TEATRICA
SAGGIO-MANIFESTO

L’opera colta
nel suo farsi.
“La confusione”.
Testo linguistico
per il teatro-danza. (1)


      
La prima parte di un ampio scritto elaborato in chiave teorica ed esemplificativa circa un metodo di prassi teatrale che postula la stretta connessione tra il lavoro in scena sulle azioni fisiche e quello sulla drammaturgia che deve scaturire dal ‘processo organico’ attivato dall’attore/danzatore. È questa l’essenza di un ‘teatro totale’ in cui anche l’uso della didascalia è concepito non per i suoi lati descrittivi o informativi, ma per la sua funzione pragmatico-espressiva.
      




      

di Alfio Petrini

 

                                                                       

Elementi di progettazione. (1)

 

Il lavoro sulle azioni fisiche. Non so se il lavoro sulle azioni fisiche applicato alla scrittura drammaturgica sia il migliore. È quello che  pratico. L’opera “La confusione”, destinata al teatro-danza, è colta nel suo farsi. La metodica di lavoro salta, dunque, in primo piano. Quattro le parti del racconto: 1) elementi di progettazione; 2) il processo di scrittura drammaturgica; 3) il testo linguistico; 4) note a margine. La realizzazione del testo linguistico nella prospettiva del teatro totale segue una traccia che ha come scopo fondamentale il controllo della materia linguistica.

 

1. Elaborazione della fabula generale, articolata in macroazioni fisiche;

2. divisione della fabula generale in sequenze o scene;

3. passaggio dalla fabula generale alle fabule delle sequenze per eventuali modifiche;

4. passaggio dalle fabule delle sequenze alla fabula generale per eventuali modifiche;

5. individuazione dello spazio scenico di riferimento;

6. attribuzione di titoli ai corpi sonori in funzione di stimolo;

7. frammentazione delle azioni fisiche di ogni sequenza in segmenti più piccoli per essere ricondotti a unità organiche di struttura;

8. specificazione di qualità delle azioni fisiche, concepite in termini di rigorosa essenzialità;

9. combinazione di segni verbali e di segni non verbali, in funzione della comunicazione chiara e della comunicazione oscura, con l’uso accorto delle didascalie;

10. autogestione del processo organico con riferimento costante alla dualità della natura e della cultura umana;

11. verifiche intermedie e finali;

12. ri-scritture del testo linguistico;

13. ri-facimenti;

14. distillazione della materia linguistica fino alla imperfezione finale.

 

 

Le verifiche. Il processo di scrittura drammaturgica fondato sulla azioni fisiche necessita delle seguenti verifiche intermedie e finali.

 

1. La logica e la concretezza della fabula generale;

2. la logica e la concretezza delle fabule delle sequenze;

3. la corrispondenza tra titoli e fabule delle sequenze, tra fabule delle sequenze e fabula generale;

4. la logica e la concretezza dei titoli assegnati in questo caso ai corpi sonori in funzione di stimolo;

5. la funzionalità espressiva dello spazio scenico;

6. le tecniche dettate dalle necessità artistiche: frammentarietà, opposizione, equivalenza, simultaneità, sintesi;

7. la frammentazione delle azioni fisiche;

8. la concretezza e la credibilità delle specificazioni di qualità riferite alle azioni fisiche;

9. la combinazione delle azioni fisiche ricondotte a unità organiche di struttura;

10. il ritmo e l’energia delle azioni fisiche;

11. la corrispondenza tra le unità organiche di struttura e lo sviluppo delle sequenze in funzione della comunicazione chiara e/o della comunicazione oscura;

12. la combinazione di segni verbali e non verbali in funzione del processo di comunicazione che prefigura il come della scrittura scenica;

13. il movimento della creazione artistica: dal fare al dire, dalla cosa al come, dal materiale all’immateriale;

14. la coerenza dei personaggi sulla linea delle azioni fisiche;

15. la forma dell’indicibile;

16. la forma dell’invisibile;

17. la forma dell’impalpabile;

18. il  rapporto tra scena materiale e scena immateriale;

19. il livello di ascolto tra i personaggi;

20. il ritmo e l’energia delle azioni fisiche in funzione espressiva, fino alla danza e/o al canto;

21. il montaggio delle sequenze;

22. la vocazione teatrale del testo;

23. la eliminazione di scorie riguardanti la spiegazione e la descrizione di fatti, eventi, sentimenti e psicologie;

24. il trattamento ‒ diretto (da parte del drammaturgo) e di rimbalzo (da parte dell’attore/danzatore) ‒ dei personaggi come lessemi;

25. la coerenza tra detto e non-detto, tra sapere e non-sapere;

26. il comportamento poetico, a base sensibile assunto dallo scrittore nell’atto di raccontare la storia;

27. il livello di orientamento di cui si è caricato il testo.

