PRIMO PIANO
ALAIN RESNAIS
(1922-2014)
Un geniale
bricoleur
del cinema


      
Se ne è andato a quasi novantadue anni il grande regista francese, autore di pellicole strutturalmente e linguisticamente memorabili come “Hiroshima mon Amour” (1959), “L’anno scorso a Marienbad” (1961), “Mon oncle d’Amerique (1980), “Smoking/No smoking” (1993), “Parole, parole, parole” (1997), fino a “Aimer, boire et chanter”, premiato al Festival di Berlino 2014. Anima gemella di Robbe-Grillet, sperimentatore incallito e fulgido, mai autoreferenziale, è stato tra i più sinceri e fertili maestri dell’illusione complessa quale unica possibile analisi dell’uomo, tra psiche e memoria (storica).
      



      

 

 

di Sarah Panatta

 

 

Corridoi infiniti. Gelidamente decorati. Tacchi e piedi, piedi che incontrano tacchi, tacchi che incantano piedi. Tappeti come pareti. Assorbono eppure respingono le parole. Paratie fragili e insuperate rapiscono petizioni e ripetono finzioni. E restituiscono le voci contrastanti dei passi. Segni degli uomini e delle loro fili-azioni. Porte e finestre su giardini di pietra. Gabbie di vetro, vita in vetrini. Prove e inganni. Corridoi infiniti. Sculture di marmo e cuori di sabbia. Nebbie di guerra imminente. Nello sconfinamento pace auspicata e pregata. Ritualizzate membra, trasfigurate nella danza. Penetrazioni periodiche, sorrisi indecifrati. Pedinamenti passionali su rotte immaginarie. Stanze e ancora corridoi. Ponti e rovine, singulti di calore. Grano verde solcato dal vento di aeroplani in fotografia. Vernice rossa per calzari scambiati. Il bianco e nero del ricordo che evolve. Infiniti corridoi, lampadari baloccati su soffitti di luce opaca. Colori artificiali in scatole di posa. Pose travestite, pause mascherate. Giochi di carte, corti di coppie, destini incrociati. Senza castelli, solo quinte, di quinte. La vita, un parto con finale già scritto ma a sorpresa. Sorprendersi del cosa, ma non del come. Cercarlo nel quando, multiplo labirintico quando. Il senso, il sesto anche, certo il solo, del quando, in ogni istante.

Il bricoleur maestoso del cinema francese, il leone vorace, forse l’unico convintamente continuamente “nuovo”, della più onesta incalzante Nouvelle Vague, al suo ultimo ciak. (Non) sono state Parole parole parole, sotto il “bla bla bla” del tramestio decadente, sotto il detestabile nichilismo di troppa umanità disarmata, ben più che architetture pomposamente vacue. L’intima grande bellezza nello sconquasso dell’essere. Molto più che parole. Molto più che bozzetti ironici su scenografie dichiaratamente instabili. Itinerario moltiplicabile dell’Io, fra le tracce disperse, dopo lo scoppio. Ha lasciato il mondo il primo marzo scorso, con un film premiato Aimer, boire et chanter (Orso d’Argento alla Berlinale 2014) e con una foga creativa immacolata, Alain Resnais, aedo instancabile del cinema internazionale.





Alain Resnais


Un’intelligenza premonitrice, come una follia, di quelle che “ti vengono addosso”, e ti riempiono. Inevitabili. Sovente osannato dalla critica, poco incline alle variazioni mercantilistiche dell’industria cinematografica. Piacere postumo per molto pubblico conquistato dalla fermezza e dalla dignità di uno sguardo empatico, divertito, dubbioso, umile, prometeico, calviniano. Felpato feroce divaricatore di corridoi temporali, longevo devastatore di logiche lineari, avanguardista dei viaggi ultra-sensoriali negli interstizi interiori di un ego gargantuesco e sempre ignoto. Opere magmatiche ma asciutte, deliri matematici, puzzle dell’incostanza calcolabile del mondo. Allucinatorio ma non allucinato voyeur, freudiano e autocritico, meta-artistico, militante. Le opere più acclamate scritte con il sodale, padre della neoavanguardia letteraria francese, Alain Robbe-Grillet, meticoloso, quasi osceno indagatore dell’uomo attraverso le dinamiche di superficie, i flussi imprevedibili nell’affastellamento degli oggetti. Arte della percezione sensibile e ricostruibile. Alain e Alain, scopritori del reale nella ripetizione dell’esistere. Uomini e cose. Ogni cosa sotto la lente, gli occhiali, i ponti, il caffè, le sale d’attesa, i tavolini affollati, le lenzuola rapprese, i gomiti intrecciati, le pieghe degli abiti, l’arco di un collo, la brezza a cavallo di nuvole estatiche, le file dei palazzi, il verbale del poliziotto, il portafogli caduto, la borsetta tradita, i capelli bagnati, la chiamata ritardata. Una cosa è l’impronta fortuita o predisposta di un atto e insieme di un momento.

