LETTERATURE MONDO
ADDII
Invenzione
e tradizione
nella poesia
di Juan Gelman

      
È morto a Città del Messico, a 83 anni, il grande poeta argentino che si esiliò dal suo paese negli anni ’70 per sfuggire alla dittatura militare che gli uccise il figlio e la nuora. Dopo avere debuttato nel 1956 con la raccolta “Violín y otras cuestiones”, fece parte del gruppo di poeti della cosiddetta ‘Generazione del ’60’, nel cui ambito egli si distinse per la peculiare trasgressione linguistica, così come per le variazioni fonetiche e morfologiche delle parole e la rottura dell’ordine sintattico della scrittura. Ramingo tra Roma, Madrid, Managua, Parigi, New York e finalmente Mexico City, la sua opera, tradotta in più di dieci lingue, è stata insignita di numerosi e prestigiosi premi. In coda pubblichiamo dieci sue composizioni.
      




   

 

di Martha L. Canfield

 

 

L’opera poetica di Juan Gelman, diventata punto di riferimento, modello e stimolo per due generazioni – la prima raccolta pubblicata dall’autore fu Violín y otras cuestiones nel 1956 – è arrivata al suo punto finale lo scorso 14 gennaio. Ma chi lo ha letto sa benissimo che, opera aperta e generatrice come poche, non finirà mai di meravigliare e di stupire.

Fin dall’inizio della sua carriera Gelman e gli altri poeti da lui riuniti nel gruppo «El Pan Duro» furono attratti dalla figura trasgressiva e volutamente marginale di Raúl González Tuñón e dai fondamenti della scuola di Boedo. Come loro, Gelman e i suoi amici, che in seguito avrebbero dato corpo alla cosiddetta «Generazione del ’60», rivendicavano i valori legati ai concetti di margine, di frontiera, di confine, di spazio urbano non prestigioso e contemporaneamente veicolatore di particolari qualità estetiche e ideologiche. Bisogna ricordare che la maggior parte di quei poeti avevano vissuto l’adolescenza sotto Perón e la prima gioventù durante la crisi post-peronista, sotto i governi di Frondizi e di Illìa, entrambi interrotti da golpe militari. Gelman ha dichiarato in proposito che quel periodo di grande effervescenza sociale e politica avrebbe condizionato per sempre il loro atteggiamento creativo[1]. La trasgressione linguistica, in effetti, diventata norma nella sua poesia, così come le variazioni fonetiche e morfologiche delle parole e la rottura dell’ordine sintattico, rispondono al clima di repressione politica dell’Argentina degli anni ’60 – destinato ad aggravarsi come si sa nelle decadi successive –, e in particolar modo alla censura imposta dal potere militare. Come aveva affermato il compianto Saúl Yurkievich, poeta, critico letterario e compagno di generazione di Gelman, nel momento in cui la libertà di parola diventa un atto delinquenziale, quando brandire una parola autonoma significa attentare contro la sicurezza dello stato, allora il poeta si ribella e cerca di decodificare la lingua permessa, di dis-automatizzarla e di rendere «eterogenea e labile la sua prevedibile monotonia»[2].

Le caratteristiche di questa nuova poesia, e di conseguenza anche i tratti che la distinguono dalla poesia precedente, sia quella tradizionale consacrata sia quella avanguardistica volutamente distaccata dalle radici locali, si possono riassumere in tre punti:

 

1. L’introduzione nel testo poetico di forme e vocaboli provenienti dalla lingua colloquiale, compreso l’uso del pronome «vos» al posto del «tu», tratto definitivo ed emblematico della variante dialettale dello spagnolo argentino. Del resto, Gelman e la Generazione del ’60 hanno condiviso le scelte della Beat Generation nordamericana e in particolare di Allen Ginsberg, la cui prima opera Howl (Urlo) uscì nel 1956, stesso anno di Violín y otras cuestiones, e si diffuse immediatamente nell’ambiente culturale argentino.





