TEATRICA
RICORDI

Dominot, Vinicio, Alessandro: le 'notres dames des fleurs' dell'underground teatrale romano


      
È morto poco tempo fa a 84 anni Antonio Iacono (detto Dominot), mitico attore-caratterista-cantante en travesti della ribalta capitolina, scoperto da Fellini nella “Dolce vita”. La sua memoria si allarga a quella di Vinicio Diamanti e Alessandro Vagoni 'sorelle' d’arte e di travestimento, protagonisti dell’avanguardia scenica con Giancarlo Nanni e l’autore di questo articolo. Figure 'genetiane' tra miseria e nobiltà, traversie e splendore a cui si aggiunge Ettore Pecorari, che poi si operò, divenne donna e la fece finita col teatro.
      




      

di Pippo Di Marca

 

 

La domenica di Pasqua del 1990 era l'ultima replica romana de I Negri, lo spettacolo con cui, per la sua straordinaria energia eversiva e 'negra' e per il suo  straripante avvolgimento dello spazio dell'intero teatro – palcoscenico, platea, palchi, persino la piccionaia – io e gli attori del Meta-Teatro avevamo da giorni, di fatto, politicamente ed esteticamente, 'okkupato' il Teatro Valle ( requisendolo come 'bene teatrale' molto prima che si tentasse di convertirlo in 'bene comune'!). A causa degli 'eccessi' contagiosi dello spettacolo, durante le repliche il teatro, da luogo deputato di rappresentazioni per abbonati e borghesi si era trasformato in una vera e propria terra di nessuno, luogo di bivacco per un pubblico di indisciplinati e 'selvaggi' che reagivano dai loro posti o nei palchi con estrema libertà e coerenza alle suggestioni e agli oltraggi rispetto ad ogni forma ed educazione 'bianca' che la messa in scena 'negra'  proponeva lungo le due ore e passa di dismisura teatrale, in alcuni momenti al limite dell'orgiastico, della trance attoriale. Tutto questo aveva creato un clima per lo meno 'elettrico'  attorno a quello spettacolo che era diventato, replica dopo replica, una sorta di cerimonia dell'antiteatro attraverso la 'celebrazione della negritudine': come dimensione umana vilipesa che il testo di Genet  magnificamente e duramente denuncia. Per dare un ulteriore tocco trasgressivo alla 'celebrazione', prima che si alzasse il sipario dell'ultima replica chiesi a Dominot – in gioventù, a Parigi,  amico di Genet, e poi, tornato definitivamente in Italia, l'attore e il personaggio in assoluto  più genettiano che abbia calcato le scene, i marciapiedi e le notti di Roma  – di fare un suo numero come prologo estemporaneo e fuori programma allo spettacolo. Dominot aprì il sipario, a luci di sala accese, e tenne banco per una quindicina di minuti in maniera così 'naturalmente', e direi intrinsecamente, consustanziale allo spettacolo che nessuno degli spettatori presenti, per quanto a conoscenza del testo, ebbe per un solo istante il minimo dubbio che la sua apparizione fosse per così dire un corpo estraneo alla rappresentazione.





Dominot e Marcello Mastroianni in una delle ultime scene di La dolce vita (1960) di Fellini


