Dal ciclo “Midlife crisis”

 

 

È la grappa, non le barbabietole,

è già corale, non è più jazz,

sentite il flebile fruscio

è il tempo che cade giù

 

come foglie dagli alberi

come tinta dai muri

come il pelo di gatti e cani...

ecco, hai realizzato quello che volevi

magari, però, non come volevi.

 

Sembra che tu non sia uno stronzo

E che neanche i tuoi amici lo siano

tutto ciò che si è compiuto, si è compiuto

giusto al contrario.

 

Le donne ricorderanno sempre, la mattina,

ciò che hai sussurrato loro di notte

il tuo movimento elastico,

il tuo pane amaro,

il tuo cavallo dagli zoccoli consumati.

 

Per la centesima volta chiedi un anticipo al destino

e per la millesima volta perdi l’occasione.

Come in una clessidra

in ognuno di noi scende il tempo.

 

 

                                      Oleksandr Irvanets 

                      

                      (trad. dall’ucraino di Oksana Mazurets,

                     1° Premio Internazionale Città di Sassari,

                                     Ellis Edizioni, 2009)

 

 

 

 

 




Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006