PRIMO PIANO
TOMASO BINGA ALIAS BIANCA MENNA
Tra immagini e parole:
il corpo del linguaggio
e il linguaggio del corpo


      
Un articolo-saggio sulla 83enne artista salernitana che, a partire dal 1971, ha sviluppato un originale percorso multiestetico, capace di incrociare e di far interagire espressivamente l’arte visiva, la scrittura, la poesia sonora e la performance. Un cammino che si è intrecciato con la parabola delle neoavanguardie, ma sempre in piena autonomia e senza prendersi eccessivamente sul serio. Usando l’ironia e il gioco come armi critiche per una desemantizzazione dell’ars poetica e per una autovalorizzazione nel segno femministico del “Valore vaginale”.
      



      

 

 

di Plinio Perilli

 

 

L’Avanguardia

in Ha ha ha!

 

Résumé con brio

di Tomaso Binga alias Bianca Menna

poeta nonché performer

artista totale sempre imparziale

sperimentale e sperimentata…

 

                                                       

                                             Per l’allegria il pianeta nostro è poco attrezzato.

Bisogna strappare la gioia ai giorni futuri.

     - Majakovskij -

 

 

 

Le date contano, basta non tenerne poi troppo conto!

Si sa, la Storia si ripete, ma fra corsi e ricorsi…

E le signore o signorine avanguardie che s’inseguono e si beffano, arcigne quanto basta – lo dicevano già gli antichi – a castigare ridendo i costumi… Ma naturalmente, anche a depistare i critici, che vogliono sempre sapere troppo, pretendendo perfino, oramai, di non crederci più… Alla Storia? Mah, sicuramente alla poesia – com’era stata, e dove; perché così più non poteva essere, né sarebbe stata.

 Satura e la “Fanfara” brio-scettica ed agrodolce di Eugenio Montale, monarca costituzionale del ’900 che fu e ancora ci restava, uscì a suonare, strepitare (e liquidare) i suoi ottoni smargiassi (“le trombe d’oro della solarità”) precisamente nel 1971:

 

   lo storicismo dialettico

   materialista

   autofago

   progressivo

   immanente

   irreversibile

   sempre dentro

   mai fuori

   mai fallibile

   fatto da noi

   non da estranei

   propalatori

   di fanfaluche credibili

   solo da pazzi

 

   la meraviglia sintetica

   non idiolettica

   né individuale

   anzi universale

   il digiuno

   che nutre tutti

   e nessuno

   ………………………………

                                                       (Eugenio Montale, Satura, 1971)

 

Distante in tutto e da tutto, eppure figlia e nipotina (non di Gadda, come scherzava o avrebbe scherzato Arbasino), ma della stessa epoca in regresso progressista, Bianca Menna alias Tomaso Binga cominciò in quello stesso anno – il 71! – a dar prova di sé, e comprovarlo agli altri…

Fanfaluche credibili o meno, meraviglie sintetiche non idiolettiche né individuali anzi universali… le sue prime parole erano gesti, i suoi primi versi quadri, i suoi primi quadri sguardi, i suo primi discorsi silenzi… Et cetera et cetera...

 

   ti               ho detto

 

   parole abbacchiate

   parole abbacinate

   parole abbagliate

   parole abbaiate

   parole abballate

   parole abballottate

   parole abbambicate

   parole abbancate

   parole abbandonate

   parole abbeverate

   parole abbigliate

   parole abbinate

   parole abbindolate

   parole abbiosciate

   parole abbissate

   parole abboccate

   …………………………………..

 

Avanguardia a gogó? No, per fortuna – e dopo tanto frastuono, pugna e impatto – un’avanguardia non più (o non solo) “neo”, ma soprattutto ripensata, ripensantesi… fiera di fermarsi e tacitarsi a farlo…





Gli uomini che non si voltano… li intonava e li cantò – rieccoci! – Montale (T.S. Eliot sublimò invece il moderno Nulla o nullificò il Moderno inquietante de “Gli uomini vuoti”)… Correva il 1925…

Ma tutto il secolo è poi in fondo trascorso in un aggregarsi e proliferare di Avanguardie che non si voltavano… procedevano spedite, imbucate e poi recapitate, spesso, a un destinatario sconosciuto. Finché divennero, anch’esse, le Avanguardie Vuote… Come pensieri senza immagine, immagini disincantate. Confessava adorabilmente la primissima Bianca Menna (1975):

 

forse inventavo l’amore

amore come gioco

gioco della fantasia

fantasia poetica

poetica come la pioggia

pioggia di pensieri

pensieri senza immagine

immagine disincantata

disincantata rifletto

rifletto come uno specchio

specchio delle mie brame

brame sta anche per fame

fame di baci dispersi

dispersi senza un perché

perché i tuoi occhi son bassi

bassi sono quei muri

muri da superare

superare bisogna il dolore

 

 

*********

 

 

Bianca Menna decise dunque fin da sùbito (ed era, ripetiamo, il 1971 di Satura – così come del pasoliniano Trasumanar e organizzar) che si sarebbe fermata e voltata così come le piaceva… E che non avrebbe mai spedito le sue performances, i sui gesti espressivi a un destinatario sconosciuto, essendo o mimando lei stessa un mittente anonimo, sconosciuto…

“L’oggetto reattivo” (1971, Caserta); “Il Polistirolo e i ritratti analogici” (Roma. 1972); “Mitologie” (Acireale, 1973); “Polistirolo e Scrittura desemantizzata” (Roma, 1974); “Parole da Conservare Parole da distruggere” (id.) – sono le sue prime mostre con performance, e la dicono lunga anzitutto su un approccio altro – fiero e sprezzato – oltranzista introiettato… staremmo per dire.

Ce lo dimostra il seducente, abbacinante racconto critico con cui Maria Francesca Zeuli scheda e rimemora Vista Zero (Acireale, 1972), prima performance di Tomaso Binga

 

«… Gli occhi che man mano si applica sul volto sono occhi ciechi, occhi guardati, ma che non possono guardare perché bloccati da un obbiettivo fotografico che li annulla nella loro autonomia espressiva e li plasma al volere di chi compone una rivista e vuole divulgare un messaggio specifico.

Più aumentano gli occhi sul volto dell’artista e meno è in grado di vedere, c’è una gradualità anche di dimensioni degli occhi patinati che ella si incolla, dai più piccoli ai più grandi, fino a che diviene difficile distinguere gli occhi veri da quelli stampati. …»

 

Bianca prese lo storicismo dialettico e la meraviglia sintetica fidanzandoseli nudi e crudi lì davanti, nei saloni delle gallerie d’arte, negli ingressi o nei corridoi dei libri, fra i massimi Soloni teorizzanti o i taciturni Dialettici dell’Arte e della Critica.