Juan Gelman (1930-2014)


2. La riscrittura e la parafrasi, attraverso le quali vengono parificate nelle scelte del poeta testi consacrati dalla tradizione e testi provenienti dalla cultura popolare. Ad esempio il verso «alma a quien todo un hijo pena ha sido»[3] (anima a cui un figlio pena è stato), o il suo gemello «alma a quien todo un pueblo sangre ha sido»[4] (anima a cui un popolo sangue è stato), rimandano al verso di Quevedo «Alma a quien todo un dios prisión ha sido» (Anima a cui un dio carcere è stato), del celebre sonetto Amore costante oltre la morte[5]. Fra i testi provenienti dalla cultura popolare spiccano le parole del tango, danza e canzone tipica del Río de la Plata, diffusasi a livello internazionale dopo il 1920 e divenuta ormai simbolo inalienabile dell’argentinità. Trattandosi di musica molto popolare, per molto tempo confinata nei quartieri poveri e periferici, e avendo adottato per i propri testi il lunfardo, gergo tipico dei bassifondi e della malavita, l’adozione del tango nell’orbita della poesia ha costituito una palese trasgressione. Le ragioni di questa adozione sono legate da una parte al bisogno di riscattare elementi della cultura popolare proibiti o marginali, dall’altra al desiderio di stabilire un ponte con il passato letterario, del quale la Generazione del ’60 vede come validi rappresentanti gli autori del tango, come Homero Manzi, Discepolo, Celedonio Flores, etc., oltre che gli scrittori della letteratura gauchesca e quelli immediatamente precedenti, come Raúl González Tuñón e altri[6]. Inoltre, mediante questo insolito incrocio tra poesia colta e tango, che la Generazione del ’60 realizza attraverso un uso molto libero della riscrittura, Gelman in particolare, mette in atto la poesia più innovativa, sconcertante e insieme affascinante, della storia argentina: veri testi di godimento, non di piacere, secondo la famosa formula di Roland Barthes[7]. Nella preferenza per la citazione e la riscrittura come forme di appropriazione mai passiva bensì critica del discorso dell’altro, Gelman e i poeti della sua generazione risultano affini al gruppo francese dell’Oulipo, con il loro culto della prothèse littéraire[8], al quale si avvicinò anche Julio Cortázar.

 

3. Una terza caratteristica della poesia di Gelman e della Generazione del ’60 è l’impegno civile e, di conseguenza, il costante affiorare della tematica politica. Il precedente immediato si trova, ancora, nella poesia di Raúl González Tuñón, nella quale ricorre il tema della rivoluzione e sono sempre presenti la Rivoluzione sovietica o la Guerra Civile spagnola. In Gelman, dopo il golpe del ’76, con la sua triste sequela di morti, desaparecidos ed esiliati, tra i quali si conteranno rispettivamente il figlio di Gelman, la nuora con la sua creatura nata in prigione, e lo stesso poeta, la tematica politica risulta inscindibile da quella personale. L’intimità nella sua poesia, come ha spesso segnalato la critica, «si apre in uno spazio in cui il soggettivo si collega inevitabilmente e direttamente con il politico»[9]. Ma sarebbe riduttivo considerarla esclusivamente poesia politica o poesia engagée. Poiché l’arma che impugna Gelman è innanzi tutto la parola, la sua non è semplicemente denuncia, ma è ricerca e volontà di forma, dato che, in effetti, «ogni ricerca è volontà di forma»[10]. La trasgressione della norma linguistica diventa per il poeta un sistema per recuperare il potere creatore della parola, rinnovando il senso della vita. Così storia personale e storia collettiva si annodano, attraverso il dolore del padre, che diventa insieme padre/madre lacerata, il mondo si femminizza e la parola rinnovata diviene l’immagine speculare dell’aria rinnovata e la soglia della sempre agognata libertà.

 

 

Notizia bio-bibliografica

 

Juan Gelman (Buenos Aires 1930 – Città del Messico 2014), figlio di immigrati ebrei ucraini, lasciò molto presto gli studi universitari per dedicarsi alla poesia rivelando fin dagli esordi, la ricerca di un linguaggio immanente, sperimentale ma fortemente radicato nella realtà storica e sociale. Il suo realismo critico e intimistico si abbina ad una concezione della poesia come espressione di un’avventura verbale che accetta l’impegno politico e che rinasce da un continuo interrogarsi come metodo per resistere alla barbarie.

