PRIMO PIANO
IL REALITY LETTERARIO
DI RAI3
Diario minimo
di ‘Masterpiece’


      
Considerazioni sparse, pungenti, ma non snobistiche, sul talent che ha rappresentato la novità televisiva dell’anno, che invece di sfornare cantanti, ballerini, attori di soap, soubrette, veline, cuochi, mogli o fidanzati, si proponeva di creare uno scrittore dal nulla. È risultato vincitore l’italo-serbo Nikola Savic, che forse diventerà un autore o forse no, ma che intanto vedrà il suo libro pubblicato in centomila copie dalla Bompiani, mercè l’avallo dell’autorevole editor Elisabetta Sgarbi.
      



      

 

 

di Francesca Fiorletta

 

 

È troppo facile, mi dico.

È facilissimo criticare Masterpiece, il reality show letterario di Rai3, il talent scout televisivo dell’anno, che si propone di scovare e quindi dare in pasto al già saturo mercato editoriale una ben nutrita manica di nuovi giovani scrittori italiani.

Apparentemente presi dalla strada, raccolti dal loro antro misterioso di timidezze e lavapiatti, questo manipolo insensato di “concorrenti allo sbaraglio” (così almeno si definivano una volta, sempre ai microfoni della grande madre catodica nazionale) si dichiara assai pronto e desideroso di sottoporsi

a prove di forza di vario genere e numero, pur di riuscire a sfondare il muro pernicioso della fama televisiva. Ma, un momento: non si stava parlando di scrittura?

Sono seduta sul letto davanti al pc, e in streaming sta andando in scena l’ultima decisiva puntata: sono rimasti in tre: c’è un ometto grassoccio e attempato che scrive di sé in terza persona, definendosi “la creatura”; c'è un omaccione coi capelli scarmigliati, a cui, come esperienza di vita, “è stata puntata una pistola alla tempia”, e che da quel momento asserisce di aver smesso di provare

il sentimento della paura; e poi, ovviamente, c’è la scrittrice carina, col suo immancabile rapporto tormentato con il padre, che ha scritto un romanzo “rosa” che lei però preferisce definire “di formazione”. Tutti molto fotogenici, pur nelle loro evidenti storture fisiognomiche.

Bompiani pubblicherà il libro che risulterà vincitore della serata: a garanzia di qualità, una sfavillante Elisabetta Sgarbi che applaude sorniona, senza impiegarsi in troppa veemenza.

La “creatura” se ne va, restano il “bello” e la “bella”, si fa per dire: insieme a loro, salgono sul palcoscenico, allestito con finte assi di legno e tendine bohemienne, in perfetto stile narrativo, Susanna Tamaro e Donato Carrisi, a fare da padrini ai due emozionati finalisti. Il pathos è palpabile,

i giurati non si tengono più sulle poltrone.

Penso che la potremmo anche finire qua, tutto sommato, mi sembra sufficiente, adesso spengo il pc,

ascolto un po’ di musica, mi addormento, domani scriverò le solite chiacchiere sulla pretesa dell’insegnamento della scrittura, sull’atto mercificatorio e pubblicitario della creazione artistica, e

blablabla. Ma poi chissà perché lascio cantilenare ancora quella insistente vocina nella testa, come durante il suono ibrido della sveglia a prima mattina: ancora cinque minuti.

Adesso il pubblico sta votando, scrive sui cartoncini il nome del loro nuovo scrittore di riferimento.

Vota la giuria, composta da Andrea De Carlo, Giancarlo De Cataldo e Taiye Selasi (che diamine ha scritto mai, Taiye Selasi, che si esprime vantando una certa indomita cognizione di causa, quasi fosse la Rita Levi Montalcini dell’italiano scritto?) vota, da ultimo, anche l’editore: alla fine vince il ragazzo, Nikola Savic, origini balcaniche, “qualche sgrammaticatura” nel testo, come sottolinea molto garbatamente la Sig.ra Sgarbi, ma con “tanta voglia di imparare”. E infatti, proprio per questo, viene stampato il suo libro in centomila copie. Mi sembra giusto, un atto doveroso verso la nostra grande patria di santi e bevitori.





Il vincitore del talent Nikola Savic


Preciso subito, se ce ne dovesse essere bisogno, che il mio non vuole essere un resoconto dettagliato

dell’intero programma, ma nemmeno la già obsoleta presa di posizione dell’intellettuale medio che snobba il cosiddetto “mainstream” e la letteratura d’accatto, quella dei libretti porno soft o dei manuali da cucina che puoi trovare in vendita anche nei peggiori autogrill della Salerno – Reggio Calabria.