Nacquero i suoi primi gesti, titoli di cose mai scritte perché prima rappresentate, esibite… Gesti scenici, assoluti e relativi, ciascuno come un plastico, esaustivo incipit scribendi

Bianca intendeva, e per fortuna ancora intende l’Avanguardia in un modo così onesto e ludico, da non prendersi mai troppo sul serio – evviva! – e squadernare viceversa una coerenza esemplare, lancinante e spassosa allo stesso modo.

Ma eccola, in una delle sue prime testimonianze lucide e accalorate, dolci e implacabili, affilate, taglienti e insieme ludiche sino allo spasso; questa ad esempio su La Scrittura Desemantizzata:

 

«Io lavoro sulla scrittura. Non voglio inventare un nuovo codice, ma tentare un processo di desemantizzazione del codice verbale e una sua risemantizzazione diversa. Per definire questa mia opera i critici hanno parlato di una scrittura “criptica”, “nascosta”, “affondata”, “In-scritta”. Mi riconosco in queste definizioni, ma vorrei aggiungere che la mia è una scrittura subliminale, nel senso che essa agisce (vorrei che agisse) dentro di noi senza essere distratti dal significato corrente delle parole e senza essere frastornati dal suono delle parole stesse: allora si può anche definire una scrittura silenziosa. …»

 

Vista Zero è del 1972; gli “Strigatoi” della Scrittura desemantizzata del 1974. Ma attenzione alla linea comune di quell’Europa, quel mondo intero della cultura; attenzione alla diagonale strategico-concettuale: Il grado zero della scrittura di Roland Barthes (cioè il modo parlato…) risaliva al 1953; e diventerà, s’amplierà nel 1967 con Il sistema della moda; nel 1970 con L’impero dei segni; nel ’73 con Il piacere del testo; nel ’77 con i Frammenti di un discorso amoroso

Ed ecco – con BiancaTomaso – un ottimo esempio di contro-critica essa stessa creativa, espressiva, gestuale, affilata e ludica, meditata in trastullo…

Splendido, ad esempio, il racconto minimo, ma mai minimale, mai minimalista, del suo approccio, uso e riuso del Polistirolo – che è autentica, scanzonata ma pulsante, infibrata presa di coscienza epocale, universale:

 

«… Cercare, frugare, dentro e fuori di me, in terra e nella memoria, cose tangibili e astratte, vicine o lontane. Ho sempre cercato il coinvolgimento con le cose, con le persone, con tutto quello che mi circondava. Quando lavoravo con il polistirolo si era formato, attraverso il candore dell’oggetto, una catena emozionale.

Trovavo il polistirolo dovunque: me lo facevano trovare gli altri, lasciandomelo sotto casa, sull’auto. Alcuni amici mi scrissero perfino dall’America dicendomi che quando trovavano del polistirolo pensavano a me e non potevano più gettarlo via. Il polistirolo era diventato un anello di una grande catena, un segno che richiamava altri segni. L’inserimento delle immagini (ritagli di giornali etc.) coinvolgeva il polistirolo in un discorso più complesso, di contestazione del mondo, o, meglio, di tutto ciò che nel mondo non mi sembrava e non mi sembra si potesse accettare: la condizione della donna, la distruzione della natura, l’alienazione del mondo del lavoro. Il passaggio dall’immagine alla scrittura è stato graduale, quasi una trasformazione o una crescita naturale. …»

 

 

*********

 

Bianca (nata a Salerno nel 1931, ma da tantissimo residente a Roma) anzitutto mutò all’Io il sesso, inventandosi Tomaso nonché Binga. Nuovo nome e nuovo cognome – ma non per frequentare ed arruolarsi nella stessa, vecchia Avanguardia in A! L’Avanguardia che comincia e finisce in A, deciso dunque di farla esplodere, ridersela addosso, ma, sia ben chiaro, anche macerarsi, immolarsi in un definitivo, autoironico e sacrosanto Ha ha ha

Risus usque ad mortem, il Riso – dunque – come unico, vero, paradossale e parossistico slancio vitale, élan vital… alla Bergson?!… (Perfino Propp dedicò alla Comicità e riso un accuratissimo saggio, pubblicato postumo nel 1976, sei anni dopo la sua scomparsa)… Riso ad libitum e ad abundantiam, allo stato puro – non il cupo, compunto e accigliato saggio di Pirandello sull’Umorismo

Ma forse il vero punto dolente è un altro, quasi il nervo scoperto tra “Chi ride e chi non ride”. Che è proprio il fulcro del terzo capitolo del saggio di Propp, saturato della Morfologia della fiaba, ed ora meglio dedito a investigare “Il riso che deride”:

 

«… Secondo Bergson il riso nasce quasi con l’esattezza di una legge di natura: posta la causa, esso ne consegue sempre necessariamente. L’erroneità di una tale affermazione è abbastanza evidente. Può darsi la causa del riso, eppure ci possono essere persone che non ridono e che è impossibile far ridere. La difficoltà sta nel fatto che il nesso tra oggetto comico e uomo che ride non è né scontato né automatico. Là dove uno ride un altro non ride. …»





Bianca Menna alias Tomaso Binga nel suo spazio romano "Il lavatoio contumaciale"


Perché Lei, Bianca già o presto Tomaso, ebbene sì, tornava a dirci, anzi a implorarci, come una buffa e cara bambola palazzeschiana: “Lasciatemi divertire”… Rivendicando anche lei, donna col nome di uomo, un Controdolore che finora la stessa Storia maiuscola (ed ipocrita) le aveva in fondo negato, angustiandola e privilegiandola con quello vero – atroce e inutile, lo sappiamo perché.   

 

   roso     roso     roso

               raso     terra

 

                                     come ridere nell’ombra

                                     prendere sottobraccio

                                     una finestra aperta

                                     da dove gettare

                                     un certificato di morte

 

Prendere sottobraccio una finestra aperta Ed è così in fondo superato, irriso ed auto-deriso, con un colpo solo, perfino l’ormai stanco, liso ed esibito surrealismo “d’antàn”, coi suoi stanchi, perpetuati e perpetrati calchi o ricalchi magrittiani di finestre aperte, doppie, triple (“La Condition humaine”, 1933; “L’elogio della dialettica”, 1937), e donne che guardano l’orizzonte nel mentre si specchiano, lo rispecchiano… (“Lo specchio” di Paul Delvaux, 1936), dal mondo alla propria stanza, e viceversa…                                    

 

Una risata vi sommergerà! Ammoniva e strepitava dai muri, dai tazebao, dalle piazze disselciate, il giovane e rivoltoso Maggio Francese… 1968. Il grido, l’urlo salvifico che superava Münch e Allen Ginsberg, Antonioni e l’assurdo di Sartre e Camus, Beckett e Ionesco… mimandoli, dantescamente, in contrappasso civile, beffa finalmente resasi etica…

   Già troppe donne avevano gridato la vita e i suoi dolori ineludibili, inesauribili, senza però trovare, in silenzio, le parole per dirlo… (Lo splendido, autobiografico romanzo/confessione di Marie Cardinal, uscì giusto in quegli anni)…

 

… Una risata vi seppellirà! …

 

Abbiamo detto Beckett, Ionesco – sì, il Teatro dell’Assurdo. C’era stato anche quello… E il Living, col suo modo nuovo di concretare il corpo come idea di se stesso, da esporre, far recitare incarnandolo

C’era stata la Fine dell’Arte – hegelianamente ripresa e teorizzata da Giulio Carlo Argan… Anche l’Arte della Fine, e oltretutto L’Arte della fuga (Giuseppe Pontiggia, nel 1968, ci romanzò una sorta di avanguardistica beffa dell’avanguardia – ma dall’interno: un po’ come certi libri del primo Vassalli: Tempo di màssacro, 1970).

