TRADUCENDO MONDI
JOSÉ CARLOS YRIGOYEN
Una poesia
da “Il libro dei segnali”


      
Presentiamo un testo del poeta peruviano (Lima, 1976), inedito in Italia e considerato il più rappresentativo della sua generazione. Tra le sue pubblicazioni: “El libro de las señales” (1999), “Lesley Gore en el infierno” (2003), “Horoskop” (2007), “Breve historia del fútbol de Indonesia” (2009) e “Poesía en rock: una historia oral. Perù 1966-1991” (2010).
      



      

traduzione di Carlo Bordini e Myra Jara Toledo





José Carlos Yrigoyen


1

 

Mio padre è il bianco

segnale

che frammentai in questa notte di agosto

             sulla spalla di Santiago.

   Il bianco segnale che brilla

            sulla spalla di Santiago

             come la lingua dell’alba

                                                                    sulle modeste

         creature.

    è una notte di gran vento,

       le finestre

       del ristorante tremano tanto

     che è impossibile ascoltarsi, distinguere un sì

                                                                  da un no

                                                                  e questo costituisce un problema quando

                                                        ciò che vuoi proporre

                                                              è una questione oscura e spinosa:

 

     è un problema perché ancora tremi

                                      col violento martellare notturno 

      che fa il fabbro ebreo del primo piano

                   e non ti sei ancora abituato

                                      all’attrito delle piume sporche

            che porto sotto la mia spalla.

 

                                                             è un problema perché nel mio letto

                                                                     ti rigiri insonne

                                               come il pastore che all’alba

                                                                               vigila in piedi

                                                                         un branco di porci

                                                                     sull’orlo

                                                                         del precipizio.

 

 

 

                E io stanotte ho preferito soltanto

                                   non dar retta alle mie cattive intenzioni

                che presto o tardi vengono

                                   senza poter mai decidere

                                                         se domani

                                 sarà un buon giorno o no.

                        Mi comporto come facevano gli Atrìdi:

    confondendo i capricci della natura

                        con quelli delle mie funzioni.

 

                                                                                Così sono giunto fino a qui

                                                                   perdendo tutto mentre agitavo

                                                                                l’aria tranquilla della strada”

 

             Tu mi hai guardato confuso:

              Per la prima volta

              ciò che volevo proporti

              non era affatto

              un modello di innocenza.

                                              

                                               è certo che prima che io arrivassi

              diffidavi degli uomini innocenti, perché inchiodavano

                                               le porte e le finestre con tavole

              e alzavano barricate nelle strade con i mobili

                                   che a mio padre e al tuo

              era costato tanto conquistare.

                                                           E tutto questo per cosa?

              La consegna era non lasciar passare la Storia

                          che annunciava il suo arrivo

                                                           suonando un tamburo

                         all’ora convenuta.

 

E tu detesti quando per la città

comincia a suonare il suo rullo

perché essi entrano al ristorante impauriti

                                                                                  e si mettono a progettare nuove strategie

 

                                   e tu passi tutta la notte

                                                                   (la nostra notte)

                                                                   servendo loro caffè.

 

              è ora che tu lo capisca:

                        ogni animale diventa vorace

                        quando è messo alle strette

                        dalle forme della morte.

                        Tu stesso ricordi quando vagavi per le grandi capitali questa

                                    voglia di venderti a qualsiasi prezzo prima che il padrone

                                    della tua stanza sfondasse la tua porta tra grida e minacce –

                                    “gli europei sono molto freddi” mi dicevi. E tuttavia ricordi

                                    l’ardore del tuo viso quando entrasti in questo albergo di

                                    Amsterdam dove dormivano ragazzi molto bianchi sepolti

                                    nel fondo delle loro cuccette

                                                                       e quella notte divenisti vorace

                                         come l’angelo che esce a passeggiare per la città

                                                           e dimentica di occuparsi dei suoi malati.

 

            (e malgrado ciò, non hai perso

            il tuo senso del dovere con le altre creature:

ora dici che detesti i poeti

perché secondo te vivono

della nudità degli animali.

Nei loro testi ci sono sempre personaggi

coperti di pelli o di piume

che incarnano l’eroismo e il progresso

o almeno

una celebrata eleganza.

Ciò che non sai è che in tutte le poesie

anche se non vi è menzionato

c’è anche un caprone

che canta tutte le mattine

coperto di carne umana

per svegliare tutti gli abitanti della città)

 

                        Di questo si è incaricata la Storia col suo passare

                            per le strade e per l’aria: di renderci tutti

                                   ugualmente colpevoli.

                            Così tra pochi anni gli studiosi non avranno altro desiderio

                che viaggiare per strane terre in cerca di fortuna

                            e decifrando i loro scritti inconclusi potranno identificare

                                               i corpi nudi

                                               che troveranno dispersi

                                               lungo il curvo ristagno

                                               dello specchio.

 

            E di noi due nessuno dirà nulla

            perché questi anni neri

            li passammo in questo ristorante giallo

            curandoci sempre di non esser visti

mettendo insieme pazientemente una storia

che nessuno vorrebbe mai filmare.

Non cercammo mai di essere coraggiosi

perché il destino degli eroi

entra sempre nella palma di una mano;

né prendemmo un centesimo dalle quattro stagioni

come altri nel nostro tempo

falso come la collana appesa

al collo della cameriera.

Ma so che questo ti interessa poco.

 

            Non è dunque la Storia

                                   un’immagine imprudente

                                          di un poeta che sapeva troppo?

 

Il problema nasce quando la distanza

che ci separa dalla saggezza

è proprietà del piacere: in questo caso

è meglio non cercare il ritorno.

Meglio attraversare alla cieca

la sala da pranzo e la cucina

senza preoccuparci di calpestare i discreti

e piccoli animali che viaggiano

nell’oscurità

fino a farne una leggenda

per infine conquistare la bellezza

            di tutto quello

che ci è incomprensibile.

 

                        So già che questa sembra la canzone di un imbroglione:

                        segnali e forme. Ma ogni corpo che abbandoni

                        durante una lunga stagione

                                        ha bisogno di una teoria

                        se vuoi tornare a recuperarlo.

       

 

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Traducendo Mondi

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006