LUOGO COMUNE
POEMETTO
“La natura dei giorni”



      

di Piero Sanavìo

 

                                                                     In memoria di

                                                                    Maria Vittoria I. de S.

 

 

 

                                         i

 

In medio Veneto tra due fiumi, lande d’acqua

e  paludi,

un Prosdocimo sbarcò cristiano:

venne da qualche parte in Grecia,

marangòn, marangòs.

 

                                   Chissà se tanto

demotico

è l’impronta occasionale di un viaggiatore

sbandato in terraferma

e qui alzò bottega                                                                

o è invece un’orma a noi più vicina,

comuni paesaggi e una via

terrestre e insieme marina, scavata

non soltanto da greci,

non soltanto da illusori biondi illusi,

nati

dove corressero cavalli, mia terra e mare.

                            

O paludi,                                                                                   

fino al mesopotamos Veneto cercando                             

riposo ne non pace,

incruenti riti implorando, ignari. Prosdocimo

faber o carpentiere

duxit gentes ad Christum 

                                                  o non era

che un dio ellenico romanizzato,

Fetonte, che usò una colla sbagliata,

                                                              scivolò…

 

Nostra  di certo è la gatta.  E il dio maschio

con tante amicizie internazionali, dopotutto,

carissimo Prosdocimo, è straniero.

 

Anch’io, inductus, straniero?

Nemico.

 

 

 

                                         ii

 

 

Tra  musi di cavalli e  pioppi

sul bordofiume, l’amore

fu l’erba: correvano

topi d’acqua ai passi, le voci.

 

Sul bastione dell’assedio la gatta

rampante

inchiodata

strinse a Pava l’antagonista, qui tuo padre

morì mitragliato, uno straccio sul viso.

 

Menelao sotto Troia fa scudo ai tuoi sogni

raso le torri, identiche le armi, le maschere

sotto l’elmo, soldati di Massimiliano o

spagnoli o da dove.

                                               Lampioni

ex cabra di Bedìn, cangaçeiro

di queste contrade.

 

 

 

                                                                              iii

 

 

Non più di trenta chilometri

da Venezia, tutti gli eserciti

di qua passati. Tra filari

di salici e pioppi le razze autoctone

e tribù si riconoscono ancora

all’alzare di un braccio

o nel tono di voce.

 

Marangòn,

marangòs: l’amico dal sorriso

leventino canta rosari di sorrisi                                                                    su un ritratto di

di donna, labbra rosse e occhi                                                                      Stefano Terra

di triglia  in ghirlande di rose.

La marcia è un cauto infelice passo

di danza su musica d’organetto,

alla maniglia G.pe Turconi

di Costantinopoli.

           

 

                                                                                iv

 

 

“Era molto giovane tuo padre, più

dei suoi anni, altrimenti… Oh sì,

sì, parlava la loro lingua. Tuo zio                                         Guizza (Padova) 1951

mio marito faticò non poco a ottenere

il permesso del governo, il nostro

prima e, in seguito, naturalmente

l’altro (governo): e occorse anche  

aspettare

che la guerra fosse finita.

Decisamente,

nessuna prova che le ossa

fossero le sue, finivano tutti,

sempre,

nella fossa comune.  Molto gentile anche

il console,

anche l’ambasciatore spagnolo, tuo padre

pure se morto

restava per loro un nemico. Ricordo

comunque che c’era qualcosa con le ossa

di suo o se non suo del morto,

chi fosse  mai:  un portafogli,

nel portafogli la fotografia

di un bambino.  Tu sei stato concepito a…

la settimana che tua madre partì per…

e lui che non poteva ancora essere

tuo padre

 

 traversò a piedi quasi tutta la…       

Dove?

Credo che si incontrassero all’Hotel de la Gare.”                                                                        

                                                                                                                                                                                           

 

                                                                    v.

                                  

 

Di austriaci geometrici scavi il canalfiume

gonfia carcasse d’anatre

in autunno e cani e gatti e

vacche dall’ultima alluvione.                                                L’assedio di Massimiliano,

                                                                                              il tradimento della Serenissima.