Non a caso, dopo anni turbolentemente piuttosto tranquilli di un’egemonia degli approcci al testo di tipo linguistico e specialmente strutturalistico, subentra una frammentazione del quadro metodologico e una messa in crisi, anzi e per fortuna, della stessa nozione di metodo… Un grande epistemologo come P.K. Feyerabend (1924-94) aveva intitolato già nel 1970 Contro il Metodo la sua opera più influente.

La Crisi era insomma vasta e finanche propedeutiche – non facilmente arginabile a questa o quella categoria, valenza o pratica culturale. Figurarsi poi la Società, il Sociale…

 

C’era stato lo Stato (troppo, nel reprimere, e troppo poco, nel progredire). In questo stato (1978)… Un paese senza (1980)… il memento civile del miglior Alberto Arbasino, saggista prensile, insieme detective espressivo e antropologo culturale…

C’era stato molto intelletto e fin troppi intellettuali.

C’erano state le analisi, i dibattiti, le opere aperte, l’autocoscienza, i movimenti, il femminismo…

Lo strutturalismo, la decostruzione – una sorta di volitiva inazione… Capace d’un lampo di superare sia la rivoluzione che la sua reazione – uguale e contraria.

 

Beh, Bianca Menna tutto attraversa e forse di tutto, confidenzialmente, diffida… Ed è un’ironica omeopatia la sua eterna, quotidiana, rutilante ed efficacissima dose unica!

Quella ad esempio del rutilante, insondabile e contro-arcano Dattilocodice (1978)… Confessa Tomaso Binga, a noi e a se stessa:

 

«… Con il Dattilocodice la mia esperienza della scrittura compie una inversione di marcia. Il dattilocodice è il risultato di una sovrapposizione di battute dei segni della macchina da scrivere: la sovrapposizione porta a un risultato che mi è consueto, ossia alla perdita della riconoscibilità immediata del segno stesso. Ma questa volta il processo di desemantizzazione si accompagna a una condensazione di segni per cui i grafemi tendono ad acquistare una sorta di iconicità, appaiono come segni dotati di riferimenti a immagini. È come se il cammino compiuto dalla scrittura, dall’ideogramma al grafema, cambiasse di direzione cercando una via verso una nuova definizione ideografica del segno. …»

 

*********

 

L’Arte, le Arti… Il Cinema: si diceva il 1971, e dintorni… Antonioni che “inventa” Zabriskie Point… L’esplosione finale dei simboli del benessere, mitica scena girata al rallentatore da 17 macchine da presa, su musica dei Pink Floyd…

Elio Petri con Indagine su un cittadino… Con Gian Maria Volonté, capo della sezione omicidi, che proprio nel giorno della sua promozione all’ufficio politico, uccide l’amante Augusta Terzi (una tenebrosa e bellissima Florinda Bolkan). “Scoprirà a sue spese” compendia il Mereghetti “che il proprio ruolo lo mette al riparo da ogni accusa”…

Il Palazzo, le Istituzioni, il Potere da processare sempre, anche e soprattutto con la scrittura… Pasolini già macerava e arringava i suoi profetici, cadenzati e infiammati Scritti corsari… Requisizioni civili, etico-liriche, un ininterrotto J’Accuse “In Forma di Rosa” – come tutta la sua Poesia. A partire dai suoi purgatoriali incontri con L’Angelo del Falsetto:

 

  

   L’ecolalìa sarebbe dunque la sua forma reale

   (dice l’Angelo)

 

   E così vado verso il balbettio

   – che contiene ogni lingua –

   ridendo.

 

   Il ridere di Maria sul Mar Rosso,

   e poi, là, la scrivania schifosa

 

   Là tra carte svalutate e spregiate

  

 

Ancora la pittura, che dopo aver superato (rinnegato?) l’idea stessa di quadro – adotta, usa e abusa le installazioni fino a saturarsene – e cerca e ricerca di continuo non tanto altri stili, ma vieppiù altri contesti, pre-testi, altre situazioni, dis-locazioni, ricezioni…

Qualche giudizioso brandello critico, tra le Peripezie del dopoguerra nell’arte italiana (Einaudi, 2005), di una studiosa assai informata sui fatti come Adachiara Zevi, laddove ci relaziona sui teatrini e le azioni-statiche di Giosetta Fioroni: 

 

 «… Ritroviamo la ‘spia ottica’ nei teatrini che Fioroni costruisce dal 1969 utilizzando frammenti di giocattoli e marionette sopravvissute all’infanzia: ‘azioni-statiche’, eventi immobili costruiti con oggetti miniaturizzati sapientemente assemblati, sono visibili dallo spioncino. …»

  

Torniamo però alle rutilanti cronache letterarie… Finalmente, una poesia che più non poteva accettare, relegarsi alla pagina (bella o meno, era comunque peggio d’un’umida segreta medievale, o d’un angusto augusto carcere nella Torre di Londra)…





Tomaso Binga, Riflessioni a puntate (2)


Un po’ appannati, dopo un decennio radicale e impertinente, barricadero e contestatario, i fulgori dei Novissimi (1961: Sanguineti, Pagliarani, Porta, Balestrini e Giuliani) e del “Gruppo ’63” (aggiungiamo – a parte i poeti – scrittori e studiosi come Anceschi, Eco, Arbasino, Barilli, Filippini, Angelo e Guido Guglielmi), comunque servirono, bastarono a mettere in gioco e stanare tra mille dubbi tutti i percorsi dei poeti cosiddetti laureati… Ma Mario Luzi già da tempo “metamorfosizza”, contride e strappa la sua poetica: Nel magma, Su fondamenti invisibili, Al fuoco della controversia… Per non dire di Caproni: Il muro della terra, Il franco cacciatore… O dell’Angelo Maria Ripellino di “Piccolo circo”:

 

   E scrosci di risa buttando sul ghiaccio del rischio,

   così roteava la dilettosa giostra:

   sui circoletti e sui triangoli di Kandinskij

   nasceva l’emblema della vita nostra.

