PRIMO PIANO
NOTE DI LETTURA D’ABORD
Se Jean-Luc Nancy ci dà
un libro ‘da ascoltare’


      
Preziose considerazioni sparse su alcune pubblicazioni ultime. Come il volume “Prendere la parola” del filosofo francese devotamente tradotto da Roberto Borghesi e Costanza Tabacco. E poi le quartine del grande poeta persiano trecentesco Hafez, per la traduzione dell’islamista Stefano Salzani. Quindi uno studio sullo storico dell’arte e incisore Henri Focillon curato da Andrea Beolchi e, ancora, una raccolta di interviste a Faulkner, che odiava i viaggi e non voleva neppure andare a ricevere il Premio Nobel.
      



      

 

 

di Marzio Pieri

 

 

 

 

Ho sempre avuto simpatia per i Sofisti, che per me come per più illustri storiografi includono Socrate quasi la ciliegina sulla torta. Un tempo in casa avemmo a lungo, convitato onorevole, Gorgia. Sapeva che Stefania, mia moglie (che sta riabilitandosi sulle colline di Reggio, in clinica modello in mezzo a un meraviglioso giardino arcadico), aveva tradotto il dialogo di Platone a lui intitolato, ma per Gorgia era ricca delizia. Parlate tanto di me, se dite male non mancheranno argomenti per confutarvi. La traduzione era costata a mia moglie qualche anno di lavoro (era il suo momento di riposo tra far la mamma ed essere professoressa d’incuriositi pupilli) anche e soprattutto perché fatta direttamente sul greco, diffidando delle traduzioni correnti, bolse quelle italiane, eleganti quelle francesi come pattinatrici sul diàccio, abbottonate quelle inglesi o quelle tedesche, in genere di tutto curiose fuorché del fatto, ahimè incontrovertibile, che si trattava di filosofia. Una cosa veniva allora fuori; la requisitoria del pubblico ministero (Platone) era perfetta e implacabile, ma ci scoprivi una specie di timore reverenziale. Chiedendo una esemplare condanna già si presentiva la cassazione dei secoli.

 

 

 

Gorgia

 

 

Flavio Ermini, direttore della bella rivista “Anterem” da lui fondata con lo scomparso Silvano Martini, sembra ieri ma son già per essere quasi 40 anni, tenendo fede al compito datosi di mantenere attivo e sollecito un laboratorio di ricerca letteraria (l’Italia preferisce in genere gli stradajuoli ed i posteggiatori), ha promosso la traduzione italiana di una silloge di inediti occasionali ma non disarticolati di Jean-Luc Nancy (Prendere la parola, traduzione di Roberto Borghesi e Costanza Tabacco, Moretti&Vitali ed.). Con la postfazione di Ermini è da segnalare l’eccezionalità (o singolarità, nei termini del libro) – vedi uno dei primi saggi, Rive, Bordi, Limiti (della singolarità) – dell’impegno non banausico dei due traduttori, vicini a farsi quasi interpreti o coautori di queste dicerie che anche essi chiamano “isole di parole”. Parlano addirittura dei frutti che hanno cavato dalla fondamentale “revisione” di un primo abbozzo del loro lavoro. Non lavorano a un tanto alla sillaba. Ma forse sono matti.

 

 

 

 

Come molti pensatori francesi di un corso inauguratosi nel pieno degli anni Sessanta, Nancy vocalizza il proprio percorso logico, tematico, dimostrativo; il fatto che in quella nazione ci siano ancora degli intellettuali che sanno scrivere (vi raccomando, fiero contrasto, i nostri professori universitarî, riscattati dal fatto che sanno in genere, leggere, anche meno) non getta nebbie sul fatto che questo argomentare è come un incantesimo. Potreste tranquillamente trascorrere dal Socrate di Satie, dalle Histoires naturelles (Renard) di Ravel, o dal Cage del Marcel Duchamp, James Joyce, Erik Satie: An Alphabet, a queste pagine di Nancy, senza dover intervenire sui sensori del giradischi.

