PRIMO PIANO
ADDII
La strada solitaria
e controcorrente
di Roberto
Di Marco


      
Si è spento lo scorso dicembre a 76 anni lo scrittore siciliano, tra i protagonisti della Scuola di Palermo che partecipò alla fondazione del Gruppo ’63. Autore e teorico di forte impegno politico e di impronta materialista, è rimasto nel corso dei decenni in posizione orgogliosamente antagonista al mercato e alla letteratura mainstream. I suoi romanzi o antiromanzi intrecciavano il testo con un iperbolico commento che finiva per vampirizzare o decostruire il tracciato narrativo. Ancora negli anni ’90 fu tra i promotori dell’antologia “Terza ondata” per dare sponda e sostegno alla scrittura sperimentale in Italia.
      



      


di Francesco Muzzioli

 

 

Roberto Di Marco ci ha lasciato il 17 dicembre. È uno degli intellettuali più rigorosi e tenaci che io abbia conosciuto. È uno che non ha ceduto di un millimetro agli ammiccamenti dell’incultura dominante, anche a costo di finire ignorato dagli organi della comunicazione. Sarà importante riprendere e ragionare sui suoi scritti, sia quelli teorici che quelli narrativi (o antinarrativi).

Per il momento riassumiamo il suo percorso, coerente e combattivo. Roberto Di Marco comincia con la Scuola di Palermo, in compagnia di Perriera e Testa; sono giovani per niente provinciali, che hanno letto molto e hanno voglia di sfide e di partire per la tangente. Hanno anche la fortuna di incontrare l’onda della neoavanguardia, la loro antologia esce da Feltrinelli qualche mese prima della fondazione del Gruppo ’63.  Di Marco, che fa anche attività politica, va subito a far parte del versante materialista, cha alla fin fine conta su pochi elementi (in particolare lui e Sanguineti). La sintesi della sua posizione si trova nel saggio Ipotesi per una letteratura di contestazione, dove alla letteratura affida un compito rivoluzionario, sia pure interno a un “processo di costituzione dato” e lo fa con un linguaggio tutto suo e però senza mezzi termini, parlando di “contestazione” e di “dissenso”. Il saggio esce a puntate sulla rivista «Marcatré» tra il 1964 e il 1966: sarebbe stato un agile libretto da pubblicare come vademecum e lo sarebbe ancora se ci fosse qualcuno che comprendesse quel vocabolario… Nel Sessantotto ci sarà la svolta verso la priorità della politica (ma in fondo in Di Marco c’è sempre stata); poco prima, nel 1967, ha fondato con Leonetti la rivista «Che fare», in polemica con le incertezze dei neoavanguardisti di «Quindici»; poi, sull’onda dei movimenti, va ad aderire al Partito marxista-leninista. È proprio in quel periodo di grandi entusiasmi ma anche di scelte difficili che l’ho conosciuto la prima volta. Uno dei rischi di quel periodo era di giudicare in blocco tutta la letteratura come compromessa con il nemico di classe. In realtà Di Marco evitò un simile dogmatismo attraverso la teoria del “decentramento permanente”, ossia l’idea che il testo possa essere abitato tenendo presente che il suo centro è all’esterno, non sta in qualche supposto valore estetico ma nella complessità, anche contraddittoria, del livello politico-sociale.

Dopo il duro periodo degli anni Settanta e dopo la dispersione delle istanze antagoniste, il cerchio si stringe ancora di più attorno alla cultura e alla letteratura, che effettivamente passano completamente nelle mani dei manager e del mercato. Quando a metà degli anni Ottanta Di Marco interviene al convegno di «Alfabeta» su “Il senso della letteratura”, allora sì che può parlare di “fine della letteratura”, ridotta ad “Azienda”, raffreddando troppo illusorie speranze “entriste”. Le sue posizioni saranno articolate a dovere in quello che rimane il suo principale libro teorico, Oltre la letteratura (edito da GB nel 1986). Ancora una volta precisando il mettersi “fuori” del sistema dato e tuttavia indicando, nella seconda parte, la porta stretta rimasta all’alternativa di una “scrittura espressiva”; poco dopo il “fuori” verrà inquadrato dalla formula della “letteratura di strada”. Verrà il periodo della nostra più stretta collaborazione, quando l’ipotesi comincerà a configurarsi concretamente: dopo un intenso lavoro preparatorio compiuto con Filippo Bettini, Di Marco pubblica dall’editore Synergon l’antologia Terza Ondata. Il Nuovo Movimento della Scrittura in Italia, che contiene 21 autori, tutti attivi in vario modo in percorsi di ricerca ed estranei agli standard e alle linee centrali dell’industria culturale. È la scommessa che, dopo la neoavanguardia, si sia sviluppata sotterraneamente una nuova leva sperimentale, riconoscibile e piuttosto ampia; Nella “situazione postmodernità” (Di Marco non abbraccia il postmoderno, ma accetta il nome per la situazione socio-economica; l’altro nome che usa è la “decadenza di Rimini”) non c’è solo la “letteratura della fine della letteratura”, ma c’è ai suoi margini un fermento plurale, come dimostra l’antologia, e come chiarifica l’imponente apparato teorico e critico che l’accompagna. L’ipotesi che sostiene Di Marco, insomma, è che l’avanguardia non solo non è impossibile, ma è già lì nei fatti, solo a volerla vedere, e a voler mettere insieme le diverse operazioni, che si trovano separate e isolate  tra loro.