Quest'essere straordinario, proprio per i suoi eccessi, per l'assoluta consapevolezza degli stessi, per una fiera rivendicazione della sua diversità, per un vitalismo e una sfacciataggine che erano spesso la maschera del dolore, della sofferenza accumulati in una vita vissuta  sul filo, come il funambolo genettiano, e pure nella pienezza del sentimento e nella sfida a ogni limite, questo pierrot bizzarro, cinguettante, questa creatura poetica e indefinibile, insieme delicata, evanescente, ingenua e ambigua come la poesia che incarnava, questa figura o maschera scolpita a colpi di spruzzate caustiche di kabarett, di canzoni melò strappacuori da cave parigine, di aerea e sulfurea clownerie felliniana, questo estroverso e a modo suo superbo attore caratterista e del teatro e del cinema e soprattutto  della 'vita', di molte vite, è morto qualche settimana fa nella sua casa di Velletri. All'età di 84 anni. Era nato Antonio Iacono, a Tunisi, nel 1930, figlio di immigrati siciliani originari di Caltanissetta. Anche mio nonno era di Caltanissetta, e pensare che una lontana nel tempo, ma in realtà vicinissima nello spazio interiore, radice atavica ci accomuna, me lo rende ancor più visceralmente vicino. Dominot nelle sue vite, dopo aver passato l'infanzia e l'adolescenza e la giovinezza a Tunisi, si trasferì a Parigi dove completò la sua formazione 'travestendosi', esibendosi in spettacoli di spogliarello nel celebre 'Madame Arthur' di Pigalle o cantando al 'Carousel'. A suo dire furono gli anni (una decina) più straordinari e folli della sua vita. Verso la fine degli anni '50, dopo una breve escursione in... Persia, a Teheran, arrivò in Italia , a Roma, dove avrebbe speso le sue tante vite incrociando, soprattutto agli inizi, col suo aspetto frivolo e decisamente  'franscese', il bel mondo di allora, che Fellini ha immortalato e 'definito' la 'dolce vita'. E fu proprio con la Dolce Vita di Fellini che Dominot fece il suo ingresso nel mondo del cinema, da cui poi man mano si allontanò per ritrovare la sua dimensione più vera e autentica, magari i bassifondi, certamente  una 'vita' un po' meno 'dolce' ma indiscutibilmente 'sua', inimitabile. A quella altezza, o se si vuole a quella 'meravigliosa' bassezza, non poteva che 'naufragare', sia pure ammantata del  fasto povero di una 'regina', di  una gran signora', nel gran mare dell'underground teatrale, dove incontrò Giancarlo Nanni di cui fu per diversi anni un attore feticcio. Lo ricordò al Convento occupato, lo ricordo partecipe e curioso intervenire ai miei meta-martedì, il primo esempio di teatro d'appartamento in Italia, presentandosi con grandi mazzi di fiori che distribuiva ai presenti tra ammicchi e sorrisi prendendosi sempre la scena avvolto in coloratissimi abiti che lui stesso creava. Lo ricordo esibirsi nel suo locale dietro via dei Coronari, deliziosamente e ironicamente denominato "Il baronato quattro bellezze", dove, alla fine della serata, magari dopo aver finito di servire ai tavoli, si 'travestiva' e ballava e cantava, come una reincarnazione di Edith Piaf, le canzoni immarcescibili  del 'suo' repertorio francese. In queste sue serate memorabili ebbe per decenni come partner nei numeri di danza e canto Vinicio Diamanti, un'altra straordinaria 'signora', autentica madre-matrona nell'arte del travestimento, la cui 'vita' a un dato momento si rigenerò risciacquandosi nei panni non sempre puliti (anzi!) del teatro d'avanguardia romano e italiano. Anche lui, sorella sodale-rivale di Dominot, purtroppo ormai morto da qualche anno, il 23 dicembre del 2009 (due settimane prima di Nanni).





Dominot (1930-2014)