 

Pasolini non ne aveva bisogno, inseguendo lui da sempre l’ossimoro permanente (così lo additava, lo rimbrottava Montale)… E in fondo anche Attilio Bertolucci non rinuncia all’Io, ma vi s’immerge tanto profondamente che ne scopre, giustamente, tre in uno (aggiungi l’Es e il Super-Io): parte dall’elegia, dalle proustiane “intermittenze del cuore”, e sfocia in un romanzo in versi… nelle aritmìe curate, godute o patite ne La camera da letto, ricordanze che sciorinano e declinano il secolo, sin dal subconscio borghese degli anni ’30 (in cui peraltro Bianca nacque):

 

  

   e ancora il dottor Freud descrive casi clinici

   prolungando il romanzo, moribondo genere

   della sua classe in via d’immolarsi;

   all’Europa felice e sempre più minacciata

   che si prepara, partecipe, a un’entusiastica estate,

   appartengono anche gli arenili in cui fresca

   asciuga la vernice sui capanni allineati,

   sventola al maestrale che s’alza il tricolore

   inconsapevole e gaio della nostra prigionia?

  

                                            (Attilio Bertolucci, La camera da letto, 1984-88)

 

 

*********

 

Carissima, volitiva e impennata Bianca Menna – radiosa di interrogativi assertivi, di gesti presto messi in scena, di esitazioni immortalate nell’Arte, come soffusi o coriacei distinguo filosofici… Ecco quindi, nel 1973, la sua serie dei Paesaggi (pennarelli su carta martellata)… L’anno dopo gli Angolari (pennarelli su cartoncino bristol, dalla serie Tautologie geometriche)… Finalmente, nel ’75 le chine su carta prestampata della serie Scrittura desemantizzata…

   E ci fermiamo a rileggere, come merita, una bella e puntuale lettera di Giulio Carlo Argan, storico e critico per eccellenza di tutta l’Arte Moderna degli ultimi decenni, moritura ma vitalissima. Un Argan che scrive a Bianca, o meglio a “Cara Binga”, fervidamente interessato, per l’appunto, “nella sua duplice ricerca del riporto d’immagine nelle forme cave e candide del polistirolo e delle scritture immaginarie o delle lettere liberatorie”.

   Il plauso (Roma, 25 marzo 1975) accompagnerà poi la mostra Alfabetiere murale, organizzata a Milano negli spazi del Cenobio Visualità nel 1975:

 

«… Il suo lavoro sull’ambiguità semantica è molto sottile e convincente, nell’uno e nell’altro gruppo dei suoi lavori; e maggiormente, mi pare, nelle lettere, dove la regressione della parola a segno (ma la parola è data come già letta e recepita) conserva e comunica, anzi intensifica, il senso della comunicazione. L’immagine, insomma, è consegnata direttamente alla memoria, eludendo la presenza di un referente: come in una poesia, di cui si perdano le parole ma si conservino il senso e la metrica. »

 

Nel ’76, Bianca/Tomaso si lancia nella serie Scrittura vivente, con le composizioni fotografiche (di Verita Monselles), più scrittura a inchiostro di china… Dopo il citato Alfabetiere Murale (1975-76), le Carte da parato sono del ’77…

 

Dunque TomasoBianca verga, o meglio incarna, scrive, inscrive, effigia, decritta, disincarna, mima e riassume… (ogni verbo è giusto e per fortuna impreciso…) le sue prime, originalissime “Lettere in cornice” della Scrittura vivente

Ancora la fervida sintesi della Zeuli:

 

«L’opera principale della serie della Scrittura vivente è L’Alfabetiere Murale (1976), l’intero alfabeto del corpo, inserito nella grafica standard dei cartelloni delle scuole elementari, che si usano per insegnare le lettere ai bambini: il corpo si fa lettera si confronta con le basilari lettere in stampatello e corsivo, maiuscole e minuscole, quasi ad indicare la primaria necessità di imparare a leggere i messaggi che il corpo lancia attraverso il suo linguaggio semplice, universale, eppure tanto poco leggibile a chi non ne comprende il codice. Binga ci fa lezione, in prima persona non solo ci indica le lettere che dobbiamo imparare, ma le incarna dando loro un corpo, il proprio corpo, un corpo di donna. …»

 

Ma raggiungiamo solo un attimo l’atelier mentale (e spogliatoio, sartoria epocale – Lo spogliatoio della signora, avrebbe evocato lo humour settecentesco di Swift) di Io sono una carta, 1977, così come Bianca/Tomaso ce lo racconta:

 

«In un ambiente costituito da tre pareti tappezzate di carta da parati con scritte desemantizzate, indosso un vestito con la medesima carta e resto lì immobile in mostra come un parato. A tratti mi animo e, come un quadro vivente, recito la poesia Io sono una carta alla fine mi allontano e lascio il mio vestito di carta su una sedia a dondolo. »

 

Tomaso Binga pseudonimo sopravanza insomma Bianca Menna che pure gli tiene testa. Regime di Comunioni di beni – matrimonio concordatario, avvenuto tra sé persona e sé artista, celebrato (sto guardando le foto deliziose) addì 15 giugno 1977 (preso la Galleria Campo D nel cuore di Roma, a Campo de’ Fiori)…                                   

Come nella celebre battuta d’un film di Woody Allen: “…In casa comando io,” (Tomaso) “ma le decisioni le prende Lei” (Bianca)…

 





Tomaso Binga, L'alfabetiere murale (1976): "Mater"


*********

 

Quando Antonio Porta, nel 1980, licenzia da Feltrinelli la sua antologia istituzionalmente progressista Poesia degli anni Settanta, per fortuna cresce indubitabilmente lo spazio dedicato alla sperimentazione, alla poesia se non visiva o visuale comunque plurilinguista. La sua introduzione ne dà conto, ed è dolcemente malinconico ma anche rasserenante (giunti oggi come siamo ai convulsi, contraddittori ed iper-tecnologici primordi del Terzo Millennio, con tutti i nuovi giovani o quasi che sono oramai “digitali nati”), rivisitare quell’emozione lucida, operosa, del vecchio novissimo, il poeta oltretutto de La palpebra rovesciata, Zero, Aprire, I rapporti, Metropolis, Quanto ho da dirvi:

 

 «… Flessibilità e carnevalizzazione del discorso, senso dialogico della parola e proliferazione delle tematiche, sono tutti elementi costitutivi del quadro globale della poesia di questi anni.

