LUOGO COMUNE
FRANCESCA MEDAGLIA
Lo scrivere collettivo: risvolti
e tendenze di una tecnica
‘spersonalizzante’


      
È uscito per i tipi di Pensa Multimedia il saggio “La scrittura a quattro mani” che propone una interessante ricognizione critica sul fenomeno dei libri composti da più autori. Con una distinzione importante tra la narrativa di consumo e l’avanguardia. Laddove nella prima prevale il codice di ‘genere’ sull’unicità del “chi scrive?”; mentre nella seconda si afferma un’idea ‘operativa’ che vuole decostruire la retorica romantica dell’ego autorale. Tra gli esempi significativi il pluriennale esperimento di “Noi Rebeldía”, sviluppato proprio in seno alle Reti di Dedalus.
      



      

di Francesco Muzzioli

 

 

Esce dall’editore Pensa Multimedia il libro di Francesca Medaglia La scrittura a quattro mani (Lecce, 2014, pp. 332, 23,00) che ha il merito di fare luce, con una ricerca meticolosa ed attenta, su questo fenomeno principalmente moderno. Dimostrando, prima di tutto, dati statistici e tabelle alla mano, che non si tratta di un caso raro, di una bizzarria che lascia il tempo che trova, ma di una modalità diffusa e addirittura in aumento, quindi di decisa attualità.

È un tema dalle evidenti implicazioni teoriche: perché la scrittura a quattro o anche più mani va a toccare, in modo esemplare e provocatorio, la figura dell’autore nel suo cuore e precisamente nell’idea comune – oggi ancora forte – che la letteratura corrisponda all’espressione di un io individuale profondo ed autentico. Quello che succede invece, quando ci troviamo di fronte all’autore collettivo, è che non possiamo più risalire né a problemi psichici, né a congiunture biografiche (eh, già, se ce ne sono due come si fa?) e allora dobbiamo per forza di cose focalizzare la lente critica sul testo come esito di un lavoro, di una costruzione, di una produzione. Tuttavia, sebbene l’effetto “spersonalizzante” sia contenuto in ogni opera duale, all’interno di questa pratica nascono diverse specificazioni e sfumature, che Francesca Medaglia ha il merito di sviscerare nel corso della sua ricerca. C’è da valutare o meno la riconoscibilità dei partecipanti (quando siglano ciascuno la sua parte), oppure il mantenimento dell’anonimato (quando la paternità è indistinguibile). Si aprono, poi, le questioni del genere in un duplice senso: in primo luogo in quanto genere letterario, dove si nota una netta preponderanza della narrativa (certo, perché in poesia il mito dell’espressione individuale è dannatamente più resistente), con l’apice del romanzo giallo, che si presta essere scritto in collaborazione per via della sua elevata tecnicità, in quanto basato su regole molto precise. Ma si aprono questioni di genere, anche in un altro senso, quello del gender: nel caso della collaborazione femminile/maschile si può notare spesso un testo più nettamente ripartito tra i due partecipanti (si pensi al Fuoco grande di Pavese e Garufi) e una risaltata differenza di stile. Nasce un ulteriore problema che è quello di valutare l’omogeneità della scrittura a quattro mani o viceversa la sua disomogeneità, con la possibile soluzione intermedia dell’influsso reciproco, della “creolizzazione”, come la definisce la Medaglia estendendo la nozione dall’ambito glissantiano del plurilinguismo postcoloniale e sostenendo che in ogni caso il testo plurale induce reciproci influssi e interferenze.