E qui il discorso e i ricordi si allargano, devono allargarsi. Perché mi sembra il minimo che si possa fare, testimoniando e omaggiando  Dominot riunirlo post-mortem, nel ricordo, ad altre sue 'sorelle' con cui condivise una presenza forte di sublimi guitti, di straordinari  clown sulla scena del nuovo teatro italiano negli anni '70 e '80: anche per collarcarli in una corretta luce storicizzante, oltre che per rendere loro un peraltro sentito e doveroso omaggio. Devo riferirmi dunque a Vinicio Diamanti e ad Alessandro Vagoni. Vinicio, romano verace, di estrazione piccoloborghese (visse in Prati nella casa di famiglia), prima di fare l'avan-guardia, aveva fatto per anni l'avan-spettacolo: la sua specialità era il numero delle 'banane', che ricoprivano il suo corpo nudo, finchè cantando e ballando... rimaneva senza. Si presentò al Teatro La fede nell'estate del '71, mentre stavo provando il mio primo spettacolo, Evento collage n.1. Lo accolsi a braccia aperte, anche perché aveva una bella voce da contralto e un'aria materna e molto protettiva e, come dire, serena, pacificata (specie se confrontata con l'inferno che era, o doveva essere stata, la sua vita, tutt'altro che facile e ordinata). Tra gli attori di quello spettacolo c'era già Alessandro Vagoni, insieme al quale avevo fatto qualche tempo prima L'Imperatore della Cina con la regia di Nanni: per entrambi il debutto teatrale assoluto. Ora era coinvolto come  attore nel mio primo spettacolo da regista. Alessandro era  l'esatto opposto di Vinicio. Era piemontese ed era cattolicissimo, sembrava uscito da un convento, o meglio da una qualche residenza cardinalizia, aveva modi discreti, timidi e peccaminosamente preteschi, ma appena si scatenava in scena poteva diventare una meravigliosa 'pazza'. Anche lui, triste e solitario e malato, è morto anni fa di cirrosi epatica – era un gran bevitore di vino bianco, possibilmente  scadente, di fronte a quello 'rosso' sembrava ritrarsi. Facemmo quello spettacolo, in cui tra l'altro debuttarono anche Benedetto Simonelli e Severino Saltarelli, e poi le nostre strade, almeno in parte e nel breve termine, si divisero. Con Vinicio avrei fatto negli anni almeno una mezza dozzina di spettacoli, tra cui il primo Genet, quello del '77, e  I Negri, di cui ho già riferito. In effetti loro, Dominot, Vinicio e Alessandro, erano attori più adatti al teatro di Nanni; e infatti Nanni se li prese. Ricordo che Manuela venne a casa mia (allora abitavamo vicini, praticamente porta a porta) a 'prelevare' Alessandro con cui stavamo cominciando le prove del mio secondo spettacolo. Ma il bello – relativamente a questo impagabile  trio, a queste assortite e diversissime 'tre sorelle', non esisteva niente di simile, di così esotico e autenticamente popolare, squinternatamente espressivo, spettacolare, sulla piazza di Roma – doveva venire. Nanni stravedeva per loro, i tre erano i suoi attori feticcio, la loro energia stimolava molto le performance di Manuela, che al loro contatto scenicamente si esaltava. Ma dietro l'angolo c'era un'insidia non da poco. Nel '73 il Teatro di Roma di Franco Enriquez aprì all'avanguardia, mettendo sotto le sue ali, per così dire protettive (in realtà per neutralizzarli), Leo de Berardinis, Mario Ricci e il suo teatro Abaco e Giancarlo Nanni e il suo Teatro La Fede. I rapporti tra Enriquez e i tre gruppi furono a dir poco difficili, nel caso di Nanni, tempestosi. I due, Giancarlo ed Enriquez, pur incontrandosi nei locali o negli uffici del teatro Argentina, a un certo punto non si parlarono più, si mandavano solo telegrammi. Ma la puttanata più tremenda fu che Enriquez corteggiò i tre attori di Nanni e in pratica li scritturò per i suoi spettacoli. Questo fu, credo, se non il motivo scatenante, certamente quello che accelerò irreversibilmente la rottura (non era la prima e non sarebbe stata l'ultima) tra il teatro d'avanguardia e il teatro ufficiale. Poi, ovviamente e naturalmente, i tre tornarono all'ovile, lavorando con Nanni (soprattutto, negli anni, Alessandro e a volte Dominot) e/o con me (soprattutto Vinicio, che fu in scena anche in spettacoli di Memè Perlini) o continuando a esibirsi  in solitario, o in coppia, Vinicio e Dominot al Baronato quattro bellezze, per conto loro. Sulla scena e nella vita. 





Vinicio Diamanti


E a proposito di 'vite' vissute pienamente, senza farsi mancare nulla,  sempre a cavallo tra miseria e nobiltà, e direi anche 'splendore', devo ricordare un'altra grande 'dame' recentemente scomparsa, l'attore Ettore Pecorari, uno dei protagonisti assoluti, insieme a Vinicio, del mio primo Genet, Santo Genet commediante e martire, e della clamorosa , spettacolare performance di strada Genettiana, durante la quale 'invademmo' tra due ali di folla sconvolta e/o divertita il centro storico di Narni; non che di tante altre azioni sceniche o spettacoli. Poi Ettore, un bel ragazzo marchigiano bruno, esile e strafottente, che s'era trasferito giovanissimo a Roma ed era cresciuto a Campo deʼ Fiori accudito e ben voluto, tra gli altri,  da Sandro Penna e Gabriella Ferri, decise di darci un taglio col teatro; e di dare un taglio anche alla sua prima vita. Lo diceva, lo diceva e poi lo fece, una sorta, al tempo stesso, di desiderio e di scelta culturale, ideologica: si operò e si fece 'donna'.  Appariscente, con tacchi e spaccature vertiginose e, immagino, bionda. Negli ultimi anni non ho avuto modo di  incontrarla. Aveva anche, giustamente, cambiato nome: si chiamava Lulù. Ognuno la può ricordare col nome che preferisce, Ettore o Lulù, ma non cambia nulla: perché al di là delle apparenze o dei travestimenti, le 'vite', in fondo,  sono sempre 'una', una sola.                

 

 

 

novembre 2014




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Teatrica

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006