PRIMO PIANO
NOTE D’AUTORE
Il rumore del tempo,
trascorrendo lungo i versi
e i pensieri di Alessandro
Parronchi


      
Preziosi e sfiziosi ricordi a cascata intrecciati a variegate glosse critiche sul poeta e storico dell’arte fiorentino, morto all’inizio del 2007 a novantadue anni. Quasi un ricco vademecum culturale sull’opera molteplice di un autore e studioso che è rimasto attivo dagli anni Trenta dello scorso secolo sino agli ‘anni zero’ del secolo presente, relazionandosi con tante tra le più importanti figure della nostrana scena letteraria: da Betocchi a Bigongiari, da Gatto a Pratolini, da Soldati a Sereni, da Fortini a Piero Santi, da Luzi a Montale. Lui seguace di una ‘poesia assoluta’, di fondo post-ermetica e piuttosto nel solco dell’umanesimo ungarettiano. In coda un tangenziale passaggio di memoria su Emilio Villa e una poetica “Ecloga”, omaggio parronchiano mixato con una riscrittura del “Pomeriggio di un fauno” di Mallarmé.
      



      

 

 

di Marzio Pieri

 

 

DI PARRONCHI LE ORSE LE MUSE

 

 

parronchi 1999.JPG

 

a sandro, a nara a memoria di A.

 

 

Mi diedero una volta un premio letterario; non oso dire ebbi. Avevo sempre saputo che per avere un premio si debba almeno avervi prima concorso. Stavano per stringere attorno a me una di molte trappole – ero allora ufficiale comandante di un fortino sperduto sul sentiero degli Asini selvatici – e l’offerta del premio era fatta per servire di copertura. Io lo capî al volo – tutto capivo al volo di quei giochi in cui tanto pompeggiavano – e dissi che accettavo. Siccome fui sempre difficile da smuovere da bomba contavano sul mio ‘grazie no’, ma era tardi per una ritirata. ‘Guarda che è lontano’. Per una volta… ‘Guarda che scesi dal treno c’è un’ora di automobile’. Fu quella volta che incontrai Sandro Parronchi. Per me era un mito. Lui e Bigongiari (e il Montale degli ultimi suoi anni fiorentini, quello d’una metafisica volgarizzata che ancora mi rammenta il suono della carta stagnola nei presepî familiari) compendiavano in me il massimo valore della stagione ermetica, nel suo pieno fulgore quando io nacqui, in riva d’Arno, in rione men nobile. Fronteggiava le Cascine, dilà dal fiume (fatto brillare il ponte dalle mine tedesche, nella mia infanzia ci si arrivava scavalcando un ponticello d’emergenza), e dava quasi sùbito sulla campagna. Trascorsi i rituali sette chilometri, superavi Badia a Settimo dove dal marzo 1942 (ci avevo due anni) per iniziativa di Piero Bargellini le ossa dell’infelicissimo Dino Campana avevano almeno una tomba, andate a rischio, dieci anni dopo la morte, di finire disperse in una fossa comune.

 

Per me Parronchi significava soprattutto un libro, quegli Studî su la dolce prospettiva che avevo ammirato nelle vetrine dei libraj (allora c’erano vetrine e libraj, se anche ora ci voglia una postilla come per il ‘prete’ e per il ‘fiàcchere’) e avidamente sfogliato in biblioteca l’anno precedente a quello della mia laurea. Ci vollero decennî perché potessi donarmene una copia, dal mercato antiquario, per la mia biblioteca personale. Ivi troneggia accanto all’Officina ferrarese di Roberto Longhi e alle Metamorfosi del Barocco di Andreina Griseri. Capolavori di un passato oggi inimmaginabile.

 

 

 

 

Contrariamente ai voti del poeta, privilegiavo in lui lo storico dell’arte. Mai come nel leggerlo mi sentî così vicino all’empireo terreno del Brunelleschi, alla materia corporea tragica e civile di Donatello, ai lunari anamorfici di Paolo di Dono, precursore quattrocentesco delle poetiche ornitofilìe di Olivier Messiaen.

 

2. Dunque Parronchi ebbe il premio (ma lui ci aveva fatto, ben meritatamente, l’abitudine) per la storia dell’arte. La mattina dipoi il sindaco del villaggio ci accompagnò cerimoniosamente in visita alla torre del municipio, illustrata da copie di affreschi sulla Gerusalemme liberata, forse dovuti alla scuola di Luca Giordano.

 

 

 

 

Non mi prendete alla lettera, amo svisceratamente la pittura, e come non potrei, nato e cresciuto i miei primi trent’anni a Firenze, ma quanto a competenza, specificamente tecnica, sono meno di un fantaccino. Non so per quale equivoco, ma ne sospetto la ragione (io, timido, in pubblico mi presentavo con qualche stella filante; Parronchi, fedele alla propria immagine, murato in signorile discrezione e sorridente silenzio) il caloroso sindaco si rivolgeva di continuo a me con domande che meno competono a chi non è che uno scolaro di letteratura. Riuscii, dopo qualche imbarazzo, a fargli capire che doveva rivolgersi a Parronchi; che stava indietro, con la dolce moglie, vorrei fosse vero il ricordo, che si tenessero per mano, e brillava di una cosa che in accademia poco si rappresenta: una infinita, esperta, indulgente bontà.

 

 

Venturino Venturi, Ritratto di Nara Parronchi   http://blog.quotidiano.net/marchi/files/2013/06/Alessandro-Parronchi-ritratto-di-Mario-Marcucci-1938.jpg

Venturino, Ritratto di Nara / Mario Marcucci, Ritratto di Sandro

 

 

3. E fummo amici; il vero timido ero io (fosse per me, il telefono di casa tornerebbe un utensile dispensabile) e in più mi tratteneva una angoscia, che non confesso a chi non la indovina. Caduto malato il poeta, manteneva i contatti fra noi quella straordinaria creatura, e scrittrice di classe sottile, che è Giovanna Ioli. Montaliana, dantista di forte merito, nulla di strano che l’accademia l’abbia sempre lasciata su la soglia. Quando, per qualche errore da me fatto inscientemente, Parronchi pare sfuggirmi, come altri soggetti, in lumi di fantàsima, so di poter ricorrere almeno a lei, o al solido ritratto fissato da Enrico Ghidetti in antiporta delle Poesie (Firenze, Polistampa, 2000) e qui è conferma della risposta di un metodo, adibito con sagacia e pertinenza, e, insieme, del valore di uno studioso che della nostra covata di piazza San Marco, sub Ghalterio o sub Landsfranckio, fu d’acchìto il pulcino maggiore. Dilà da quegli “Appunti per un ritratto”, basta altrimenti rileggere Giovanna: “Fu uno studio inesausto della bellezza e del paesaggio, della scienza della visione e della perspectiva naturale e umana, nutrito di una fedeltà incorruttibile e tenace negli affetti, di persone e opere, che la scrittura ha reso inalterabili a tempo e tempi”. Un Novecento “da lui attraversato per intero con la forza vibrante della rettitudine”.

 

 

 

 

 

4. Benissimo detto; ma è la stessa Ioli che, postfacendo ad Esilio (Novara, Interlinea, 2003) richiama una dedica del poeta al più intimamente parronchiano dei post-ermetici, Silvio Ramat, la quale batte sul Semper varietur. Lo sterminato materiale delle poesie, raccolte e pubblicate o pubblicate e poi espunte o lasciate dormire nelle cassapanche dei sottotetti di un tempo, è come un mosto in continuo fermento, la vita dei versi non è perché siano ormai al di là del cangiare e dello sfrangiarsi delle cose nel mondo sublunare, ma perché sta in quel mondo sublunare l’unico dono, meraviglioso e funesto, che sia toccato ai figli della terra. Guai a quel poeta che sigilla e fa biffare le lastre, sua immagine è piuttosto l’irrequietudine ansiògena e mitopoietica di Thomas/David Hemmings, fotografo realista e allucinato nel Blow up di Antonioni. Nel 1966, quando esce il film, Parronchi pubblica da Scheiwiller L’apparenza non inganna; e sembra un allinearsi, in parte, e peraltro un distaccarsi, dalla tesi del film.

