SPAZIO LIBERO
SGUARDO DAL SUD (11)
“Briganti e Piemontesi”:
una pièce per non dimenticare


      
Pubblicato dalle edizioni Levante di Bari l’atto unico dell’autore-regista Luigi Angiuli che drammatizza la cosiddetta Unità d’Italia, vista come la conquista (anche assai cruenta) del Meridione da parte dell’esercito savoiardo. Il testo risulta, così, un affresco corale che rappresenta la ‘Storia dei vinti’ e dove il brigantaggio post-unitario appare la rivolta di gruppi di contadini meridionali imbrogliati e traditi, perché le promesse di libertà e di riscatto sociale non furono mantenute da nessuno.
      



      

di Anna Santoliquido                                                                       

 

 

Tra le iniziative culturali baresi per i 150 anni dell’Unità d’Italia vi è la pubblicazione dell’atto unico Briganti e Piemontesi dello scrittore e attore Luigi Angiuli. Regista e responsabile della Compagnia Teatrale “Il vello d’oro” ha una lunga carriera ‒ è in arte dal 1956 ‒ per la quale gli sono stati assegnati prestigiosi riconoscimenti, tra cui il Premio Mediterraneo 2006 e la Croce d’Oro al Merito della Terrasanta 2009.

La pièce Briganti e Piemontesi (Levante, Bari, 2011) si avvale della prefazione di Pino Pisicchio e della postfazione di Valentino Romano. Il libretto si presenta in bella veste grafica, con copertina del pittore Carlo Fusca.

Lo scrittore e giornalista pugliese Pino Aprile ha scritto: “L’Italia non è stata mai unita, ma solo unificata a mano armata”. Con i suoi fortunati volumi, Terroni e Giù al Sud. Perché i terroni salveranno l’Italia, riporta il discorso all’attualità.

Per troppo tempo la storia dei terroni è stata confinata negli angoli bui del Paese che ha attribuito alla loro incapacità produttiva il mancato decollo economico del Sud. I saggisti, nonostante gli sforzi, non hanno chiarito abbastanza il ruolo di certe figure. Garibaldi è tuttora discusso. Il fenomeno del brigantaggio postunitario presenta ancora aspetti da indagare.

Nel fervore delle celebrazioni, si è riscontrato un particolare interesse per le brigantesse che da esseri sanguinari ‒ come sono state quasi sempre considerate ‒ sono diventate eroine.

La scrittura creativa interpreta la realtà (filtrandola con la coscienza) e consegna al lettore lo sguardo dei personaggi o del narratore. Il pregio della pagina dipende pure dall’abilità con la quale lo scrittore costruisce le microstorie che spesso brillano più della storia tout court.

Angiuli ha elevato una microstoria a dignità letteraria, caricandola di pathos e tenerezza. Nella scheda di presentazione al play, si dichiara che l’annessione del Meridione al nuovo Regno non fu indolore, giacché i Piemontesi uccisero e razziarono, derubandoci dei nostri averi, “incominciando dal tesoro del Banco di Napoli.

Il deputato e saggista Pisicchio riscontra due chiavi di lettura: il teatro greco e la contemporaneità. Egli coglie l’energia meridionalista dello scritto, sottolineandone il j’accuse e il dato politico e umanistico, con riferimenti a Carlo Levi, Tommaso Fiore, Vittorio Bodini e Raffaele Nigro. A suo avviso, il testo è un “affresco corale” che rappresenta la “Storia dei vinti”.

Altrettanto puntuale è la postfazione dello scrittore Valentino Romano che considera un errore la lettura “politica ed ideologica” del brigantaggio postunitario e del ribellismo contadino.

Il monologo del vecchio carcerato ‒ interpretato dallo stesso Angiuli, con l’accompagnamento del cantastorie polistrumentista Carmine Damiani ‒ è una forma di riscatto o, quantomeno, la volontà di chiarire i fatti e i misfatti degli anni immediatamente dopo l’unificazione. I contadini del Sud furono imbrogliati e traditi, poiché nessuno mantenne le promesse. Il Borbone perché fu sconfitto, e Vittorio Emanuele in quanto preferì assecondare le richieste dei benestanti.

Valentino Romano parla di “lotta istintiva” dei contadini contro il potere, ravvisando un “Risorgimento popolare”:

 

   “Oggi, con la serenità che una sedimentazione delle passioni di parte lunga 15

    anni comporta, non li si può inquadrare complessivamente in un’ottica

    solamente criminale, né li si può idealizzare al punto di trasformarli in

    eroi partigiani. Li si può solo comprendere”, (postfazione, p. 43).





L’ambientazione del testo teatrale nel cortile di un carcere rammenta il Generale Carmine Crocco che tanta parte ebbe nel brigantaggio lucano. Il vecchio ergastolano di Angiuli usa toni pacati. Smaltita l’ira, adopera la saggezza. Come premio del lungo patire, chiede l’ascolto, per spiegare le ragioni della rivolta e della sconfitta. L’ora d’aria è il tempo del sogno e della verità. Il Giudice (suo interlocutore immaginario) non sembra essere soltanto l’esponente del Tribunale che non volle capire.

Sin dalle prime battute, si avverte un respiro leggero, a dispetto della tragicità del racconto. La genuinità del linguaggio, con la parola che si piega al gergo e alle cadenze popolari, rende fluida la pagina. Affidare il messaggio al vento è un espediente poetico. Il detenuto riflette la lirica tragicità del film La vita è bella.

