SPAZIO LIBERO
SGUARDO DAL SUD (10)
Enzo Morelli: tra poesia
e pittura c’è la sua fede
nella pietra e nell’ulivo


      
Un ritratto critico del settantanovenne artista pugliese, pittore di razza che ha cercato, anche con la convinta interazione con molti poeti meridionali, di esprimere il suo slancio creativo verso la natura e il paesaggio agreste. Nei suoi quadri, attraverso il segno e il colore, la storia e l’archeologia s’incrociano e chiamano in causa la botanica e l’ecologia. Mercè le sue pennellate, la terra, gli alberi, il cardo, la lumaca, il fungo, il fiore, il filo d’erba, le frasche sono presenze che riescono infine come trasfigurate.
      



      

di Anna Santoliquido





Enzo Morelli


La Puglia è una regione ricca di arte e di poesia. Gli ulivi secolari, le pietre, il mare, i castelli, le masserie fortificate ne fanno uno scenario di rara bellezza. Cineasti, fotografi e personaggi del jet-set internazionale la scelgono sempre di più per i loro progetti.

Terra dei meridionalisti Tommaso e Vittore Fiore, del genio teatrale Carmelo Bene, del poeta e ispanista Vittorio Bodini, del poeta italo-americano Joseph Tusiani e di molti altri autori, continua a intrecciare versi al segno pittorico, come dimostrano i lavori realizzati.

La pittura annovera nomi eccellenti, a cominciare da Giuseppe De Nittis, Onofrio Martinelli, Emilio Notte, fino ai fratelli Francesco e Raffaele Spizzico, Francesco Speranza, Filippo Alto, Benito Gallo Maresca, Michele Damiani, Gennaro Picinni, Adolfo Grassi, Carlo Fusca e via discorrendo.

 

Enzo Morelli, nato a Modugno in provincia di Bari nel 1935, vive e opera a Bitonto, cittadina famosa per la cattedrale, i Santi Medici e l’olio. Avvicinatosi alla pittura da autodidatta e aggiornatosi sulle tecniche di incisione, è attivo dal 1975, alternando mostre personali e collettive.

Di lui Luigi Guerricchio ha scritto: “Enzo Morelli appartiene alla schiera sempre più esigua di quei pittori di buona razza che preferiscono seguire coerentemente il proprio discorso senza oscillazione di gusto, ben sapendo di alienarsi, su questa strada, la critica “pubblicitaria”. (…) Pittori come Morelli non cercano la “novità” nell’arte, l’invenzione di modi tecnici inconsueti, l’uso di materie inusitate o l’applicazione di formule inedite, ma l’espressione autentica e personale”.

Poco loquace, Morelli è però persona gentile e ospitale, con la straordinaria capacità di coinvolgere gli intellettuali. Lo conosco da vari anni e ho avuto l’onore di presentare alcune sue mostre itineranti: Ulivo è poesia del 2009, Murgia del 2011 (patrocinate dalla Sezione “Puglia-Basilicata” del Sindacato Nazionale Scrittori) e Ulivo, icona di Puglia del 18 luglio scorso presso il Museo Archeologico di Bitonto. Per i suoi eventi il Maestro ha spesso dato alle stampe elegantissimi cataloghi-antologie, chiamando a raccolta firme consolidate della poesia pugliese e lucana. L’ultima pubblicazione è Murgia, territorio da scoprire (Graficazerottanta, Modugno, 2013), in concomitanza della mostra tenuta a Palo del Colle dal 30 aprile al 5 maggio 2013, con il patrocinio della Banca di Credito Cooperativo degli Ulivi-Terra di Bari e la presentazione del giornalista Valentino Losito.