 

 

Copertina anteriore <p>copertina del volume sul carteggio Marcucci-Parronchi</p>

 

 

5. Per uscire dal crocianesimo, ai miei giorni candidi, le provaron di tutte; io correvo meno rischî: la musica, la grande assente dalle ragnatele di quel sordo (e non dico Beethoven, ma l’onninamente àmuso Croce) mi bastava a non fidarmene come non fosse bastato il ritmo sonnolento e argomentante delle sue preclusioni. “S’intende che provammo con la musica” (Debenedetti, Probabile autobiografia di una generazione in Saggi critici. Prima serie, Milano, Il Saggiatore, 1969). “Ai facinorosi polemisti della cultura deve sembrare indifferente e agnostica questa elaborazione continua e propria del nostro lavoro letterario: se è giusto che essi rimangano sempre più soli nel teatro crociano a cercare tutti, caratteristi, generici e suggeritori, inutilmente la propria entrata in scena come nuovi personaggi di una commedia morta” (Alfonso Gatto, Fine della Commedia, “Campo di Marte” 1, 1938).

 

 

  A spasso nella Firenze di Pratolini

 

 

Ossia quella “elaborazione continua e propria”, di cui vivrà per sempre lo spirito in Parronchi, pure il meno arrogante, nei toni, e giovanilistico, ed esteriormente papineggiante, di quello splendido “mucchio selvaggio”.

 

 

prato2

 

 

6. Ma ascoltiamo il vero Omero di quegli anni fantastici, il Persiano disceso da Trieste, Augusto Hermet dalla pelle lunare; testimone il ritratto spettrale fattogli dal maestro ed amico di vita di Parronchi, Ottone Rosai, Ottone, quella leggenda fiorentina.

 

 

 

 

Inventore di un modo di critica che par discendere direttamente dal Catalogo delle navi del poeta sovrano, fatta di lasse e di nomi, tanto concreta e intrinseca da parere un mosaico, un arazzo o un wampoon dei pellirosse. “La Ventura delle riviste”Explicit: “QUOD EST EST DI BELLOSGUARDO, 8 SETTEMBRE 1940-XVIII”. Messo ai margini poi per esser stato, non per trarne patacche o prebende, cattolico e fascista in pienezza di fede. Nella vicenda ermetica, mi spingerei a distinguere fra un ermetismo ‘internazionale’, quello degli Ungaretti dei Montale dei Quasimodo dei Grande dei Gatto, e un ermetismo, od hermettismo, di cui il cronista eponimo rubrica e sigilla l’istoria. Gloria Manghetti, che qui al Viessù è regina, ne ritrovò e pubblicò il prezioso Sommario autobiografico per le “Scintille” del Raffaelli (Rimini 1997) ma diciassette anni dopo non risulta che abbia nemmeno cominciato a compiersi il voto della studiosa, allieva dell’indimenticabile Giorgio Luti, un minore Vasari degli ultimi giorni della bella Fiorenza:

 

“La sensazione è che il sotterraneo lavoro culturale svolto da questo ‘singolare esponente dell’intimo rapporto fra pensiero e poesia assoluta’ riesca finalmente a riemergere dall’oblio, ridando voce a chi, spesso guardato con scherno proprio per la sua singolarità, viveva nella consapevolezza che ‘ogni presente (...) è odievole, giacché è momento che domina assoluto chi si trovi a viverlo, assoluto ed oscuro, ché solo pel futuro e pel trascorso è concessa una luce’”.

 

7. Il Frontespizio, Campo di Marte… Firenze, capitale delle ‘riviste’, ‘novissima cosa’… dal Leonardo a Lacerba, da Solaria a Letteratura, modi di essere, di scalpitare, di rappresentarsi…

 

“[…] Non Guinizelli, Cavalcanti, Frescobaldi, Cino, Lapo Gianni, erano i nomi dei campomartesi: Gatto, Betocchi, Sinisgalli, Luzi, Penna, Parronchi, e Bigongiari e Vigorelli, e Ulivi, [Gilberto] Altichieri… si chiamavano questi […] non trentenni ancora ed assai remoti alcuni dal mezzo del cammino della vita, che in un devoto dialogo con la poesia trovavano la ragione del loro giorno, la salvezza dal breve tempo distinguibile in secoli e ore” .

 

 

Ugo Guanda la Mansfield di Altichieri Bertolucci con Ninetta

 

 

Altichieri, corrispondente senza tessera (del fascio) e fra i primi in Italia a parteggiare per lo scandaloso Joyce, pubblica nel 1940 la traduzione dei Poemetti di Katherine Mansfield nella collana “La Fenice”, prima collana italiana di poesia straniera; e questo ci offre un aggancio possibile di Hermet con l’unico poeta di rilievo, nativamente non ermetico, della leva letteraria dei poco più poco meno che trentenni, Attilio Bertolucci. Si affaccia una volta sola il nome di Vittorio Sereni, a proposito dell’incontro fra una nuova rivista fiorentina ― dopo Frontespizio e accanto al lampo breve del Campo di MarteLetteratura di Bonsanti, e la milanese Corrente di vita giovanile di Ernesto Treccani (degli Alfieri): “l’organo milanese-fiorentino dell’intelligenza italiana d’opposizione, e anche ovviamente del movimento artistico culturale omonimo, rappresentati da Raffaele De Grada , Giansiro Ferrata, Luciano Anceschi, Renato Birolli e dagli ermetici cosiddetti ‘puri’ come Bo, Luzi e Bigongiari”.

 

 

Giorgio de Chirico, scenografia, 1933http://www.museoepicentro.com/images/rif_storici/corrente.jpg

 

 

Occhieggia dappresso il nome di Gianandrea Gavazzeni, col nome deformato (Gavezzeni) ma corretto nell’indice dei nomi: “Con mente d’amore vi scriveva di musica [nella rivista ‘europea’ di Bonsanti] (su Malipiero, su Petrassi, su Dallapiccola…) Gianandrea Gavezzeni direttore di orchestra, pianista e compositore”. Hermet non fa mistero del fatto che, nella città del Maggio musicale (fortemente voluto dalla principessa Maria José e dal federale Alessandro Pavolini, sulle indicazioni di Vittorio Gui, busoniano e steineriano, e di Guido Maggiorino Gatti, di Mario Labroca, a rinnovare un ruolo, gradito al regime, di Firenze come città d’arte e luogo eletto di elaborazione delle forme del nuovo), di musica i letterati molto poco si interessavano. Ma anche ci rallegriamo d’aver trovato una fonte probabile (o un compagno di via) per quel Lapo Gianni (“l’Arno balsamo fino…”) che impreziosisce in esergo la poesia ‘alla maniera di Filippo De Pisis’ dedicata da Montale al pittore ferrarese,

 

 

Autografo di Eugenio Montale della poesia Alla maniera di F. de Pisis nell'inviargli questo libro sul risguardo delle Occasioni (1939) - regalato a de Pisis nel 1940 - Archivio Bona de Pisis, TorinoEugenio Montale - Ritratto di Filippo de Pisis e Giovanni Comisso - 1941 - Archivio Bona de Pisis, Torino

 

 

del resto uno, con l’arte del quale è immediato il riscontro quando si leggono gli Ossi di seppia. Che tutto si tenga, davvero? Nel salotto della mia casa paterna, accanto alla camera dove io e altri cinque fratelli siamo venuti al mondo ed i miei sono morti, troneggiava ai nostri occhi di borghesi piccoli-piccoli una bella riproduzione del Poligrafico dello Stato, con una spiaggia morta di ostriche e di cavoli del ‘marchesino pittore’.



 

 

8. Fra le cesoie che aiutassero a violare il filo spinato, c’era quella stilistica; e, a render tutto scorrevole, di norma si agiva così: estrarre con la pinzetta qualche escrescenza o ricorrente agglomerato ‘tipico’ della scrittura. Se ne faceva un faretto e il gioco è fatto. Ma come giocavano astratto! Finiva che Marino era meno barocco del Murtola, dello Stigliani e, basti soltanto il nome, del Rinaldi. (Sì, Cesare Rinaldi di Bologna). Loro, è vero, placcavano ogni metafora. Così Parronchi poteva sembrare il meno tipico degli ermetici. Ma era un Capricorno, anch’io lo sono; non son gente che si lasci archiviare. Meglio il silenzio che l’esser classificati; meglio l’esilio, del carcere, del domicilio coatto; peggio se a piede libero e in una casa dorata.

 

9. Quando Parronchi debutta sul “Frontespizio”, a vegliare alla dogana per lui è Carlo Betocchi, la poesia s’intitola Eclisse (quasi un altro futuro titolo antonioniano). Dice che in quella Firenze di un’estate di san Martino, che poteva illudere di una primavera fuori stagione, il nume a cui si ritrovavano nel recare lumìni era l’Ungaretti del Sentimento del tempo. Betocchi sparge una diversa seminagione d’anima.

