SPAZIO LIBERO
CINEPRIME – “OLD BOY”
Delitto e castigo,
o meglio castigo
senza delitto


      
Spike Lee ha firmato il fallimentare remake di un celebrato film di Park Chan Wook, Grand Prix al Festival di Cannes. Il regista americano che è stato autore audace, catartico e trans-genere di pellicole come “Jungle fever”, “La 25a ora”, “Inside Man”, ora gira sotto dettatura delle major e si perde dietro e mai dentro una storia di vendetta già (ri)scritta. Qui c’è un carosello di ‘anime morte’ ingabbiate entro uno stile ‘comic-pulp’ che più spettacolarizza e più dilapida la sua ispirazione.
      



      

di Sarah Panatta





Rider on the storm. Elfo di carne sinaptica rombava sulle lost highways del continente “nuovo”. Non si schermiva nel ghetto, lasciava scintillare la dicotomia del silenzio/disordine dell’Io/nazione con la loquela di un blues rappato danzato ri-colorato. Nella vergogna, nella fame, nell’orgoglio. Sembrava il profeta dell’11 settembre, unicum non esecrabile di un cinema patriottico, globalizzato e insieme decolonizzante. Che sapeva prevedere le micro catastrofi intestine di sistemi sociali difettosi, che voleva raccogliere le macerie della propria civiltà, schiacciarle sotto i vetrini di un’analisi scientifica impietosa senza comprimere colpe né ferite, percorrere le “rotte” di un presente nichilista, infervorato dall’automutilazione, fasullo quanto la blandizie di un venditore incallito e disperato.

Tra espressionismo e militanza “sixties” incapsulata in un corredo visivo (s)garbatamente pop. Con lui siamo sprofondati nel Ground Zero del nostro scontento, nella tragedia di polveri cancerogene non solo americane. Sui suoi carrelli straniati siamo saliti fiduciosi, oltraggiati, curiosi di uno sguardo custode non svendibile, perennemente all’erta, pure sulla scogliera ambigua della retorica alta (non si dimentica l’asfissiante preghiera anti-melting pot di Malcom X). Il principe “nero” dell’epos americano post moderno arringa ora il pubblico dei popcorn-movies, lanciando tra gli spalti desola(n)ti delle sale, sui nostri lidi Zalone-addicted (1) , ( ) un’opera sventrata, incoerente, impersonale (suprema onta), boriosa, divertita ma non divertente.

Lontanissimi i tempi della frenesia etica di Inside Man. Sciatto e splatter, tra combattimenti affollati sino al parossismo fumettistico e sgozzamenti ritardati, un Lee sotto dettatura viene sollevato ma non salvato da un maestoso, seppur scoordinato (orfano di regia dopo i primi 40 minuti) Josh Brolin. Lee qui “solo” regista ricalca l’ironia coreana con disarmata fretta, inciampa nei flashback stantii e nelle buche fangose dello script (altro corpo estraneo e in attesa di evoluzioni, insieme a quello del protagonista del film), ritrae gruppi attoriali vivacemente provocatori abbandonati a dialoghi incompiuti, selvatici, slittati. Delitto e castigo, castigo senza delitto. Old boy (2 ) (USA 2013).

Un castello fatto di grate nel limbo di un tempo incontrollabile. Un processo già giudicato, bendato, senza aula, senza giuria di pari. Un’imputazione costruita su uno schermo televisivo, giorno dopo giorno. La verità labile trama, metallica come la rete del letto mangiucchiato dai roditori, disturbata come un canale sintonizzato su un’imprendibile sequenza. Verità di viscere e di specchi. Le unghie ispessite dall’abitudine al graffio su un cemento resistente ma fragile. Dall’attesa spezzata per scardinare una parete dopo l’altra. Le palpebre gravate dall’incubo di un mondo che è irrimediabilmente (o per fortuna?) “fuori”. Una rieducazione alla reazione primordiale. Un uomo rapito e inscatolato, ingozzato a ravioli cinesi e impacchettato da pareti tanto inquietanti quanto uterine. Pedina di un gioco elementare di autopunizione e di amore tradito. Rinchiudimi dentro la cella angusta e lorda della mia anima. E ti dirò come morirai, come morirò, come siamo già morti.

