486

 

Ero la più minuta della casa –

avevo la stanza più piccola –

di notte la mia lucina, e il libro –

un geranio solo –

 

dove potessi raccogliere la menta

che non smetteva mai di stillare –

e appena un cestino –

fatemi pensare – son certa

che fosse tutto –

 

Non parlavo mai – se non quando interrogata –

e sempre brevemente e a voce bassa –

non potevo sopportare di vivere – a voce alta –

il baccano mi dava vergogna –

 

E se non fosse stato così lontano –

e qualcuno che conoscevo

doveva partire – spesso pensavo

che inavvertita – avrei potuto morire –

 

                                            Emily Dickinson

 

                                             (Tutte le poesie,

                                         trad. di Marisa Bulgheroni)

 

 

486

 

I was the slightest in the House –

I took the smallest Room –

At night, my little Lamp, and Book –

And one Geranium –

 

So stationed I could catch the Mint

That never ceased to fall –

And just my Basket –

Let me think – I’m sure

That this was all –

 

I never spoke  – unless addressed –

And then, ’twas brief and low –

I could not bear to live – aloud –

The Racket shamed me so –

 

And if it had not been so far –

And any one I knew

Were going – I had often thought

How noteless – I could die –

 

 




Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006