TEATRICA
JORIS LACOSTE

E sul palco si dispiega la gran festa del Significante


      
Nell’ambito del Festival Short Theatre – 9, è stato presentato all’Argentina di Roma lo spettacolo “Encyclopédie de la parole – Suite n° 1 ‘ABC’” ideato e diretto dal 41enne regista francese. Un singolare lavoro in forma di concerto orale e corale teso a dimostrare che partendo da qualsivoglia materiale verbale e vocale lo si può trasformare in una perfetta partitura sonora di voci, in una squisita ed organica musica della parola. Tutto piacevole e ben fatto, ma non ‘nuovo’, la poesia sonora e la ricerca musicale del ’900 avevano già esplorato questo campo con risultati altissimi.
      




      

di Marco Palladini

 

 

È stato, mi dice Fabrizio Arcuri, direttore artistico del Festival Short Theatre - 9, lo spettacolo-rivelazione del parigino Festival d’Automne dello scorso anno. Da allora è stato esportato in tutta Europa, con il generoso supporto degli organismi culturali francesi, sempre pronti a sostenere e promuovere le loro produzioni artistiche (tutto il contrario, evidentemente, di quello che succede da noi). Stiamo parlando di Encyclopédie de la parole – Suite n° 1 “ABC” ideato e diretto dal 41enne regista Joris Lacoste e presentato a settembre, nell’ambito dell’annuale manifestazione romana, al Teatro Argentina.

Uno spettacolo, invero, assai singolare che vedeva sulla scena undici attori francesi più undici ‘ospiti’ italiani, comandati letteralmente ‘a bacchetta’ (anche se materialmente assente) dal regista piazzato sotto il palco davanti ad un leggio a mo’ di direttore d’orchestra che eseguiva, all’uopo, acconce e canoniche movenze di mani e braccia alla Riccardo Muti o alla von Karajan. Che di questo, in pratica, si tratta: di un concerto orale e corale teso a dimostrare che partendo da qualsivoglia materiale verbale e vocale lo si può trasformare in una perfetta partitura sonora di voci, in una squisita ed organica musica della parola. Ovvero di parole, più che in libertà, come volevano i futuristi marinettiani, di parole che liberano la straordinaria energia di suono che è loro sottesa nelle più diverse forme combinatorie e creative.

È, dunque, una bella, grande festa del Significante quella a cui ci invita Lacoste, essendo i significati dei frammenti verbali usati del tutto irrilevanti in sé. Il Significato è un meta-significato, ovvero la significazione (e segnificazione) complessiva di tutti i materiali usati e tramutati in un’opera-lingua compiuta in sé, nell’atto della esecuzione orale. Che è anche piena di ironia e di ammiccamenti birichini. Come nel lungo prologo con i ventidue interpreti schierati sul palco a riprodurre quasi mimeticamente il chiacchiericcio del pubblico ascoltato fino ad un attimo prima dello spegnersi delle luci. Come a dire: questo informe e indistinto brusio siete voi, vi appartiene, riconoscetevi.





Joris Lacoste dirige il coro dei suoi attori in Encyclopédie de la parole - Suite n° 1 "ABC"


Il lavoro- pastiche poi si distende ora con tutto il gruppo compatto, ora con drappelli di attori, ora con quartetti o duetti, ora con singole voci che emergono dal collettivo. E i materiali ‘trattati’ sono i più vari: frasi idiomatiche, scioglilingua, frammenti di manuali educativi, brani di notiziari giornalistici e politici, una scheggia del cartoon “I Simpson”, pezzi più letterari si alternano a passi filosofico-concettuali, messaggi televisivi e pubblicitari si intersecano con lacerti di canzoni come “Imagine” di John Lennon, debitamente interpolate.

L’esecuzione vocale naturalmente gioca con i cambi di intonazione ed emissione, con i gorgoglii, i balbettamenti, i finti inciampi, le ‘papere’ del parlare, mescola tante lingue dal francese all’inglese, dall’italiano allo spagnolo, dal tedesco a lingue slave, ed ogni volta senti come cambia la musica verbale. Quello che manca, semmai, a Lacoste è una idea compositiva contrappuntistica, il lavoro sul coro delle voci è, seppure attentamente calibrato, ostinatamente monodimensionale, alla lunga anche un po’ monocorde, talora si percepisce una certa ripetitività di modulo interpretativo.

Comunque, lo spettacolo è piacevole, ma di certo non assolutamente ‘nuovo’, nel senso che chi conosce la storia e le avventure della poesia sonora del ’900 (dai futur-dadaisti, da Hugo Ball e Kurt Schwitters ad Henri Chopin e oltre) e della ricerca musicale sulla voce (penso a Cathy Berberian con Luciano Berio o, ad esempio, all’ultimo Demetrio Stratos) sa che questo è un territorio ampiamente praticato dove si è fatto di tutto e a livelli di altissima qualità. La differenza sta che in quell’ambito tale ricerca si esprimeva sul piano della sperimentazione e della esplorazione anche oltranzista e radicale, mentre in Lacoste essa si ricompone nella forma di un ‘teatro d’ascolto’ bien-fait, umoristicamente e simpaticamente addolcito e spettacolarizzato quel tanto per poter essere rivolto ad un più largo pubblico. Insomma, passando, si può dire, dall’esercizio esoterico all’enciclopedismo vocale essoterico. Niente di male, probabilmente è questo che i ‘comunicativi’ tempi attuali richiedono.          

 

 

 (settembre 2014)

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Teatrica

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006