 

 

Carlo Betocchi

 

 

Fra quella dozzina di giovani ardenti e geniali, alle soglie della nuova guerra, agisce tanto da antidoto quanto da conferma. Da loro il maestro dell’Allegria apprenderà a inscrivere la propria parabola sotto la sigla della ‘vita d’un uomo’. A volte dovrebbe soccorrerci una fantasia di raccordi giudicati impossibili: tramite le reti del famulo attivo e fedele, Bargellini, immaginare quei tavolini di studenti con su non solo fiorire di mistici e infiammati cattolici francesi (il Rivière di Bo, e insieme il suo Mallarmé, la Religione di Serra!),

 

 




 

 

ma, forse a fronte e guardandosi un poco in cagnesco, l’Uomo finito e il fante per elezione in ispirito dell’Allegria di naufragi. (Ungaretti rifiutò il corso per allievi ufficiali).

 

 

 

http://domenicofargnoli.files.wordpress.com/2013/12/allegria.jpg

 

 

(Altri ha ben ricordato, per Papini, una testimonianza insospettabile di Montale: “una figura unica, insostituibile, a cui tutti dobbiamo qualcosa di noi stessi”).

 

 

Montale, Eugenio  - Ossi di seppia

 

 

Di lì a poco si aggiungeranno i Canti orfici e il mito di un poeta suicidato. Intanto, sul “Frontespizio”, Sergio Baldi traduce sensibilmente T. S. Eliot. Ci sono spostamenti nello zodiaco. Uno dei più sensibili (attributo elettivo, per Parronchi, il cui primo libro di poesie si intitola appunto I giorni sensibili)

 

 

File:Canti Orfici.jpgArea P. A Palazzo Marino un omaggio a Dino Campana

 

 

POESIA 1941

 

 

è lo spostamento dell’asse da Petrarca (o, per Ungaretti, da Petrarca & Mallarmé, l’uno e l’altro due ermetici di Francia, i veri precursori) a Dante. Un Dante sottratto alle ampolle carducciane, ai tristaneggiamenti prerafaeliti, alla ‘Dante Alighieri’ per la difesa e diffusione nel mondo, al netto del pensiero e delle opere, della lingua italiana.

 

 

File:Francesco Petrarca - I Trionfi - Walters W755 - Obverse Detail.jpgARGO-ZRG-575-Stravinsky-Pulcinella-Apollon-Musagete-Marriner-ASMF-1968-NM-EX

 

 

10. A me pare che certi aspetti rilevati nello Hermet (‘… intimo rapporto fra pensiero e poesia assoluta…’: ‘… guardato con scherno proprio per la sua singolarità…’, così la signora Manghetti) rifioriscano nell’esperienza vitale, nell’immagine perpetua dello stesso Parronchi. Sullo sfondo, remota ma incancellata, sebbene non sbandierata, la stessa polemica papiniana contro tutte le forme dell’accademia imbalsamatrice. Lui che fin dai suoi anni primi aveva invocato ― sapendo quel che diceva ― la chiusura delle scuole.

 

 

Giovanni Papini: filosofo con il martelloPedagogia-Lev-Tolstoj-La-scuola-di-Jasnaja-Poljana-1966

 

 

11. Con il distacco savio che ne era segnale caratteristico e raro, nella Nota biografica al 1989 in coda alle Poesie 2000, scrive di sé Parronchi, professore e poeta, alla terza persona come Cesare,: “[nel 1956] il vero inizio di quella che è stata poi la sua professione, la quale gli ha dato non poche soddisfazioni ma ha altresì per il suo carattere ritardato la sua carriera accademica oltre i limiti del sopportabile, da lui pur tuttavia sopportato”. Forse resta da aggiungere che gli è andata bene, se i suoi principî di storico dell’arte si basavano su questo atto di fede: “Suo principale non si sa se difetto o merito, quello di non fare ossequio all’autorità, alle formule convenute, alle visioni d’insieme, ma di cercare invece la rettifica del particolare, la prova non sicura, onde poter buttare all’aria grandi costruzioni fasulle e dare saldo fondamento a nuove costruzioni. Le sue prime scoperte fecero clamore, ma seguitando a quelle molte altre successive, nessuno ci badò più che tanto”.

 

 

 Copertina di 'Ricostruzioni. Piero della Francesca. L'Altare di Gand'Caravaggio - Parronchi Alessandro

 

 

12. Tace di quelli che ci badarono per confutarle con disprezzo come giunta della derrata; c’est la méthode. Nelle dure meningi della scienza, difficile che entri un ricercare (ma sì! anche nel senso musicale) che si pone come un itinerarium mentis a un oggetto che nella sua sostanziale intangibilità agisce, di contraccolpo, sulla perpetua modificabilità dell’intelletto itinerante. Voglio dire: l’errore occhieggia all’angolo della strada; per deviata deduzione di scienza o per riflesso amore di una ricerca come inseguimento della Pantera di luce. caminante, no hay camino. se hace camino al andar. Così Machado magnanimamente tradotto, in futuro, dal maggiore (con Carlo Bo) dei critici di quell’onda di eccezionale speranza in poesia: Oreste Macrì da Maglie, il mago post-platonico della caverna.

 

 

 Oreste Macrí Carlo Mattioli, portrait of Oreste Macrì

A destra: Carlo Mattioli, Oreste Macrì

 

 

E un giorno, poi, Luigi Nono, umile ed alto più che veneziano, nel suo declivio dalla Didone ungarettiana a Cacciari: No hay caminos, hay que caminar; una scritta letta da Nono sul muro di un convento di Toledo, scelta da lui per sigla di un’opera ad intenzione di Andrej Tarkovskij (1987).

 

 

 

 

 

Ecco un allaccio che non è detto dovessimo aspettarci per forza: ― il “rumore del tempo”, film “un mosaico fatto di tempo…

 

 

https://lombradelleparole.files.wordpress.com/2014/04/arsenij-nostalghia.jpg

 

SCOLPIRE IL TEMPO

 

 

14. Né è detto che quando si dice scolpire si debba per forza pensare ai Rambo muscolari del Buonarroti o di Rodin. Si può modellare la pietra arenaria, fare sculture di sabbia, meditare sul rilievo. Con Sandro Parronchi, non c’è da scostarsi di troppo da quella dichiarazione di poetica (ah! Ghidetti, il nostro amato e disamato maestro Walter Binni!) riconoscibile nel poemetto in apertura della raccoltina Quel che resta del giorno (il titolo, allusivo a un “bellissimo film” di James Ivory, il Perfetto Inglese, è anche una finestrella su l’amore del cinema di Parronchi), Il murale di Venturino in piazza Pertini a Castelnuovo dei Sabbioni (il librino esce per le Càriti, Firenze 2001). La memoria è ad un’altra delle stragi di civili innocenti perpetrate dai barbari in rotta.

 

 

Il comune dice 'no' all'antenna Telecom, il Tar e il Consiglio di Stato ne permettono l'installazione

 

 

Muro di Venturino, t’inserisci

lieve nel paesaggio di Cavriglia […]

 

Sorge limpido il muro nella piazza

è una strada un torrente una via lattea,

non è un simbolo è fatto di realtà […]

 

Non ti richiudi come una fortezza,

come una tomba. Anzi chi ti descrive

sente farsi la vita più leggera.

 

15. Venturino scolpitore, (dalla tastiera m’era uscito colpitore), Ottone o Mario Marcucci per la parte della pittura; del resto lo stesso Parronchi era valente disegnatore. Il disegno, la sinopia: un modo di restituire la vita a graffiti, lo spazio come una sindone, le immagini che si accartocciano nell’estrema fuliggine di una pellicola che si brucia. Non ci ero arrivato alla prima, un poco respinto da quell’inesauribile spendersi di un diario in versi (questi, perfetti, reattivi), un poco affascinato da quello che sembrava un mite post-Parnasse fuoritempo. Finché questa limpidità, questa goduria prospettica, questa tensione quasi senza nervo fra il particolare e la distanza, come in certi pittori ottocenteschi tenuti in caldo, su la soglia della disparizione, dal più felice Emilio Cecchi di quel suo profiletto hoepliano (1926); e può anche, insieme, ricordare il modo cinematografico di un Mario Soldati, da lui senza parere trasmesso al Visconti meno barocco; finché questo trionfo dell’occhio calmo, della visione colma, e che surge quel tanto necessario ad estrarla dalla ganga dell’illusione e della indeterminatezza, non ti mette in sospetto, come un soffoco per troppa aria. Pensi a uno Skrjabin (‘messa nera’, ‘messa bianca’) correttosi in un malizioso, in un davvero utopico Raffaello.