Enzo Morelli, acrilico su tela, cm. 60x40


ULIVO è POESIA - L’aspetto letterario

 

L’Antologia Ulivo è poesia, a cura di Enzo Morelli (ComunicaAzioni.com, Bitonto, Bari, 2009) si avvale di vari contributi. Il saggio di maggiore spicco è firmato dal Prof. Ettore Catalano dell’Università di Bari che ha magistralmente amalgamato poesia e pittura, rimarcandone linee e tendenze.

Mi soffermerò sull’aspetto letterario della raccolta che annovera testi di 10 poeti.

Alda Merini, idealmente madrina dell’operazione, nel suo “Mio cuore, mio Sud” evidenzia la lotta, il Sud che domanda e non trova. Nel componimento si coglie la solitudine, ma anche lo sprono a non dissacrare i valori del Nord. Intrigano la spinta alla rinascita e il Sud come “solerte canzone di patria”. Il sentimento patriottico è un elemento unificante che fortifica la speranza.

Giovanni Amodio, in “Totem ulivo, richiama il segno iconico. Il suo ulivo è tenero e possente. Rarefatta è l’immagine “vagheggiate ricami di bulbi a merletto del mare”. La poesia sembra il prologo di un lavoro teatrale.

Lino Angiuli, fedele al suo catechismo vegetale, affida all’ulivo il ragionamento. Con versi sottili e metaforici, scolpisce un monumento verbale a una pianta “guardia giurata dell’orto” (Oltre settemilatrentaquattro pietre).

Grande forza evocativa proviene dai versi di Carlo Alberto Augieri, poeta salentino, caparbiamente sperimentale. “Agli ulivi messaggeri” è una sorta di litania, scritta con passione e sapienza.

Acqua cristallina è il testo di Sergio D’Amaro che ha per titolo “Memoria dell’ulivo. Dal suo osservatorio garganico, dialoga con l’antica creatura mediterranea, auspicando un “mondo migliore”. Splendida è l’immagine del poeta che d’inverno prelevava il pane, affondando la mano in un piatto bianco di smalto.

Daniele Giancane, con incedere fiabesco e piglio critico, valorizza il tempo che trova nell’albero il custode perfetto. La lirica “Il custode del tempo” mostra l’agonia della civiltà contadina.

Il tarantino Angelo Lippo rappresenta mirabilmente, in poche quartine, il paesaggio jonico, suggestivo e inclemente. “Qui” è un’alcova di “pastorali di ulivi secolari”.

Raffaele Nigro fornisce l’esempio di come si possa poetare, rimanendo un grande narratore. Il suo viaggio in versi, tra l’ironico e il divertito, è una fotografia perfetta del territorio, umanizzato da volti amici e soprattutto dal desiderio di intrappolare il sogno: “se potessi incontrare una volta, che cos’è una volta? / mio padre, mentre esce con i funghi dalla serra” (“Se potessi raccogliere olive e funghi”).

Adriana Notte, dalle odorose campagne di Cisternino, ha inviato un testo leggero, “luce non luce”, nel quale, lei che scrive e dipinge, ha saputo riprodurre la magia dei “piccoli frutti” (“L’ulivo).

“Gli ulivi di San Biagio” della sottoscritta riporta alle grotte basiliane della Basilicata. La gioiosa atmosfera della raccolta delle olive, la devozione al Santo armeno, la religiosità popolare si affiancano al pensiero dell’infanzia e al bisogno di energia.

Cristanziano Serricchio, da quel lembo di terra sacra che è il Gargano, manda un componimento classico e terso. “Terra di Macchia” è un canto misurato che contempla il travaglio del viaggio, le tradizioni, lo stupore del paesaggio, i moti dell’animo, i richiami segreti, la maestosità della luce, e da cui scaturiscono pregevoli “parole d’amore”.

Il tessuto poetico dell’elegante Antologia è un canto d’amore per la terra-madre e per l’ulivo che è il suo simbolo più prestigioso. I nostri versi trovano nei quadri di Enzo Morelli degli eccellenti compagni di viaggio. La mostra e la pubblicazione aggiungono un tassello all’arte e alla letteratura del Meridione.