Tra il 1968 e il 1975 partecipò alla rivista «Crisis», insieme a numerosi esponenti della letteratura “militante” argentina e uruguayana, tra i quali Eduardo Galeano. La dittatura militare in atto nel suo paese lo costrinse all’esilio per ben dodici anni che trascorse in parte a Roma e poi a Madrid, Managua, Parigi, New York e finalmente Città del Messico. La tragica vicenda del figlio e della nuora incinta sequestrati dalle forze del regime e poi dichiarati desaparecidos, fino alla tardiva conferma della morte del figlio Marcelo nel 1990 e il successivo ritrovamento nel 1999 della nipote, data in adozione alla nascita a una famiglia uruguayana, sono stati casi di cronaca internazionale che hanno mobilitato per anni gli intellettuali di tutto il mondo civile. A questo proposito ha detto, in un’intervista di Andrea Casazza per «Il Secolo XIX»: «Mi sono battuto dall’esilio perché quella follia terminasse, perché i colpevoli pagassero. Come poeta ho ritrovato nella soggettività del pensiero gli spazi in cui continuare a coltivare l’amore per la vita. [...] Chiedere all’atto poetico una funzione politica non ha ragion d’essere. Se la poesia deve assolvere una funzione “sociale” questa risiede nella difesa della memoria».

Insieme al cileno Enrique Lihn, al messicano José Emilio Pacheco, al peruviano Antonio Cisneros, Juan Gelman accoglie nella sua poesia l’oralità e tutti i vari gerghi del nostro tempo, dalla pubblicità al linguaggio giornalistico, epistolare, componendo i testi a mo’ di collage postmoderno, tra concettismo, neomanierismo e spirito ludico.

La sua opera, tradotta in più di dieci lingue, è stata insignita di numerosi e prestigiosi premi, tra cui, in Argentina nel 1997 ha ricevuto il Premio Nacional de Poesía, in Messico il Premio Juan Rulfo nel 2000, in Italia il Lerici Pea nel 2003, in Spagna il Premio Reina Sofia di Poesía nel 2005 e il Cervantes nel 2007.

Anche se la città di Buenos Aires gli aveva conferito l’onorificenza di cittadino illustre, non ha più voluto tornare a vivere in patria. Alla sua morte l’Argentina ha decretato tre giorni di lutto nazionale.





Una caricatura del poeta argentino


Alcune Opere Poetiche

Violín y otras cuestiones, 1956; Velorio del solo, 1961; Gotán, 1956-62; Cólera buey, 1965; Los poemas de Sidney West, 1969; Hechos y relaciones, 1980; Si dulcemente, 1980; Com/posiciones, 1983-84; Obra poética, 1984; Anunciaciones, 1988; Interrupciones I e Interrupciones II, 1988; Carta a mi madre, 1989; Salarios del impío, 1984-1992; La abierta oscuridad, 1993; Dibaxu, 1994 (sono poesie scritte in lingua sefardita, o giudeo-spagnolo); Incompletamente, 1997; Debí decir te amo, antología personal, 1997; Valer la pena, 2001; País que fue será, 2004; Mundar, 2007; De atrásalante en su porfía, 2009; El emperrado corazón amora, 2011; Hoy, 2013.

 

Traduzioni

Gotan e altre poesie, a cura di Antonella Fabbri, Guanda, Milano, 1980.

Lettera a mia madre (seguito da Salari dell'empio e Incompletamente), trad. Laura Bianchini, Guanda, Milano, 1999.

Nel rovescio del mondo, a cura di G. Conte, trad. Laura Bianchini, Interlinea, Novara, 2003.

Doveri dell’esilio, trad. Laura Bianchini, Interlinea, Novara, 2006.

Valer la pena, trad. Laura Bianchini, Guanda, Milano, 2007.

Sotto, trad. di Alessandro Ghignoli, Kolibris Edizioni, Bologna, 2011.

com/posizioni, trad. di Laura Bianchini, Rayuela Edizioni, Milano, 2011.

