SPAZIO LIBERO
SGUARDO DEL SUD (4)
La ricerca
dell’acqua dei sogni
e delle parole
nei versi di Rocco
Di Poppa


      
Un ricordo, nel ventennale della scomparsa, del poeta nato a Venosa e barese di adozione dal 1961, che aveva significativi vincoli amicali con Leonardo Sinisgalli. Tecnico nell’Ente Irrigazione di Puglia, Lucania e Irpinia, egli si è dedicato alla poesia in età matura, destreggiandosi tra l’antico e il moderno, decantando e rimarcando i limiti della civiltà agreste (la fame, l’arsura, l’emigrazione, l’abbandono). La dialettica dei sentimenti e i valori della sua cultura pratica hanno assecondato un lirismo che in lui era quasi un fatto fisico.
      



      

di Anna Santoliquido

 

 

L’amore fiorisce

con l'uva matura

che a grappoli pende nella vigna

come una promessa.

“Settembre”

 

Di recente ho riletto le opere di un Maestro delle “mie latitudini”. Il mio intervento, per parafrasare Leonardo Sinisgalli, “è un atto di devozione” a un autore che ho conosciuto e di cui ricordiamo il ventennale della scomparsa. Rocco Di Poppa (1916-1994), venosino di nascita e barese di adozione dal 1961, aveva saldi legami con l’ingegnere-poeta di Montemurro. Vincoli amicali che si riverberano nella scrittura.

Sinisgalli, nel volume Imitazioni – dall’Antologia Palatina (Edizioni della Cometa, Roma, 1980), scrive che: “Ci devono essere scambi / premurosi tra vivi e morti”. Ed è uno scambio premuroso quello che mi accingo a presentarvi. Rocco mi porge le sue sette sillogi ed io gli restituisco alcune osservazioni, sapendo di compiere “un’operazione di transfert”, timorosa di non afferrarne la grazia e lo scintillio. Mi sono chiesta quali fossero le qualità che un autore deve possedere per interessare il lettore. Il Nostro è stato un tecnico che si è dedicato alla versificazione in età matura. La prima silloge La mia terra, 1975, è un corpus di 50 liriche poi confluite, con i testi di Orme di sole e Controluce, nel libro Poesie, stampato nel 1980 dalle Arti Grafiche Laterza di Bari, per conto del Comune di Venosa.

Rocco si è formato in un luogo fertile di storia e di poesia. La Magna Grecia, Orazio, le Accademie, Maranta, Tansillo, La Vista hanno lasciato un patrimonio culturale cospicuo. A Venosa, nel secondo Novecento, l’attività delle Editrici Osanna, Appia 2, di poeti come Vincenzo Leggieri, Rosa Maglione, Domenico Chieffo hanno alimentato una fiaccola che ancora rischiara. Cugino del poeta Enzio Di Poppa Volture, aveva un estro speciale nel coltivare i rapporti umani e intellettuali. Massimo Grillandi e Vittorio Vettori erano suoi interlocutori.

In lui vita e scrittura sono in sintonia. La sua è poesia colloquiale. L’estrazione sociale e la professione (ha lavorato nell’Ente Irrigazione di Puglia, Lucania e Irpinia) lo hanno reso paladino della terra e dell’acqua. L’esaltazione degli elementi naturali è condotta con mano leggera. Un requisito che ricorda la lirica sinisgalliana e dei greci come Leonida, Callimaco, Bacchilide e Nosside. Piante, fiori e minutissimi animali hanno la dignità delle stelle del firmamento (“Una lumaca”, in Poesie, p. 21).

La povertà, il lavoro nei campi, l’armonia familiare, la bellezza del paesaggio, la morte sono le tematiche da cui parte una scrittura che diventerà sempre più lieve, da sconfinare nell’onirico e nel trascendente.

Rocco ha fede in Dio e nella parola che considera alleati poderosi. Egli non impreca al destino né invoca il nichilismo, pur non sottraendosi alla denuncia e alla protesta (“Protesta contadina” e “Mare malato”, in Poesie, pp. 31-32 e 34). Le case contadine sono rivisitate con amore filiale. Il mutamento della società lo amareggia, per l’appannamento dei valori e la distruzione del pianeta. La precarietà del lavoro e l’emigrazione sono di scottante attualità.