Enzo Morelli, Poesia della storia, acrilico su tela, cm. 100x70


MURGIA

  

Talvolta è il destino che porta a veicolare messaggi in ambienti speciali. La Chiesa dell’Annunciazione, nella città di Gravina in Puglia, mi sembra sia il luogo ideale per fruire dell’arte e del pensiero del Maestro Morelli di cui ho imparato ad apprezzarne l’impegno, l’essenzialità, la mistica bellezza che trasuda dalle opere.

La Murgia, con le sue creature, non è solo paesaggio agreste, ma anche inquietudine, introspezione, spasimo verso l’Alto, giacché Morelli la carica di valenze umane e culturali. Attraverso il segno e il colore, la storia e l’archeologia s’incrociano e chiamano in causa la botanica e l’ecologia.

Al di là della fede nella pietra, nell’ulivo, nella quiete, Morelli – a suo modo – lancia messaggi politici, in quanto spinge a considerare elementi etici che attengono alla protezione dell’ambiente. Il Sud è divenuto discarica di veleni. È protetta la nostra Murgia? Le future generazioni potranno ammirare il cardo e la cicoria? La pietra, un tempo “oggetto di culto”, sopporterà il degrado? Questi e altri pensieri affollavano la mia mente, mentre sfogliavo il volume Murgia (Grafica 080, Modugno, Bari, 2011), con interventi critici del Prof. Giorgio Otranto dell’Università di Bari, di Lucia Anelli e Tommaso Di Ciaula, immagini iconiche di Morelli e delicati testi poetici di Lino Angiuli, Alessandra e Michele Campione, Sergio D’Amaro, Daniele Giancane, Valentino Losito, Adriana Notte e Anna Santoliquido.

La scelta delle tinte non esprime unicamente fedeltà alla natura, ma è un conferire alle tele spessore mistico. Morelli è un pittore “anarchico” e la sua arte è trasgressiva e sensuale. La passione non va ricercata nelle accensioni dei colori, poiché egli predilige, in genere, i toni spenti, ma nella coerenza tematica, nella comunione con i piccoli e i grandi esseri della campagna pugliese. Enzo è l’innamorato che dipinge, canta e lotta, per preservare un patrimonio che il mondo ci invidia, ma che l’ingordigia umana mette a rischio.

Le tonalità del rosa e del grigio – care anche ai poeti – ammiccano alla trascendenza e svegliano la tenerezza nel fruitore. L’anima errabonda (il cardo secco) è confortato dal cardo fiorito che è segnale di speranza.

Favola e realtà si contendono lo spazio della tela che sprigiona fascino e ricorda la fragilità degli abitanti della terra. Il Maestro Morelli non riproduce figure umane, tuttavia esse sono presenti con la loro interiorità e comportamenti. La pietra, il cardo, la lumaca, l’ulivo, il fungo, il fiore, il filo d’erba, le frasche sono presenze che l’Artista dipinge e trasfigura.

Le opere, nitide e vigorose, implorano grazia nella loro trascendenza. Quando il fruitore si libera dalle convenzioni e si dispone all’abbraccio con l’arte, lo stupore lo avvolge e lo spirito ritorna bambino, trotterella tra i solchi, insegue falchi e formiche, si avvinghia al tronco rugoso dell’ulivo secolare, dialoga con i muretti a secco, si lascia sedurre dal silenzio e dal vento. E nel vortice dell’abbandono ritrova la maestosità del Creatore, il dono supremo e la regalità che Dio ha impresso nel cuore di ogni essere vivente.

Morelli, con pennellate tenere e virili, ci ha consegnato opere degne di alta considerazione, invogliandoci all’impegno civile e alla fruizione attiva. Pertanto, egli va annoverato tra i grandi maestri che difendono la natura e storicizzano il territorio, con la forza dell’arte e dei sentimenti.

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario
Spazio Libero

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006