LUOGO COMUNE
ZIBALDONEGGIANDO
La paura di John Cage per le vecchie idee


      
Note estravaganti sul disordine casalingo e su quello culturale, rimembrando antiche tenzoni accademiche tra Longhi e Binni, essendo disagevole lo schierarsi con l’uno o con l’altro maestro. Ritrovandosi, poi, in amabile polemica con Remo Ceserani, epperò riconosciuto come ‘leader’ di una nuova corrente barocca nella critica italiana (però anche tacciato in quel di Parma di essere un ‘maledetto toscano’ che non si leva più dalle scatole). Appunti finali sulle “Rime” dantesche curate e commentate da Giovanna Ioli; su un libro di Domenico Notarangelo dedicato al rapporto tra Pasolini e Matera, quando vi girò il “Vangelo secondo Matteo”; e infine sui racconti di Frédérick Tristan, il più grande scrittore francese dei nostri tempi, “Brèves de rêves”.
      



      

di Marzio Pieri

 

 

VOILES

 

 

 

 

I. Vele o veli. Una volta un amico collega, musicologo a Parma, venne apposta a trovarmi per leggermi, servendosi anche del pianoforte (usciva dalla scuola napoletana di Vincenzo Vitale, il maestro di Muti), un suo studio strutturalistico dal quale risaltava l’ambiguità del titolo debussiano. Lo ammirai e ne riuscii convinto. Mi sorprende, oggi, che l’amico, presto salito in cattedra per titoli e merito, non consegnasse alla storia, poi, altre prove del medesimo metodo.

 

II. Stefania si dispera del disordine del mio studio. Mea maxima culpa. Non è un delitto, è un metodo. L’idea sola dell’ordine mi addiaccia. (Stamani ho chiesto di rimettere un poco la stanza alla fedele Halina, che ci assiste nelle evenienze domestiche; e già non ritrovo più un libro).

 

III. Fra quei libri a sfascio di catasta mi aggiro come il pianista tenta il pianoforte prima di avviare la sonata. Mi consolo al pensiero di certe interviste di artisti o scrittori dove l’intervistatore, per prima cosa, si mostra sbalordito (e ammirato) della ricca confusione di libri, lettere, carte, dipinti, giornali, riviste, cataloghi, rassegne, manoscritti, pezzuole, macchine fotografiche, bottigliette semivuote, gusci di medicine sparpagliate e addensate nella fucina. Ex fumo dare lucem.

 

IV. Da veli vele.

 

V. “E con le vele al vento”: la voce di Enzo Grimaldo squilla tenorilmente (è la Gioconda, in mezzo alla laguna di Venezia). Poi la strofa a due voci, col mezzosoprano (Laura, come l’amata del Petrarca, per tanti giochi su «l’aura»): “Laggiù, fra le nebbie remote...”. Anticipa (i versi, lo si sa, sono di Boito, travestitosi in Tobia Gorrio per bizza anagrammatica) il duettino del Mefistofele (versi e musica di Arrigo nei suoi panni): “Lontano, lontano, lontano...” Nella Gioconda, in cadenza: “La luna discende, discende – ricinta di roride bende...” Una volta cantava Caruso e la luna di cartapesta venne disotto fragorosamente. Per questo si andava a teatro.

 

VI. La matematica non è un’opinione. Per questo non m’interessava, anche se molto più tardi compresi le ragioni del rifiuto.