 

 

 

 

O vaioloso, butterato, itterico

volto della decrepita fanciulla

luna,

io troppo lungamente ho respirato

l’immonda polvere delle tue valli,

e presto conosciuto la natura

luetica delle tue macchie, ed ho appuntato

troppo curiosamente il dito nelle

tue ferite recenti,

per non potermi abbandonare a un ultimo

amore di necrofilo per l’una,

e troppo nota, o l’altra, che mi agghiaccia,

tua sconosciuta faccia.

 

 

 

 

Così esordisce, con una aggettivazione fonda, sonora, inusitata (ne incontravi di simili in Baudelaire) la Scorciatoia della luna di Pietà dell’atmosfera, la raccolta del lavoro del decennio 1960-1970, oggi meglio d’allora si conosce ch’era l’atto di coraggio (parola così parronchiana) non per opporsi alle ragioni della bandita avanguardia (qui le date sono crudeli: il Gruppo 63 si rispecchia nel Gruppo 47, e ti chiedi quegli anni, in Italia, dove erano andati a imboscarsi) ma per affrontarla, con diversi mezzi, sullo stesso terreno. Nel 1968 era uscita La Beltà di Zanzotto, più giovane di Parronchi di quei sette anni che bastano al trapasso da una generazione alla seguente.

 

 

 

 

16. Ma, per Parronchi, è da notare, ch’è la seconda volta ch’egli si ritrova ad affrontare, con una prontezza di stile che congeda le sue personali, innate perplessità (il non perplesso vede da percorrere un’unica strada) la malattia (nell’aria) della poesia. Ascoltiamo, di nuovo, dei versetti, nel senso biblico, dalla Ventura delle riviste:

 

“Lunga ritorna l’atonale melodia che ha per note nomi; e suona come discorso d’una morta lingua sconosciuta. Di pittura scrive Giulia Veronesi, Gatto sui Disegni di Rosai, e Alessandro Parronchi (suo Il giuoco del barone, giovine musica di Valentino Bucchi) pure un articolo Tempo di pittura”.

 

Sorella del pittore e cineasta astrattista Luigi Veronesi e allieva di Raffaello Giolli, Giulia Veronesi (1906-1973) ebbe la sorte di chi spicca in molti campi diversi (per lei la pittura, l’architettura moderna, il cinema, collaborando con Henri Langlois); fu vicina a scrittori e architetti come Giuseppe Terragni Giuseppe Pagano Edoardo Persico, del quale avrebbe procurato la pubblicazione degli opera omnia, nel 1964, per le Edizioni di Comunità. Ancora indispensabile la sua ricognizione retrospettiva Architettura e città durante il fascismo (ultima edizione per Jaca Book, Milano 2008, a cura di Cesare De Seta).

 

Lasciamo rievocare la faccenda del Barone a Parronchi, che ne scrisse il libretto, in una notte.

 

 

 

 

 

Era il 1935, Sandro era al suo primo anno di università. Lui, Fortini, Piero Santi, Valentino Bucchi, Giorgio Spini, erano “noi di là dal Mugnone”. Italia fascista ma non ancora imperiale.

 “… E passando una notte sul Ponte rosso e discorrendo di questo [di un libretto dovuto a Valentino, da parte degli amici letterati che giuravano sul genio di lui, allievo di Malipiero – mal visto a Firenze per il suo coltivato pendìo venezianescamente libertino e scurrile – “che doveva essergli stato guida nella lettura degli antichi”], Fortini disse: ‘Si potrebbe inventare una storia sul filo del giuoco del Barone’. Io, che conoscevo il gioco dell’Oca e non quello del Barone, non stetti a pensarci su. L’indomani mattina comprai il foglio del Giuoco del Barone in una minuscola cartoleria alla fine della via Faentina sull’angolo con la Bolognese, e saltai su un tram che dal Ponte rosso, traversata l’intera città e l’Arno, raggiungeva Porta romana. Qui scesi e iniziato il viale Michelangelo, nei giardini del Bobolino, buttai giù a penna, sul rovescio del Giuoco del Barone, diverse strofette dov’era, in sintesi, la storia di quel personaggio strampalato”.

 

Nel pomeriggio batte tutto a macchina, sulla Olivetti M 40, “l’aborto di operina che era venuta fuori”, in serata o al più tardi la mattina dopo il dattiloscritto è nelle mani del compagno musicista. Ma Parronchi, così ci fa sapere, pensava ancora a un gioco fra amici, a una rappresentazione domestica, magari nella casa di Piero Santi. Santi, il futuro amico e biografo di Ottone Rosai, appassionato di cinema (anche nel senso di locali cinematografici) e noto gallerista, grande scrittore ignoto perfino a se stesso, punta scoperta di quella scelta omosessuale che traversa come un lievito dolente e appartato la vita di Firenze da Palazzeschi a Giannotto Bastianelli, da Giovanni Costetti, quasi un pittor maledetto, fin dallo sboccio del secolo, alla rivincita imperiale di Sylvano Bussotti, un novello Leonardo fiorentino a cavallo dei nostri due millennî.

 

 

 

http://www.ilsitodifirenze.it/sites/default/files/immagini_articoli/212548.jpg

 

Valentino Bucchi – Autoritratto di Fortini – Piero Santi

 

 

17. Ma passano tre giorni e Fortini rivela a Parronchi, che la musica è già pronta e che Valentino pensa ad una rappresentazione nel mitico teatrino di via Laura. Parronchi rimase atterrito: “Che Valentino Bucchi fosse il nuovo Jacopo Peri, lo davo per scontato, non altrettanto mi appariva certo che quei versi potessero figurare opera del nuovo Ottavio Rinuccini”. Si aggiunga “il pudore, per me insopportabile, di ‘apparire in pubblico’”. Così, passano alcuni anni e quando il 20 dicembre del 1939, per mera cronaca dico, un mese esatto prima che ci venissi al mondo anch’io, il Barone va in scena, davvero, restando anonimo il nome del verseggiatore, Bruno Barilli, lui stesso compositore, altamente lo loda. Con quello che stava per seguire, un gioco di fanciulli molto dotati finiva nel dimenticatoio. Invece se ne fa una ripresa il 18 febbraio del ’45, ancora in via Laura, e stavolta presente lo scrittore, che si era intanto fatto in pochi anni un nome di prestigio.

 

 

 MALLARME-Lapres-midi-et-le-Monologue-dun-Faune-5-litografie-di-Carlo-CarraLibro Illustrato - Carlo Carra - L'après midi et le Monologue d'un Faune

 

Il Fauno di Ungaretti è illustrato da Carlo Carrà, in una edizione preziossima

 

 

A distanza di pochi mesi, esce nell’autunno in una stampina minuscola, per le edizioni “Il Fiore”, la traduzione parronchiana de L’“Après-midi d’un faune”: confessa, in una nota preliminare, il poeta (che intanto ha tenuto un fitto scambio con Ungaretti, intenti a disvelarsi i segreti anche ‘tecnici’ della ateria mallarméana, districarne le radici, il “significato letterale”), confessa Parronchi che “tradurre in versi l’Après-midi è stato per me l’unico modo di leggerlo”. Nello stesso 1945 Carlo Bo pubblica il suo nono (o undicesimo) libro e più enigmatico capolavoro, il già ricordato Mallarmé, per le leggendarie, da quegli anni difficili, Edizioni Rosa & Ballo. Guido Ballo, uno dei pochi, con Hermet, a scrivere di musica sulle riviste in ventura…

 

 

  

 

 

18. Di Parronchi le orse, le muse… e i sette tavoli ai quali scrive la vita. Sette, non gli sarebbero bastati i tre favolosi di Pascoli. Italiano, latino, Dante. Segno dei luminosi tempi che viviamo, il rettore dell’università di Bologna in una intervista ha sostituito a Dante il dialetto; ma oggi a fare il rettore non ci vuole altro che indifferenza alla cultura e ossequio all’intreccio delle più varie massonerie (recte, ‘centri di pressione’). Capo di stato maggiore si nomina un riformato. Alle lezioni urbinate di Parronchi, uno a questo convegno ha ricordato, gli studenti profittavano del buio dell’aula, cieca per dar visione alle diapositive, per seguitare il sonno delle otto di mattina. A quelle di Longhi, potrei testimoniare io, accadeva lo stesso e di peggio, nel tardo pomeriggio le volte che il Magnanimo teneva le scarse lezioni. In quella tomba oscura, il Longhi rischiò di ammazzarsi, mettendo un piede in fallo oltre la cattedra e finendo a spiaccicarsi, dopo una corsettina, sul muro di fronte, accanto allo schermo irradiato dalle immagini d’arte. Grido universale d’orrore, come in un’opera verdiana? Anzi uno scroscio di riso liberatore. Il povero grande (permalosissimo) vecchio ansante ci maledì.

