SPAZIO LIBERO
A VENT’ANNI DALLA MORTE
Kurt Cobain, antieroe del rock ‘grunge’


      
Moriva suicida l’8 aprile del 1994 il cantante e chitarrista dei Nirvana, la band di punta del Seattle Sound, che incendiò la scena musicale Usa tra gli ultimi anni ’80 e l’inizio dei ’90. In pochi dischi – “In Utero”, “Bleach”, “Nevermind” – e con una canzone di successo planetario come “Smells like teen spirit” seppe intercettare lo stato d’animo, le speranze e le frustrazioni di un’intera generazione di adolescenti. Ma poi lui non resse la pressione del successo, la sua trasformazione in rockstar. Preferì farla finita, come un Arthur Rimbaud di fine XX secolo.
      



      

di Cosimo Ruggieri 

 

 

5 Aprile 1994; scritta in modo cosi solitario questa data  non rappresenta nulla......

Il 5 Aprile del 1994 mi trovavo a scuola. Erano più o meno le 11.00 di mattina e nella mia scuola, sull’ampio piazzale con  fontana inclusa  (erano gli ex studi cinematografici Ponti-De Laurentiis quelli  che ora ospitano la sede del Istituto di Stato per la Cinematografia e la Televisione Roberto Rossellini)  si svolgeva la ricreazione. Vidi arrivare un mio amico e compagno di scuola  con una faccia triste e una notizia non buona come la sua  faccia:  era morto suicida, all’età di 27 anni, Kurt Cobain leader chitarrista e voce dei Nirvana. Esattamente a 27 anni, un altra new entry nel club dei 27 (Brian Jones, Janis Joplin, Jimi-Hendrix, Jim Morrison, e che tra gli altri “sfortunati”  membri conta Robert Johnson, Ron Pigpen McKernan, Jean-Michel Basquiat, Amy Winehouse).

Su Kurt Cobain è stato scritto tutto o quasi, quindi a meno che tu non lo abbia conosciuto di persona o che tu abbia conosciuto una persona che lo conosceva o che tu intervisti una persona che ti riconduca a lui, c’è molto o molto poco da dire – dipende dai gusti. La sua vita la conoscono tutti, o quasi, ma sicuramente nell’epoca di Internet se si è un pelino curiosi basta digitare sul proprio  fedele browser – qualsiasi esso sia – le due parole Kurt e Cobain  (il mio fedele browser ad esempio ha rilasciato con modestia, 0,42 secondi secondo lui,  circa 6.180.000 risultati) , ed ecco che che vi  si aprirà un mondo. Sinceramente non sono stato mai un amante dei Nirvana, forse mi si addice di più la qualifica di amante borderline, se mi si può passare il termine. Ho sempre amato l’altra sponda, ammesso che ce ne sia una e che sia veramente una sponda. Delle band del Seattle Sound a.k.a Grunge che ho amato molto per vari motivi – Mother Love Bone, Pearl Jam, Soundgarden, Temple of the Dog, Alice in Chains, Mad Season, Screaming Trees, Smashing Pumpkins, Stone Temple Pilots –, se vi volete divertire su questo sito (http://www.seattlebandmap.com/) troverete una mappa interattiva: i collegamenti tra i vari puntini si basano su due fattori, membri in comune tra band e artisti che hanno collaborato a un progetto comune – con qualche salto nel mondo dei Nirvana. Il Grunge è stato un vero spartiacque nel mondo musicale, anche a detta di Michael Diamond a.k.a Mike D (MC e batterista del guppo Beastie Boys) che in una intervista a Vanity Fair  dice:La cosa interessante del Grunge è che è stato la condanna a morte del Rock che lo ha preceduto cioè l’hair metal. Tutto ad un tratto è arrivato il grunge e l’hair metal non era più figo. Se eri un ragazzo al distributore di benzina con la maglia dei  Warrant, non  potevi  avere  capelli lunghi e cotonati, dovevi avere capelli più corti e una camicia a quadri. Non si poteva più andare in giro in spandex”.





Kurt Cobain (1967-1994)


Il Grunge si può dire che è un misto tra punk, hardcore e post-punk californiano di inizio anni ’80 (Sex Pistols, ma anche Adolescents, Bad Religion, Dead Kennedys e molti altri). Ma anche gruppi come Mc5 o gli Stooges di Iggy Pop sono stati una buona base per la nascita di questo genere, insieme ai colossi dell’Hard Rock a partire dai Led Zeppelin, passando per i Black Sabbath e anche The Who.