 

VII. Come doveva dimostrarsi. Ma perché perderci tempo se «si doveva»?

 

 

 

 

a. Ieri, lasciando il computer ch’è ormai la mia catena, il mio masso di Sisifo, e riprendendo lena in quel mio razzolare su libri avuti, cercati, comprati, anche letti, a volte, e, tutti, dimenticati, mi trovo fra le dita la raccolta degli scritti politici di Binni, La disperata tensione, a cura di un suo figliuolo. Leggo ad alta voce a Stefania due saggi da lui scritti quando lei e io eravamo poco più che bambini. Quello sul rettore fiorentino che chiama la polizia nell’università: come lasciar pigliare un assassino in chiesa. Si era alla nostra prima tornata di esami, bolliva estate sui piccioni cacaiuoli di piazza San Marco (Firenze, non Venezia; se no avrei detto, col Boito, «palombi»). L’altro, lo storico scontro in un consiglio di facoltà non proprio dignitoso, per la chiamata alla successione di Longhi. Si era al 1963 e non c’era tempo, a Firenze, per sapere delle «giornate di Palermo». Qualche cosa, in terza pagina de «La Nazione», trapelava da brevi cartelle di Lamberto Pignotti. Su quella stessa pagina un estratto, quell’anno, della introduzione di Contini alla Cognizione del dolore. Rilanciavano Gadda.

 

b. Conoscevamo bene l’articolo sul “Ponte”: Longhi si era visto negare la chiamata a Cesare Brandi, a favore di Roberto Salvini, e aveva dato di matto. Cattaneo, nel Gran Lombardo: “ma si trattava di un Longhi, di un Longhi...” (Anna Banti, violando ogni conflitto d’interessi). Un sicario attaccò Binni su “Paragone” e noi allievi di Binni ci schierammo dalla parte del maestro offeso, ma a me la sua risposta da senatore oltraggiato non piacque. Non ero un traditore e neppure un frondista, ci voleva per esserlo una certezza di me che ancora andavo cercando. Preferivo “Paragone” (specie la serie artistica) alla “Rassegna” di Binni, stampata male e in genere male scritta. Anche rileggendo la raccolta di Binni, capisco che lui (epperò militante socialista) guardava piuttosto allo stile-“Unità”. Per quello stile fin da ragazzino io seppi che non ero un comunista. Quanto al Salvini, avevo studiato al liceo sul suo manuale, onesto ma podagroso.

 

c. Roberto Salvini fu poi il direttore di tesi per la laurea della Stefania. Fu generoso nell’accoglierla, avendo essa iniziato un lavoro-pioniere su Klee (allora in piena esplosione anche editoriale fra noi) con un maestro passato ad altra università, con complicanze burocratiche sopravvenienti. Mi chiamava «signor Nonvel» (è il cognome di mia moglie) e fu con noi lui, ma davvero, un vero signore. Capii sùbito che il vero studioso non stava al da me disamato manuale che come la chioma di un vecchio e glorioso albero sta all’ozioso funghire della corteccia. Leggevo (e leggo) volentieri i bei libri di Cesare Brandi (belli, nonostante qualche sfondone o ingenuità tecnologica o filologica puntuali acremente denunciati, in un tempo dimenticato, dal suo rivale Federico Zeri), e li ho raccolti quasi tutti nella ‘parte buona’ (quella ordinata) della mia biblioteca. Ma di Salvini li ho aggregati tutti, mi dà gioia anche solo intravederne la costola, sfogliarli. Oggi sono difficili da ritrovare.

 

d. Mi sono fatto una nomèa di scrittore barocco, estravagante. Sarebbe una scommessa partita male: Imbriani, Longhi, Arbasino, Savinio, fragorosi stormiscono in boscaglie alle quali mi è precluso l’ingresso. Non fu mai divagare la mia stravaganza. Il mio cannocchiale (aristotelico) fu Aby Warburg, mediatomi da Eugenio Battisti. Non è un metodo né una volontà, è una sottomissione ‒ forse perfino femminea ‒ alla irriducibilità dei particolari, alla vertiginosa e non polifonica compresenza dei mondi.

 

e. In questi luoghi il tempo si cambia in ispazio. Ma non meno lo spazio si fa tempo. “Per osservare un quadro ci vuole una sedia” (Klee).

