500

 

Nel mio giardino cavalca un uccello

su di una sola ruota –

un mulino incessante che sprigiona

vertiginosa musica –

 

Non si ferma, ma a tratti allenta il volo

su una rosa superba –

sorseggia – sempre in sella –

non sosta a ringraziare –

 

Assapora ogni spezia –

poi la fatata giga

si libra in atmosfere piω lontane –

ed io torno al mio cane.

 

Siamo dubbiosi entrambi –

lo vedemmo davvero

o lo strano spettacolo si svolse

nel giardino della mente?

 

Ma il mio amico – piω logico di me –

flette il mio sguardo opaco verso i fiori

che tremano tuttora!

Soluzione squisita dell’enigma!

 

                                           Emily Dickinson

 

                                             (Tutte le poesie,

                                         trad. di Marisa Bulgheroni)

 

 

500

 

Within my Garden, rides a Bird

Upon a single Wheel –

Whose spokes a dizzy Music make

As ’twere a travelling Mill –

 

He never stops, but slackens

Above the Ripest Rose –

Partakes without alighting

And praises as he goes,

 

Till every spice is tasted –

And then his Fairy Gig

Reels in remoter atmospheres –

And I rejoin my Dog,

 

And He and I, perplex us

If positive, ’twere we –

Or bore the Garden in the Brain

This Curiosity –

 

But He, the best Logician,

Refers my duller – eye –

To just vibrating Blossoms!

An Exquisite Reply!

 

 

 

 

 

 

 




Il contatore dei visitatori Shiny Stat θ attivo da dicembre 2006