Roberto Di Marco (1937-2013)


Il problema era proprio questo: che a tale movimento “oggettivo”, mancavano le volontà “soggettive” di collaborazione. Infatti, quando si è trattato di trasformare il rilevamento risultante dall’antologia in un movimento capace di autocoscienza e di progettualità, si sono riscontrate non solo resistenze e scetticismi esterni, ma prima ancora idiosincrasie interne, sospetti, ritrosie, incomprensioni e quant’altro. Chiusa questa prospettiva – che comunque resta a testimoniare la persistenza dello sperimentalismo in Italia – ci saranno ancora per Di Marco varie iniziative e progetti (vedi nel 2003 il libro Scrivere il domani elaborato con Soldani e Montagna) e molta della sua attività sarà dedicata ai narratori giovani, alla ricerca di nuove soluzioni di scrittura.

Vorrei però tornare indietro, perché quella che rimane da valutare con attenzione è la proposta narrativa. Di Marco infatti è, fin dagli anni Sessanta, autore di romanzi (o antiromanzi) costruiti secondo una modalità particolare ed originale, quella del testo+commento. Su questa linea vanno Fughe (1966), Telemachia (1968), Corrida e commentario (1974). Vi è una vicenda, molto elementare, spesso costituita dai rapporti scombinati di qualche coppia di personaggi. Questo “racconto minimo” è accompagnato dalle riflessioni del narratore con una insistenza devastante per il comodo decorso narrativo. Il racconto si perde per strada, il commento lo vampirizza. E tanto più negli anni il commento si politicizza, diventa il riferimento a quel “centro” che sta fuori del testo e che è la vera cosa e unica importante. È necessario un esempio e lo prendo da Corrida e commentario:

 

Resta il fatto che l’Amelia e la Marzia sono tuttora in prima linea, fiduciose e spavalde più di prima anche se il tempo che rimane loro assegnato è un tempo di vita estremamente breve. E tuttavia anche in un momento di così grave sconforto, di disappunto e di insolito smarri­mento, qualcosa del nuovo clima sopravvive: il ricordo, per Giuseppe soltanto, della piccola barbara. Ed è inutile recriminare, anche se va sottolineata, una volta di più, la noncuranza verso la Marzia e l’Amelia manifestata da Giuseppe – la quale noncuranza presenta degli aspetti nuovi e singolari, poiché si alterna a un atteggiamento di protezione affatto disinteressata e a certe attenzioni di tipo non esattamente «contemplativo».

E su ciò, senz’alcun rincrescimento confesso di non poter fornire maggiori e più specifici ragguagli.

Invece non accadde né l’una né l’altra cosa, e la si­tuazione cambiò di colpo. Il modo in cui fu organizzata e condotta, il panico che è stato sollevato e che si continua ad agitare intorno ad essa hanno finito per toglier di mez­zo i numerosi problemi di stile che si ponevano, sottraen­doli all’attenzione di colui che scrive e dirottandoli verso canali misteriosi.

È accaduto, infatti, che tutta una schiera di fatti e di personaggi, benché ignoti, si siano dissolti nel nulla della «narrazione», intimoriti dall’incertezza di una cri­si che, nata nel vuoto più completo di «logica fabulato­ria», non prometteva assolutamente nulla di buono.

Contuttociò, i problemi rimangono, più oscuri che mai, né accennano a imboccare la «dritta via» di una «lo­gica soluzione».