Un’altra grande questione, che a me sembra davvero interessante, è nel confronto tra avanguardia e narrativa di consumo. C’è infatti una differenza decisiva sul motivo per cui entrambe utilizzano la scrittura a quattro mani: per l’avanguardia si tratta di scalzare la figura dell’autore, con tutto il suo codazzo romantico di genialità e di presunta creatività superiore, affermandone il ruolo operativo, nella prospettiva “sperimentale” di una analogia con il distacco scientifico. L’avanguardia è di per sé impiantata sul collettivo (per quanto poi possa inficiarlo un eccessivo leaderismo), è un “noi” che si esprime attraverso i manifesti come attraverso i testi. L’impersonalità è una chiave di volta per scritture che abbiamo il loro perno sul rinnovamento del linguaggio. È chiaro che la narrativa di consumo si pone un tutt’altro scopo, nel suo orizzonte la scrittura a più mani deve dimostrare che il codice è più forte di qualsiasi scarto singolo e dunque, se si tratta di conformarsi, il “chi scrive?” perde importanza, una sigla può valere un autore. Eppure il confine non è così netto quanto sembra: gli esiti dei futuristi lo stanno a testimoniare e Francesca Medaglia si sofferma su un testo in cui il numero di mani sale di molto, Lo zar non è morto del 1929, firmato dal gruppo dei Dieci, capitanato da Marinetti (dove c’è anche il gioco del riconoscimento, indovinate chi è l’autore!). A guardar bene, sia nell’avanguardia che nella narrativa di consumo c’è la messa in evidenza della tecnica, per quanto con intenti e risvolti diametralmente opposti. Il superamento dell’“autore unico” vi assolve due funzioni antitetiche, quella di adattarsi a un sistema di scrittura ben oliata e codificata, che viene scritta – come dire – allo stesso modo da chiunque sia scritta e, dall’altra parte, la funzione provocatoria di decostruire l’unità dell’io nel senso comune facendo notare che il suo posto può essere preso da un soggetto multiplo, o meglio da una “pulsione sovversiva” che circola attraverso gli individui particolari.

Come accennavo, è proprio la regola più stringente che porta al gran numero di scritture a quattro mani sul terreno del romanzo giallo. Su questo genere, non a caso, Francesca Medaglia compie alcune analisi esemplari, dall’ottocentesco La strada di Sintra di Eça de Queiroz e Ortigão, che dà prova di un tentativo di “fusione degli stili”; ai gialli recenti (come Il poliziotto che ride, 1968) degli svedesi Sjöwall e Wahlöö, che sono una coppia di coniugi, fino al recentissimo Acqua in bocca (2010) dei nostri Camilleri e Lucarelli, autori che scrivono solitamente in proprio, ma che hanno voluto mettere in comune non solo le scritture ma anche i loro personaggi inquirenti.





Oronzo Liuzzi, Meteoriti di poesia, Giovinazzo, 2013


La differenza avanguardia/consumismo non ha smesso di movimentare le scritture a quattro mani, anche nel recente periodo (e sebbene l’avanguardia resti clandestina e poco visibile). Da una parte il collettivo Wu Ming, i cui componenti sono ormai noti, e che ha anche tentato un intervento di “tendenza” con la New italian epic: è il caso dell’omogeneità, in cui l’autore è difficilmente riconoscibile. Dall’altra parte, un caso interessante di sperimentalismo a quattro mani è stato, a mio parere, quello dell’Ensemble duale di Durante e Davidovics, dove la diversità di genere porta alla distinzione delle parti e degli stili (anche perché la destinazione performativa e orale non può celare il singolo autore e quindi non consente l’anonimato), tuttavia nella ricerca della compenetrazione disarmonica dell’insieme, verso una ricerca alternativa dell’oralità e dello scarto. Da non dimenticare, inoltre, i testi collettivi promossi da Nino Contiliano sotto la sigla Noi Rebeldía, assommando molte mani alla ricerca di una “poesia civile” composta per scatti e insorgenze.

In conclusione, il tema affrontato con acribia e competenza da Francesca Medaglia consente di mettere in luce assai bene tutta una serie di problematiche rilevanti della teoria letteraria, di procedere a intelligenti letture e di offrire un panorama quanto mai ampio e variegato, tenendo sempre presente sia la prospettiva storica che l’approccio critico-analitico ai testi. Certo la ricerca non può ritenersi mai conclusa, data la vastità del fenomeno e le possibili nuove accezioni, ma senza dubbio risulta abbondante e congrua nella sua esposizione e nella sua bibliografia, sia di testi creativi che di critica. Francesca Medaglia ha portato avanti l’impegno di articolare un campo di ricerca inedito in tutti i suoi risvolti in modo non solo da tracciarne le coordinate in una sorta di mappatura, ma anche di mettere in evidenza la problematica teorico-critica che vi è sottesa. Perché la scrittura “a quattro mani” scende al cuore della strana ambivalenza dell’epoca attuale, contraddittoriamente divisa tra la ricerca dell’autore-personaggio da parte dell’industria editoriale come garanzia di vendibilità, e dall’altro lato la sparizione dell’identità nella rete e nella manipolabilità infinita dei testi consentita da Internet.

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Luogo Comune

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006