 

19. Un tavolino andrebbe riservato alle cose scritte da Sandro per occasioni di galleria; presentare un amico pittore, dire di sé. Ho fra i doni da lui ricevuti (e forse fu il primo di molti, dopo l’incontro di A., e, nella dedica a mano, segnalava fra lui e me la coincidenza di “molti gusti e molte idiosincrasie”) la plaquette Quale Orfeo? per le Edizioni Pananti, di fronte a Santa Croce foscoliana, a vista della statua di Dante malfatata, quasi decapitata da malsani restauri. Dio maledica i restauratori! (la voce è di Masaccio, nella piazza del Carmine notturna in cerca delle grosse coglia che gli han reciso). Aveva spesso a mano un breve récit in versi bulinati. Difficile, in genere, per chi faccia poesia nel solco (vale meno se accolto o esplicitamente respinto) di Mallarmé, il narrare. Parronchi non vi ha mai rinunziato, in una certa sua fase dopo l’esordio, fin verso la svolta del Coraggio di vivere (Scheiwiller ’56) dopo L’incertezza amorosa (1950-51) in cui Parronchi dichiarava avvenuta “una trasformazione”. A quella fase appartengono i tre poemetti-capolavoro, l’“intermezzo” del 1947, Giorno di nozze, il “racconto orientale” Nel bosco, ispirato dalla visione di Rasciomon di Kurosawa (1951), e quasi derivandone, per l’intento dichiarato di voler trarre dalla lezione del cinema (“arte figurativa”, per Ragghianti, non per Sandro che sa osservarne “il movimento elementare”), Città.

 

 

 

 

 

“[…] Vagheggiavo una particolare disposizione poetica che, come la camera cinematografica, permettesse di ‘filmare’ una situazione, di darne, per così dire, il movimento elementare, realistico-estemporaneo, senza alterazioni eccessive. Così è nata […] Città, la quale, tagliata fuori da un’azione vera e propria, ruota attorno a una situazione reale, di tempo, di luogo e di sentimento”.

 

(dalle Note di Parronchi a Le poesie, Firenze, Polistampa, 2000, vol. I, p. 365).

 

Son convinto che fino dai versi d’esordio, questo ‘poema in cinema’ sia valso, meglio ancora se inconsciamente, a Sereni per il futuro Un posto di vacanza (Scheiwiller 1973). V’è una corrente segreta di poesia ‘all’insegna del pesce d’oro’. I poeti si lanciano richiami misteriosi da uno scoglio sottomarino all’altro. Yellow submarine

 

Una città diversa dalla terra

e dal cielo, un’aerea città

confitta nella polvere del mondo… (Parronchi)

 

(Un giorno a più livelli, d’alta marea

― o nella sola sfera del celeste.

Un giorno concavo che è prima di esistere

sul rovescio dell’estate la chiave dell’estate…) (Sereni)

 

Ovvio ma è come il rinvio ad un tesoro quello da fare al carteggio intercorso tra i due poeti dal 1941 alla scomparsa di Vittorio.

 

 

  

 

Un tacito mistero, il carteggio Sereni-Parronchi 1941-1982, a cura di Barbara Colli e Giulia Raboni, prefazione di Giovanni Raboni, Milano, Feltrinelli. 2004. Fu il primo volume dei carteggi del poeta di Luino conservati nell’Archivio Sereni.

 

20. Ecco qui un altro tavolo, e dei maggiori, nello studio di Sandro Parronchi: quello dei carteggi (con Ungaretti, oltre che con Sereni, e Bertolucci, Umberto Bellintani, MarioTutino valente traduttore di Valéry…)

 

 

Rimini. Sabato 1 dicembre, Valerio Magrelli  e Paul Valéry. Vedersi vedersi.

 

 

Il Cimitero marino nella traduzione tutiniana esce nel 1963 da Scheiwiller, con prefazione di Parronchi, e già tre anni dopo viene accolto nel sancta sanctorum della collanina bianca einaudiana. Non era stata sfida marginale, se il poema valériano aveva già indotto a provarcisi a singolar tenzone traduttori-poeti come B. Dal Fabbro, Mario Praz, i nostri due maggiori cultori di cimiteri, tra Foscolo zacinzio e Ceronetti; Renato Poggioli (1946), il salentino Vittorio Pagano, il salentino inflorenzato Oreste Macrì (per Sansoni, nel ’47), nonché, prima, Ettore Serra, Vincenzo Errante, Manlio Dazzi, l’amico di Pound; e non si taccia Diego Valeri.

 

e i due libri che ogni contemporaneista italiano dovrebbe sapere a memoria delle ‘lettere a vasco’ e ‘lettere a sandro’, con l’intrinsichissimo Pratolini).

 

 

 

 

V. Pratolini, Lettere a Sandro, A. Parronchi, Lettere a Vasco, a cura di A. Parronchi, Firenze, Polistampa, voll. 2, 1992-1996. Su un arco di tempo ininterrotto dal 1941 al 1989. Sono 518 i ‘pezzi’ pratoliniani, 438 quelli di Parronchi, su complessive pp. 837. Di fronte a un monumento come questo, franano il materiale e l’immaginario, le scuole e le scomuniche. Aggalla il commento perpetuo ad opere di cui al limite si potrebbe perfino oggettivare l’inesistenza. La sostanza (per Vasco, mai accettato dalla società politica e letteraria dei tempi; ma anche per il giovane Parronchi fin dentro gli anni Cinquanta) è drammatica; dolorosa talora fino allo strazio. Non mancano le cabalette di una pena ai confini del melodrammatico. Qui non Proust non Gide non Valéry come maestri di stile (e di una vita-stile) ma l’ombra popolana di Victor Hugo. Così Parronchi stringe Pratolini al tragico Rosai.

 

 

 

 

Il più sorprendente è forse davvero quello con Mario Tutino

 

“Arte nata dall’arte”. Carteggio 1956-1966, a cura di Paola Baioni, “Biblioteca della ‘Rivista di Letteratura Italiana” diretta da Giorgio Baroni, Roma-Pisa, Fabrizio Serra editore, 2009

 

il figlio di Saverio, giornalista e scrittore amato, un poco il Tiziano Terzani della generazione resistenziale, fedele ai valori della ‘presa diretta’ non letteraria, come i diarii della gente comune

 

 

ISTANTANEE dal 28esimo PREMIO PIEVE

 

 

dove gli affetti restano come non detti, e il terreno d’incontro non è soltanto letterario, ma il pensiero che scava è all’arte, e alla poesia, come disposizione del pensiero. Per battilozio si rubi dalla presentazione editoriale del carteggio Tutino-Parronchi[1]:

 

“Il volume si può sostanzialmente dividere in tre parti fondamentali: la prima che muove dall'interesse di Parronchi per il Libro del Collare di Guido Pereyra, in cui lui e Tutino diffusamente discutono soprattutto intorno alla genesi del testo. La seconda […] con interessantissimi passaggi riguardo alla poesia parronchiana e alle traduzioni dai poeti francesi e una terza parte, altrettanto importante soprattutto per gli storici e i critici d’arte: con profusione di particolari […] i due parlano delle dibattute attribuzioni relative al Crocifisso di Michelangelo, discutono sul Cupido dormente, su Paolo Uccello, Masolino, Masaccio, per citare solo i principali argomenti. La parte finale del carteggio riguarda, in modo particolare, la traduzione tutiniana del Cimetière marin (pubblicata proprio nel ’66) e della Jeune Parque che esce postuma, nel ’71. Le lettere di Pereyra a Tutino, qui riportate nell’Appendice I (mentre l’Appendice I riporta una lettera di Pereyra direttamente a Parronchi), permettono infine di leggere in filigrana buona parte del Libro del Collare. Parronchi era interessato a conoscere le varie fasi di composizione del libro e a comprenderne il sostrato filosofico, filologico, letterario, artistico e umano”.

