnolino spaventato / se ne andava muro muro, / e nessuno nessuno rispondeva / a quelle mezze bestemmie, / e pioveva. // Una chitarra lontana / voleva sapere che cosa siamo.

 

 

                                                    Albino Pierro

                            

                                             (da Famme dorme, 1971)

 




Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006