 

***

 

Juan Gelman: poesie scelte

 

Pars poetica

 

en la mitad del siglo XX miserable orgulloso

oscuro en su fulgor el concertista de palabras

mató a su corazón desordenado

y a solas con su ardor, implacable de pies

desorganiza el caos

con loca exactitud

 

Pars poetica

 

a metà del novecento misero superbo

cupo nel suo fulgore il concertista di parole

uccise il suo cuore disordinato

e da solo col suo ardore, implacabile in piedi

disorganizza il caos

con folle precisione

 

 

Preguntas

 

ya que navegas por mi sangre y conoces mis límites y me despiertas en la mitad del día para acostarme en tu recuerdo y eres furia de mí paciencia para mí dime qué diablos hago por qué te necesito quién eres muda sola recorriéndome razón de mi pasión por qué quiero llenarte solamente de mí y abarcarte acabarte mezclarme a tus huesitos y eres única patria contra las bestias el olvido

 

Domande

 

visto che mi navighi nel sangue e che conosci i miei limiti e mi svegli nel bel mezzo del giorno per coricarmi nel tuo ricordo e sei furore di me pazienza per me dimmi che diavolo faccio perché ho bisogno di te chi sei tu silente sola percorrendomi ragione della mia passione perché voglio riempirti soltanto di me e occuparti sfinirti mescolarmi alle tue ossa sottili essendo tu l’unica patria contro le bestie contro l’oblio

 

(da Cólera buey, 1965)

 

 

Poderes

 

como una hierba como un niño como un pajarito nace

la poesía en esos tiempos en medio

de los soberbios los tristes los arrepentidos

nace

 

¿puede nacer al pie de los sentenciados por el poder

al pie de los torturados los fusilados de por acá nace?

¿al pie de traiciones miedos pobreza

la poesía nace?

 

puede nacer al pie de los sentenciados por el poder

al pie de los torturados los fusilados de por acá nace

al pie de traiciones miedos pobreza

la poesía nace

 

tal vez no haya perdón para los soberbios para los tristes para los arrepentidos

tal vez no haya perdón para los carniceros zapateros panaderos

tal vez para nadie haya perdón

tal vez todos estén condenados a vivir

 

como una hierba como un niño como un pajarito nace

la poesía la torturan

y nace la sentencian y nace la fusilan

y nace la calor la cantora

 

 

Poteri

 

come un filo d’erba un bambino un uccellino nasce

la poesia di questi tempi in mezzo

agli arroganti ai tristi ai pentiti

nasce

 

può nascere ai piedi dei condannati dal potere

ai piedi dei torturati dei fucilati di queste parti nasce?

ai piedi dei tradimenti paure povertà

nasce la poesia?

 

può nascere ai piedi dei condannati dal potere

ai piedi dei torturati dei fucilati di queste parti nasce

ai piedi dei tradimenti paure povertà

nasce la poesia

 

forse non ci sarà perdono per gli arroganti per i tristi per i pentiti

forse non ci sarà perdono per i macellai i ciabattini i fornai

forse per nessuno ci sarà perdono

forse tutti sono condannati a vivere

 

come un filo d’erba un bambino un uccellino nasce

la poesia viene torturata

e nasce viene condannata e nasce viene fucilata

e nasce lei calore e cantica

 

(da Relaciones, 1973)

 

 

Sábanas

 

duerme hijo mío duerme entre sábanas de grappa

aún te abrigaré con toda la botella

mientras la muerte ronda esta casa

y no necesita tocar el timbre golpear

 

la puerta para entrar/la muerte

es una novia fea con la que hay que vivir en estos días

con la que hay que morir en estos días

tu rostro hijo mío es un fulgor en la noche

 

un fulgor en la noche de los verdugos

es tu rostro hijo mío un fulgor

y por él vivo y muero en estos días

hijo mío en la noche de los verdugos y

 

creo en la claridad de los gemidos en

la claridad o luz que cae de los llantos

la claridad que cae de la carne golpeada

torturada matada la claridad

 

que cae de tu rostro o fulgor

para esta noche larga y el lecho donde yago

entre sábanas de fierro

sin dormir/rosa-rosae

 