 

Ogni interesse di Parronchi vi è presente. Omnia mea mecum porto, avrebbe potuto dire anche lui di sé, perché coscienza e cuore non mai vanno in vacanza. Del misterioso Libro del Collare chiesi al poeta, due giorni dopo ricevetti da lui le fotocopie. Chiaro che Parronchi vi cercava radici meno ovvie dell’ermetismo. Era la Firenze tenebrosa di Vannicola e di Papini, di Bastianelli e Levasti, del faustiano Manacorda, in odore di menagramo, del resto inviso a Croce, che rimbeccò su come tradurre Goethe, a Gentile, che lo diceva “di Ripafratta”, a Mussolini che lo scaricò, forse perché assai tepido antirazzista, come lo scaricarono dall’università i nuovi vincitori, di Tartaglia venuto da Parma, ancora ai tempi miei di Sicuteri e, ci crediate o no, del nicciàno Ferruccio Masini.

 

 

http://www.letteraturatattile.it/wp-content/uploads/2012/11/vannicola-de-profundis-766x1024.jpgil Faust di J.W.Goethe

 

Printed Music » BASTIANELLI Giannotto (San Domenico di Fiesole 1883 - Tunisi 1927)Pereyra-G-IL-LIBRO-DEL-COLLARE-TESTAMENTO-DI-GUIDO-PEREYRA

 

Al centro, il Libro del Collare di Pereyra; a destra, la scena di Baccio M. Bacci per il Volo di notte (da Saint-Exupéry) per Dallapiccola mussoliniano (Firenze 1940)

 

20. Scoprendo il magnifico epitalamio (dal titolo che potrebbe essere cinematografico, Giorno di nozze) avevo sùbito pensato a una sorta di libretto operistico. Ne trovai conferma in una diversa nota dell’Autore:

 

“[…] C’era stata una volta l’idea di scrivere un libretto per musica, che si riaccostasse alla forma aulica dell’intermezzo cinquecentesco. Non che mi mancassero esempi moderni, come l’ineguagliabile ‘Noces’ di Strawinskij. Ma ancor più mi s’era impresso nell’orecchio, e vi durava profondamente, il primo atto dell’‘Orfeo’ di Monteverdi, nell’incisione [discografica, a 78 giri, diretta da Ferruccio Calusio] datane dal Magazzino Musicale Milanese, in cui la voce di Ginevra Vivante era arrivata a identificarsi per me con la Musica. E mi proponevo l’esempio dei versi della Dafne del Rinuccini, più scarni e più scenici di quelli del Tasso e tuttavia pieni del favoloso mitologico e teatrale che in anni ormai lontani[2] ― poi sempre più debolmente ― mi scaldava la fantasia”[3].

 

 

 

 

 

E da notare il séguito: “Che l’eco di ritmi classici e il riflesso di orpelli seicenteschi si siano potuti costruire in un componimento tra lirico e declamato, scritto in occasione di un matrimonio borghese dei nostri giorni, è anacronismo forse lievemente giustificato dal fatto che l’adolescente a cui promisi l’epitalamio, la sposa per cui lo scrissi, non seppe e forse non saprà mai dell’omaggio”.

 

Certo, in quella Firenze un poco sonnolenta, nel nuovo dopoguerra, imbarbarita e impoverita, da cui sono dovuti i meglio uccelli migrare, nessuno ha voglia di correre; si vive a lungo fra le macerie degli abitati a ridosso dei ponti, rinascono un poco per volta Por Santa Maria, i lungarni dalla Carraja fin oltre il Ponte vecchio, Borgo San Jacopo, la via Guicciardini: nel 1956, di sorpresa, Bucchi presenta il Barone al Premio Italia e lo vince. Parronchi si mostra convinto per quello che concerne il valore della musica, ma ancora stupefatto per quella “avventura leggermente rocambolesca”. Prova a spiegarselo:

 

“Valentino ha scritto altra musica, altre opere. Ma col Barone aveva rotto gli schemi, aulici, dell’operismo italiano, creando le premesse per l’introduzione di un linguaggio ironico-sentimentale che non è nella nostra tradizione”

 

― intendi El Retablo de Maese Pedro, opera per marionette, o la Histoire du soldat, abbinata al Barone in una ulteriore ripresa del 1982, al Teatro Puccini (sùbito sotto il Ponte alle Mosse, sboccando dalle Cascine), per la quale il poeta scrisse il Ricordo del Barone, dal quale qui attingo, pagina rara, avuta in dono da lui; e che volli ripubblicare unita al Gioco in una antologia dei libretti d’opera per i “Cento libri per mille anni” del Poligrafico e Zecca dello Stato, che Parronchi si ritrovasse, a distanza di quattro secoli, appaiato al Rinuccini o allo Striggio pionieri dell’Opera ―

 

 

 L'enfant Et Les Sortilèges - Maurice Ravelhttp://ring.cdandlp.com/classicalmadness/photo_grande/115010939.jpg

 

 

pur non dimenticando Verdi (“una linea in cui il colore si posa su oggetti musicali ben definiti”). Si deve riconoscerlo: in principio est Casella, purgate ormai le remote sue origini mahleriane e antibussetane.

 

 

Giuseppe Verdi, Falstaff Highlights, UK, Deleted, vinyl LP album (LP record), Columbia, SAX2578, 524364 

 

 

E non converrà fare oscura glossa, se Parronchi apertamente questa strada (il libretto-madrigale) non ritornò a percorrere.

 

In misura più tecnica ed erudita (modelli, apparati, allegorie, marchingegni) Parronchi si è occupato di teatro antico a proposito delle prime messe machiavelliane (La prima rappresentazione della Mandragola, Polistampa, Firenze 2005). In Quale Orfeo? si mostra sottilmente a giorno della brutta piega presa da certi allestimenti dell’Opera antica (l’Orfeo del Maggio Musicale 1984, una precedente messinscena dell’Orfeo ed Euridice). Regista dell’opera monteverdiana era stato Pier Luigi Pizzi a Pitti; dirigeva il barocchista (freddo, ‘alla lettera’, cerebrale) Roger Norrington, sul quale oggi stesso i giudizî un po’ rissosamente si dividono (a me piacciono perfino le sue incursioni extra-barocche, le sinfonie di Beethoven, la Fantastica e il Benvenuto Cellini di Berlioz, certe sinfonie di Bruckner, di Čajkovskij, di Mahler ‘con strumenti originali’), recuperato il finale tragico con lo scempio fatto di Orfeo dalle Baccanti. L’Orfeo gluckiano è quello del Maggio musicale 1976, con la regia di Luca Ronconi e la direzione musicale di Riccardo Muti. Probabilmente, se fossi stato ancora il frequentatore fisso del Comunale che fui fino al mio trasferimento in Val di Parma, mi sarei accapigliato con Parronchi, come mi accapigliavo spesso con Luigi Baldacci onor della seconda galleria. Ma non avrei saputo esporre il mio dissenso in versi così belli, con tanta arguzia, e tale civiltà.

 

21. Nel 1982 ha appena congedato, da due anni, con Replay, l’esperienza poetica di una (la penultima) delle sue grandi raccolte che scandiscono, come si sa, un decennio per volta di superate altezze. Seguiranno Climax, alla fine del nuovo decennio, e da ultimo le Poesie del 2000, che giocano col lettore un poco a cippirimerli, presentandosi con la promessa di una completezza obiettiva e un poco neutra, come fuori della mischia.