Viviamo anni non solo di sconfitte e ripiegamenti ma insieme di aspirazioni e di attese in cui la produzione incessante di immagini “da parte del popolo”, come ha scritto Michelet, citato da Baczko nello scritto menzionato, o come noi oggi diciamo “da parte di sempre più larghi strati di massa”, diviene struttura portante delle lotte e dei conflitti tra “oppressi e oppressori”. La produzione di immagini è, in altri termini, fondazione continua di un linguaggio nuovo, di una nuova ragione non imposta, di un sapere non coatto e il fare poesia è parte attiva e non secondaria di questo processo sociale. L’attenzione con cui vengono accolte le nuove opere di poesia rientra in questo orizzonte generale di desiderio di mutazioni, desiderio quasi privo di oggetto, di scopo, al di fuori di sé, ma attivo in mille proliferanti comportamenti. …»

 

(datato 5 ottobre 1979)

 

Erano esattamente quelli presto definiti Gli Anni Di Piombo (il terrorismo, le Brigate Rosse, i servizi deviati, il rapimento Moro, le bombe sui treni e nelle stazioni…), ma anche gli anni delle Ballate della signorina Richmond di Nanni Balestrini, di Adriano Spatola con La composizione del testo (1978: Spatola, è importante dirlo, ospitò volentieri Bianca Menna sulla sua rivista “TamTam”, e proprio in quell’anno inserì varie riproduzioni dalla serie Dattilocodice), un poemetto del ’71 in cui già il bisogno non più di teorizzare, ma di agire (e agitare prima dell’uso!) il testo che si serve del corpo – è resa concreta, miraggio risolto, utopia accaduta, lì, qui sotto i nostri occhi di lettori fruitori, complici e assisi:

 

   un aggettivo la respirazione la finestra aperta

   l’esatta dimensione dell’innesto nel fruscio della pagina

   oppure guarda come il testo si serve del corpo

   guarda come l’opera è cosmica e biologica e logica

   nelle voci notturne nelle aurorali esplosioni

   nel gracidare graffiare piallare od accendere

   qui sotto il cielo pastoso che impiastra le dita

   parole che parlano

  

 

Produzione di immaginilinguaggio nuovodesiderio di mutazioni

Ecco allora Corrado Costa, il quale catechizzava e precettava Baruchello per fare insieme il catalogo delle vocali (1977)… Patrizia Vicinelli, coi suoi dischi di poesia fonetica e le sue poesie-collages… La stessa Giulia Niccolai, risoluta ad espandere la portata e la carica dei suoi nonsense, che rispetto a quelli di Scialoja, più eleganti e vegliardi, sono inafferrabilmente, capziosamente plurilinguisti. Lirici e ironici nel medesimo modo – rileva Antonio Porta – per lo stesso accidente o reagente: “‘Como è trieste Venezia’ non è solo uno splendido pastiche geografico-canzonettistico, è un tocco di lievità pura, un soffio lirico. La lezione DADA è utilizzata per una pronuncia del linguaggio che mi sento di definire metafisica.”

Ed anche la sinestetica vecchia guardia dei Toti Scialoja (La stanza la stizza l’astuzia è del ’76), scrive Porta, “apre un discorso nuovo, più profondamente radicato nell’inquietudine del nonsense che attraversa verticalmente la lingua poetica. Dietro questi nuovi nonsense si intravedono movimenti di personaggi, ombre di comportamento, un possibile teatrino dell’assurdo”.

 

 

*********

 

   Nel 1978 Bianca Menna alias Tomaso Binga (e viceversa) partecipa alla Biennale di Venezia. La Mostra è curata da Mirella Bentivoglio, e focalizza sùbito il gran tema supercontemporaneo e iperattualistico della Materializzazione del Linguaggio. La Bentivoglio celebra in fondo, a catalogo, la parziale rappacificazione e riunificazione avvenuta tra Pittura e Scrittura:

 

«Recupero invenzione dell’archetipo linguistico attraverso la tecnologia, il dattilo-codice, sul quale fonda i suoi esperimenti Tomaso Binga, nasce dal procedimento della sovrapposizione di due differenti segni alfabetici di una comune macchina da scrivere. Gli pseudo ideogrammi miniaturizzati che ne derivano sembrano indicare le comuni radici pittoriche delle differenti scritture, riunificando nell’originaria magia iconica l’odierna letteratura occidentale. …»

 

Ma il suo percorso continua, sempre ispirato e originale. Giulia Niccolai introduce Bianca/Tomaso nel suo caparbio e aggiornatissimo volume sulla Italian Poetry 1960/1980 edito a San Francisco nel marzo 1979. Ed altri importanti critici non mancano all’appello, che adesso si fa caldo, articolato, pressoché unanime: Vito Apuleio è attratto dalla poetica dell’oggetto di rifiuto; Giorgio Cortenova dai Fogli Magici; Sandra Giannattasio da questa sorta di riproposto astrattismo; Rino Mele dalla quotidianità mentita; Flavio Caroli dallo Scrivo come parlo; Gianni Toti dalla poesia di Tomaso Binga somografo; Marisa Vescovo dal Segno Identità; Marcello Venturoli dal Corpo della Scrittura… Impossibile citarli tutti.

Valga però per tutti il titolo-sintesi con cui Filiberto Menna, nel “Paese Sera” del 2 settembre 1982, visse teorizzò ed esclamò insieme (che bel commento/auspicio!):

 

È festa tutti insieme in scena all’azione artistica

 

Filiberto Menna (Salerno, 1926 – Roma, 1989), l’indimenticato autore di un testo centrale come la sua Profezia di una società estetica (1968), consorte di Bianca Menna e insieme compagno di avventure sinestetiche, culturali e creative; studioso sopraffino proprio di come e quanto le ricerche sulle arti visive necessariamente s’intreccino a quelle sull’architettura, il design e il teatro… Menna che in nome di un Progetto moderno dell’arte (1988) era e fu pronto a criticare dall’interno la critica (Critica della critica, 1980), e ancor più a rintracciare con strumenti nuovi La linea analitica dell’arte moderna (1975), rileggendola grazie all’indagine dei nessi intercorrenti tra idea, esecuzione ed opera…

 

Cambiano i codici, mutano gli stilemi, deflagrano i concetti. 

BiancaTomaso partecipa nel 1981, a Roma, alla grande mostra organizzata da Nello Ponente presso il Palazzo delle Esposizioni; poi a Macerata alla retrospettiva Il Corpo della Scrittura; ed alla XVI Biennale di S. Paulo do Brazil, per la sezione italiana. Ed inizia e sarà tutto un gran bel secondo decennale, per il suo brioso e accanito talento…





Tomaso Binga o "Il corpo della scrittura"


 Nel 1981 muore anche Montale – muore lasciandoci peraltro, lui massimo lirico del ‘900, il dovere di sliricizzarci ormai il cuore, di soffriggerlo insomma nel Contesto…

 

   Dopo i filosofi dell’omogeneo

   vennero quelli dell’eterogeneo.

   Comprendere la vita

   lo potevano solo i pazzi

   ma a lampi e sprazzi

   e ora non c’è più spazio

   per la specola.