 

La verifica finale riguarda l’opera inteso, non come oggetto confezionato secondo le modalità di un determinato genere, ma come testo linguistico frutto di un processo organico, quindi dinamico. Non finito, perciò infinito. Un testo destinato a vivere nel rapporto di collaborazione con la scena, nella prospettiva non della messa in scena ma della messa in vita.

                                                                                              

Il processo. Il drammaturgo scrive per l’attore/danzatore, non scrive per lo spettatore. Il grafo del processo organico che interessa l’attore/danzatore ‒ ma che il drammaturgo deve conoscere ‒, sarà indicato più avanti con alcune sostanziali differenze rispetto alla scaletta che segue. Questa si riferisce al processo organico messo in atto dal drammaturgo che intende scrivere un testo linguistico destinato al teatro totale, nel caso specifico al teatro-danza.  

  

Azione fisica come stimolo esterno.

 

Frammentazione dell’azione fisica

e ricomposizione dei frammenti in unità organiche di struttura.

 

Individuazione delle specificazioni di qualità dell’azione fisica.

 

Dilatazione del corpo e della mente

attraverso l’occhio e l’orecchio interiori.

 

Autogestione del processo organico.

 

Controllo della struttura

per tenere vivi ritmo ed energia,

per alimentare la tensione guidata del conflitto,

per badare alle interiora più che alle interiorità,

per utilizzare ciò che conosco e ciò che non conosco ma che mi appartiene,

per conservare la contraddizione irrisolta,

per essere presente e assente,

per essere partecipe e distaccato,

per abitare qui e altrove,

per essere l’uno e l’altro.

 

 Frammentazioni ulteriori,

sostituzione di azioni fisiche,

elaborazione di nuove strutture,

per ri-fare un nuovo processo organico di scrittura drammaturgica.





Living Theatre: Antigone


La percezione e l’ascolto. I piedi sono molto importanti dal punto di vista percettivo. Non solo per me che scrivo, ma in prospettiva anche per l’attore/danzatore al quale è destinata la scrittura drammaturgica. E la capacità di ascolto del personaggio è altrettanto importante. La capacità di ascolto dei suoi bisogni: camminare, cantare, gridare. Solo dopo, nella fase di definizione delle specificazioni di qualità dell’azione fisica, vedo con gli occhi della vista interiore un dettaglio del corpo o il corpo nella sua interezza. La dilatazione del corpo e della mente (in funzione del linguaggio estensivo che può arrivare fino alla danza e/o al canto) mi consentono di autogestire l’azione fisica con tutto il suo carico di energia e di ritmo che l’attore/danzatore ‒ a partire dal tronco ‒ trasmetterà in modo appropriato alla parte del corpo che agisce, cioè che compie l’azione fisica, e in quantità più limitata alla parte del corpo che l’accompagna.

 

Dal fare al dire. Se i personaggi sono due, mi chiedo: qual è l’azione fisica del personaggio che agisce per primo? Qual è la reazione dell’altro personaggio? Quale bisogno spinge l’uno e l’altro a compiere quelle determinate azioni fisiche? E quali sono le specificazioni di qualità da attribuire a ciascuna azione fisica? Frammenta le macroazioni, mi dico. Studia i dettagli. Mettili insieme. Procedi lentamente. Azione dopo azione. Struttura dopo struttura. Lascia perdere le battute, momentaneamente. Potrai procedere in modo credibile soltanto se ti chiederai cosa fa il personaggio, non quello che dice, perché il dire discende dal fare; e poi, se userai la mente, non la ragione; se riuscirai a trasformare il desiderio in pensiero e il pensiero in desiderio; se userai le tecniche giuste; se combinerai in funzione espressiva i segni; se combinerai le azioni fisiche in funzione della comunicazione chiara e/o della comunicazione oscura; se tratterai i personaggi non come organismi vivi sottoposti al pompaggio dei sentimenti, ma come lessemi. Ogni azione che fa parte di una determinata struttura deve essere logica e concreta per risultare credibile. La materialità dell’azione fisica che porta con sé ritmo e energia, pensiero e sangue, percezione sensazione psicologia e sentimento, è la linea sulla quale viaggia la immaterialità del bisogno umano e prefigura il come della futura scrittura scenica, opera del regista.

 

Posso sperare di conseguire risultati apprezzabili in termini di credibilità delle forme soltanto se fornirò all’attore/danzatore strutture stimolanti, mettendolo nella condizione di ridefinirle e di personalizzarle nel corso del lavoro di scrittura del suo testo fisico. Il passaggio dal testo fisico del drammaturgo al testo fisico dell’attore/danzatore comporta una pratica di fondamentale importanza, ma molto trascurata, se non addirittura ignorata.