Le campane della chiesa al ponte

stridono o si tratta di rondini,

trascorre sotto un arco  di luce

la sagoma d’insetto di un canottiere.

 

Si spappola nell’acqua il barcone

e  ancora l’altr’anno  trasportava

sabbia scaricata da dèmoni in mutande,                                                     

bestemmiati ritmi alzando, spingendo,

rovesciando la carriola.

 

Un pigro fiume per pigre fronde

 ma l’assalto è inarrestabile, ecco,                                                              

sono queste le grida, gli spari.

Sotto le torri                                                  

cigolano le macchina d’assedio, le armi.

 

“A Pava, a Pava…” ma l’indomani

della vittoria della gatta, uscì

dal mazzo il Cavaliere –

Gritti,  Grimani, Maximiliano,

reuccio con improbabili stendardi

e l’armi e i sudditi. Chi lo chiamò?

chi lo impose? chi portò, comprò

i soldati, le bandiere?

 

 

 

                                                                       vi.

 

          

                                                                       Padova (Guizza) circa 1949; Vayres-sur-Essonne, S.-                                                                                 et-O.,  agosto 1936

 

 

Prendevamo insieme il the in giardino

sotto bianchi ombrelloni,

mia madre elegantissima

morta dieci anni prima.

Sedevano attorno al tavolo

mia sorella con suo marito,

mia zia con suo marito,

mia cugina. E dissero

aggiustandomi i capelli,

abbottonandomi la giacca blu,

che mia madre , morendo,

“Se è un maschio” disse

 “qualcuno dovrà

spiegargli

                        cos’è stato questo corpo,

il mio,

in quanto non credo di poter…”

“Io, io lo dirò” interruppe Teresita,

arrossendo,  dopo.

 Il volto di mia madre,

protetto dall’ombra del cappello

comperato a Parigi,

“Svanì” ricordava la zia,

“non come morisse ma se camminasse all’indietro.”

 

                                              

                                              

                                                           vii.

 

 

Insonne, a Vayres, rimuginando ricordi

di lontane estati: lunghissime notti (Guizza, le

rotaie del tram la frontiera: e la chiesa

affondata o  oratorio che fosse e

l’acqua, e i volti) di  profumi di magnolia

( durissime le foglie: spade)

sull’odor di sambuco. E le rane,

il tremare del verde

sull’acqua morta

di che stagno o palude.

 

C’erano gigli e rose  al mercato coperto

                                            di   Milly-la.Forêt.

“Non,  je ne suis pas français.”

Il poeta che disegnava angeli per St. Blaise                 

s’era curvato dall’impalcatura,

“… L’art, mon jeune ami,  est bien plus cruel

que la vie,

plus cruel que la mort,  on  le comprend

que  quand on l’a perdu. »

 

La Beauce immobile, così lontana eppure vicina,

Chartres,  affogato miraggio,

cicale.

 

 

                                                                      

                                                                         viii.

 

                                  

                                                                                    su un ritratto di Caterina Cornaro

                                                                                    restituito nel 1952

 

 

Per le grandi finestre e le porte scavate

 di molti soli

 e le nebbie                

sono le note di Palestrina, le note di Tartini o Vivaldi.

Resisti, tu non-madre, la tripla rosa, le tre dita

poggiate su un fianco,

conducono all’abisso, o Cate, non acque

amniotiche, non oblii, sulle rotaie

che marcano il confine.

                        Resta, non-madre

nella casa che per cinque secoli

ti è stata spedale:

                           regina.

 

 

 

                                                      ix.

 

 

                                                                                  lo Stato del Mar

 

 

Salpò per Creta l’8 giugno del 66 (quattrocento).

“Nostro stretto parente” la zia, ancora,

“più stretto di cugino. Sui monti piantò

l’uva del Piave, uva passa in settembre

stesa come biancheria sui fili. C’è una lapide

nel cuore di Creta, una casa veneta a metà

restaurata, il nostro nome sul portale,

in greco.”

Due vecchi musulmani siedono sugli scalini.

Kalò?