 

Lenzuola

 

dormi figlio mio dormi tra lenzuola di grappa

ti scalderò con tutta la bottiglia

mentre la morte circonda questa casa

e non ha bisogno di suonare il campanello di bussare

 

la porta per entrare/la morte

è una sposa brutta con cui bisogna convivere in questi giorni

con cui bisogna morire in questi giorni

il tuo volto figlio mio è un fulgore nella notte

 

un fulgore nella notte dei carnefici

il tuo volto figlio mio è un fulgore

per il quale vivo e muoio in questi giorni

figlio mio nella notte dei carnefici e

 

credo nel chiarore dei gemiti nel

chiarore o luce che cade dai pianti

il chiarore che cade dalla carne colpita

torturata ammazzata il chiarore

 

che cade dal tuo volto o fulgore

per questa notte lunga e il letto dove giaccio

tra lenzuola di ferro

senza dormire/rosa-rosae

 

 

Arte poetica

 

como un martillo la realidad/bate

las telitas del alma o corazón/forja en

caliente o frío/no presume/reseca

ilusiones podridas/piensa

 

como un pájaro ronco/delira

en su revés/ruge cual

la tigra de Pascual/pisa

las telitas del alma o corazón/crepitaba

 

mañana en tu calor/sonará

como un tiro en la frente del compañero muerto ayer

y en lo que todavía habrá que morir y nacer/

como un martillo

 

 

Arte poetica

 

come un martello la realtà/batte

le membrane dell’anima o cuore/foggia

a caldo o a freddo/non suppone/inaridisce

marce illusioni/pensa

 

come un uccello rauco/delira

nel suo rovescio/ruggisce tale quale

la tigra di Pasquale/calpesta

le membrane dell’anima o cuore/scoppiettava

 

il domani nel tuo calore/suonerà

come uno sparo sulla fronte del compagno morto ieri

e su tutto ciò in cui bisognerà ancora nascere e morire/

come un martello

 

(da Hechos, 1980)

 

 

Sola

 

sola estás/tierra/de los compañeros

que ahora encerrás y deshacés/oís

cómo se desocupan lentamente

del amor que las queda/desaprietan

 

su vez de caer/sueñan soñados/quietos/

nunca verán los rostros donde crecen/

asoman/continuados/a este sol/

alguna vez al sol de la justicia

 

 

Sola

 

sei sola/terra/priva dei compagni

che ora rinchiudi e che disfai/ascolti

come si sciolgono lentamente

dall’amore rimasto/ e rilasciano

 

il loro turno di caduta/sognano sognati/fermi/

non vedranno mai i volti dove crescono/

affiorano/continuati/al sole/

qualche volta sole di giustizia

 

 

Alguna vez

 

alguna vez al sol de la justicia/caminaremos

calentarán las penas y las furias/andarán

suavísimas las almas de sentir/paz habrá

como recordación de vos/tristeza que

 

subís de paco/de los compañeros/de los

sueños que derrotaron esta vez/justicia

como animal de fuego donde ardés

dolor/que piso/rostros que la muerte

 

trabajó/ahora al sol de la justicia/

distribuidos/altos/pan que pana

la vida de vivir como niñitos/

descubriendo el país de la bondad

 

 

Un giorno

 

un giorno sotto il sole della giustizia/marceremo

riscaldate dal dolore e dalla furia/andranno

leggere di sentimento le anime/pace ci sarà

come memoria di te/tristezza che

 

sali su da Paco/dai compagni/dai

sogni questa volta abbattuti/la giustizia

come animale di fuoco dove ardi

dolore/che calpesto/volti che la morte

 

ha lavorato/al sole della giustizia ora/

distribuiti/alti/pane che paneggia

la vita da vivere/come bimbi/

riscoprendo un paese di bontà

 

(da Si dulcemente, 1980)

 

 

Nota XIV

A Julio Cortázar

 

