E’ casòun di purétt

 

Putai passè l’invéran

dréinta cal chèsi grandi d’una vólta

sa quei ti cambaréun chi sta ti létt

e i còi al sórbi fati sòta i trev.

 

U s’sint a caminé sò e zò mal schèli

chi va sla pórta ’d ciòta

a dè un’ucèda.

– L’è un témp da naiva –

i déi te turnè indri

e i s bóta ad scaranèda sòta i pann.

 

D’ nòta l’è frèdd a smuntè zò.

I fa iniquèll dréinta un bidòun, tla cambra;

s’l’è pin, che vounta, il va a svité

da la finèstra in fònd e’ curideur

e i fa di sguazz, di sciéun,

soura la strèda ’d ciòta!

 

 

Il casone dei poveretti.  Poter passare l’inverno / in una casa grande d’una volta / con quelli a letto dentro gli stanzoni / che colgono sorbe fatte sotto i travi. // Senti camminare per le scale / quelli che vanno alla porta di sotto / a dar l’occhiata. / – È un tempo da neve – / dicono tornando indietro / e si gettano in fretta sotto i panni. // Di notte è freddo a scender giù. / Fanno ogni cosa dentro un bidone nella stanza; / se è pieno, che trabocca, lo vanno a vuotare / dalla finestra in fondo al corridoio / e fanno degli sguazzi, degli scosci, / sulla strada di sotto!

 



Tonino Guerra

(da I scarabócc, 1946)



Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006