   Solo qualche nubecola

   qua e là

   ma Dio ci guardi

   anche da questa.

 

                                       (Eugenio Montale, Quaderno di quattro anni, 1977)

 

A lampi e sprazzi non c’era davvero più spazio solo per la specola… E se vinceva l’eterogeneo, bisognava pur dar Corpo a questa Idealità resa concreta… E Gillo Dorfles, da par suo – grande sociologo dell’arte, psicocritico e iconografo del simbolo, delle Oscillazioni del gusto, della Disarmonia, teorizzatore e quasi profeta del Kitsch nostro mostro o dilemma inconscio, e di ogni altro conformismo o Feticcio quotidiano – non perde la ghiotta occasione di inscrivere la protesta gestuale e la fantasia archetipica di Bianca in una contro-aura di denuncia epocale e fin troppo chiara afflizione/agnizione borghese. Il femminismo certo, era nell’aria, nei cuori e nelle carni – ma qui, in loro vece e a loro nome, parla il Linguaggio:

 

«Lavoro – quello di Tomaso Binga – sulla scrittura, ma spesso insita in un contesto che è quello casalingo, borghese, consuetudinario. Però: demistificata, de-semantizzata, degradata. E, finalmente, re-incarnata in carne ed ossa nelle strutture stesse del proprio corpo. E ancora, l’aggiunta di queste scritture sulle carte da parato, l’isolamento di queste carte mediante una cornice aulica che decontestualizza l’amorfa – anche se decoratissima – superficie istoriata e ne provoca l’immediata metamorfosi. Per cui si giunge ad una ironizzazione dell’ambiente borghese, ma anche ad una messa in cornice, a una ostranenie, del singolo dettaglio, che acquista così una nuova valenza semantica. …»

 

(Gillo Dorfles, presentazione a catalogo della

mostra Tomaso Binga, Il Corpo della Scrittura,

Macerata, Pinacoteca Comunale, 1981).

 

BiancaTomaso stilerà – reciterà – a ruota, nel 1983, forse uno dei suoi testi più belli, un Capire la mescolanza che è già punto d’arrivo – oltreché un metodo, un manifesto, un auspicio:

 

capire la mescolanza

significa

pitturare di bianco dentro

e di nero fuori e viceversa

 

capire la mescolanza

significa

avere ministeri per saltimbanchi

e baracche come grattacieli

 

capire la mescolanza

significa

distinguere l’insidia del seduttore

dal clic di una pistola

 

capire la mescolanza

significa

estrarre tre amici

da cento nemici

 

capire la mescolanza

significa

perseverare e cambiare rotta

nello stesso momento

……………………………….

 

 

Più o meno fra il 1985 e l’86, BiancaTomaso s’inventerà e si calerà poi nel Biographic (XI Quadriennale di Roma), insieme grande trovata e coraggioso gesto di ritorno, riapprodo iconografico (se mai ella fosse in realtà partita, fuggita dalla sua rocciosa Itaca di significanti e significati! – dal suo semantico Regno de-semantizzato…):

 

« Nel Biographic la scrittura per osmosi diventa pittura: è il supporto che l’assorbe e la dilata.

L’elemento nuovo di questa mia rivisitata scrittura è il colore che ha come supporto non più la carta ma la trama grossa della tela ed è essa che mi conduce per mano permettendomi un fare più disteso e ampio. Un grande schermo dove le immagini, sagome di lettere-personaggi, sembrano palpitare e sparire per poi riaffiorare come tracce in movimento, dove l’archetipo e il futuribile, l’arazzo e il computer, il passato e il presente si mescolano in una sorta di ballata senza fine. »

 

 

*********

 

I suoi collage su carta dei Paesaggi di Parole nascono giusto nel 1991, e per aprire, inaugurare il decennio sono – furono – realmente ideali…

Cinque anni dopo – siamo al ’95 – le Scritture Catodiche “sono sequenze di scritture,” – verga BiancaTomaso – “a forma di raggi, frammiste a bolle di pittura, che fuoriescono dal quadro per espandersi alle pareti”… Maria Francesca Zeuli ne elogia e quasi celebra, giustamente, il dono di “Un’altra fusione, una nuova rielaborazione dei linguaggi peculiari dell’artista: la Scrittura desemantizzata e il colore puro.”

 

«… Ora, con la serie delle Scritture Catodiche, non campisce le lettere, ma si immaglia con la scrittura: Binga scrive la sua arte come su un grande libro fatto dei supporti più svariati, in questo caso su due tele, seguendo la classica indicazione per una calligrafia che sia ordinata, ossia rispetta le righe, dritte, distanziate in modo uguale, ma la sua è una scrittura diversa, è una scrittura che usa le convenzioni per smuoverle, per incrinarle o semplicemente per “inclinarle” e dare loro una prospettiva non conforme di lettura, che punti verso il basso o verso l’alto, che faccia riflettere in profondità o che si rilanci nel positivo della presa di coscienza; è una scrittura che ha già perso la sua forma e che continua a consumarsi fino a liquefarsi e a liberarsi facendosi macchia di colore, essenza emblematica dell’arte, e fino a dare l’indicazione di un intreccio, che è tutt’uno nella sua personalità creativa, fra l’arte comunicativa dello scrivere e l’arte comunicativa del dipingere. …»

 

Poi il secolo finisce, ed anche il millennio.

Il temuto e paventato “Millennium Bug”… il Baco (la cimice, il germe) del Millennio, farà in realtà molti meno danni e sfracelli (alle date e agli orologi in fieri del computer e del Tempo Nuovo) di quanti non se ne temessero. Non accadde praticamente nulla, e continuò il Nulla.

 

L’Avanguardia è morta, viva l’Avanguardia!

 

Come la formula della monarchia inglese.

Si rinasce sempre – basta saperlo fare, più che volerlo…

Questo nuovo decennio espressivo, creativo di Bianca Menna / Tomaso Binga – escluse le scorie e le ultime frange del Biographic – parte dalle Scritture Catodiche e giunge, attraverso la bella serie di acrilici ScriptaPicta, ad un pennarello e collage su tela 70x70 che ci sembra davvero centrale, intrigante al massimo, così irriverente e invece profondamente sacrale, sacrato; centrifugo e centripeto assieme. Parliamo de “L’occhio di Dio” (2000), multicromatico e “irenista”, aderendo intanto alla sentìta scheda critica della Zauli:

 

«Le tre zone dipinte vivono degli stessi colori: fondamentalmente il giallo, colore della luce; il turchese e il verde, entrambi composti dalla fusione del colore della spiritualità, il blu, vivificato dalla luminosità del giallo; pochi guizzi di rosso, colore della materialità, che appaiono qua e là. Gli stessi raggi-parole sono gialli e blu e dall’agglomerato più alto sembra trasmettano i colori che penetrano e quasi nutrano gli altri strati di una grazia apparentemente incomprensibile, ma in realtà scritta e permeata di luce: si tratta sempre di una scrittura amplificata nel senso mediante la sua non immediata possibilità di lettura; è la scrittura di Dio che è occhio e linguaggio insieme, elementi di cui si alimenta l’artista in generale e Tomaso Binga in particolare. …»

 

 

*********

 

2001 Alleluja. Il Nuovo Millennio comincia a srotolarsi, a strisciare e cambiarci pelle, come un biscione spropositato tra terra e fiume.