La prima conoscenza dei Nirvana e Kurt Cobain è avvenuta attraverso la televisione, e, più nello specifico, con Videomusic sul quale per la prima volta vidi il video della canzone di Smells Like Teen Spirit diretto da Samuel Bayer e di cui c’è anche una parodia di Weird Al Yancovick del 1992 intitolata Smells Like Nirvana. Ricordo di essere rimasto letteralmente esterrefatto, e vi assicuro che non mi succede spesso, anche se in passato era già successo con i video di Paradise City dei Guns ’N’ Roses e con Epic dei Faith No More. Registrai il video e lo guardai  incessantemente, per giorni. C’era qualcosa in questo suono così compatto, ma anche morbido-nella strofa- che saliva come una marea e montava sempre di più e poi si calmava e poi si ingrossava. Mi affascinava. Ricordo di essermi fatto registrare il nastro di Bleach il loro primo disco – ormai non so  più da chi – però di averlo apprezzato in parte, soprattutto le canzoni Floyd the Barber, School, Love Buzz, Negative Creep.

Poi ci fu il nastro di  Nevermind. I Nirvana spopolavano nel mondo: il sound era meno rabbioso e potente rispetto al precedente Bleach, con canzoni più morbide, come Come As You Are,  ma anche con delle sferzate improvvise, come Breed e Territorial Pissings. Per me il momento Nirvana è durato poco, l’infatuazione iniziale è passata in breve tempo, anche se si sono sempre riaffacciati, a sprazzi, nei miei interessi musicali. Ho apprezzato singole canzoni Heart-shaped box, Frances Farmer will have her revenge on Seattle, Pennyroyal tea, All Apologies del disco In utero, ma niente di più.

Siamo nel 2014 e dalla morte di Kurt Cobain sono passati vent’anni, se ne è andato appunto un giorno di aprile con un colpo di fucile, era per l’esattezza l’8 aprile del 1994. Il  suo corpo fu trovato da un elettricista della Veca Electric, nella serra. Oltre  a lasciare una moglie, una figlia e moltissima musica  – che piaccia o non piaccia, in base ai propri gusti musicali, rimarrà eterna –, anche una lettera intitolata To Boddah , nome del suo amico immaginario dell’infanzia. In un passaggio scrive: “Tutti gli avvertimenti della scuola base del punk-rock che mi sono stati dati nel corso degli anni, dai miei esordi, intendo dire, l'etica dell’indipendenza e di abbracciare la vostra comunità si sono rivelati esatti. Io non provo più emozioni nell’ascoltare musica e nemmeno nel crearla e nel leggere e nello scrivere da troppi anni ormai. Questo mi fa sentire terribilmente colpevole. Per esempio, quando siamo nel backstage e le luci si spengono e sento il maniacale urlo della folla cominciare, non ha nessun effetto su di me, non è come era per Freddy Mercury, a lui la folla lo inebriava, ne ritraeva energia e io l’ho sempre invidiato per questo, ma per me non è così. Il fatto è che io non posso imbrogliarvi, nessuno di voi. Semplicemente non sarebbe giusto nei vostri confronti né nei miei”.





Muore citando un verso della celebre canzone di Neil Young Hey Hey, My My (Into the Black) che dice: “It’s better to burn out than to fade away (È meglio bruciare in fretta che spegnersi lentamente). Kurt era riluttante al successo; nel disco In Utero ci sono molti rimandi all’amarezza e al senso di sconfitta. Nella canzone Serve the servant canta: “La rabbia giovanile ha pagato bene / ora sono vecchio e annoiato e in Radio Friendly Unit Shifter: “Non voglio quello che ho ottenuto. Kurt Cobain era ed è un antieroe quasi come la sfortunata intelligente e dotatissima  attrice Frances Farmer a cui dedicherà la canzone Frances Farmer will have her revenge on Seattle. Un omaggio che ripeterà  dando come primo nome alla figlia avuta da Courtney Love, Frances Bean Cobain. I Nirvana furono un gruppo che  invogliò moltissimi giovani a suonare ma come lo hanno fatto tantissimi altri gruppi; rimane tutto nella tradizione della musica e nella tradizione del rock . Furono anche un gruppo che ebbe molto successo ma che lascia poco come eredità. Di quella fortunata stagione chiamata Seattle Sound sono rimasti in pista ma cambiando molto soltanto i Pearl Jam, gli altri gruppi si sono sciolti e riformati, ma sono pochi che hanno raccolto l’eredità di Kurt Cobain

 

 

________________________________________

 

 

Colonna Sonora

 

Nirvana - In utero

Iggy Pop & The Stooges - Raw Power

NirvanaBleach

Nirvana - Nevermind

Mc5  - Kick Out The Jams

Alice In Chains - MTV Unplugged

Mad Season - Above




Scarica in formato pdf  


      
Sommario
Spazio Libero

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006