La vendetta va gustata in un piatto freddo. Qualunque sia la portata principale. Il gonfiore barocco e ripetitivo di un cibo immutabile o l’esanime spoglia di una nidiata di topi arrostiti per diletto. Omicidio (?), prigionia, tortura, meditazione, lavaggio del cervello, implosione furibonda, scarcerazione, corsa verso una figlia impossibile, beffa. Viaggio esistenziale crudo di sangue e di lame troppo affilate, condito di relazione edipica e guidato dal decontestualizzato sarcasmo di un deus ex machina privo di carisma, molle “criminal mind” esercitata alla pornografia del Sé. Ritratto lampo e sbavato della società “civile” e del suo complesso di colpa? Gita premio desaturata di qualsiasi elemento letteralmente critico? Compitino sfregiato per mamma Universal?





Old boy. A Spike Lee “joint” firmerebbe l’autore, nella locandina solitamente collezionabile, se la creatura fosse un parto premeditato e amato. A Spike Lee “razzie” diciamo oggi. Strombazzato carrozzone, furto estetico a Kafka e ai manga coreani per qualche lucido ciak, poi degradato involtino quattro stagioni, action membranoso e stanco che inghiotte e non valorizza, nei suoi 104 minuti,  neppure gli ottimi interpreti. Uno spot sproporzionato e scritto da altre già liquidate mani. Old boy, un fake artistico come pochi altri negli ultimi mesi. A cominciare dalla famigerata locandina. Questa volta campeggiata da un product placement fuori taglia (occhio alla valigia da cui sgattaiola il “nostro” eroe, certo non dissimile dai distributori Pepsi in banca in Inside Man). Dogmatico devastatore di ambiguità morali, Lee ci ha educati al fine, spesso didascalico e insolente, verboso, ma fruttuoso intarsio di volti e di aliti densi, sintetici. Fotografie di un egoismo radicato, senza scappatoie, cinico, strutturale. Di relazioni meccaniche e poco eque, tanto meno solidali. Con la passione partecipe e millimetrica di un acrobata provetto che giudica in mezzo alla “sua” platea, rincorrendo, non temendo, primissimi piani.

Old boy scagliato come pietra morta, dopo la pausa erratica di Miracolo a Sant’Anna, riaggancia alla larga i temi caldi di Lee. Razzismo, violenza retriva e sadica, isolamento, menzogna, ideali ostacolati. Tuttavia in superficie, versando un miele acquoso e poco attraente sui contorni di un’opera che si finge, ed è altra sin dall’incipit. Con una digressione/emulazione acida inattesa che inquina la purezza ermeneutica del regista. Virando alla conquista macchiettistica delle inquadrature, Lee rinuncia all’orrore rappreso e alla coerenza narrativa essenziale, sgomenta ma persistente dell’originale coreano (diretto con perizia calligrafica, sottraendo con ferocia inevitabile certezze e futuro – dello spettatore come dei personaggi – ad ogni scena, da Park Chan Wook, Grand Prix al Festival di Cannes). Lo sceneggiatore Mark Protosevich (Io Sono Leggenda; The Cell) getta in pasto all’anonimato un ammiccamento ingenuo a Dumas e un sorriso tetro ai prototipi kafkiani, semplificando la mole simbolica della graphic novel originaria e scostandosi dal complesso valoriale insondabile del film coreano. Spike Lee sfodera una (scarsa) prima ora vertiginosa e a tratti seduttiva, di close up barbarici e curve pericolose, impartita dal crescendo di un pur geniale Brolin/Doucette. Tuttavia si incarta in un’ipercinesi tarantiniana mal conciliata con la necessaria intromissione nella ratio squartata, drogata, avvizzita dei personaggi. E il film è risucchiato dalla coreografia spettacolarizzata degli istinti e dal fulgore deviante di un’imponenza recitativa dilapidata.