 

f. Non potevo andare dal Binni e confessargli: il libro più bello che ho tentato di leggere è Finnegans Wake. Sarebbe stata una bugìa, del resto. In Italia si era appena arrivati a veder tradotto l’Ulisse. Trentanovenne, dopo che tutto il mondo dei curiosi o dei cólti se l’era già delibato, o ne aveva patito la sferza; il primo traduttore italiano, Giulio de Angelis, aveva in comune con Joyce la passione per la musica. Senza conoscerlo, debbo aver passato delle belle mezz’ore alla favolosa Disclub di piazza San Marco, a frugare in montagne di dischi (la bottega era stretta) accanto a lui.

 

g. Il più sapiente lettore del Finnegans non appartenne alla specie dei letterati ma era un musicista, un filosofo, un compositore, anche i suoi libri sono composizioni, partiture da tener squadernate sul leggìo, come codici che traggono l’«aura» da se stessi soltanto. Dio sa se no quanti meriterebbero lapislazzuli od oltremarini. Era, fra poco mi dimentico di dirlo, John Cage. Aveva l’età di mio padre, cui sopravvisse una decina d’anni. Anche questo è un mistero, al quale mi abituai a portare rispetto fin dai miei anni primi (credo leggendo i primi libri di storia). L’ora del tempo inganna, se la prendi alla lettera. Mio padre non era un attardato, nella sua sfera di competenze (in letteratura, dopo avermi introdotto bambino ai Tre moschettieri edizioni Nerbini ‒ e alla intera biblioteca salgariana, s’ebbe da me, a suo tempo, in cambio l’introibo alla bella versione (di Ludovico Terzi) del Robinson Crusoe, agli esordî dell’Adelphi, e non se ne staccò più) ma come conciliarne la contemporaneità con Cage? Diffidare dalle traduzioni; Cage va preso sugli originali, facili da comprare direttamente dagli Stati Uniti, o sui dischi dove egli stesso, senza stancarsi, senza stancare, legge come sono da leggere i suoi testi, i suoi saggi, di cui nei libri abbiamo l’icona grafica e dai dischi l’alone timbrico, dinamico e fonetico.

 

 

 

Non so perché la gente ha paura delle nuove idee,

a me fanno paura le vecchie

 

 

g. Detto che il Longhi era un genio e anche (intendetemi sanamente) un tipo da pigliarsi con le molle (una lettura essenziale, sull’argomento, è la raccolta del non ricco carteggio intercorso fra il Longhi ed il Berenson, dal 1912 al 1957, ma con un buco in mezzo di quasi quarant’anni, Lettere e Scartafacci, a cura di Cesare Gàrboli e Cristina Montagnani, Adelphi 1993)

 

“Nel 1912 uno studente di storia dell’arte appena laureato decide di scrivere una lettera a Bernard Berenson. Lo studente si chiama Roberto Longhi. Nessuno lo conosce. Berenson ha già pubblicato tutto ciò che lo ha reso famoso. È un uomo sulla cinquantina, al colmo dell’attività e della gloria. La lettera è un capolavoro di passione, umiltà, sincerità, improntitudine. Un capolavoro di seduzione...”

 

(lo stile inconfondibile di Gàrboli)

 

detto questo non resta meno l’impressione che dietro il pasticciaccio brutto del Brandi ricusato e del Binni paragonescamente spernacchiato (si citava dal Giovane Holden, quasi un libro inventato), ci fosse in mare una diversa, più generale tempesta: era lo storicismo (cosiddetto) che sentendosi, inopinatamente, spinto in angolo, mandava in campo i cavalieri della morte. Lo dico con dolore e con dolore me ne avvidi: il manifesto metodologico del mio maestro (Poetica, critica e storia letteraria, infinite poi volte ristampato) era una cosa “buona” e “doverosa” (attributi che spesso fioriscono sulle labbra un poco cinesi del grande italianista) e in sé non meritava correzioni. Ma ci si chiedeva a che mondo quell’uomo ormai guardasse. Era già avviato lo stacco fra la società delle istituzioni (università compresa) e quella di chi aveva da fronteggiare il cómpito di inventarsi un nuovo linguaggio per un mondo diverso e inevitabile. Era l’Anno Zero. E non vorrei ci fossero equivoci: séguito a ritenere Walter Binni un genio della critica. Quando, nei seminarî, si rileggeva un libro (mi viene in mente Il mondo di Dolcetta di Pratesi) era sempre lui che tirava sù dal covone la spiga più bella. Per questo, non c’era alcun obbligo, volli laurearmi con lui. “Criticus nascitur, ci ammoniva, poeta fit”; ma questo divenire è scritto nel carattere fin dalla nascita. Lui cercava la legge, la solitudine io.