Rocco si stupisce dinanzi alla natura, rivelando un animo gentile che impressiona il lettore (“Paura del sonno”, e “Una lacrima”, in Poesie, pp. 83 e 94). Alla nostalgia del ritorno al paese natale si interseca la solitudine di chi è atteso solo dal silenzio (“Ritorno ai luoghi d’infanzia”: “Ti senti solo / in un deserto di ceneri. / Le mani che stringono / immemori silenzi. / E una voglia assurda di morire / a farti compagnia”, in Poesie, p. 88). Egli sprona l’uomo al rispetto del prossimo e di ogni essere vivente: “Le loro sofferenze / addolorano Dio” (“Genesi”, in Poesie, p.105).

 

 

foto7.jpg (25524 byte)

 

Rocco di Poppa ritratto da Andrea Filippetti

 

 

Il balcone della memoria, sua quarta raccolta (Edizioni Osanna Venosa, 1986), si apre con lìomaggio a Sinisgalli, il “migratore che tornava / al paese ogni estate” (“Leonardo Sinisgalli”, pp. 7-8). La memoria, il sogno, il futuro incerto dei giovani, i derelitti, la morte e la salvezza condiscono versi imbevuti d’acqua e di speranza: “amo scaturiggini dell’acqua / dai meandri della roccia” (“La vita che rinasce”, p. 19). L’indifferenza degli uomini al dolore cosmico è un tema fondamentale di questo libro. La parola si fa alveo che accoglie le ansie e le illuminazioni del poeta. I versi sono preghiera. La neve che copre i morti del terribile sisma del 1980 sembra cadere anche sui componimenti e sul corpo del poeta che si aggira tra i paesi lucani dove “speranze e sogni / (...) muoiono all’alba” (“Acerenza”, p. 44).

La nostalgia degli affetti e degli amori giovanili alimentano pagine dense di ricordi e di rimpianti. Tra i ritratti ameni vi sono quelli del poeta di Montemurro (“Al funerale del poeta L. Sinisgalli” e “Nel paese del poeta”, pp. 23-24 e 25) e di “Zia Filomena” il cui “cuore era caldo / come nido di rondine / e più tenero di una carezza” (p. 51). La tenerezza e lo sguardo all’altro rinforzano il senso civico nel lettore, consentendogli un ruolo attivo nella fruizione.

Tra gli interlocutori di Di Poppa vi è lo scrittore Raffaele Nigro di Melfi che firma la prefazione a I sogni dell’anima (Edizioni Appia 2, Venosa, 1990). Rocco rivede il passato nella casa paterna (con gli affetti e le privazioni) e gli anni trascorsi al fronte. Al pensiero assillante della morte oppone la malia della poesia e la vicinanza di Dio.

La Basilicata e Venosa sono le sue muse ispiratrici. I versi, impregnati di fede e di magia, sono le spighe di grano di un uomo ‒ “sognatore e visionario” ‒ che s’incanta al “sorriso scarlatto” dei gerani (“Un sorriso scarlatto”, p. 65). Rocco è poeta d'amore, con una forza espressiva degna dei grandi lirici del Novecento (come Penna e Ungaretti). Nel panorama lucano attuale mi sembra che sia Franco Tilena di Ferrandina l’autore a cui meglio rapportarlo (soprattutto per il candore dell’animo, l’attaccamento alla natura, il “velato” erotismo e la levigatezza della parola).

La memoria ‒ che rigenera il cuore ‒ aiuta il poeta a combattere i “lugubri pensieri”, donandogli “le esaltanti emozioni” che ravvivano il tempo che gli resta. La poesia (con ascendenze romantiche) vince la morte, in quanto ghermisce il corpo e non l’anima.

La sesta raccolta edita da La Vallisa di Bari nel 1992, con prefazione di Daniele Giancane, ha il tempo e il credo per pilastri. Sulle ali del tempo alterna la vivacità del passato alla malinconia del presente illuminato da improvvisi bagliori per la stesura di un verso o il ricordo di un volto amato. Alla “sublime incoscienza” della giovinezza si contrappongono le “ore vuote”, i “pensieri annoiati”, i turbamenti e la certezza che la fede sia “più forte della vita, / più lunga del tempo”.

Di Poppa vive gli anni del tramonto come un pittore che proietti se stesso sulla tavolozza. I versi si tingono d’autunno e intrecciano ghirlande di rimpianti e rosari (“il cielo si conquista giorno per giorno”: “Un giovane prete”, p. 45).

Il cuore-lago recupera le immagini dell’acqua (“Nella valle del Basento”, “Per sapere di me”, “L’indifferenza”) che riflettono il vissuto di ingegnoso progettista di laghi artificiali (le prime liriche, annota il collega e amico Rocco Porreca in postfazione, le scarabocchiò “su un libretto tacheometrico”). Il corpo cede alla stanchezza, ma lo spirito si aggrappa all’immaginazione che sortisce testi dolenti (“Verso l’ultimo tramonto”) profumati di mentastro (“Lucania”).