Serpente profetico e propedeutico. Serpente d’esorcismo…

L’esorcismo d’una bizzarra serie di Omaggi. In ordine sparso: a Raymond Queneau (il leader dell’Oulipo); ma anche a Marinetti, e per giunta a D’Annunzio – squisita occasione magari per meditare sull’Avanguardia inesauribile, inarrestabile della Storia…

A parte i tazebao d’artista di Post Post Scriptum (nell’Anagni del grande Architetto della Voce nonché raro, rapinoso poeta sonoro Giovanni Fontana), sono di nuovo, come dieci anni prima, Le Ragioni della Pace (e il confronto, lo scontro e il rifiuto della Guerra – bell’incontro all’università romana di Tor Vergata a cura di Valerio Cruciani e Massimo Giannotta) ad aprire le ostilità creative e le polemiche (in senso aggettivale – da pòlemos) gioie performative del 2002. Ancora altri Assalti poetici, Figure della Voce, Esercizi di Stile, per giungee ad una brillante trasferta a Barcellona, con CyberPoesia Catalana, X Festival di Polipoesia, a cura di Xavier Sabater…

Altre Aggressioni poetiche (neo-futurismo a gogó?) nel 2003, altre interazioni tra musica ed arte (Ad Libidum); altri intriganti revivals: una Rimbaudiana e un Omaggio a Emilio Villa – il grande e vero padre, poliglotta, sinesteta dello scibile e biblico patriarca, profetico critico d’arte (col più filosofo Edoardo Cacciatore) della nostra mitica o smitizzabile Neo-Avanguardia…





Tomaso Binga o il "Valore vaginale"


Mescolanza e renovatio d’ogni prelievo tra i rifiuti dell’oggi o peggio di ieri… Ma è la poetica esatta di Bianca/Tomaso, come affettuosamente l’inquadra, la chiosa e l’ingloria Simonetta Lux in “Stereotipo, frontalità, scomparire, riapparire”, quattro sostantivi che da soli fanno un titolo, un’equazione di poetica, e insomma un verso lungo (polìmetro, o forse quasi un ipèrmetro) radiosamente enigmatico, indimenticabile:

 

«C’è qualcosa nel lavoro/vita di Tomaso Binga che non provenga da un prelievo tra i rifiuti?

In effetti tutto il lavoro di Bianca Menna parrebbe ruotare su tre elementi: stereotipo, frontalità, scomparire/riapparire.

E queste caratteristiche si adattano pur con contraddizioni al suo rapporto con il mondo, che si attiene a una procedura classica della storia dell’arte contemporanea: quella del lavoro sul ready-made inaugurato proprio agli inizi del Novecento.

Le contraddizioni consistono nel fatto che lavorare con lo stereotipo significa porsi fronte a fronte con tutti gli altri e nello stesso tempo con una elegante giravolta immaginativa far scomparire lo stereotipo e trasformarlo in una invenzione allegra e liberatoria.

Ogni volta che ha toccato un segno, un oggetto, un frammento degradato, facendone elementi del suo personale codice di artista, Tomaso Binga come una fata ne ha fatta un’invenzione mai vista prima. …»

 

Poi nel 2010 la squisita serie delle Poesie esagerate, poesie e collages accelerati di significati e in tregua col significante… Come il perfetto esito di “Niente Poesie”. La scrittura – la scrittura di BiancaTomaso – ha ovviamente una pregnanza e specificità grafica che qui sarebbe arduo riprodurre bene nel saggio. Ci accontentiamo perciò e solo di un brioso résumé:

 

   niente Poesie…

 

                          per favore!!!

 

   perché stanotte ho sentito

 

                                      urlare

 

                                                 )))il vento(((

 

Ma aveva ragione l’amico Cesare Milanese, poeta-filosofo, letterato d’intelletto, sempre devoto agli arcani, alle solari o umbratili nubi di Psiche. Cesare che ne auscultava il corpo del linguaggio/il linguaggio del corpo sin dall’87 di Indovina Cos’È:

 

«Il ritmo del corpo costituisce il tema. È un corpo che vuole essere acerbo e gioca in regressione. La regressione è voluta e quindi è un’astuzia. È un’arguzia. Ha la sua forma nella filastrocca e il suo congegno nell’indovinello. È l’intreccio di senso e di non senso. Tutto ciò è divertente e tutto ciò è irriverente. Tutto sembra buttato sottosopra, alla spensierata. “Cianfrusaglie dell’inconscio” le chiama Tomaso Binga. L’inconscio è cianfrusaglia, si sa, ma non è affatto innocente come vorrebbe lo spirito del gioco. Il gioco stesso è tutt’altro che candido. …»

 

Ha ragione Milanese ed ha ragione anche il caso, Il caso e la necessità, discettava il Nobel per la Medicina Jacques Monod (1970)… Il Caso stravagante e geniale, che nel recente delizioso libro di saggi, quasi una monografia collettiva, Tomaso Binga – Scritture viventi (a cura di Antonello Tolve e Stefania Zuliani; Plectica, Salerno, 2014), giunti alla nota del testo “Senza titolo” di Francesco Muzzioli, lo precisa come relazione scritta per il Premio Ferronia 2010 (Città di Fiano), conferitole per il volume Valore vaginale, Tracce Edizioni, Roma 2009 – sennonché il Premio è in realtà il Feronia (prestigioso e ambitissimo), e Tracce edita a Pescara.

