LE VIE DEL RACCONTO
BRUNO CONTE
 

 

 

Tritamondo

 

Sto seduto in poltrona. È una tipica vecchia poltrona imbottita, rivestita in seguito di una stoffa che si voleva a gruppetti di colore e che è invece blu spento con gruppetti scoloriti di bianco. Non poteva esserci al centro di ogni gruppetto un  punto di rosso? Una zampa è stata incollata e l’incollatura produce un minuto scalino, se ci si pensa  dà un minuto sobbalzo: è sempre un minuto, che si staglia nelle ore, con una lancetta insana, a zampa d’insetto. Quando il tempo è comunque pieno di buchi, che si allungano in fossati di orari e addirittura suona alla porta. Così che si presenta il suonatore di campanello, un tipo zingaresco che distribuisce foglietti stampati blu e rossi, e questo suo strumento, il campanello, ha un suono a forma di collana che si accerchia e si divide con un trillo. Ma è già andato dietro una tenda, la tenda grigia che c’era una volta, adesso invece è scoperta la parete con la carta rossa, picchiettata a zone da scalfitture piccole o da sgraffi: una battaglia di formiche incisa da qualcosa che era addossato, un corpo o un ingombro attivi attraverso il tempo, nei confronti di grandi spazi illesi, seppure torbidi, rosso polvere, questi grandi spazi dell’universo disabitati di un solo sasso, di un solo verso, in sospeso, dilatati tra forze lontane, rivolte spalle curve, nuvolose spalle dai cappotti neri. Ma sono ombre, dato che nell’aria abita la sera, sagome che parlottano mute contro gli angoli, dato che a quest’ora si sente emergere la macchina della mondezza, che tritura a onde slittanti, dalla piazza. Come se uno la vedesse.  E un cane si ribella. Come se uno lo vedesse, e poi si calma, col muso che si allunga alla mano. Mentre dalla piazza passa un coro di preti turisti,  un corteo di campanacci di protesta, e delle voci precipitano in una, al megofono, o meguafono: Uniti si vince! Con una sete di acqua piccante, che si è invece smorzata nel fondo lago della bottiglia. Questa voce che esce dal petto, in una bolla che si allunga a pera, con cui ci si trova di fronte, le fronti bombate, se si sta pregando, essendo assorbito dalla poltrona sprizzata di rosso dai fuochi a rosette che prudono, prudenti? con accanto un qualcuno  interrogativo, che affabilmente si accosta grigio cenere: Non mi riconosci? Non senti che ti chiamano? E davvero si sente bussare, appena a colpetti, dietro la porta, dell’armadio. Colpi di tamburo che vengono dalla strada, si inabissano verso il fondo. Fuggono tutti via. Meno i ricordi, ognuno nella forma che ha preso: lumache storte, uno sguardo liquido da dentro un bicchiere, altri pezzi che sembrano congiungersi ma per poco non si danno la mano, fermi di gesso sul piano del bianco, se la testa è opaca e cerca il giro adatto, cerca la voce che porta oltremente fuori in un circuito che circonda a distanza nella stanza, ricordo spaesato nella fiera di Fossato, rimbombante all’altoparlante: A mille lire la simpatica pipa del nonno, un simpatico oggetto per il vostro salotto a sole mille lire…








Scarica in formato pdf  


 
Sommario
Le vie del racconto

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006