TEATRICA
SAGGIO-MANIFESTO

L’opera colta
nel suo farsi.
“La confusione”.
Testo linguistico
per il teatro-danza.
(3)


      
La terza parte di un ampio scritto elaborato in chiave teorica ed esemplificativa che qui diventa il racconto analitico dell’intero tracciato dello spettacolo che è stato progettato. Come fosse un soggetto cinematografico, il copione diegetico sviluppa una ‘narrazione’ che da una parte fissa gli accadimenti ora realistici ora visionari della trama, dall’altra parte descrive minuziosamente la partitura delle azioni fisiche che debbono eseguire gli attori/danzatori deputati. Questa è in sostanza la precisa verbalizzazione della regia del lavoro esplicata in ventidue compiute sequenze.
      




      

di Alfio Petrini

 

Il testo linguistico. (3)

 

 “La confusione” è il testo linguistico che ho scritto nella prospettiva di uno spettacolo di teatro-danza e che riporto con la consapevolezza della sua imperfezione finale.

 

Personaggi: Tore, Teresa, Giuseppe, L’esattore della mafia, L’uomo con il casco, La figura nera di un uomo, Clienti della macelleria, La divinità vivente, La sposa.

 

Una piazza. Sul lato sinistro la macelleria di Tore e di Teresa. La loro casa al centro. Nella veranda appaiono e scompaiono cose reali o immaginarie. In mezzo alla piazza si erge la statua del Salvatore con la testa rivolta verso la  chiesa omonima, situata sul lato destro. Sul fondo della macelleria un trono di sangue: un bancone da lavoro adibito alla macellazione. Dal soffitto pendono  ganci d’acciaio luccicante a cui sono attaccati tronchi di animali. Un registratore di cassa. Uno sgabello.  

 

Sequenza 1.

Corpo sonoro: Prima della chiusura.

Tore e Giuseppe servono i clienti  che entrano ed escono dalla macelleria. Teresa sta alla cassa. Arriva L’esattore della mafia. I clienti escono frettolosamente. Anche Giuseppe esce, accendendo una sigaretta. Tore continua a tagliare la carne con apparente indifferenza. Intreccio di sguardi. L’esattore esce. Giuseppe spegne la sigaretta, rientra nel negozio, riprende a lavorare.

 

Sequenza 2.

Corpo sonoro: Primo segnale.

Teresa, dalla veranda, segue con lo sguardo il marito che si dirige verso la macelleria. Tore trova un mazzo di fiori appoggiato alla saracinesca. Apre il negozio. Prende il mazzo di fiori, lo infila in un vaso e lo mette al centro della vetrina. Sopraggiunge Giuseppe. Guarda la vetrina. Dà un’occhiata obliqua alla piazza. Entra nel negozio.

 

Sequenza 3.

Corpo sonoro: Prima dell’alba.

Tore e Teresa sono svegliati dal crepitio di un incendio. La loro automobile è divorata in pochi minuti dalle fiamme. uando tutto  

 

Sequenza 4.

Corpo sonoro: Prima della festa.

Azioni simultanee.

L’esattore della mafia entra nella macelleria. Non ci sono clienti. Giuseppe esce dal negozio. Silenzio riempito da lunghi sguardi. Teresa apre il registratore di cassa. Tore  ferma la mano della moglie e richiude il cassetto. L’esattore, preso atto del rifiuto, esce dalla macelleria. Tore e Teresa si dirigono verso l’ingresso della loro casa. Entrano. Giuseppe spegne le luci del negozio. Abbassa la saracinesca. Chiude a chiave. Tore e Teresa l’osservano dalla veranda. Giuseppe si guarda attorno, accende una sigaretta, si allontana verso destra. L’esattore della mafia gli taglia la strada. Si scambiano alcune parole, poi vanno in direzioni opposte.

 

Sequenza 5.

Corpo sonoro: La festa del Salvatore.

Azioni simultanee.