 

 

 

Jean-Luc Nancy

 

 

Diceva un mio professore: ah se avessimo un disco di Cicerone; con Nancy, però, un ersatz di Gorgia qui ce l’abbiamo.

 

Stampato da Moretti & Vitali al prezzo di due pizzette, è un libro che vi incanterà quanto vi irriterà, e dunque è proprio un libro da ascoltare, meglio ancora se approntando dicerie di dissenso.

 

In fatto di ‘dicerie’, i barocchisti di Francia stanno aspettando con qualche ansia l’edizione che delle Dicerie sacre del Marino stanno approntando i miei allievi in vista della conclusione della Marino Edition da me varata insieme con marco albertazzi per la finestra (lavis) esattamente dieci anni fa. Era stata una gloriosa scoperta di un grande studioso svizzero, il cappuccino Giovanni Pozzi, sull’esatto discrimine fra i Cinquanta neonaturalisti e antibarocchi e l’esplosione in barocco da una matrice surrealista degli anni Sessanta. Pozzi sapeva rintracciare i più sottili indizî di letture monastiche ed erudite nei ludi verbali del Cavalier Marino (Cavaliere, anzi allora, di fresca e poi tosto turbata nomina) ma volentieri dimenticava nello spogliatoio il fatto che quelle dicerie (il nome glielo diede il Marino spiegando il perché con esibita antifrastica pedanteria) poco aggiungessero al pensiero teologico, cristologico, musicologico ecc. ma insieme lo celebrassero col porlo in magnifica vista sull’altare della letteratura. Questo cercheremo di far vedere da quella sorta di Black Rock (ho in mente il superbo meta-western di Sturges) che è Lavis, sui monti di Trento.

 

 

 

 

Da Lavis, del resto, mi è giunto, con qualche involontario ritardo, un altro libretto che non dovrebbe restare sugli scaffali a pigliar polve. Sono le quartine di Hafez, il grande poeta persiano trecentesco, noto a memoria anche oggi, sento dire, a tutti che crescono in Persia, una specie del nostro Petrarca ma, a differenza di Petrarca, profondamente umano quanto amabile. Non mancano altre valenti traduzioni italiane del poeta, ma questa (di Stefano Salzani, storico delle religioni e specialista di cose islamiche) ha dalla sua d’essere come la documentazione di un lavoro in atto, sembra vederlo mentre tira giù tomi di storia ed enciclopedie, dizionarî arabisti e trattati misteriosofici, che consentono un illuminante tragitto di andata (work in progress) e ritorno (w. in regress) dal singolo verso alla analisi di tutti i suoi sensi potenziali al verso, di nuovo, non esausto di chiarimenti ma vivido di giochi di lume. Venti e forse ormai quasi trenta anni fa la più illustre collana di poesia dell’editore Mondadori propose certi Poeti Arabi di Sicilia con testi in caratteri arabici a fronte (i traduttori erano parecchi e non sapevano l’arabo, peccato venialissimo, meno di loro forse lo conosce perfino chi avrà pace solo quando avrà cancellato questi novelli hostiles dalla faccia della terra, ma il fatto è che andavano in diagonale con non irresistibili parole in libertà). Chiamato a fare parte d’una piccola squadra di presentatori, in un caffè letterario milanese dove si stava malissimo, per la folla ed il caldo risultante, in un piano elevato a tetto basso, osai avanzare qualche dubbio sulla operazione. Fu così che mi persi il Disperso; non chiedetemi altro. Lui, incredibile, aveva preso il posto di Vittorio Sereni. Hostile era, nel gergo militare dei blue soldiers, il pellerossa che non si arrendeva.