 

La didascalia. La didascalia è un elemento importante della scrittura drammaturgica nella prospettiva del teatro totale. La tradizione teatrale considera la didascalia come parte del discorso narrativo del testo drammatico che ha il compito di dare indicazioni agli attori e ai registi sui toni delle battute, di abilitare la trasformazione della parola scritta in parola parlata, di favorire il linguaggio logico-discorsivo d’impianto naturalistico. Sulla base di tali presupposti la didascalia suggerisce all’attore informazioni sul personaggio, descrivendo il suo aspetto, il modo di fare, gli interlocutori, la posizione sociale, i sentimenti, le psicologie, i pensieri. Fornisce inoltre suggerimenti riguardanti la scenografia, le luci, i costumi, le musiche, il trucco, le maschere. Scopo finale: produrre un’adeguata ambientazione, indicare un determinato periodo storico, sviluppare una narrazione ricca di corredi e di atmosfere accattivanti. Mi riferisco alla didascalia dello spettacolo d’intrattenimento, del teatro legato alla logica discorsiva della parola, alla messa in scena del testo, al teatro come rappresentazione.

 

Il mio maestro Giorgio Strehler, regista della grande tradizione del teatro d’arte, ha sempre utilizzato scenografie, suoni, costumi, oggetti e luci come codici espressivi, alla ricerca di una dimensione poetica, mai come elementi di ambientazione. A questo proposito ricordo le delusioni vissute assieme a Luciano Damiani al Piccolo Teatro di Milano. Il sogno (mai realizzato) era quello di avere a disposizione sin dal primo giorno di prove l’impianto scenico e i costumi per poterli modificare nel divenire del processo di scrittura scenica. Il loro modo di concepire e di fare teatro escludeva ogni forma di decoro, di ornamento mimetico e di atmosfera, contrariamente a quanto avveniva (e avviene ancora) nella pratica dello spettacolo d’intrattenimento, dove persino il personaggio era (ed è) a volte accessorio, dove tutto doveva (e deve) essere ragionevole o cosciente per essere bello, dove il riferimento alla natura avveniva (e avviene) in termini di mimesi dell’apparenza e dell’esteriorità.

 

In regime di libertà ciascun drammaturgo è libero di scegliere la metodica di  scrittura che ritiene più convincente e produttiva. Penso tuttavia che l’uso della didascalia poc’anzi ricordata sia funzionale ad una drammaturgia che guarda con interesse ai processi di astrazione legati alla mimesi della natura. Nell’ambito dei testi linguistici scritti nella prospettiva del teatro d’arte e più specificatamente delle variegate forme di teatro totale la didascalia va al di là delle indicazioni fisionomiche, psicologiche o sociologiche. Serve a indicare le azioni fisiche del personaggio e a mettere in preventivo un insieme di segni verbali e non verbali, prefigurando una miscela linguistica eterogenea a beneficio della comunicazione chiara e/o della comunicazione oscura.

 

Ecco un passaggio  di Finale di partita di Beckett: “Clov scende dalla scaletta, si dirige verso i bidoni della spazzatura, torna verso la scaletta, la prende, ci ripensa, la rimette a terra, si dirige verso i bidoni, solleva il lenzuolo che li ricopre, lo piega accuratamente e se lo mette sul braccio. Solleva un coperchio…”. Questa didascalia conferma la specificità del lavoro sul comportamento dei personaggi. Le parole spesso o non dicono il vero o funzionano come maschere, croste, involucri delle verità nascoste.

 

Le rare pubblicazioni riguardanti la didascalia espongono il sapere in forma estatica, ancorandola ad una visione drammaturgica univoca, circoscrivendone l’uso e limitandone i risultati. Esaminano soltanto la  funzione pragmatico-descrittiva o pragmatico-informativa della didascalia, ancillare rispetto al testo, ancorandola agli elementi sopra indicati: intonazione, gesto, movimento, atmosfera, chiarezza di significato. Escludono dal campo di osservazione la funzione pragmatico-espressiva come parte integrante ed essenziale della tessitura di segni nella prospettiva scenica della  pluralità del linguaggio, della poesia, del mistero: in una parola, della bellezza.

 

Dunque, la didascalia pragmatico-descrittiva o pragmatico-informativa suggerisce all’attore il tono delle battute (‘triste’, ‘allegro’, ‘deluso’, ‘ironico’) e presuppone, come ho già detto, la trasformazione della parola scritta in parola parlata, accompagnata da un corredo di gesti e di movimenti legati al velo della superficie. La didascalia pragmatico-espressiva esalta invece la centralità dell’azione fisica con tutto il suo carico di energia espressiva; è funzionale all’uso di un sistema variegato di segni; favorisce la ricerca della dimensione materiale e immateriale della natura e della cultura umana; consente di prefigurare un pregnante rapporto di collaborazione tra testo e scena nel riconoscimento dell’autonomia che distingue la scrittura drammaturgica (di cui è autore il drammaturgo) dalla scrittura scenica (di cui è autore il regista).