In sostanza, non si è lontani dal vero valutando che la perdita di cospicue riserve narrative sia dovuta essen­zialmente a ragioni di natura politica e psicologica. Se ora volessimo ragionare col metro della logica, dovremmo con­cludere che, nel merito, calcolando «informazioni» e «a­nalisi», la quantità di Senso realizzato consiste esattamen­te nel suo contrario, cioè nell’assenza di una qualsiasi quan­tità di «senso realizzato» e più precisamente nell’ine­sorabile e crescente deflusso di Senso ‒ ma a che prò rammaricarsene? non erano forse questi i nostri scopi, di­chiaratamente? Eppure, non c’è dubbio: stiamo attraver­sando un momento di crisi, perché sono molte le idee e sono pochi i fatti che le sorreggono. Senza «personaggi», «fatti» o «eventi» non v’è «narrazione»: bastano le parole, certo, ma purché siano logicamente combinate in modo tale da «creare» una certa verisimiglianza con l’Apparenza, in primo luogo. Formulata la premessa, il discorso si potrebbe considerare chiuso. Ma così non è, perché, ripensandoci, che scopo avrebbe mimare, da lon­tano, l’Apparenza? uno scopo l’avrebbe, se l’Apparenza fosse durevole e trasparente, come un tempo dev’essere stato. Ma l’Apparenza, oggi, è mutevole e oscura.





Alfonso Lentini, Insula, 2005


Un lungo campione, però utile a capire come il procedimento non si limiti alla critica dei fatti e al racconto che si mette in discussione sotto i nostri occhi, come già facevano gli antenati settecenteschi tipo Jacques il fatalista, ma si interroghi anche, da una parte, sulla ineliminabilità del racconto come prodotto dell’immaginazione, chiuso nel suo cerchio ideologico, e dall’altra sulle cause profonde (e politiche) della crisi che coinvolge la scrittura stessa e insomma sulle questioni serissime in ballo nel gioco dello «scriverbio».

Successivamente, Di Marco tornerà alla narrativa in due riprese: con L’orto di Ulisse (1987) e con La donna che non c’è (2006). Riproverà quel su-e-giù di mitizzazione/smitizzazione che era già nel contributo per la “Scuola di Palermo” (i Contrappunti); oppure lavorerà depositando incongruità in scomodi interstizi delle frasi; oppure varierà a dismisura il suo schema del rapporto interpersonale finendo nel “garbuglio dei significati” – e i lettori sono avvertiti: «non cercate i nessi: non ci sono». Sia come sia, si tratta di forme del “narrare scombinato”, ma sempre nella consapevolezza che l’unica letteratura plausibile è quella in cui la letteratura è “assente”.

Di tutto questo percorso oggi non c’è più traccia in libreria, nemmeno in quella elettronica. C’è un grosso lavoro da fare per rendere disponibile il materiale, se non altro ai piccoli gruppi di studiosi che pure ci sono, anche giovani, attorno al romanzo sperimentale. Occorrerà ripubblicare, rileggere, studiare; e qui non metto il prefisso, perché una lettura sufficientemente attenta non è stata ancora effettuata, se non in isolatissimi episodi. E poi, bisognerebbe far emergere l’inedito, contenuto che io sappia in quaderni scritti ancora a mano sotto vari titoli di serie (Patemata e altro), suppongo in quantità ingente. Sì, perché, malgrado lo sentisse come un “lavorare nel fango”, la lotta nella scrittura, che era poi una lotta con se stesso, Roberto non l’ha mai abbandonata.

Per ora, in questo momento triste, vorrei fissare due punti che rendono magistrale ai miei occhi la sua figura e che costituiscono il segno della sua coerenza, la sua grande fedeltà a se stesso nel corso del tempo: uno è l’imperativo politico e il disprezzo per ogni settorialismo, per cui la sua esortazione preferita era quella di “scendere dal pero”. Il secondo è il suo rifiuto a partecipare al coro, magari ironicamente dichiarandosi “in congedo”, o designandosi come “nonno surgelato” (da un vecchio e banale film di De Funès). Che questo gli costasse l’isolamento lo sapeva benissimo: «Sono un escluso, un lebbroso, ma non è la fine del mondo» (scrive nell’allegato alla fine di L’orto di Ulisse). La sua mancanza di sete di notorietà era incredibile, non aveva neanche il rammarico di chi vi ha rinunciato. Andare dritto per la propria strada era l’unica forma di narcisismo che si concedeva.

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Primo Piano

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006