Una scena del film diretto da Spike Lee


Divorante anzi divorata la prova di Josh Brolin/Joe Doucette, l’uomo che rapito improvvisamente alla routine, trascorre venti anni nella stessa stanza, enumerando le pietanze come le cicatrici, vivendo di monotonia a base di incrostazioni televisive e di tranelli psicologici perforanti, per poi essere infilato in una nuova multipla tana. Irta di tagliole e di indizi scoperti. Chi lo ha incastrato, piegato, resuscitato e ri(s)cattato? Doucette come Lee, vittime senzienti di una caccia grossa che plasma le prede, le affetta, ricombina, riveste, ridicolizza, mette all’asta sottocosto.

Un perché che si svela da solo, mentre il perché ontologico di un film stucchevole resta sospeso ed esausto.

 

 

 

 

 


(1) Super star delle imitazioni trash nel contenitore di “Zelig” (programma-brand pro merchandising di casa Mediaset, che non mantiene neppure la parvenza decorosa della identità etimologica e del trasformismo artistico dell’opera omonima alleniana), Checco ha raggiunto il maggior incasso ai botteghini italiani di tutti i tempi con la sua seconda fatica cinematografica, Sole a catinelle. Quanto mai onesto, poiché eminentemente alimentare, volgare e compiacente, speculativo autoritratto dell’italiota consumistica cancrena. Ben visibile, ad esempio, nell’opacizzata grumosa moltitudine periodicamente asserragliata alle entrate/uscite dei megastore mono-marca per il lancio dell’ultimo dispositivo I-can. Che ci racconta un mondo di offerte “premium”, sconti e applicazioni invertebrate delle quali il padrone è, nella maggioranza dei casi, perfetto schiavo nonché, ormai, prodotto/cliché comportamentale portatore(in)sano di crisi cieca. Zalone campa sul cliché, lo coltiva e respira, insufflandone fiato caldo e virale in ogni dialogo, inquadratura, volontà, pubblicità, cartellone in ed extra pellicola. Zalone veste e abita il cliché, osa, anzi ostenta senza inganno se stesso, più di commedianti ambiziosi come Veronesi (vedere per non credere, l’ultimo flop L’ultima ruota del carro, nomen omen), i quali tentano di aggirare lo scacco della gratuità del product placement con una scrittura (perfino storico-sociale, sic!) pasticciata, imitativa, scolastica e in-agita, inetta. Si può perlustrare la mafiosa forma mentis dello Stivale lordato da tangenti e da politicanti da mercante in fiera con le stesse prone battute del cabaret anni ’80, tanto ghettizzato e invece tanto ancora vampirizzato? Spike Lee addenta oggi con Old boy questa fetta bolsa della torta, l’audience di taglio trasversale, non solo familiare e adolescenziale (quello del cine-panettone che fu), nutrito dal “luogo comune” di un cinema di intrattenimento grottesco al limite del sepolcrale, stilizzato come un videogame di basso livello e inutilmente prolisso e auto-citazionistico (da Zalone alle saghe twilight-sized). Lee entra di diritto nell’era del cine-contenitore, del film-sottovuoto con data di scadenza, corredato di codici riconosciuti (questa volta il tarantinismo demenziale) e parla acerbo allo smaliziato pubblico blob-velociraptor (di “massa”, per quanto il termine potrà sostenersi) sempre meno affezionato a “generi”, autori e topoi, e sempre più avido di ripetizioni rimescolate. Rassicuranti, allucinatorie, asettiche.

(2) OLD BOY. Regia di Spike Lee. Con Josh Brolin, Elizabeth Olsen, Samuel L. Jackson, Sharlto Copley, Michael Imperioli, Linda Emond, James Ransone e Pom Klementieff. Sceneggiatura di Mark Protosevich. Prodotto da Roy Lee, Doug Davison e Nathan Kahane. Una Produzione Vertigo Entertainment/40 Acres and a Mule. USA 2013. Durata 104’.

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario
Spazio Libero

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006