 

 F. Nemmeno lo strutturalismo, nella versione italiana, furbesca e rubamazzo, priva di basi e, peggio, di propositi, sarebbe stato all’altezza di una simile sfida. La vita viva degli “Strumenti critici” pubblicati orgogliosamente dalla Einaudi (dal 1967) non ebbe olio che per i primi due anni; imparai molto (anche a diffidarne) dalla ricognizione di d’arco silvio avalle nelle segrete miniere di un formalismo italiano (io, lo confesso, invocavo per me un controllo diretto sui testi nelle stampe originali, magari perché no sui manoscritti, ma senza farsene una croce né un asso pigliatutto; e la lezione di Giuseppe De Robertis, tanto meno quella di Leo Spitzer, non mi pareva esausta, sebbene poi mi desse più vera lena la pioggia che cadeva copiosamente da Mimesis di Auerbach, libro-chiave per Pasolini, e dall’Antirinascimento di Eugenio Battisti, di cui operò nel mio desiderio profondo già l’epigrafe tolta al Laborintus sanguinetiano) e da quello che fu se ben ricordo il quarto numero della testata, una corposa e utilissima antologia della nuova critica americana, a cura di Remo Ceserani. Ceserani non era solo un italianista e tanto basti a dire perché la sua lezione riuscisse feconda più di quella del vecchio storicismo, da cui pure (forse anche per implicazioni politiche lecitissime) il caro Remo non si distaccava. Ossì, si distaccava; ma con le forbicine da unghie: non con le cesoje. C’entra anche una questione di generazioni: il Binni era del ’13, poteva esser mio padre; Ceserani è del ’33, più giovane di tre anni di Sanguineti e di Arbasino. Avrei potuto essere un loro fratellino in età da scolaro elementare.

 

E. Caro Ceserani. Ci siamo incontrati solo due volte, la prima in una villa ai margini di Bergamo, presa in affitto da una mia passionata e infelice collega, fra poco è già mezzo secolo, la seconda alla Fondazione Sapegno, a Morgex. Ch’io riuscissi ad arrivarci, invitato da Nino Borsellino, è un mistero glorioso di santa Cunegonda. Ma ci arrivai e ci salutammo come due vecchi amici che si aspettavano. C’eravamo spediti, nel frattempo, qualche freccina di carta e un bolzone speditomi come dono ferragostano dal “Manifesto”, a firma R. C., mi aveva  fatto sobbalzare. “Sei ferito, Tex? ‒ Non è nulla, solo una scalfittura nella spalla...”

 

D. E forse, poi, l’amico aveva anche ragione. Certo non ho mai ricevuto un più importante riconoscimento. Leader di una nuova corrente barocca nella critica italiana! Porca, se mi piaceva.

 

 

 

 

Fui per un anno ufficiale appiedato dell’Arma aeronautica. Ustica allora sembrava lontana.