 

 

  

 

 

Sandro ha ormai 86 anni, Bigongiari è mancato da tre anni, Macrì da due, Anceschi da cinque, Franco Lattes da sei, nel 2000 muore Bertolucci, nel 2001 Bo, nel 2005 Luzi, Pratolini si era congedato fin dal 1991, e Vittorio Sereni addirittura dal 1983; il nostro poeta tocca, serenamente ospitato dentro la gravissima malattia, i novantatré anni di una vita operosissima, premio ad un saggio appassionato e arguto. Bucchi era andato per primo, nel 1976, un anno solo dopo Dallapiccola). Le Poesie sono dunque insieme un bilancio e una rimessa in bilico di una intera esperienza, che il poeta non vuole che ci si rappresenti come compiuta. Chiare le Orse, lucide le Muse in un paese ideale (come quelli del grande classicismo secentesco, Poussin Domenichino Guido Reni…); ma ad ogni sbocco la vita recalcitra a farsi contenere in busti o guardinfanti. La lezione dei secoli ci rende meno arresi. Se di Parronchi Le Poesie del 2000 sono, di fatto, l’ultimo opus magnum, esso non distoglie lo sguardo da un diverso ritmo, ‘aperto’, nelle pubblicazioni dei suoi versi. Ci sono raccolte minori, poemetti, occasioni, brindisi per la vernice di una galleria. Si è detto dei piccoli libri preziosamente tratti alla luce dall’arte ostetrica di Giovanna Ioli. Non si può trascurare il minuscolo Scheiwiller “Expertise” per Vittorio Sereni (1986). Non so quanti abbiano avvertito che questo discorso teso fra narrazione in prosa e sbocchi di poesia ripete il modello sereniano del Sabato tedesco (1980). Nell’indagine corre, come nel cinema di Antonioni, la frusta dell’enigma metafisico. C’era un dipinto da rintracciare, nell’invito di Sereni pareva facile, sulle prime: una sorta di Ronda di notte; una commedia lirica e naturalista bagnata in lume che la presta ad altro. Sogno? Sarà, ma sarebbe anche facile soluzione. Vibra la voce di Vittorio, come nei suoi versi scolpiti nella luce precisa dell’ora: “… Quella che dico è diversamente lirica, con grandi feltri e pennacchi, tenebrosa, con un senso di pioggia e di vento, di notte fonda o di ora immediatamente antelucana – cavalieri o nobiluomini che rincasano o muovono a qualche impresa. Comincio a credere di averla sognata […] Ricordi una delle prime traduzioni da T. S. Eliot che abbiamo lette? / ‘Alle quattro su il vento si levò…’ È un po’ questo. Velazquez, può essere? […]” (Sereni a Parronchi, 4 giugno 1969).

 

 

http://www.guidaolanda.it/images/musei/rijksmuseum_pitturem.jpg

 

 

22. È l’ora dei morti. Io non fui mai convinto che Sandro ci avesse preso, col suo “expertise”. Non ho dubbî, ad esempio, che l’immagine fissatasi negli occhi di Vittorio debba essere in campo lungo, come in un teatro; qui questi giocatori o bari intenti e stracchi si affacciano in primissimo piano quasi ai bordi anteriori della cornice. No, no. IL QUADRO NON È LÌ. Invece nei suoi versi Parronchi non si sbaglia:

 

[…] Ed a te, più sprovveduto

in arte, ma, caro alle Muse, come

profondamente abbia dovuto incidersi

nel tuo sguardo quello sperduto sguardo

di giovane che cerca

nel futuro una pace, o che travolge

l’eco di un turbamento

come turba una raffica di vento

le bandiere i lumi di una festa, …

ora capisco; perché anch’io dal tempo

che ero da queste parti

 

Berlino, la Bildergalerie di Sanssouci. Visitata (forse) (il poeta non si decide) nel suo viaggio da giovane nella Berlino hitleriana.

 

tanti anni fa, con ansia inesprimibile,

per un cammino via via più difficile,

ho cercato il raro, l’indicibile.

 

Nessuno stupore che invano si cerchi questa ansiogena, e sublime plaquette nei due tomi delle Poesie.

 

******

 

 

EMILIO VILLA, IL FAUNO E I TRIOSCURI FIORENTINI

 

 

Ottobre si chiuse con una affollata festa fiorentina (la Festa del Grillo?... le Rificolone?...) a richiamo delle oggi inimmaginate, vero inimmaginabili, glorie letterarie di questa città incialtronita. Mi viene in mente un acquario dove guizzino e sbarrino gli occhicini dei pesci meravigliosi ma imbalsamati, mossi da marchingegni come quelli con cui Spallanzani e Coppélius muovono Olympia, la bambola-automa. Eppure ogni volta si torna a sbalordirsi di nuovo. Confesso il mio amore, la mia nostalgia, come per via Tornabuoni disseminata di librerie, per il cinema Edison, per le gallerie-stadio dell’antico Politeama. In fondo proprio nel retro della gloriosa libreria Seeber accadde il primo dei miei mancati incontri con Mario Luzi. Si era fermato a festeggiarmi un compagno di studî, ispanista, di lì a pochi anni rapitoci dal cosiddetto ‘male che non perdona’. Luzi lo richiamò con crudele impazienza e riprese a parlare del Nobel. Io, invece, qualche anno prima, in quello stesso antro delle meraviglie avevo comprato, studente squattrinatissimo, Onore del vero, edizione di Neri Pozza. Così perché mi piaceva, carnalmente.Il titolo, i caratteri di stampa, le ampie pagine avorio, il marroncino della copertina. E ci feci quasi la mia iniziazione a una poesia meno scolastica di quella che avevo imparato a riconoscere, ma trovandola in fondo solo diversamente letteraria.

 

Dovevo leggere un mio intervento al Vieusseux, nel pomeriggio dedicato a Parronchi. Avevo fin da principio avvertito: vedrete che non verrò, mando un testo da leggere. Lo lesse, difatti, intrepido un mio caro fratello. C’erano ad ascoltare Nara Parronchi, Giovanna Ioli, Anna Dolfi, dove potevo trovare un pubblico meglio disposto.

 

Finisce novembre e Marco Palladini rimette in pista Emilio Villa. Anche per lui, come per Luzi Parronchi e Bigongiari, corrono i cento anni dalla nascita. Villa ci sembra John Ford.

 

http://www.diaforia.org/floema/files/2014/05/EMILIO-VILLA-suo-ritratto.jpg

 

 

Marco Palladini

Eseguirà

Frammenti di Litania per Emilio Villa

 

Come raggiungerci: Il Teatro si trova sulla Via Portuense all’altezza di via Pascarella, nel largo con giardini e fontana “postmoderna”, sulla destra andando verso la ferrovia/Piazzale della Radio e il “fuori città”. Stesso ingresso del parcheggio sotterraneo.

 

Io già m’immagino l’Antro della Sibilla, la discesa agli inferi che ormai è rimasta la sola promessa che mi tien vivo.

 

Anche a Reggio Emilia faranno qualcosa. Il Fondo Emilio Villa sta presso la Panizzi, una biblioteca ordinata, vivace. Se spengo il computer e scendo le scale ci arrivo in cinque minuti. Anni fa avemmo altre feste per lui, esposizioni, libri. Ci sentivamo elettrizzati.

 

Ma l’avanguardia perpetua, il trotzkysmo villareccio non attecchiscono ancora, forse mai più, sugli aridi (benché alluvionabili) terreni d’Italia. Come accade da sempre per Onofri, per Calogero, per Pizzuto, per Stefano d’Arrigo. Si sono occupati di loro i migliori, questa dissociazione fra la critica e il publico dei lettori improbabili ma non impossibili fu sempre da temersi ma ormai è come una linea Maginot che alle avanzate dello spirito regge invece di crollare al primo rombo di carrarmato.

 

Poesia poesia, che vuoi da me?

 

Non credo di violare un segreto riproducendo qui un rapido scambio fra me e Palladini.

 

 

… Villa: tu sei fra i più degni di celebrarlo. Intanto la vita è un romanzo che continua… Sarà un incontro importante. Promemoria non vale solo il 'rammentatevi'. Villa non sta nel secchio e, ogni volta, ci si trova a doverlo riscoprire.

 

Caro Marzio, l’Emilio quest’anno non lo ha ricordato praticamente nessuno... C’è poco da fare, Villa in vita o in morte è ‘destinato’ alla clandestinità. Rimaniamo in pochi catecumeni a rammentarlo, a leggerlo e a omaggiarlo. Ma quando pure noi saremo nel regno dei più, dubito che rimarrà in giro qualcuno a parlarne. Ma in fondo lui con le famose pietre di Toth, incise e poi gettate nel Tevere, aveva anticipato la sua autodissoluzione, la sua sparizione. In qualche modo, il sottrarsi, l’emigrare in altre lingue, il voler sparire sono il suo più potente lascito etico-artistico. Io lo amo anche per questo.

 

Come mia personale pietra di Toth, invio a Daedalus la versione riveduta, ampliata e illustrata (come il ‘mio’ Warburg, vagheggio libri che sempre più si accostino al libro di sole immagini) del Parronchi viusseviano. La dedico al fratello che la lesse e al pubblico che ho nominato. Ma prima, una versione del Fauno di Mallarmé, in omaggio ai capolavori di riscrittura che ne fecero Parronchi, Ungaretti e un poco meno al mito debussiano. Benché, quando lo ascolto da Boulez. O lo rivedo, complice, con gli occhi di George Barbier, il grande illustratore dell’art déco.