¿estás vivo?/¿estás muerto?/¿hijo?/

¿vivimorís otra vez/otro día/como

moriviviste estos tres años

en un campo de concentración?/¿qué

 

hicieron de vos/hijo/dulce calor que alguna vez

niñaba al mundo/padre de mi ternura/hijo

que no acabó de vivir?/¿acabó de morir?/

pregunto si acabó de morir/el nacido el morido

 

a cada rato/niño

que andó temprano por la sombra/voz

que mutilaron/ojo

que vio/niñito de mi sed arrancado

 

a sus pedazos/a su sed/las sedes

que le abrigaban corazón/

se lo encendían mesmamente/

toda la noche golpéandome la puerta

 

 

Nota XIV

A Julio Cortázar

 

sei vivo?/sei morto?/figlio?/

vivimuori ancora/un altro giorno/come

morivivesti in questi tre anni

in un campo di concentramento?/cosa

 

hanno fatto di te/figlio/dolce calore che una volta

abbimbava il mondo/padre della mia tenerezza/figlio

che non finì di vivere?/finì di morire?/

domando se finì di morire/nascente morente

 

a ogni momento/bimbo

che presto s’inoltrò nell’ombra/voce

che fu mutilata/occhio

che vide/bimbetto alla mia sete strappato

 

ai suoi frammenti/alla sua sete/le seti

che infuocavano il suo cuore/

glielo accendevano propriamente

tutta la notte a bussare alla mia porta

 

(da Notas, 1981)

 

 

Comentario XLII (san juan de la cruz)

 

como tierra amorosa/vos/

tiernamente amorosamente

echás durezas/sequedad/

de mi país en tu país

 

donde llego desamargado

de la memoria a la sustancia/

o me sos lumbre/suavidad

levantada/graciosa mía/

 

cantora mía/en la mitad

de este destierro como arenas

del esperar al acabar/

mi vos/planeta de dulzura

 

 

Commento XLII (san giovanni della croce)

 

come terra amorosa/voi/

teneramente amorosamente

gettate durezze/aridità/

del mio nel tuo paese

 

dove giungo non più amaro

dalla memoria alla sostanza/

o siete per me luce/soavità

innalzata/delizia mia/

 

mia voce del canto/in mezzo

a questo esilio come sabbie

tra l’attendere e il finire/

voi mia/astrale terra di dolcezza

 

 

Comentario lviii (rey david)

 

como animal sediento que

busca las aguas/tierra mía

te busco/o alma de volar

para rodearte como vuelo/

 

o siquiera como palito

que tocara por una vez

la multitud de tu dulzura

barriéndome todas las sombras

 

 

Commento lviii (re david)

 

come animale assetato che

cerca le acque/terra mia

ti cerco/o anima del volo

per circondarti come volo/

 

o magari come stecca

che toccasse una volta

la moltitudine della tua dolcezza

per spazzare alla fine tutte le ombre

 

(da Comentarios, 1982)

 

 

(Traduzioni di Martha L. Canfield)

 

 

 



[1] Jorge Boccanera, Gelman, in «Cuadernos de Crisis», n. 33, Montevideo 1988, p. 29.

[2] Saúl Yurkievich, A través de la trama, Muchnik, Barcelona 1984, pp. 27-28.

[3] Carta abierta, in Interrupciones I, Tierra Firme, Buenos Aires 1988, p. 157.

[4] Notas, in ibid., p. 115.

[5] Per le poesie di Quevedo in italiano si vedano le belle traduzioni di Mario Pinna, La lirica di Quevedo, Liviana Editrice, Padova 1968.

[6] Silvia Lafuente, Juan Gelman o la poesía como aventura del lenguaje, Polistampa, Firenze 1995, p. 25.

[7] Roland Barthes, Le plaisir du texte, Seuil, Paris 1973; trad. it. Il piacere del testo, Einaudi, Torino 1975.

[8] François Le Lionnais, La littérature potentielle, Gallimard, Paris 1973, p. 22.

[9] Miguel Dalmaroni, Juan Gelman, contra las fabulaciones del mundo, Editorial Almagesto, Buenos Aires 1993, p. 79.

[10] Luis Felipe Noé, Antiestética, Ediciones de la Flor, Buenos Aires 1988, p. 79.




Scarica in formato pdf  


   
Sommario
Letterature Mondo

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006