 

C. Mio padre era un leader. Da umilissime origini si era fatto qualcuno. Io lo ammiravo e lo temevo. Non ho mai aspirato ad alcuna leadership. Diressi il dipartimento di italianistica a più riprese, a Parma, e lo ricordo come una delle mie maggiori sventure. Umiliante trattare con certa gente. Si portavano addosso la cattedra come un casco non infilato bene e davano la colpa a me di quell’esser rimasti a mezza testa. Era così comodo e piacevole, poter dare le colpe allo straniero. “Maledetti toscani, tornate a casa vostra... Venite qui, scoprite buono il prosiutto, buono il parmigiano; e non vi levate più dai coglioni”. (Parole esattamente riportate dette a me dalla leggiadra consorte di un collega fraddiavolo impacciatosi nell’unto delle seconde classi. Ma poi venne Berlinguer, il ministro, l’ex-rettore carismatico dell’università di Siena, e mise tutti a posto con un concorsone risoltosi, in effetti e per programma, in un ope legis mascherato). Tenni a lungo la trincea, per dovere e per carattere. E questo sia suggel che ogn’omo sganni.

 

B. La casa dove nacqui (e che abbiamo perduto – era in affitto – dopo la morte di mia madre) apparteneva a un brav’uomo, che al pianoterra (noi s’era al primo piano) teneva banco di panettiere e droghiere. Quando nel cortiletto faceva il baccalà, si stava sulla terrazza e ci si lasciava rosolare da quell’odore acuto e familiare. Pane, prosciutto, pesche sciroppate; il parmigiano dicevasi reggiano. Non ebbi bisogno di aver cattedra e casa a Parma per scoprirne le virtù. Quello del signor Aldo era perfino più buono.

 

A. Poi il baccalà sparì (era lo storicismo). E giunse l’epoca dei supermercati, cui mio padre vanamente si oppose, capitanando i commercianti che a lui facevano capo. Anche quelli grossi, del centro, meno direttamente – per allora – minacciati.

 

 

 

 

 

 

Tre libri, per concludere anche questa volta.

 

§

 

Giovanna Ioli, il libero folletto piemontese (ma di origine è siciliana), è la garante di un delizioso libretto, una ristampa da lei curata e delibatamente commentata delle Rime di Dante. Sarebbe bella non ne conoscessimo i titoli danteschi e montaliani (quantomeno) che illustrano una carriera di studiosa sempre tenuta ai margini dell’università. Che brutta cosa è l’università, mi confesso disfatto, tanti anni fa, il caro professore che di sua iniziativa me ne aveva lasciata socchiusa l’entrata. La nota che apre il libro (a concluderlo, un breve e illuminante saggio di Charles S. Singleton, maestro americano della Ioli, su Amor sacro e Amor profano) reca in conclusione una dedica affettuosa alla «sapiente confidenza con le Rime» di Guido Davico Bonino, uomo d’editoria e di teatro, e al «rigore filologico» di Sandro Orlando, filologo romanzo ed ispanista. Il dittico mi offre una opportunità di spiegare anche meglio il mio modo ‒ ormai giunto al tramonto ‒ di confrontarmi col testo letterario: la confidenza. Non rivendico né sapienza né rigore. Ma non credo a un lettore critico che non sappia far bene il correttore di bozze. (Vedi il romanzo a chiave di George Steiner, Proofs, prove di stampa, da noi tradotto come Il correttore; e si cerchi magari la bella lettura che ne fece sull’“Indice” il grande Michele Ranchetti. Non monta che s’ingannassero nei loro voti. La politica è il mondo sublunare). La tattica di Giovanna è di una limpidezza disarmante: non càpita ogni giorno di rileggere un Dante così fresco, come scritto da qualche mattina. Chiesero a Saba quale verso della poesia italiana fosse per lui il più bello e il piccolo Berto buttò la lenza nel lago Leopardi: “e chiaro nella valle il fiume appare”. Se lo chiedessero a me direi: “Al poco sole ed al gran cerchio d’ombra”; verso così perfetto che dice nero e appare candidissimo. Penso a Boulez, al suo Mallarmé. Dare a un mondo condannato la consistenza nuda del diamante. Lo si ritrova in queste rime. Invidio gli scolari (la collana, della SEI, è a destinazione primariamente scolastica) che su queste pagine lo leggeranno per la prima volta. Ci sarà pure un fortunato, un segnato, un predestinato che vi legga una linea di vita. Che vi vegga albeggiare il disegno di una lingua d’oggi per chi ha il biglietto per l’aereo che decolla oggi. Jeux, Agon, il grande jazz, magari anche i Beatles del mitico White Album. Lasciamo andar Beethoven con la sua Nonna.