Antonio Rezza: Pitecus


A supporto del ragionamento sulla didascalia e a chiarificazione del lavoro sulle azioni fisiche applicato alla scrittura drammaturgica che può arrivare fino al canto e alla danza fornisco un altro esempio di didascalia pragmatico-espressiva tratto da un mio testo, ‘Thauma’. “Corpo sonoro: ‘L’arte della fuga’. Un buffo rumore sembra essere generato dal rapido avvicinamento di un buffo oggetto che  provoca negli abitanti del paese immaginario un crescendo di curiosità e di preoccupazione. Le pareti si gonfiano come vele. Pulsano. Accompagnato da due scatenati percussionisti, arriva Carlo, abile nel fare capriole e nel disegnare imprevedibili passi di danza. Il rumore metallico è prodotto dai ferretti fissati sui tacchi delle scarpe. Le evoluzioni non tengono conto del ritmo delle percussioni e accrescono l’indignazione generale. Federico è terrorizzato. Le foglie dell’agrumeto fremono. I tappi saltano dai buchi. Campane, campanelli e campanili entrano in delirio. Il Grande Cedro interrompe la produzione del sidro miracoloso, provocando un penoso tumulto popolare. Carlo mette per cappello la pentola dello spezzatino sulla testa della Buona Padrona di Casa, provocando l’acrobatica felicità del Gatto e del Maiale. Afferra per il naso il Guardiano dei Buchi e lo porta a spasso per la cucina, mentre i bambini lo prendono a calci e gli lanciano i limoni contenuti nel sacco, che esplodono come fossero bombe a mano”.

 

Il silenzio riempito. Nel corpo del testo linguistico non uso più la parola pausa, ma l’espressione silenzio riempito. La pausa presuppone un’interruzione momentanea dell’azione (visibile o invisibile) del personaggio, del suo movimento di pensiero e di desiderio. Induce l’attore sprovveduto a tacere per alcuni secondi, a fare una pausa di riposo, come se fosse possibile assumere un atteggiamento neutro, una interruzione della comunicazione espressiva, un vuoto di senso. Insomma una pausa di vita. La parola pausa suggerisce un tempo morto, un silenzio vuoto che contraddice il flusso continuo della vita organica, con i suoi ritmi e le sue energie. Utilizzo la dizione silenzio riempito perché voglio suggerire un impegno, stimolare l’attore/danzatore a riempire il silenzio e la stasi apparente con una vita interiore profonda, richiamare l’attenzione su qualcosa d’indicibile. Il silenzio riempito è un punctum con il quale si può colpire, entrare, conquistare il cuore e la mente dello spettatore.

 

Il luogo della finzione scenica. La individuazione del luogo in cui si svolgono i fatti è per me contestuale alla nascita della idea o immediatamente successiva alla stesura della prima fabula. Se non determino lo spazio scenico, non so pensare per trame, non so immaginare i personaggi, non riesco a vedere le loro azioni fisiche, quindi non riesco a organizzare le strutture e a sviluppare la manovra nel suo complesso. Porto tre esempi estrapolati dalle opere che ho pubblicato di recente sotto il titolo ‘L’ombra di Dio’ (Titivillus, 2009).

 

Thauma. “Una cucina, con un davanzale sulle linea del boccascena. Dal buco di finestra è possibile uscire per ritrovarsi nello spazio appena abbandonato. Spazio incompiuto. In rovina. Somma di possibilità. Luogo delle visioni. Solo pochi oggetti funzionali. Sul davanzale alcuni strumenti musicali, una telecamera digitale per la proiezione in tempo reale delle immagini, un coltello, un fazzoletto bianco, materiali di diversa natura usati dai due musicisti per la produzione di suoni e rumori. Nel disordine della stanza un frigorifero, un fornello a gas acceso, uno scaleo, due aspirapolvere, due scope, quattro riflettori”.   

 

La cosa e la casa. “Compresenze spaziali. La camera della moglie di Zoccolo (opera Sorer): una specie di cassaforte, ferrigna fuori, aurea dentro, che ruota su se stessa. La sala del Consiglio (opera Artifex: ha i pedali, ma non si muove). La Piazza degli Zoccolanti (opera Sub Divo, situata al quadrivio dei venti. Un grande cartellone pubblicitario (opera Imago). Un davanzale (opera In limine, che corre all’infinito sulla linea del boccascena)”. 

 

Crosspoint. “Nella casa della vecchia Sophia: una cucina dalle dimensioni non usuali. Una grande finestra sul fondo e due porte ai lati. Impiccione, Rosetta, Fulvia e la stessa Sophia compiono ‒ senza muoversi dalla stanza ‒ un viaggio nel tempo”.

 

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Teatrica

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006