L’esattore della mafia attraversa la piazza, si ferma, guarda verso la veranda. Teresa lo vede. Preme il pulsante per l’apertura della porta a distanza. L’esattore entra. Una finestra si chiude. Una luce si spegne. Tore e Giuseppe sono impegnati nel lavoro straordinario che precede la festa. Staccano animali squartati dai ganci, tagliano la carne, la selezionano. Luci alle finestre che si accendono e si spengono. Tore ripone gli strumenti  del mestiere, mentre Giuseppe pulisce il bancone da lavoro. Tore solleva lo sguardo verso la veranda. Vede L’esattore che parla con la moglie. Esce dalla macelleria. Ferma L’esattore al centro della piazza. Lo segue. Lo insegue. Giuseppe non sa che fare. L’esattore scompare nel buio fremente della notte. In motocicletta arrivano due uomini con il casco. Girano a forte velocità attorno alla statua del Salvatore. Tore corre a rifugiarsi nella macelleria. La moto raggiunge l’ingresso secondario, mentre L’esattore della mafia supera la soglia dell’ingresso principale. Buio. Si sente il rumore sordo dello sfondamento di una porta a vetri e, a seguire, una fitta sparatoria. Il motociclista esce a fari accesi dall’ingresso principale della  macelleria. Sgassa, seguito/inseguito da Giuseppe che cerca di saltare sulla motocicletta. Forse per scappare assieme al mafioso. Forse per fermarlo. Cade. Rimane a terra. L’uomo con il casco passa con le ruote sopra il corpo di Giuseppe, raccoglie l’amico, sgassa e abbandona la piazza. Teresa entra nel negozio e trova il marito appeso a un gancio. Un buco in fronte. Sangue che cola a terra. Silenzio riempito. Irrompe la banda musicale ed esplode in gemiti la festa del paese. Il Salvatore, come Divinità vivente, si porta via la banda, e con la banda si porta via la processione, e con la processione si porta via Teresa.

 

Sequenza 6.

Corpo sonoro: Le tracce.

Azioni simultanee.

Teresa torna verso il centro della piazza. S’inginocchia ai piedi della statua del Salvatore e si fa il segno della croce: scopre che la testa della statua non è più rivolta verso la chiesa, ma verso la macelleria. Bisbiglia qualcosa. Sul trono di sangue appaiono L’esattore, L’uomo con il casco e Giuseppe. Teresa estrae una pistola e spara: cade L’uomo con il casco. Spara un altro colpo: cade L’esattore. Spara il terzo colpo contro Giuseppe: manca il bersaglio. Rumore amplificato di passi che attraversano la piazza. Tore appare nel riquadro della veranda. Teresa solleva la testa. Tore è scomparso. Sono scomparsi anche gli altri tre uomini. Restano le loro tracce. Le tracce vivono per alcuni attimi, poi muoiono. Sul trono di sangue appare, ora, La figura nera di un uomo, anche lui con il casco.





Manuela Kustermann in Pilade di P. P. Pasolini, 2010 (ph. F. Gatto)


Sequenza 7.

Corpo sonoro: Transito di vivi e di morti.

Azioni simultanee.

Nel buio di quella notte Teresa vede il marito appeso al gancio. Le evoluzioni fisiche nello spazio sono pregnanti, minimali, intense. L’origine è di natura retinica. Teresa esprime il massimo della energia quando raggiunge l’immobilità assoluta.

 

Le lampade dell’illuminazione pubblica si spengono. Nel buio di quella notte vede L’esattore della mafia che entra nella macelleria.

 

Teresa – Perché è entrato? C’era Giuseppe. È entrato lo stesso.

 

Le lampade del negozio si spengono. Nel buio di quella notte Teresa vede i due motociclisti con il casco che sfondano l’ingresso secondario della macelleria. Segue una fitta sparatoria.

 

Nel buio di quella notte Teresa è accecata dai fari accesi della moto che esce dall’ingresso principale della macelleria. In sella vede un solo uomo. Il motociclista sgassa, seguito/inseguito da Giuseppe che cerca di saltare sulla motocicletta per scappare assieme a lui. Non ci riesce. Cade. Rimane a terra. L’uomo con il casco prosegue la corsa e scompare. Silenzio riempito. Poi, tremori.

 

Nel buio di quella notte Teresa vede L’esattore della mafia che tende la mano a Giuseppe per aiutarlo a rialzarsi. Spariscono. Silenzio riempito. Poi, spasimi.

 

Nel buio di quella notte Teresa entra trepidante nella macelleria. Nello stesso istante nel riquadro della veranda appare Giuseppe che attacca il corpo di Tore al gancio. La polvere scintillante delle ossa dei morti attraversa il taglio di luce. Si accende l’occhio di Tore appeso al gancio. Silenzio riempito. Poi, rantoli.