 

 

 

 

 

§

 

Quando il cappio si strinse intorno al collo dei nostri fratelli ebrei, Giacomo Debenedetti scrisse un saggio sullo stile di Mussolini. Non glielo hanno più perdonato. Eppure non fu una mossa solo per salvarsi il culo. In quello stile Debenedetti trovava quel tanto di sé che è l’altra parte (die andere Seit) di ciascuno di noi. V’immaginate Proust che, sentendosi minacciato ma anche segretamente scrutando nelle proprie budella, scriva un pezzo in lode di Zola? Il lezzo sfatto dei fiori freschi (fanciulli in fiore) del quale ci volle un Praz, con tutto il suo lascito stregonesco, per rivelare la cupa voluttà mortuaria, in uno dei suoi libri più belli. Edito dal Sansoni in un anno segnato come il 1943. L’Italia mussoliniana era riversa, senza fluidi vitali, in un vaso sbreccato. Non più di fiori. Vi ricordate l’aria inimitabile di Vitellia nella Clemenza di Tito congedo mozartiano che più enigmatico non si può? Ma qui, lo so, mi perdo tutti i più pazienti lettori. Ho passato qualche mezz’ora, questa settimana di fuoco (ma il fuoco vero è quello di Damasco, quello di Kiev – da noi son solo fuochi artificiali), a seguire in tv le notizie, i presagî, le interviste associati a questa crisi della classe dirigente italianetta; meglio se stavo a Dante: “è bassa voglia”. Parlano lingue strane. Berlusconi è il solo che sappia tenere un discorso filato, con le prese di fiato che lo punteggiano, senza ermetismi gergali e senza esterismi ‘d’importanza’. Ah il bocconiano che si compiace della pronuncia di tre parole ingurgitate ad Harvard. Conobbi una lingua così in certe traduzioni di Vittorini.

Stavo ancora a Parma quando per caso conobbi Peppe Lomonaco, salito dalla Lucania a salutare suoi parenti miei dirimpettai d’allora. Scriveva e non sapeva d’essere uno scrittore. Vidi un paio di suoi racconti e mi convinsi che lo era. Una di quelle storie era irresistibile: deve venire in visita il re che non guardava oltre la sua raccolta numismatica. Nell’attesa, i maggiorenti cittadini escogitano un meccanismo perché il monarca possa nettarsi, fatti i suoi bisogni, senza sporcarsi le regali dita. Il diavolo fa pentole ma non coperchi, il meccanismo impazza (c’è qualcosa di simile in un cartoon di Pingu, serie d’animazione fatta in Svizzera, che vidi cento volte col mio unico nipotino, lì ad impazzire è una centrifuga da cucina) e da ultimo sbatte la merda sulla faccia virile del baffuto monarca. Preso coraggio, Lomonaco ha pubblicato diversi libri, fatta anche mèssa di qualche premio minore. Potrei dire, per la sua lingua, quello che ho appena detto di quella di Berlusconi (non me ne voglia l’amico, naturaliter non berlusconiano). Mi pare di tornare nella bottega di mio padre, nei primi anni del dopoguerra. Vendeva stoffe, tagliando dalla ‘pezza’ quanto richiesto, metro di legno e forbici nella destra. Non si tagli le dita, bisbigliava il cliente. Cioè, non stia a guardare a mezzo centimetro in più.

