(Buchmesse)

Erompe, si sprigiona la vampa, la fiamma dalle
crêpes suzette e in altra lustra pagina
rosola nel suo fuoco s'indora lambito un
bonzo e ancora
in nuove gabbie (le più eleganti) grafiche s'allineano
i corpi non sai più se di pesci di vittime
di prodotti di sterminii d'atroci buongusti
di lampeggianti esauste verità
oh amico, amico e come s'allineano
le righe frante presto di milioni di versi
come ti si rinserra la gola s'asciuga l'occhio
l'avvilimento sprofonda nel muto te
infante che ammattisce tra giardini e patiboli
oh amico le paratie degli stand sono un implacabile
labirinto che ti riconduce stanchissimo sempre a te
che ora, accanto a me, tra i quasi chiusi occhi
l'immagine per un attimo colpisce
di un altissimo magro avido sdegnoso
d'affamato troppo veloce passo e odioso e losco
e giovane e rabbioso e d'incomprensibile
lingua ma muto ma volto altrove ma senza uno sguardo
per noi, di corsa, forse risibile: profeta.

Giorgio Cesarano

da Romanzi naturali, Guanda, Milano 1980



Il sito dal 01/04/2006 al 30/11/2006 ha raggiunto n° 5200 visite