Qualcuno lo definisce maestro della decostruzione. Ma Resnais ricomponeva, anzi ricombinava in un disordine descrittivo felicissimo, semplice sebbene stratificato, la realtà tutta, misurandola e misurandosi con la geometria esatta delle emozioni, l’amour, erba folle. Nato provinciale, adottato a 19 anni dalla ville lumiere, Resnais coltiva subito a Parigi l’arte cinematografica portandosi dietro un cortometraggio girato con una cinepresa a passo ridotto quando aveva 14 anni. Grazie ad un amico si iscrive alla prima scuola di cinema d’Europa (l’Idhec) nel 1943. Scarsamente prono all’autorità degli insegnanti e delle etichette Resnais sin da giovane è mosso dalla smania empirica dell’agire, spulciare, scarnificare. Presto cerca la regia, alternandola al prezioso lavoro da assistente e soprattutto da montatore. Fondamentale per uno dei numi tutelari della Nouvelle Vague il periodo da documentarista, che lo plasma alle atmosferiche vibrazioni del quotidiano, alle storture, alle sue convenzioni sempre ribaltabili e quindi narrabili. Famoso e studiato da generazioni il suo doc premiato con l’Oscar, Van Gogh (1947). Puro fuoco dai canoni di una moralità civile mai rinnegata il tour psicologico (forse il più proustiano) del primo capolavoro, Hiroshima mon Amour (1959). Dal matrimonio intellettuale, stilistico e amicale con Robbe-Grillet, il Leone d’Oro a Venezia, L’anno scorso a Marienbad (1961). Pazzia o salvezza? Straniamento o comprensione? Libertà o compressione? Ancora vita nelle cose, ripetizione, amour, ripetizione, erba folle.





Delphine Seyrig in una scena di L'anno scorso a Marienbad (1961)


Dall’impegno di Notte e nebbia, sullo sterminio di Auschwitz, all’insuccesso conclamato Je t’aime, je t’aime, Resnais vola/scolta a New York impregnandosi di una cultura anglosassone che troverà consona al proprio umorismo cangiante, e adattabile alla performatività della propria arte. Tornano le tre correnti care a Resnais, il melodramma che trama il racconto della memoria pubblica e privata, l’interpretazione psicanalitica dei minimi moti umani, la messa in scena teatrale dei meccanismi reali. Da Mon oncle d’Amerique (1980), a Smoking/No smoking (1993), basato su una partitura doppia poiché gemellare, di otto scene, del commediografo inglese Alan Ayckbourn. Dal musical Parole, parole, parole (1997), in cui i personaggi si esprimono esclusivamente doppiando la propria routine con le strofe delle canzonette popolari, al falso-thriller/melò Gli amori folli (2009), tra i più conosciuti dell’ultima fase, inerpicata con gioia sulle sfide leggiadre alla scrittura filmica tradizionale, gita trans-genere nel cosmo della comunicazione umana.

Non appartenere a nessuno. Ma appartenersi. Dialogo di contraccolpi, dialettica di contrari. Dialogo su tempi diversi eppure paralleli che si autosostentano nel pericolo del ri-vedersi. Io ti incontro e mi ricordo di te, ma chi sei? Sei nell’oggi-domani. Come poter immaginare che questa città, stazione, negozio, spiaggia, strada, sarebbe stata fatta per un amore? Adattarsi l’un l’altro? Il segreto è nel muto barocco amplesso delle relazioni. È l’arte della memoria che metabolizza il dolore e lo splendore del ricordo, imprescindibile, totalizzante.

Corridoi gelidamente decorati, infiniti, silenziosi, pose che cambiano senza spos(t)arsi. Paesaggi reali riflessi nella prospettiva di mura sempre chiuse su un’apertura (im)possibile.

Smoking/ no smoking.

 




Scarica in formato pdf  


      
Sommario Primo Piano

Il contatore dei visitatori Shiny Stat è attivo da dicembre 2006