Feronia, Ferronia, ci porterebbe in realtà, chissà?, magari alla Ferrania – la famosa macchina fotografica degli anni ’50 con cui forse cominciò a fermare il tempo e filastroccare lo spazio proprio la giovane e graziosa Bianca Pucciarelli non ancora in Menna (Bianca, ripetiamo, sposò il famoso critico d’arte Filiberto Menna, dopo anni di legame affettivo e anche artistico)…

 

Ma torniamo a quell’attento scritto di Francesco Muzzioli sui meriti del poliedrico volume Valore vaginale, utile anche per liberarci del luogo comune dell’impegno femminista – ma certo, ovvio! – e ricordarci ancor più l’impegno della scelta estetica , non è un ossimoro, della sua poesia “sonora”:

 

«… Diciamo subito e a scanso di equivoci che una tale vocazione femminista riesce a evitare qualsiasi ideologismo o essenzialismo proprio perché si accompagna alla scelta estetica della poesia sonora: e la poesia sonora, richiedendo la presenza della voce in pubblico, è esattamente il contrario di un atteggiamento ripiegato nel privato e nell’interiorità. Rinviando a tutta la tradizione novecentesca delle avanguardie, la poesia sonora si costituisce sugli accostamenti del significante, sicché opera decisamente quello scarto alternativo che Francesco Orlando definiva il “ritorno del represso nella forma”. Mentre nel linguaggio pratico i significanti sono di necessità sottomessi ai significati che si vogliono comunicare, invece nella poesia sonora possono liberarsi e tornare a sbizzarrirsi come nell’infanzia …»

   

Ma tutto scorre e nulla rimane – Eraclito docet. Anzi qualcosa resta, molte cose, una baluginante, fragile ma panoramica visione del Tutto.

Nel 2013, la bella Laurea Honoris Causa conferitale dall’Accademia di Belle Arti di Macerata, nonché la mostra antologica Scritture Viventi, a cura di Antonello Tolve e Stefania Zuliani, sembrano un po’ chiudere il cerchio… Sùbito con noi, e Lei Stessa, pronti a riaprirlo…

 

E mentre tutto sembra ormai assodato, ed ogni già vetusto dibattuto sul post-moderno e sul nuovo Millennio (perfettamente in corso e maldestramente in carica, sì, in auge) ridicolizza ogni scontata, liquidata querelle sul “Nuovo-nuovo” o il “Neo-antico” (cose che potevano al massimo andar bene per le positure tardo novecentesche degli anni ’80, o alcune pur illuminanti analisi paleo-ultra-estetizzanti del caro Mario Perniola), addì secondo decennio del secolo XXI, ci sembra strepitosamente calzante tornare invece indietro ad un anno storico, storicizzato, di non ritorno, come il 1989 – Berlino: la caduta del Muro! – e gustare ancora e ancora una delle più belle opere (aperte, chiuse? – ne riderebbe, evviva, anche il grande Eco Prof. Umberto, echeggiante semiologo principe, eternamente in progress!) di Bianca Menna in arte Tomaso Binga: Il Confessore Elettronico

Che appunto ci (e si) confessa contro ogni convenzione assodata e ipocrisia corrente. “… Un prete che è una donna e che, peggio, si rivela una macchina;” – rileva Maria Francesca Zeuli – “una confessione che è una procedura automatizzata, in cui ad ogni azione, perentoriamente ma inespressivamente prescritta, corrisponde un insistente ‘bip bip’ e un perenne cantilenante ‘attendere prego’…”.

  





Tomaso Binga nella performance Il Confessore Elettronico


Questo italico, ahinoi, ControDonAbbondio in gonnella – che finalmente il coraggio se lo sa dare! – avrebbe stupito piacevolmente perfino lo spirito di Don Lisander, cioè Alessandro Manzoni…

   Ma ecco le istruzioni per l’uso, forniteci direttamente dalla nostra preziosa amica, vera Musa di un’Avanguardia serissima e scanzonata, dissociata e rigenerata, discola e insieme romantica: un’Avanguardia rimata in A, anzi, in Ha ha ha!

 

«… Vestita con un lunghissimo abito talare che cala dall’alto di una scala, in testa un cappello da prete, occhiali neri bordati di bianco, fingo di leggere da un breviario appeso al collo la poesia Il confessore elettronico, diffusa da un registratore e scandita da un bip persistente. Al termine lascio cadere il breviario che si estende fino a terra con un’apertura a soffietto. Benedico i presenti con delle bolle di sapone. …»

 

*********

 

Percorso lungo e avvolgente, ma anche lampeggiante ed empatico, simpatico a oltranza – quello di Bianca Menna / Tomaso Binga – è meravigliosamente facile e complesso, lieto e inquietante, ossimorico e coerente, capace come pochi altri di raccontarci (anti-romanzarci?) gli ultimi decenni, avulsi o atroci che siano stati, di piombo o di riflusso, di crescita o di crisi, con un continuo, inesorabile e agilissimo andante con brio, moderato cantabile – fino all’URLO spasmodico e allusivo, tragi-comico, con cui prima Ella confessava, implorava e denunciava  NIENTE POESIE PER FAVORE!

Torna il suo Alfabetiere, torna il suo Dattilocodice, e ScriptaPicta, le Bolle Catodiche, tornano i suoi Ritratti Analogici, i Dittici interscambiabili, il Confessore Elettronico per ascoltare non solo le sue opere e parole, ma i nostri pensieri parole opere e omissioni

Ma l’unica nostra maxima culpa sarebbe ora non saperla leggere e rivivere in profondo, fuorviare a degustarla solo d’ironia, e rinunciare a mettere in moto la straordinaria mese (rubiamo titoli a mostre e articoli, filosofemi e sentenze critiche, equazioni epocali)… tra Linguaggio e Immagine, Narrativ Art, Metafisica del Quotidiano, Improbabile identità, Materializazione del Linguaggio, Figura/Partitura, Nuovi Segnali, Non Libri, Di-segni poetici, Ambient’azione, Sagome e Tracce, Amore d’Autore, Passages, Volùmina, Postpoesia Trascrizione E/O Trasgressione, Tentativi di appropriazione, Contrappunti perversi, Sine Aesthetica Sinestetica

 

Insomma: Come eravamo

Resta da chiederci e da rispondere: E come siamo diventati?

 (“Si faccia una domanda e si dia una risposta!” sbuffoneggia cordiale un noto conduttore televisivo della notte – ahinoi, assolutamente nazionalpopolare)…

 

Perché l’ironia? – titolava il catalogo d’una mostra del ’72 che già riproduceva un suo polistirolo, “La Cura del Corpo”…

BiancaTomaso ci risponde, ci catechizza, e da sempre, coi suoi primi o penultimi versi, cioè – e fermiamoci qui – con la sua Poesia Totale di sempre, realmente degna del “TamTam” profetico e pionieristico di Adriano Spatola, scatenato e forse attardato di futuro, perché approssimato e innamorato del suo eccesso… Ma anche, carissima la nostra Bianca, sperimentale e sperimentata di ogni altro nuovo, vertiginoso Millennio che ci si doni e ci abbracci in sorte:

 

BIP   BIP

chiuda gli occhi per favore

tolga le mani dai sensori

metta la fronte sul sensore

tolga le mani dai sensori

metta la fronte sul sensore

tolga le mani metta la fronte

BIP   BIP

per registrare i pensieri di oggi

i versi di ieri

tutto sarà controllato

memorizzato catalogato giudicato

BIP   BIP

……………………………………………………………………...

 

 

 

(Roma/Nettuno, agosto 2014)

                                                                    

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Primo Piano

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006