A Matera, nei Sassi, venne un dì Pasolini. Ai tempi che Berta filava. Vi girò il Vangelo secondo Matteo. Credo sia l’ultima raffica del neo-realismo italiano. Tempi comunque mitici. Lomonaco mi fa avere in dono (molti doni ricevo da lui, di suoi libri e di casse di aranci dorati, in autunno, e libri e musiche di amici suoi che diventano amici miei, come lo splendido, arguto musicista Damiano D’Ambrosio, vivo nei Sassi di Matera o in certe poulenchiane o pratelliane Serenate per la cucina italiane, assaggiabili su You-tube, integrali in bei dischi che raccomando a tutti) un libro di Domenico Notarangelo, Pasolini Matera, edito dal materano Giannatelli (info@edizionigiannatelli.it). Notarangelo, insigne fotografo (e fu, con sua sorpresa, scelto da Pasolini a fare il Centurione del Vangelo – parte toccata a John Wayne !!! ne La più grande storia mai raccontata)

 

 

 

 

Notarangelo, in questo suo libro, ci ritorna a quell’evento unico. Rinarrandolo e riesponendo una serie di davvero rivelatrici fotografie. Qualcuno, lui beato, crede che la fotografia ci dia la superficie delle cose. Sì, quella dei turisti dilettanti. Peppe, preannunciandomi l’invio del dono, mi disse che si era dimenticato che nel film la Madonna fosse incarnata dalla madre di Pasolini. Io, leggendo il racconto di Notarangelo, ritrovo Alfonso Gatto, la Morante, attori o testimoni partecipi, ma proprio non sapevo che vi fossero il giovane Agamben (l’apostolo Filippo) ed Enzo Siciliano (l’apostolo Simone).

 

 

 

 

Ora ho capito perché Siciliano ruppe di brutto con me (io ne ho sempre avuto stima, anche da prima che ci legasse l’amicizia con Attilio Bertolucci, e sapevo che conto tenere del giudizio geloso, contro di lui, di miei colleghi autorevoli, uno addirittura mi scrisse di lui ch’era un pagliaccio). In un mio libro che fu l’errore di chi è appena andato in cattedra (pare sia un debito quasi scaramantico per la fortuna impiegatizia che ci ha arriso)  avevo in una pagina ridimensionato, in cornice arbasiniana, lo scrittore friulano. Era un ridimensionamento a doppia faccia. Educato cattolico (se c’è un prete nel raggio di un chilometro le mie narici vanno in fibrillazione), figlio di una friulana (ma i Mozzon si sentivano veneti di terraferma) la religione pasoliniana mi metteva alla frusta. Siciliano non lo poteva sapere.

 

 

 

 

§

 

“Il babbo s’accosta al letto dove riposo. È vestito d’uno scafandro. Senza dubbio ritorna dal profondo del mare. Mi par di riconoscere il suo bel viso attraverso il minuscolo oblò. ‘Ah, mi dice in confidenza, bisogna che tu impari il valzer con la notte’”. Il va te falloir apprendre à valser avec la nuit.

 

Provo a tradurre Frédérick Tristan, il più grande scrittore francese dei nostri tempi. Brèves de rêves (Paris, de Roux, 1912). Mi ricorda gli inaccostabili Feuilles d’Hypnos di Char. Li tradusse in poesia italiana Vittorio Sereni. Ma non vedo Sereni, oggi, che possa cimentarsi con la lingua perfetta di Tristan. Char è del resto poeta prediletto da Pierre Boulez.

 

 

 

Fogli d'Ipnos 

 

 

Come tradurre il titolo dei récits (sottotitolo) del libro dei sogni di FT? Segni di sogni, forse. Nuove di neve. Mi ricordo i vasti campi innevati di un film (se la memoria non mi tradisce) che piacque a Sereni, Im der lauf der Zeit (Nel corso del tempo di Wenders, 1976). Due compagni su un camion, nei deserti dell’apocalisse. Da un film così in Italia non si è fatto che un Toro. Una religione ‘debole’ ci ha negati per sempre ad ogni epica.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Luogo Comune

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006