INTERVISTE
DORI GHEZZI
L’universalità
di Fabrizio De André


  
Nel gennaio di 16 anni fa moriva quello che molti reputano il più grande cantautore italiano di tutti i tempi. Un autentico poeta della canzone che in oltre tre decenni di carriera ha saputo produrre molti capolavori musicali da “Tutti morimmo a stento” a “La buona novella”, da “Non al denaro non all’amore né al cielo” a “Storia di un impiegato”, da “Creuza de mä” a “Le nuvole”, a “Anime salve”, sempre alimentando l’ansia per una giustizia sociale e rincorrendo l’illusione di poter partecipare, in qualche modo, a un cambiamento del mondo. Lo ricorda qui con lucida partecipazione la sua compagna di vita.
  



  

 

 

di Alessandro Ticozzi

 

 

Fabrizio De André è giunto al successo grazie al brano La canzone di Marinella: cosa spinse Mina nel 1967 a scegliere di interpretarlo inizialmente?

 

Di preciso lo può dire solo la stessa Mina. Conoscendo la forza del suo carattere, che non si lascia certo imporre decisioni altrui, suppongo che ne sia rimasta affascinata anche da un semplice ascolto casuale poiché Fabrizio l’aveva già incisa qualche anno prima.

Certo so che quella scelta fu importante e addirittura determinante per Fabrizio, come lui stesso ha più volte sottolineato. Ancora in un’intervista del 1997 Fabrizio diceva a Vincenzo Mollica: «Scrivevo già canzoni da circa sette-otto anni, ne avevo fatte già una ventina, però non avevo risultati pratici, e quindi avevo quasi deciso di finire gli studi in Legge per diventare quello che probabilmente sarei diventato, e cioè un pessimo avvocato… E a truccare le carte è intervenuta Mina cantandomi La canzone di Marinella, quindi con i proventi Siae mi rincuorai e decisi di continuare a fare lo scrittore di canzoni».

 

L’anno precedente pubblica la sua prima raccolta, Tutto Fabrizio De André: in questo disco cosa possiamo trovare di quello che sarà Fabrizio nella sua maturità artistica?

 

Soprattutto il suo modo di rapportarsi con le storie e i contenuti, che non è mai autoreferenziale, sebbene si intuisca, attraverso la sua grande intensità, il suo forte coinvolgimento. Eccezion fatta, in seguito, per i brani Amico fragile e Hotel Supramonte, dichiaratamente autobiografici.





Fabrizio De André (1940-1999)


Come mai De André per i testi delle sue canzoni si è ispirato anche alle produzioni di Bob Dylan, Leonard Cohen e Georges Brassens?

 

Tutti gli artisti umili e bravi si ispirano ad artisti che li hanno preceduti o contemporanei. Per fortuna la sensibilità di Fabrizio lo ha portato a scelte di tale valore, affascinato dall’ironia dei racconti di Brassens – fra i primi fuori dagli schemi – e dalla vicinanza con le poetiche di Cohen e Dylan.

 

Cos’ha spinto De André a realizzare nel 1971 Non al denaro non all’amore né al cielo, basandosi sull'antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters?

 

Rispondo con le parole di Fabrizio: «Avevo letto Edgar Lee Masters a diciotto anni, con la mediazione di Fernanda Pivano, che aveva iniziato la sua carriera» – a suo rischio e pericolo, aggiungo io – «traducendo il libro di un libertario mentre la società italiana aveva tutt’altra tendenza. Poi lo rilessi nel ’68, e non lo trovai invecchiato per niente. Riscontrai in quei personaggi qualche cosa di noi, mi parve che in quella collina popolata di morti si parlasse il linguaggio di una verità che i vivi non possono esprimere. E che Lee Masters, con una lucidità insieme cronistica e profetica, avesse dato voce ai mille scheletri che la società d’allora, ma anche quella di oggi, nasconde nei propri armadi. Scegliemmo nove poesie e due temi di fondo: l’invidia, che è la molla che spinge l’uomo a competere con gli altri per superarli, e la scienza, che anziché porsi al servizio dell’uomo è sempre più al servizio di chi lo domina».

 

Da Fabrizio De André (1981) a Creuza de mä (1984), da Le nuvole (1990) a Anime salve (1996), da cos’ha tratto ispirazione De André per incidere i suoi album successivi?

 

Vivendo, leggendo e – soprattutto – ascoltando. Quindi dalle sue scelte di vita o da, come accade a tutti, scelte subite. Nel nostro caso una voce decisamente dominante è stata la privazione della nostra libertà attraverso il sequestro.

Decidere di tornare a vivere nella sua adorata campagna – questa volta sarda – ha fatto sì che nascessero brani come Zirichiltaggia, Monti di Mola, Le nuvole, senza dimenticare Fiume Sand Creek e l’intero album l’Indiano (scritto con Massimo Bubola), dove si sottolinea in particolare il parallelismo di due terre di conquista saccheggiate della loro identità.

L’amore indelebile per la sua Genova lo ha spinto a realizzare (insieme a Mauro Pagani) Crêuza de mä, che abbraccia tutto il Mediterraneo, adottando l’antico idioma genovese, più ricco di contaminazioni linguistiche dei popoli del Mediterraneo.

Con Anime salve (scritto con Ivano Fossati), infine, riassume tutte le tematiche che nella vita si sarebbe augurato veder risolte.

C’è una frase in cui Fabrizio esprime perfettamente questo concetto: «Ebbi ben presto abbastanza chiaro che il mio lavoro doveva camminare su due binari: l’ansia per una giustizia sociale che ancora non esiste e l’illusione di poter partecipare, in qualche modo, a un cambiamento del mondo. La seconda si è sbriciolata ben presto, la prima rimane».





Dori Ghezzi e De André


Cos’ha spinto infine De André a pubblicare nel 1996 il romanzo Un destino ridicolo, scritto a quattro mani con Alessandro Gennari?

 

Il desiderio di scrivere e misurarsi con forme d’espressione diverse da quelle praticate sino a quel momento. Scrivere a quattro mani – o se preferite a due teste – nasceva dal bisogno, in quanto esordiente, di acquisire un metodo di lavoro che non gli apparteneva.

L’incontro con Alessandro Gennari – di cui Fabrizio aveva molto apprezzato il romanzo Le ragioni del sangue, con cui Gennari vinse il Premio Bagutta Opera Prima nel 1996 – lo ha incoraggiato a intraprendere questa nuova avventura.

 

A quindici anni dalla scomparsa, cosa rimane secondo Lei di Fabrizio come uomo e come cantautore?

 

Difficile per me dirlo. Forse l’universalità della sua opera, e me ne rendo conto ogni volta che viene citato per ragioni fra loro anche diversissime e divergenti.




Scarica in formato pdf  


  
Sommario Interviste

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006