 

 

 

ECLOGA





Queste ninfe! io le voglio
Eternizare…              
                                   così lieve, chiaro
Il colorito delle loro carni
Che nell’aria sopita in folti sonni
Volteggia ― un sogno, forse
                    E ne fui innamorato?

Massa di antica notte,
Dubbio
Che in vari èsili rami va a finirsi,
E permanendo il vero bosco provi

Ch’ero solo ad offrirmi per trionfo

un’assenza ideale di rose.

 

Ripensiamo…

            o se le donne di cui fai tu glossa

Dessero ad un sospiro

Dei tuoi sensi di favola, una forma !

O fauno, l’illusione

Dagli occhi azzurro-gelidi

Della più casta fugge come una fonte in lacrime;

L’altra, tutta sospiri, tu dici che contrasta

Come brezza d’un caldo

Giorno, nel tuo tosone !

Ma no, no; per l’immobile,

Languida lassitudine

Che, se il fresco mattino

Resiste, di calura

Lo soffoca,

non c’è

Nota che d’acqua al bosco

Irrorato d’accordi

Non la versi il mio flauto:

Unico, fuori dei due fóri, fiato

Pronto a esalarsi prima di disperdere

Il suono in una pioggia inaridita,

È, all’orizzonte che non smuove ruga,

Il sereno visibile respiro,

Artificiale, dell’ispirazione,

Che il cielo riguadagna.

 

O piagge di Sicilia,

acquitrinosa

calma che, invidia ai soli,

Nella mia vanità io metto a sacco

Tacito sotto fiori di scintille,

                                              

RACCONTATE

 

“Che qui recisi le cannucce vuote,

“Dal talento domate,

“Quando sull’oro glauco

“Di lontane verzure dedicanti,

“A fontane, vigneti

                        un’animale

“Candidezza, in riposo, fluttuava :

“Ed al preludio lento, all’apparire

“Di zufoli quel volo no di cigni!

 “Di nàiadi si libera o sprofonda…”

 

Nell’ora fulva tutto brucia

inerte

Senza segnare per qual arte insieme  

Si squagliò tanto imene

Benaugurato da chi cerca il la:

Quando al primo fervore, ritto e solo,

Mi sveglierò sotto l’antico fiotto

Di lume, un giglio! ‒ e l’uno,

Di voi tutti, per l’ingenuità.

 

Se non quel dolce niente, dal loro labbro effuso,

Il bacio che, silente, garante è delle perfide, linea

Il petto mio, di prova vergine,

Misteriosa attesta una morsura

Certo dovuta ad un augusto dente:

Ma, pst! di tale arcano

Eletto a confidente

Vasto fu il giunco e duplice

Che nell’azzurro suona:

Che, stornando su sé della guancia l’ambascia

Sogna, in un lungo assolo, che la beltà dintorno

Per delle confusioni fallaci fra di lei

E il nostro canto credulo, illudiamo;

E fare, così alto che l’amore

Si moduli dal consueto sogno

Di fianco o dosso puri,

Che perseguo a occhi chiusi,

Una sonora vana e monotona linea svanire.

 

Cerca dunque o maligna

Siringa, istromento di fughe,

ai laghi ove mi attendi rifiorire !

Per me, della mia voce

orgoglioso, sonante,

andrò a parlare a lungo delle dive;

con pitture idolatre altre cinture

dalle lor ombre scioglierò

― così

una volta succiata chiarità

d’uve, a bandir rimorso

scartato con finzione,

ridendo al cielo tendo il vuoto grappolo

nelle pelli lucenti insufflando avido

d’ebrezza fino a sera coi miei sguardi

trapungendole.

 

O ninfe, rigonfiamo

                                   dei RICORDI diversi.

“L’occhio mio dardeggiava traforando

“Le giunchiglie, immortali scollature,

“ Che annegano ciascuna dentro l’onda

“ L’arsura, con un grido

“Di rabbia fino al ciel della foresta;

“E lo splendido bagno delle chiome,

“O gioielli !, spariva in trasparenze

“E brividi… M’affretto; ed a’ miei piedi

“Una all’altra s’intrecciano (assassinate

“Dal gusto che a quel male illanguidisce,

“D’essere in due), dormienti fra le loro

“Sole braccia arditrici : io le rapisco,

“Senza neanche scioglierle, di volo,

“Al boschetto di rose odio alla frivola

“Ombra accorro che intero al sole il loro

 “Profumo esauriscono… ove i trastulli

“Nostri siano simili, al giorno ormai stremato…”

 

Ch’io t’adoro, di vergini corruccio,

Indomita delizia dell’ignuda

Sacra soma che nel fuggire guizza

Dal mio labbro di fiamma,

Bevente (come lampo

                        sussulta)

Lo spavento

Segreto della carne:

Dai piè della crudele al cuore della timida,

Che lascia, insieme, andare una innocenza

Di matte lacrime,

O men tristi vapori inumidita.

 

“Il mio delitto è avere, gaio di vincere

“Queste paure traditrici, il ciuffo

“Diviso, scapigliato

“Di baci, che gli dèi

“Tanto bene serbavano confuso;

“Sì che appena cercavo di celare

“Il riso ardente fra le pieghe d’una,

“Sola, felici (trattenendo un semplice

“Dito, a che quel di candore piuma 

“Della sorella che s’infiamma, ai moti

“Non si tingesse ― la piccina ignara,

“Indenne di rossore,)

“Dalle mie braccia di trapassi vaghi

“Sfatte cotesta preda mi sfuggiva,

“Per sempre ingrata, priva

“Di pietà del singhiozzo di cui sempre ero ebbro.”

 

Tanto peggio ! al piacere mi trarranno

altre, la loro treccia

Annodata alle corna della mia fronte

Lo sai, passione mia,

Che purpurea e matura melograna

Schiatta ed è tutta d’api un mormorio :

Che il nostro sangue vago

Di chi s’appresta a coglierlo

Goccia in tutto lo sciame,

Eterno, del desiderio;

Nell’ora che questo bosco

D’oro si tinge e di ceneri,

Nell’estinto fogliame, Etna ! una festa

S’esalta: è in mezzo a te,

        cui rende visita Venere

Posando sulla lava

I suoi talloni ingenui ;

E scroscia intanto un triste

        sonn                    o o la fiamma s’affloscia...

 

                                   Ho preso la Regina !

 

(O sicuro castigo…)

 

                                   No, ma l’anima

Di parole vacante

Questo corpo

Appesantito

Tardi al fiero silenzio

Di mezzodì soccombono:

Ora non altro c’è

Che, nell’oblìo della bestemmia un sonno

Sull’assetata sabbia

Distesi

                                   e come amo la mia bocca

Scoprire all’efficace

Astro dei vini !

                                   L’ombra che divieni

ora vado a vederla; o coppia addio.

 

 

 



 

[2] In misura più tecnica ed erudita (modelli, apparati, allegorie, marchingegni) ma sempre vitalissima e penetrante, Parronchi si è occupato di teatro a proposito delle prime messe in scena di quello machiavelliano (La prima rappresentazione della Mandragola, sempre per Polistampa, Firenze 2005). In Quale Orfeo? si mostra sottilmente a giorno della brutta piega presa da certi allestimenti dell’Opera antica, l’Orfeo del Maggio Musicale 1984, una precedente messinscena dell’Orfeo ed Euridice al Comunale. Regista dell’opera monteverdiana era stato Pier Luigi Pizzi, in Pitti; dirigeva il barocchista (barocco freddo, ‘alla lettera’, cerebrale) Roger Norrington, sul quale oggi stesso i giudizî un po’ rissosamente si dividono (a me piacciono perfino le sue incursioni extra-barocche, le sinfonie di Beethoven, la Fantastica e il Benvenuto Cellini di Berlioz, certe sinfonie di Bruckner, di Čajkovskij, di Mahler… ‘con strumenti originali’), recuperato il finale tragico con lo scempio di Orfeo. L’Orfeo gluckiano è quello del Maggio musicale 1976, con la regia di Luca Ronconi e la direzione musicale di Riccardo Muti. Probabilmente, se fossi stato ancora il frequentatore fisso del Comunale che fui fino al mio trasferimento in val di Parma, mi sarei accapigliato con Parronchi, come mi accapigliavo spesso con Luigi Baldacci onor della seconda galleria. Ma non avrei saputo esporre il mio dissenso in versi così belli, con tanta arguzia, e tanta civiltà.




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Primo Piano

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006