 

 

 

 

Hafez e Petrarca

 

 

Nemmeno la notizia, certa da stamattina, della sconfitta degli indipendentisti scozzesi (dio accèca coloro che vuol perdere, ma la regina-mummia non si è mossa da una mela all’altra, sul suo trono, nemmeno mentre si affollavano notizie sgomentevoli, disavverate dal calcolo finale dei voti) ha messo la sordina ai rumori di guerra che si levano da ogni parte, ristabilendo post mortem le logiche del vecchio Patto Atlantico. Romperemo le reni (qualcuno lo saprà, ch’era un modo meno triviale di dire, sì, gli romperemo il culo) al nuovo Mahdi. Non ci vuol molta immaginazione storica per vedere l’attuale premier ciarliero dire alla fine, riscaldato in viso (e ammesso sia scampato alle stampelle di piazzale loreto, si accettano scommesse sul colore delle mutandine di qualche ministressa che gli terrà lugùbre compagnia): ‒ Ho difeso la patria... lo voleva il Negretto... lo voleva la Mehercle... perfino Hohonde non mi dava pace... Sarà una passeggiata... Iddio lo vuole...

 

 

“Romperemo le reni…”

 

 

Deus sive Borsa. Non parliamone più.

 

Un altro amico mi fa dono di libri nuovi della sua casa editrice (è la Medusa di Maurizio Cecchetti): spicca fra questi un imprevedibile Focillon, con al centro un suo studio un tempo notorio, Saggio sul genio giapponese. Il curatore, Andrea Beolchi, deve essersi accorto che parlare, oggi, del peculiare ‘occhio’ giapponese, almeno fra lettori non professionali, rischia di non decollare, dacché tutti leggemmo Roland Barthes (L’Empire des signes, Skira 1970), tradotto da noi dopo tre lustri da Marco Vallora. Così, in breve spazio, ci porge opportuni conforti e una lettura ‘storicizzata’ comincia a lasciar che s’intravedano fremiti non vantaggiosamente per noi sopibili. Un poco come i guizzi ed i lampeggi d’una triglia moribonda. Che male c’è a morire? Vallora e Cecchetti sono due brillantissimi critici d’arte, per giornali e per mostre, e le loro proposte sono sempre capaci di senso. Dunque questo Focillon va letto, ma non aspettiamoci più provocazioni; la cosa migliore sono le magnifiche illustrazioni bianco-e-nero o in isplendidi colori, delle quali immagino raccoglitore ed espositore Cecchetti. I ‘pezzi’ scelti si muovono in date alte (Focillon visse dal 1881 al 1943, il suo libro d’idee più vivace, La vie des formes, è del 1934 e fu tradotto in Italia sùbito spenti gli spari di quella guerra dissennata e da ultimo fratricida, da un estetologo come Adelchi Baratono e da un poeta come Diego Valeri; il suo libro più durevole è tuttavia di studî materiali, ad amplissimo raggio, L’arte dell’Occidente, sontuosamente accolto da Einaudi nella gloriosa “Biblioteca di Storia dell’Arte”, che frustrò lusingandoli i nostri desiderii di studenti onninamente impecuniosi), ossia dal 1919 (Japon errant, “France libre”) al 1921. Poi sembra che Focillon trovi quella regione dell’anima inaridita per lui.

 

 

 

 

 

Un libretto meno graficamente attrattivo, della casa milanese, raccoglie una serie di interviste a Faulkner. Chi se lo aspettava. Faulkner visse da noi per Santuario, ripetutamente ritradotto e ristampato, dal 1943 (clandestino) in avanti, ed ebbe una tomba prestigiosa ma non più molto poi visitata in un libro del “Saggiatore”, che ne raccolse qualche centinaio di pagine, insomma una antologia come se n’eran fatte, ai bei dì, per d’Annunzio. Le testimonianze raccolte nel libro cecchettiano finiscono, su un piano obiettivo, per concordare con l’idea ‘vocale’ difesa fermamente da Nancy. Si legge un libro come si sta all’Opera. Che cosa dice? Dice che Visse d’arte. Ach so.

 

Dice che Faulkner disamava i viaggi. Sabotò un invito della White House per non doversi muovere da bomba. Non voleva nemmeno andare a prendersi un inatteso Nobel. Si bastava a se stesso. Se lo capisco! (Ach so).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Primo Piano

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006