 

Sequenza 8.

Corpo sonoro: Attraversamento rapido.

Teresa spia Giuseppe attraverso la porta socchiusa della sua casa. Giuseppe si avvicina al registratore di cassa, lo apre, prende del denaro, lo dà a L’esattore della mafia. Poi, come tutte le sere, abbassa la saracinesca, gira la chiave nel lucchetto, si dirige verso Teresa per consegnarle l’incasso della giornata. Teresa anticipa il gesto di Giuseppe e chiude la porta.

 

Sequenza 9.

Corpo sonoro: Tra sé.

Dalla veranda Teresa guarda verso la macelleria. La saracinesca  è abbassata.

Voce di Teresa - Perché  ha dato i soldi a quel bastardo? Non doveva farlo.  Forse ha avuto paura. Per la mia persona o per la sua?

Giuseppe attraversa la piazza e si ferma davanti alla saracinesca della macelleria.

Voce di Teresa - Sono due bastardi.

Giuseppe chiude a chiave la saracinesca e  butta  lo sguardo verso la finestra.

Voce di Teresa - Che vuole?

Giuseppe solleva la saracinesca ed entra nella macelleria.

Voce di Teresa - Ed io che voglio da lui?

 

Sequenza 10.

Corpo sonoro: Trasalimenti.

Azioni simultanee.

Nel riquadro della veranda appaiono i dettagli visivi dei gesti abituali di  Giuseppe: spegnere le luci della macelleria, alzare la saracinesca, abbassare la saracinesca, dare i soldi a L’esattore della mafia, girare le chiavi nella serratura della saracinesca, dare i soldi a L’esattore della mafia, aprire il registratore di cassa, contare i soldi, dare i soldi a L’esattore della mafia, consegnare a Teresa l’incasso della giornata, dare i soldi a L’esattore della mafia. Le mani di Giuseppe sono le mani che hanno attaccato il corpo di Tore al gancio? Sono le mani che ora accendono l’occhio di Tore come fosse una lampadina? Da questo dettaglio zoom all’indietro, lentamente, fino al primo piano di Giuseppe, fino all’entrata di Teresa nell’immagine, fino a scoprire la mano della donna che infila un coltello nella pancia dell’uomo.

Teresa - Finalmente mi guardi.

Rumori amplificati di passi che si avvicinano. Giuseppe cade a terra.

Teresa - Lavoravi per loro, bastardo.

Rumore di passi amplificati che si allontanano, e lontano muoiono. Teresa trasale. Nel riquadro della veranda l’occhio Tore si spegne. Teresa si fa il segno della croce.

                      

Sequenza 11.

Corpo sonoro: Visioni in transito.

Due corpi si agitano sotto un lenzuolo bianco. Risata di una donna. La donna è Teresa. Per gioco tira il lenzuolo: invece di rivelare la presenza di un uomo, scopre il trono di sangue della macelleria. Sopra, la testa di un bue. L’animale ha gli occhi vitrei di Tore.

 

Sequenza 12.

Corpo sonoro: Trasformazioni in itinere.

Azioni simultanee.

Giuseppe, da dietro al bancone, guarda Teresa che sta nella veranda, vede che esce dalla porta di casa, che attraversa la piazza, che  guarda verso la macelleria, che intravede Giuseppe nell’atto d’indicare la statua del Salvatore, che scopre la testa della statua rivolta di nuovo verso la chiesa, che s’inginocchia e prega. Teresa si sente spiata nella intimità falsa della preghiera. E geme, ora. Scrive con il corpo il suo sconcertante mistero. Il gemito si ripete. Prende ritmo. Si trasforma in una nenia infantile, che a poco a poco si trasforma in un canto devozionale che esalta le doti del marito morto ammazzato.

 

Teresa – La bellezza non è una falce di luna,

non è il mormorio di un ruscello,

non è un fiore che sboccia a primavera.

non è una bella frase o una bella immagine.

 

La bellezza è una cosa tremenda.

Non c’è più fuoco per il mio gelo.

 

Tu camminavi

in un paese che stava fermo.

Tu eri coraggioso

in un paese morto di paura.

Tu vedevi 

in un paese che non aveva occhi per vedere.

Tu ascoltavi

in un paese che non sapeva più ascoltare.

Tu parlavi

in un paese che non aveva la forza di parlare.