La descrizione del durissimo ingaggio per un chilo di “pan rozzo”, il riposo nelle grotte, la sporcizia, l’emarginazione aizzarono la rivolta e spinsero gli uomini alla macchia:

 

     “Arrivò il momento quando dissi: basta, basta, basta! Non ce la facevo più,

     non era possibile andare avanti in quel modo! E non c’era pietà, non c’era  

     misericordia per noi: guardiani di porci, guardiani di maiali, zappaterra”, p. 15.

 

La macchia con il Sergente Romano durò meno di due anni. La vita del brigante era più dura di quella del cafone e i soldati piemontesi erano spietati. I miserabili che osarono rivoltarsi finirono uccisi o in carcere.

La lettera a puntate del detenuto, con il conseguente cambio di scena (le scene sono cinque), apre un breve spaccato che coinvolge l’intero Meridione. Il ruolo della mafia e della camorra, lo sfruttamento dei poveri nelle miniere di zolfo siciliane e nei quartieri spagnoli di Napoli, la presenza ambigua di Garibaldi in Sicilia, i tradimenti (i ministri e i generali borbonici si vendettero ai piemontesi), le corruzioni, i disertori portarono alla disfatta e infransero la speranza.

Il Sud sofferente fu ulteriormente oltraggiato con le nuove tasse, la ferma di sei anni, l’esclusione da ogni progetto di reale rinnovamento. L’Italia fu divisa in due parti:

 

     “Tutti i difetti ce li avevamo noi. E loro? Loro ciavevano tutte le virtù.

     Sapevano fare le cose. … capivano tutto loro, p. 21.  

 

In una tale situazione il rionerese Crocco e il gioiese Romano apparivano dei salvatori. I briganti li seguivano, pur intuendone la fine. Una delle impennate della narrazione drammaturgica si ha quando il personaggio senza nome (agli emarginati era negata l’identità) chiede il tempo della sua detenzione e l’età:

 

     “superiore, superiore, dimmi quando è che sono entrato qua? Ahh, stai zitto,

     vattene via, non dare fastidio! … E non mi ricordo neppure quanti anni ciò.

     Quanti anni ciò?”, p. 22.

 

Nella Scena III c’è un esplicito riferimento ai giochi della borghesia che, per difendere i propri agi, aveva “voltato la giacchetta”, incurante della sorte dei ceti disagiati.

La presenza nel testo di un borghese e di uno storico fa scorrere il racconto e serve all’Autore per immettere nuovi elementi a sostegno della sua tesi. L’esercito dei piemontesi sterminò migliaia di persone e bruciò interi paesi. Il vecchio si ribella alle menzogne, come quella che considerava l’Italia “una, libera e indipendente!”:

 

     “Chi è libero? Quelli che possono! Noi liberi non siamo mai stati, e liberi

     forse non saremo mai”, p. 27.





Luigi Angiuli


Connessi alla leggerezza e alla poeticità sono il desiderio del volo e i pensieri che svaniscono. Il personaggio vorrebbe quasi smaterializzarsi, per gustare la libertà.

Nella Scena IV l’Autore, ai borghesi voltagabbana, contrappone la fermezza e la dignità del Sergente Pasquale Domenico Romano che si rifiutò di giurare due volte fedeltà. Intelligente e devoto alla Madonna, divenne capobrigante per non assoggettarsi all’esercito dei Savoia. Combattè con coraggio, ma nel tentativo di riprendersi Gioia, fu circondato e trafitto alle spalle da un Sergente dell’esercito piemontese. Lo scempio del suo corpo doveva spaventare i rivoltosi e le popolazioni.

Il vecchio ‒ brigante per caso ‒ ha smarrito la memoria personale, ma non il senso dell’onore e l’orgoglio per aver seguito un combattente valoroso. Il ricordo della storia collettiva gli importa più della sua vita.

La Scena V tratta l’emigrazione verso Lamerica. Frammenti di notizie penetrano nel carcere con l’arrivo dei nuovi detenuti. Il brigante chiede al Giudice come si potrebbe dare torto a gente che parte nella speranza di “trovare una vita più umana, non da bestie”. Se la fortuna fosse sorda alle loro richieste “staranno male come qua. Male stavano e male staranno!”. Il brano richiama i bastimenti carichi di ‘terroni’ e i boat-people dell’età tecnologica. Il sogno dell’uomo è lo stesso: “fare crescere bene la famiglia, i figli, tenere meglio le mogli”.

Al termine della scena il carcerato giunge al bivio. Seguirà il percorso dei vecchi. È il passaggio all’aldilà o un trasferimento? L’attaccamento al cortile simboleggia l’attaccamento alla vita, malgrado la condizione precaria. L’addio e l’inchino al Giudice sono rispettosi. Il Giudice è un uomo di legge o l’intero Atto è una lunga confessione con l’Essere Supremo?

La beffa della Costituzione del nuovo Regno (che prometteva uguaglianza per tutti) ripropone il momento contingente in cui si giocano le sorti dell’Europa e del Sud. Il lavoro di Angiuli stimola a non abbassare la guardia, a non espiare ‒ ancora una volta ‒ le colpe degli altri.

Il testo, per la scioltezza del linguaggio e le tematiche affrontate, si presta ad essere drammatizzato anche nelle aule scolastiche.

 

  

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario
Spazio Libero

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006