Kalò: nel mare veneto di giudei e cristiani e arabi

e fenici, l’occhio tondo, turco, questo mare:

questa Guizza che affoga, paludi e boschi,

in dolcezze straniere:

                                   qui son nato.

 

 

 

                                                                             x.

 

 

Busonera (prof.),

impiccato l’agosto del 44,

Lampioni con lui,

per spregio.

Michiel Gumiero, assalito nel Prato,

la testa mozza ficcata in un sacco

“da mostrarsi al pagamento di veneti fiorini

trenta a chi la morte ordinò.”

                                               Bedìn

coronato di piume di gallo,

re di coppe,

caduto al rompersi del giorno.

 

Le lucerne del re nano pattugliano

il nulla,

hanno portato il nulla,

dal nulla estratte.

                                   Ecerinus,

folle amico: ucciso.                                                                                                  

 

 

 

                                                           xi.

                       

                                  

O Padua, Pava, di un ballo contadino!

Così scarsi i profilo d’aquila sopravvissuti,

gli occhi dal taglio d’Oriente, gli zoccoli

dei cavalli che rimbombavano sotto il cerchio

orizzontale: finirono tutti nella fossa

al Bo, sacrificati.

                        Né più il futuro è leggibile

Se lo fu mai  nel volo degli uccelli,

poiane fosche dal Venda, il muoversi

lento delle ali è specchio appena

del muoversi del mare, del muoversi al vento

dell’erba.

                        L’ego, io, moi,

n’est qu’un autre, straniero.  Anche il santo

giunse qui straniero, Fernando al l’origine,

 portoghese,

e si cambiò in Toni, coadiuvato da un Luca.

Lasciò ai posteri

nella basilica una Ka’aba nera dei peccati

… suoi? dei Forzaté per conto dei quali

affrontò Ezzelino? dello sterminio

degli albigesi?

                                   Je est un autre, un

altro, certo, e per questo Bilòra scanna, per

questo all’Agnadello fuggimmo, per questo la gatta

codalunga o cenerentola nella brace del tuo focolare

e Gnua e Betìa sono ogni volta riconquistate:

 

                                                                                  con brìtola,

                                                                                  sasso,

                                                                                  forca,

                                                                                  spada.

 

 

 

                                                                                                              1985-1987

 

 

________________________________

 

 

                                                                       NOTE

 

San Prosdocimo, primo vescovo di Padova, portò in città il cristianesimo. Era di origine greca. La presenza greca in Padova e tutti il territorio ha lasciato qualche vocabolo del dialetto, notevole marangon (-os in greco) e significa maestro d’ascia. Massimiliano d’Austria assediò la città, difesa da un esercito contadino che lanciava al nemico gatte morte per dileggio. La scultura di una gatta è tuttora immurata nel bastione codalunga. Gatta era anche il nome di una macchina da guerra e del sesso femminile.

Il poeta che dipinge angeli è Cocteau, all’opera nella chiesa di St. Blaise a Milly-la-Forêt.

Il professor Busonera, uno dei capi della resistenza padovana, fu impiccato a Padova, via Santa Lucia, l’agosto del ’44. Lampioni fu un grassatore della notoria banda Bedìn (anni ’30-’40), poi lui stesso capobanda (quindi: ex cabra, cioè soldato, il vocabolo è brasiliano ed appartiene alla nomenclatura del banditismo rurale). Gumiero è Michael Geismayr o Geismar, leader delle forze protestanti sudtirolesi durante le guerre di religione, accolto nel territorio di Venezia  dopo la sua sconfitta. Fu ucciso e decapitato per ordine del vescovo principe di Bressanone da sicari napoletani nell’attuale Prato della Valle, a Padova. Il re nano è Vittorio Emanuele III.

Il santo sant’Antonio da Padova, portoghese d’origine, coinvolto nella crociata contro gli albigesi e a Padova,  dei Forzaté, si oppose a Ezzelino. Il suo sodale Luca Belludi si volle far seppellire nella sua stessa cassa e che sul sepolcro fosse imposta la stessa pietra tombale, oggi immurata nella basilica del Santo, a Padova.

La pietra è nera come la Ka’aba.




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Luogo Comune

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006