 

La bellezza è lo sguardo nuovo,

è l’ascolto che mi hai dato,

è la percezione oltre i cinque sensi,

è il bene che mi hai regalato. 

             

La bellezza è una cosa tremenda.

Non c’è più pane per la mia fame.

 

Tu eri buono

in un paese di gente cattiva.

Tu eri considerato cattivo,

in un paese di persone buone.

 

La bellezza è una cosa tremenda.

Non c’è più acqua per la mia sete.

 

Tu camminavi

in un paese che stava fermo.

Tu eri coraggioso

in un paese morto di paura.

Tu vedevi 

in un paese che non aveva occhi per vedere.

Tu ascoltavi

in un paese che non sapeva più ascoltare.

Tu parlavi

in un paese che non aveva la forza di parlare.

 

La bellezza è una cosa tremenda.

Non c’è più soffio per i miei sospiri.

 

Tu eri buono

in un paese di gente cattiva.

Tu eri considerato cattivo

in un paese di persone buone.

 

La bellezza è una cosa tremenda.

Non c’è più freno per il mio batticuore.

 

Il dolore scende nel ventre della donna come un male oscuro. Fa traballare la carcassa. Intreccia le membra selvagge e le riscalda, ora. Poi le lancia all’assalto con il corredo di suoni inarticolati, gesti, gags e clownerie oscene.

Teresa – (Gridando) Dio ha abbandonato la terra. L’uomo è rimasto solo. Vieni fuori. Fatti vedere. (In un soffio)  Dio non c’è.





Wim Vandekeybus: Bet Noir, 2011 (ph. D. Willems)


Sequenza 13.

Corpo sonoro: Coazione a ripetere in danza barbarica.

Teresa entra nel riquadro della veranda. Giuseppe affetta la carne sul bancone  della macelleria. Le mani e le braccia danzano suffragate da una vigorosa energia. Il coltello lancia bagliori. Teresa ha un sussulto. Si sente osservata nella intimità di una passione segreta che, nello spazio scenico del suo corpo, porta con sé rifiuto e desiderio allo stesso tempo. Solleva la gonna sopra le ginocchia e l’abbassa fino a coprire i piedi. Coazione a ripetere inarrestabile e violenta. Una danza di opposti e di contrari che ha, poi, lo stesso ritmo e la stessa energia del volteggio del coltello. La macelleria è all’improvviso inghiottita dal buio. Colano deboli le luci dell’illuminazione pubblica. Solo allora cessa la danza. Teresa si avvia verso casa. Ascolta la saracinesca che si abbassa, la chiave che gira nella serratura, i passi dell’uomo che cammina alle sue spalle. Si ferma. Giuseppe le consegna l’incasso della giornata e una scatola con un grande fiocco bianco come ornamento. Teresa non sa se aprirla, oppure no. Giuseppe per discrezione si allontana. 

Teresa - Che vuole da me?

Teresa fa il gesto di sciogliere il fiocco della scatola. Ci rinuncia. Rifà l’azione. Desiste. Silenzio riempito. Nel riquadro della veranda appare il casco robotico e spettrale del motociclista.

 

Sequenza 14.

Corpo sonoro: In mezzo a una nuvola che genera nuvole.

Teresa avanza in mezzo a una distesa di soffioni boraciferi. Tore la vede, la segue, la insegue, la cerca, la perde: si perde e si ritrova di fronte a Giuseppe che lo segue, lo insegue, lo perde: si perde e si ritrova di fronte a Teresa che lo segue, lo insegue, lo perde: si perde e si ritrova di fronte a Tore  che la soffoca con un cuscino. Teresa scrive con il corpo lo sconcerto, poi si  sfilaccia e si disperde come una nuvola nelle nuvole. 

 

Sequenza 15.

Corpo sonoro: Attraverso la mano.

Teresa spia le mosse di Giuseppe stando nascosta dietro la porta socchiusa della sua casa. Giuseppe spegne la luce della macelleria. L’esattore della mafia scivola nella macelleria. Giuseppe apre il registratore di cassa per prendere i soldi. Teresa irrompe e richiude il cassetto. Giuseppe afferra la mano di Teresa e la costringe a riaprirlo. Attraverso la mano che ora la sfiora, Teresa scopre un altro corpo. Osserva con stupore la sua mano, la mano non più sua, che afferra il denaro per darlo a L’esattore. Nel riquadro notturno della veranda appare, in dettaglio, il ghigno dell’uomo della mafia che bacia l’immagine del Salvatore.

