Farse chiavar voleva una puttana

da un chiettinon: de posta sul so letto,

con una man la ghe mostrava l petto,

con laltra la se alzava la sottana.

 

La ghe diceva: Ti sta carne umana,

metti, cogion, el cazzo in sto busetto,

mostrandoghe quel liogo benedetto,

dove se trova l zuccaro, e la mana.

 

Pensa l chiettin, po dise a quella dona

che Do ne vede, e che per tutto l xe;

la g resposo: Donca l xe anca in mona.

 

Quando la xe cuss, donca dov

darme una schiavazzada buzarona,

perch cuss con Dio pi vunir:

s va donca chiav.

 

Allora quel chiettin buzaronazzo

g messo drento tutto quanto l cazzo;

e co quel visdecazzo

 

quel gusto cuss grando lh sentio,

lh dito: Ah ti h rason, che qua gh Dio.

 

 

Giorgio Baffo

(1694-1768)

 

 

 

 




Il contatore dei visitatori Shiny Stat attivo da dicembre 2006