Forse questo Nikola Savic, con buona pace degli errori ortografici e di sintassi che già si evincono dalle poche righe dell’incipit che tenta di recitare in seconda serata, potrà seriamente diventare, infine, un ottimo scrittore. Il punto è: se ne sentiva davvero il bisogno? Evidentemente sì.

Il palinsesto televisivo è già macroscopicamente infestato da reality show e talent scout di ogni sorta: c’è chi vuole diventare un cuoco provetto, chi si prodiga come cantante e ballerino, chi cerca moglie o fidanzato, chi ambisce al ruolo di primo attore nella prossima fiction autunnale dei canali di Berlusconi: perché non lo scrittore, mi domando?

Nella società che non è più “dello spettacolo” ma che definirei “della spettacolarizzazione” a ogni costo, di qualunque cosa, ho scoperto persino l’esistenza di un programma che indaga le vite delle quindicenni americane che rimangono incinte senza saperlo, e che poi, dopo svariati mesi di gravidanza, si ritrovano catapultate in sala parto a sorpresa, loro, piccole, che pensavano di aver solo mangiato pesante al fast food della sera prima. E allora, mi ripeto: perché non lo scrittore?

Che c’è di male nel trasporre sullo schermo le velleità artistiche di quattro poveri disgraziati presi dalla strada, che si commuovono e strabuzzano gli occhi al cospetto di altrettanto presunti scrittori affermati che, ci scommettiamo, nessuno di loro ha mai letto sul serio?

Del resto, non si tratta poi di ripetere più o meno lo stesso meccanismo messo in gioco dalla rete, quotidianamente? Grazie ai semprevivi social network, chiunque può pubblicare una sua poesiola o

un estratto del proprio romanzo nel cassetto, e passare il pomeriggio aspettando la sfilza di like e apprezzamenti e commentini giubilanti che servono per appagare l’ego dell’apprendista tuttofare, nutrendosi così di nuove insindacabili prove (provate?) d’artista.

Se è questa la società in cui ormai da tempo viviamo, perché accanirsi contro Masterpiece e i suoi cinquantenni scrittori in erba? Mi si potrà obiettare che probabilmente il libro di cotal Nikola Savic, perfettissimo esimio signor nessuno, verrà pubblicato da una casa editrice appartenente a un grosso marchio editoriale, e che da domani farà bella mostra di sé sugli scaffali delle più frequentate catene

di librerie italiane se non addirittura, chissà, internazionali. Ebbene, questo è vero, ma pensiamo a quante altre inutili pubblicazioni invadono oggi il mercato editoriale! Pensiamo a quanti figli di e fidanzate di si ammantano di gloria gratuita ogni settimana, col loro bel libretto confezionato di soppiatto, per famiglie à la page! Almeno, mi tento in una giustificazione abusiva, da bastian contrario, da avvocato del diavolo, questo cotal signor nessuno Nikola Savic “c’ha messo la faccia”,

per così dire: ha passato mesi sul grande schermo, s’è fatto prendere in giro, consapevolmente o meno, da mezza penisola, ha finto di impegnarsi ordinatamente nei compitini più insulsi che gli sono stati assegnati durante mesi e mesi di programma televisivo: scrivi un racconto in quindicimila

battute che abbia per tema Federico Fellini, scrivi una pagina A4 come se tu fossi un gatto siamese, scrivi una lista della spesa in aramaico, ecc.





La giuria di Masterpiece: Giancarlo De Cataldo, Taiye Selasi, Andrea De Carlo


Avete una vaga idea della noia e della fatica reale che questo clima da seconda elementare con pretesa da Premio Strega possa aver comportato per il fisico e per la mente di un essere umano, seppure stiamo parlando, è bene ricordarlo sempre, di un ragazzone spettinato con l’accento balcanico, “a cui è stata puntata una pistola alla tempia” e che da allora ha smarrito il senso della paura, e insieme, probabilmente, poco si ritrova in tasca anche quello del pudore?

Suvvia, lor signori, conserviamo ancora un briciolo di coerenza! Non sarà certo Masterpiece ad affossare il macilento e oltraggioso andamento editoriale odierno; non sarà lo “sgrammaticato” vincitore de noantri a denigrare il serio ruolo della scrittura d’oggidì, non saranno queste, si spera, le vere letture delle famiglie italiane moderne. Ah, già, dimenticavo: le famiglie italiane odierne non

leggono affatto. Gli scrittori, o aspiranti tali, quelli, preferiscono al limite guardarli alla tv.

È troppo facile, così.

 

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Primo Piano

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006