 

Sequenza 16.

Corpo sonoro: Conclusioni inconcludenti.

Teresa entra nel riquadro della veranda. Scopre che la macelleria è chiusa.

Teresa - Perché non è venuto? Perché non ha aperto la macelleria? (Silenzio riempito) Che voglio da lui?

 

Sequenza 17.

Corpo sonoro: L’inizio della fine.

Nella veranda. L’azione guida la mano di Teresa. Teresa solleva lentamente il coperchio della scatola-regalo di Giuseppe, poi istintivamente la richiude. Guarda oltre la veranda: la macelleria è ancora chiusa.

 

Sequenza 18.

Corpo sonoro: Il cuore della notte.

Nella veranda. Teresa cerca di guidare tirannicamente l’azione, quella di sciogliere il fiocco della confezione-regalo, ma è la sua azione a guidare tirannicamente la mano. Ritrae la mano. Quella mano che aveva sentito non sua, quel giorno. La mano che era stata afferrata dalla mano di Giuseppe.  

 

Sequenza 19.

Corpo sonoro: Il segreto sta scritto.

Giuseppe, in un letto di ospedale, sembra che dorma. Teresa si avvicina senza fare rumore. Lo guarda a lungo. Giuseppe apre gli occhi. Teresa lo osserva attentamente, come a voler scoprire il segreto scritto nel suo corpo.





Riccardo Musacchio: Disasters, Festival Equilibrio, Roma, 2009


Sequenza 20.

Corpo sonoro: Verso l’approdo.

In ospedale. Giuseppe aspetta Teresa. La vede arrivare, la vede camminare, la vede fermarsi davanti a lui.

Teresa - Stai meglio?

Giuseppe sorride debolmente. Teresa l’osserva attentamente.

Teresa - Non mi dici niente?

Giuseppe socchiude gli occhi.

Teresa - Non hai niente da dirmi? Niente.

 

Sequenza 21.

Corpo sonoro: Verso il corpo infinito.

In ospedale. Giuseppe attende la visita di Teresa. Quando lei arriva, Giuseppe dorme. Teresa aspetta che si svegli. Giuseppe si sveglia.

Giuseppe - è vero che il corpo  comprende anche lo spazio in cui si trova? 

Teresa - Chi te lo ha detto?

Giuseppe - L’ho letto in un libro. Allora il mio corpo comprende anche il tuo.

Teresa allunga la mano destra come a volergli sfiorare la fronte. Esita. Ci riprova. Desiste.

 

Sequenza 22.

Corpo sonoro: Il trono di sangue.

In ospedale. Giuseppe è estremamente debole.  Teresa entra, tenendo in mano la scatola-regalo di Giuseppe.

Teresa – Non l’ho aperta, perché volevo farlo con te.

Teresa toglie il fiocco, butta via la carta che avvolge la scatola, solleva il coperchio.

Teresa  - Che bello!

Richiude istintivamente la scatola. Osserva ancora Giuseppe.

Teresa - Devo credere al tuo silenzio o alle parole del tuo regalo? A cosa devo credere? All’orgoglio di un complice o al potere di un assassino?

Giuseppe non risponde. Allunga una mano, la infila nella scatola, tira fuori un abito bianco da sposa.

Teresa –  Evviva, fiori d’arancio e crisantemi!

Giuseppe respira a fatica. Teresa indossa l’abito, poi si trucca grossolanamente gli occhi con una matita nera. Giuseppe balbetta parole incomprensibili. Teresa si passa un filo di rossetto sulle labbra. Ride. L’uomo con il casco entra nella stanza tenendo una pistola in mano. Spara contro Giuseppe. Giuseppe muore. La figura eterea di Teresa si stacca dal corpo de La sposa. Si allontana, applaudendo. L’accompagna il rumore amplificato di passi in transito. La figura di Teresa scompare assieme  a quella di Tore che l’affianca. La sposa fa il gesto di accarezzare la fronte di Giuseppe. Esita. Ci riprova. Desiste. Un soffio improvviso di vento va volare il lenzuolo che copriva il corpo di Giuseppe. Il trono di sangue è immerso in una pace meravigliosa. L’eco è indefinita e duratura.  

 

Fine

 

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Teatrica

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006