La sua scrittura, come tenera pianta di grano, cresce e si fortifica agli occhi del lettore. Rocco ha raggiunto una cifra immediata e umana, fruibile da ogni stratosociale. L’identificazione con la poesia denota una passione della stessa intensità del trasporto per la Lucania.

 

 

 

 

L’ultima pubblicazione risale al 1994. Oltre l’azzurro (La Vallisa) apparve pochi giorni prima della morte del poeta. L’immagine di copertina (il campanile della cattedrale di Venosa) del pittore Andrea Filippetti e la prefazione di Franco Calabrese sono un felice preludio alle liriche. Il testo si è fatto ancora più essenziale, alla guisa di frammento ed epigramma.

La lotta con il nulla, l’invecchiamento, le ombre che tentano l’assalto si scontrano con i rigurgiti della carne e del sogno (Katia, Margherita, la fanciulla della “mammola appassita”, la donna araba). Il profilo della morte e la voglia di vivere sottolineano l’umanità di una figura “nel moto  affaticato del  cuore” (“L’amore è una pioggia”, p. 57).

La presenza delle nipotine procura gioia al poeta che compone versi cromatici e sonori. Il giallo del grano e delle ginestre, il rosso dei papaveri, il verde delle erbe della Murgia, il rosso voluttuoso dei gelsi e delle more, le sfumature dei campi e del cielo ricordano le tele di Michele Ardito anch’egli innamorato della terra della luce. Rocco si porta dentro i suoni. Accade che i ricordi rompano il silenzio e sussurrino parole “di dolcezza antica” (“Il vento alle spalle”, p. 89).

Nei guizzi di vitalità Rocco si rivolge al sociale e considera lo sbarco dei migranti (“Esodo dall’Albania”). Oltre l’azzurro è la sintesi della sua esistenza che rivede come in una fiaba: “Torna alla memoria l’azzurro. / La vita. / L’amore che riempiva i giorni. // E felice li rivivo / come in una fiaba” (“Realtà e sogno”, p. 105).

Il cercatore d’acqua ha inumidito i versi e il cuore del lettore che non resta estraneo al messaggio. Fiumi e torrenti assurgono a metafora di un’esistenza (“Nel regno delle illusioni”, p. 109).

La parola, asseriva Gianni Rodari, ha “valore di liberazione”. Il Nostro, segnato profondamente dalle memorie dell’infanzia e dall’ansia del divenire, si affida al fiume della poesia che, scorrendo, lava e ristora.

E se è vero che “il linguaggio veicola soprattutto un determinato atteggiamento nei confronti della realtà e non sarà dunque mai neutrale rispetto ad essa” (Coletti, 1978), Rocco ci ha introdotti nel suo laboratorio semantico e formale che è storia di uomini e di cose. Miti e cicli sono stati resi con parole semplici e talora doloranti. Le considerazioni metafisiche sulla natura, le interpretazioni dei moti dell’animo, la difficoltà di coprire la distanza, “l’amore romantico, quotidiano” (Contini) per il genere umano sono le chiavi di accesso ad un mondo in via di estinzione.

Di Poppa si è destreggiato tra l’antico e il moderno, decantando e rimarcando i limiti della civiltà agreste (la fame, l’arsura, l’emigrazione, l’abbandono). La dialettica dei sentimenti e i valori della sua cultura pratica hanno assecondato un lirismo che è quasi un fatto fisico. Con la ricerca dell’acqua, dei sogni e delle parole ha costruito un universo poetico che esalta la bellezza e la genuinità della regione di origine.

Andrea Filippetti, custode delle sue carte, ha rinvenuto degli inediti a cui daremo visibilità in concomitanza del centenario della nascita.

In questa occasione ho tentato un bilancio, passando per le intermittenze del cuore, desiderosa di carpirne lo charme entro cui si annidano la verità e i sogni.

 

 

 

* Relazione di Anna Santoliquido per il ventennale della morte del poeta lucano Rocco Di Poppa. Alla manifestazione, organizzata a Bari il 22 marzo 2014, dal Movimento Internazionale “Donne e Poesia” e dalla Sezione “Puglia-Basilicata” del Sindacato Nazionale Scrittori, nell’ambito della “Giornata Mondiale della Poesia”, sono intervenuti Prospero De Franchi, Andrea Filippetti, l’Assessore del Comune di Bari Rocco De Franchi, Emilio Tafaro e numerosi altri esponenti del mondo culturale pugliese e lucano.




Scarica in formato pdf  


      
Sommario
Spazio Libero

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006